Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

L'Intertestualità nel cinema di Wes Anderson

No description
by

Chiara Zacchilli

on 20 January 2014

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of L'Intertestualità nel cinema di Wes Anderson

Stile ----> Sostanza
Espressione ----> Contenuto
...in che modo?
CITAZIONE sul piano dell'espressione e del contenuto
Previsione ma anche costruzione di un LETTORE MODELLO
IBRIDAZIONE dei generi all'interno di uno stesso testo
Produzione di nuovi significati e incremento di senso
(A. J. Greimas, 'Del Senso', 1970, pp.13-15)
" La significazione, perciò, non è altro che questa trasposizione d' un piano del linguaggio in un altro, di un linguaggio in un linguaggio diverso, mentre il senso è semplicemente questa possibilità di transcodifica [...] Il senso, in quanto forma del senso,
può definirsi, a questo punto, come la possibilità di trasformazione del senso".
"Il carattere maggiormente distintivo di Wes Anderson è la vastità della gamma di opere artistiche che alimenta la sua immaginazione, un'immaginazione che non si compone solamente di opere recenti americane e straniere, ma spazia nel cinema di 30, 50, o anche 70 anni fa, ed a questo aggiunge giornali, fumetti, illustrazioni, e fiction.
Lo spettro delle influenze dà al suo cinema un'unicità dei toni che non ha imitatori. E' uno stile che si fa sostanza".

(Matt Zoller Seitz, 30 marzo 2009)
L'Intertestualità

nel cinema di
Wes Anderson

I testi :

The Royal Tenenbaums (2001)
Prada: Castello Cavalcanti (2013) - cortometraggio
The Royal Tenenbaums (2001)
Diretto nel 2001 dal regista Wes Anderson, racconta la storia della famiglia di Royal Tenenbaum e di sua moglie Etheline, genitori di tre figli piccoli, Chas, Margot, e Ritchie, dotati di un grandissimo talento. Con la separazione dei genitori, i ragazzi crescono e la loro fama svanisce, ma a questo punto è il ritorno di Royal che cercherà di riportare ordine e serenità in famiglia.
Analisi del Prologo
Simulata TRADUZIONE INTERSEMIOTICA(da romanzo a film): il narratore (Alec Baldwin) in terza persona consegna la storia come se la stesse leggendo da un libro preso in biblioteca; il film, infatti, si apre da subito con la suddivisione in veri capitoli.
In realtà, questa è una DECOSTRUZIONE NARRATIVA: il film è il testo di partenza dal quale nasce il romanzo.
Finzione filmica ---> Realtà letteraria

tramite una certa attenzione ai dettagli visivi e alle citazioni sul piano dell' espressione.
Citazioni cinematografiche:
Orson Welles (1915-1985)
"The Magnificent Ambersons" (1942), opening part e narratore (video), ambientazione interna ed esterna.
Idea della famiglia gloriosa in declino.
Isotopia del declino
Isotopia della famiglia
Martin Scorsese (1942-)
"God 's - eye insert"(inserti in primo piano)
Anche "slow motion" ( incontro Richie - Margot )
Citazioni letterarie:
Il fumetto Peanuts (1950)
• Sebbene non sia una vera e propria citazione, il fumetto dei Peanuts ha una forte influenza nel figurativizzare un’altra isotopia importante all’interno del film che è quella dell’infanzia, della maturità, e quindi anche del tempo. Nel video-documentario, Seitz afferma: “
Schulz’s impact manifests itself in deeper, more persistent ways—particularly in Anderson’s characters who, regardless of age, seem, like Schulz’s preternaturally eloquent kids, to be frozen in a dream space between childhood and maturity
".
La continua opposizione bambino vs adulto viene resa a livello figurativo dalla citazione dei personaggi di Shulz e i loro dialoghi; inoltre l' abbigliamento simile ad un' uniforme accompagna ogni personaggio, quasi a ricordare la loro condizione radicata nel passato.

"The New Yorker" magazine e J. D. Salinger (1919 - 2010)
"The New Yorker" è un periodico americano nato nel 1925, noto per aver, da sempre, raccolto al suo interno racconti della narrativa contemporanea e illustrazioni e vignette di figure e bizzarrie tipiche degli Stati Uniti.
Castello Cavalcanti (2013)
Il corto fa parte del progetto "Prada Classics", con il quale è Miuccia Prada stessa che ridefinisce l' aggettivo "iconoclasta": non più carattere di distruzione, ma di RIDEFINIZIONE.
Il progetto "Prada Classics" diventa iconoclasta nel momento in cui decide di RIDEFINIRE i confini tra la moda e terreni adiacenti, quali l’arte, l’architettura e la cinematografia.
Wes Anderson : regista che, tramite citazioni e ibridazioni, è capace di RISEMANTIZZARE temi, e in questo caso l'idea di moda.
TRAMA: Italia, settembre 1955. Castello Cavalcanti è una cittadina italiana sulla costa. Jed Cavalcanti è il più grande pilota automobilistico dell’ epoca. Durante il percorso rally Molte Miglia, Jed arriva su un’ auto rosso fuoco e si schianta contro una statua di Gesù al centro della piazza del paese. Ma grazie a questo incidente scoprirà che i suoi antenati venivano proprio da qui.
Citazioni : CINEMA ITALIANO DEGLI ANNI D'ORO
"Signore & Signori" (1966) di Pietro Germi, le musiche di Carlo Rustichelli, in particolare "Chiacchiere"
"Amarcord" (1973) di Federico Fellini (video)
Possibilità di creazione di un corto ibrido a livello discorsivo , tra
cinema (Fellini) & pubblicità d’autore
sport (automobilismo) & moda (Prada)
architettura (Cinecittà) & cromatismo (stile ‘’andersoniano’’)

Passione Vintage : ‘’Compresenza di /passato/ e /presente/ vissuta euforicamente’’ (Panosetti- Pozzato, 2013).
Due Destinatari- Lettori Modello: il LM previsto dall’autore capace di cooperare all’attualizzazione testuale tramite il riconoscimento delle citazioni, e il LM ‘’competenzializzato’’ dall’autore stesso.

«Dunque, prevedere il proprio Lettore Modello non significa solo ‘sperare’ che esista, significa anche muovere il testo in modo da costruirlo. Un testo non solo riposa su, ma contribuisce a produrre una competenza». (Eco, 1979)


CITAZIONI ETEROGENEE & FANTASIA REGISTA

Passione Vintage
: ‘’Compresenza di /passato/ e /presente/ vissuta euforicamente’’ (Panosetti- Pozzato, 2013).
Due
Destinatari- Lettori Modello
: il LM previsto dall’ autore capace di cooperare all’ attualizzazione testuale tramite il riconoscimento delle citazioni, e il LM ‘’competenzializzato’’ dall’ autore stesso.

«
Dunque, prevedere il proprio Lettore Modello non significa solo ‘sperare’ che esista, significa anche muovere il testo in modo da costruirlo. Un testo non solo riposa su, ma contribuisce a produrre una competenz
a». (Eco, 1979)


CITAZIONI ETEROGENEE & FANTASIA REGISTA

Possibilità di creazione di un corto
ibrido
tra
cinema (Fellini) & pubblicità d’autore [GENERE]
sport (automobilismo) & moda (Prada) [TEMI]
architettura (Cinecittà) & cromatismo (stile ‘’andersoniano’’) [STILI FIGURATIVI]

L'intertestualità "andersoniana"
è capace di rinnovare e ridefinire l' immagine del marchio Prada, e di "competenzializzare" un nuovo consumatore
.
Uno degli autori più letti all' interno del New Yorker era proprio J. D. Salinger, ed anche il più citato da Anderson; famoso per "Il Giovane Holden" (1951), Salinger proponeva nei suoi racconti descrizioni dettagliate e anti convenzionali dei giovani newyorkesi e della società borghese in generale.

La famiglia Glass
, ovvero dei fratelli Seymour, Buddy, Walter, Waker, Franny, Zooey e Boo Boo (
Franny e Zoey
, 1961 e
Alzate l'architrave
,
carpentieri e Seymour. Introduzione
, 1963), sette fratelli dotati di una straordinaria intelligenza e perspicacia, ma crescendo arrivano a dover affrontare una forte crisi di autostima. Prendiamo, ed esempio, l' incontro di Richie e Margot, e il racconto del fidanzato di Franny Glass, Lane, mentre la vede arrivare alla stazione:
Franny fu tra i primi delle ragazze a scendere dal treno, da una macchina lontana, all'estremità settentrionale della piattaforma. Lane, la vide subito, e nonostante qualunque cosa stesse cercando di fare con la sua faccia, il suo braccio sparato in aria era tutta la verità. Franny lo vide, e lui si agitò stravagantemente all’ indietro. Indossava un cappotto trancio-procione, e Lane, camminando verso di lei in fretta, ma con un volto lento, ragionava tra sé e sé, con l'eccitazione repressa, che era l'unico sulla piattaforma che conoscesse davvero il cappotto di Franny. Si ricordò che una volta, in una macchina presa in prestito, dopo aver baciato Franny per una mezz'ora o giù di lì, aveva baciato il suo cappotto risvolto, come se fosse un perfetto, desiderabile ampliamento organico della persona stessa.


Le citazioni cinematografiche e letterarie
, più o meno note, trasposte nei dettagli permettono ai prodotti intertestuali di Wes Anderson di:
veicolare le isotopie del livello profondo della narrazione stessa
mettere in relazione passato(citazioni) e presente(stile) in maniera euforica, ma anche ironia e dramma.
creare nuovi destinatari testuali.

"
Concepire un prodotto culturale ibrido significa quindi poter contare su un numero notevole di potenziali combinazioni che coinvolgono aspetti molto vari del funzionamento dei testi, livelli distinti del processo della significazione".
(Peverini, 2012)
Isotopia della famiglia
Isotopia del declino
Isotopia dell'infanzia
Isotopia della maturità
Isotopia della ribellione
Isotopia del tempo
Isotopia dell' ironia
Isotopia dell' infanzia
Isotopia della maturità
Isotopia del tempo
Sul piano dell' espressione:
Citazione --> Dettaglio --> Personaggio/Luogo
[Sineddoche Materiale* ]
Citazione musicale:
I primi sette minuti del prologo sono accompagnati da una versione arrangiata, da Wes Anderson stesso, di
"Hey Jude"
dei
Beatles
(1968). La canzone venne scritta da Paul Mc Cartney per confortare Julian, il figlio di John Lennon, nel momento del divorzio con la madre Cynthia Powell.
Isotopia della famiglia
Isotopia del declino
*Sineddoche Materiale
Isotopia dell' "italianità"
Isotopia dell' ironia
..due parole sul regista:
Wes Anderson nasce a Houston, Texas, nel 1969.
I film diretti da Anderson sono principalmente
commedie
che nascondono sempre, però, uno sfondo drammatico, che agisce direttamente sullo spettatore attraverso un particolare
sense of humor
, che necessita, talvolta, di più visioni per essere apprezzato.
I personaggi di Anderson fissano il plot dentro uno schema registico dallo stile libero, curato nei minimi dettagli e cosciente delle infiltrazioni dei generi.
Opere principali:
Rushmore
(1998),
I Tenenbaum
(2001),
Le avventure acquatiche di Steve Zissou
(2004),
Il treno per Darjeelin
g (2007),
Moonrise Kingdom - Una fuga d' amore
(2012),
The Grand Budapest Hotel
(in uscita nel 2014).
IRONIA
DRAMMA
NON-DRAMMA
NON-IRONIA
T. complesso The Royal Tenenbaums/ Wes Anderson
Full transcript