Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Omne ignotum pro magnifico

L'incontro con l'altro nella cultura romana
by

Giovanni Ceschi

on 8 February 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Omne ignotum pro magnifico

Omne ignotum pro magnifico L'incontro con l'altro nella cultura romana La demonizzazione del nemico Ancora sul metus
hostilis: ritratto di Annibale In chiaroscuro: tanta audacia, terribili difetti Le donne dei Germani:
un modello di pudicitia Primi segnali di svolta:
la curiositas verso i Germani Il terror Gallicus Catone contro i medici greci "Sanno il greco? "Questa Roma greca
non la reggo proprio!" Quando l'altro viene da Oriente Dicam de istis suo loco, Marce fili, quid Athenis exquisitum habeam, et quid bonum sit illorum litteras inspicere, non perdiscere. Vincam nequissimum et indocile esse genus illorum. Et hoc puta vatem dixisse, quandoque ista gens suas litteras dabit, omnia corrumpet, tum etiam magis, si medicos suos hoc mittet. Iurantur inter se barbaros necare omnis medicina, sed hoc ipsum mercede faciunt, ut fides iis sit et facile disperdent. Nos quoque dictitant barbaros et spurcius nos quam alios Opicon appellatione foedant.
[Praecepta ad filium Marcum fr. 1 C.-S.] Non possum ferre, Quirites, Graecam urbem;
quamvis quota portio faecis Achaei?
... ingenium velox, audacia perdita, sermo
promptus et Isaeo torrentior: ede quid illum
esse putes? Quemvis hominem secum attulit ad nos:
grammaticus rhetor geometres pictor aliptes
augur schoenobates medicus magus: omnia novit
Graeculus esuriens; in caelum iusseris ibit.
In summa non Maurus erat neque Sarmata nec Thrax
qui sumpsit pinnas, mediis sed natus Athenis.
[Giovenale, Satire III, vv. 60-80] Ut illud M. Cicero senex ... "nostros homines similis esse Syrorum venalium: ut quisque optime Graece sciret, ita esse nequissimum."
[Cicerone, De oratore II, 265] «Quid stas, miles? Non cum Latino Sabinoque hoste res est, quem victum armis socium ex hoste facias; in beluas strinximus ferrum; hauriendus aut dandus est sanguis. Propulistis a castris, supina valle praecipites egistis, stratis corporibus hostium superstatis; conplete eadem strage campos, qua montis replestis. Nolite expectare, dum stantes vos fugiant; inferenda sunt signa et vadendum in hostem»
[Tito Livio, Ab urbe condita VII, 24] "Colui che balbetta", dal greco "bàrbaros", termine chiaramente onomatopeico (come nel latino balbus, che ha dato origine all'italiano balbuziente). Per i Greci, erano dunque i popoli che parlavano una lingua incomprensibile; in sostanza, non greca. Naturalmente è tutta questione di... punti di vista: barbari, per i Greci, erano gli stessi Romani, come attesta ancora Catone nei Precetti al figlio Marco, ove osserva che "i Greci chiamano barbari anche noi". Ipse eorum opinionibus accedo qui Germaniae populos nullis aliarum nationum conubiis infectos propriam et sinceram et tantum sui similem gentem extitisse arbitrantur. Unde habitus quoque corporum, tamquam in tanto hominum numero, idem omnibus: truces et caerulei oculi, rutilae comae, magna corpora et tantum ad impetum valida. Laboris atque operum non eadem patientia, minimeque sitim aestumque tolerare, frigora atque inediam caelo solove adsueverunt.
[Tacito, Germania IV, 4] Ergo saepta pudicitia agunt, nullis spectaculorum illecebris, nullis conviviorum irritationibus corruptae. Litterarum secreta viri pariter ac feminae ignorant. Paucissima in tam numerosa gente adulteria, quorum poena praesens et maritis permissa: abscisis crinibus nudatam coram propinquis expellit domo maritus ac per omnem vicum verbere agit; publicatae enim pudicitiae nulla venia: non forma, non aetate,
non opibus maritum invenerit.
[Tacito, Germania IV, 19] Plurimum audaciae ad pericula capessenda, plurimum consilii inter ipsa pericula erat. Nullo labore aut corpus fatigari aut animus vinci poterat. Caloris ac frigoris patientia par; cibi potionisque desiderio naturali, non voluptate modus finitus; vigiliarum somnique nec die nec nocte discriminata tempora: id, quod gerendis rebus superesset, quieti datum; ea neque molli strato neque silentio accersita; multi saepe militari sagulo opertum humi iacentem inter custodias stationesque militum conspexerunt. Vestitus nihil inter aequales excellens; arma atque equi conspiciebantur. Equitum peditumque idem longe primus erat; princeps in proelium ibat, ultimus conserto proelio excedebat.
[Tito Livio XXI, 5-8] Has tantas viri virtutes ingentia vitia aequabant: inhumana crudelitas, perfidia plus quam Punica, nihil veri, nihil sancti, nullus deum metus, nullum ius iurandum, nulla religio.
[Tito Livio XXI, 9] Romanis cum nationibus populis regibus cunctis una et ea vetus causa bellandi est: cupido profunda imperi et divitiarum. An ignoras Romanos, postquam ad occidentem pergentibus finem Oceanus fecit, arma huc convortisse? neque quicquam a principio nisi raptum habere, domum coniuges agros imperium? convenas olim sine patria parentibus, peste conditos orbis terrarum; quibus non humana ulla neque divina obstant, quin socios amicos, procul iuxta sitos, inopes potentisque trahant excindant, omniaque non serva et maxume regna hostilia ducant?
[Sallustio, Historiae IV, 69, passim] Progetto Latinisti Errantes
Liceo Musicale e Coreutico "F. Bonporti"
Lunedì 4 febbraio 2013 Perché la metafora dell'albero per questa lezione?
Perché l'albero rappresenta le nostre radici, nel loro espandersi sottoterra e nel trarre linfa dal terreno, e insieme il nostro futuro, che ci auguriamo possa espandersi rigoglioso come le sue chiome.
Nella lezione di oggi andremo alle radici della civiltà romana, abile quant'altre mai a trarre linfa vitale dalle civiltà con le quali è venuta a contatto nella sua storia millenaria, spietata nel soggiogare i popoli più restii al suo dominio ma anche capace di grande tolleranza culturale. Un sincretismo che costituisce il lascito più importante dei Romani, sul quale si è innestata la nostra identità europea.
L'altro - lo sconosciuto con il quale veniamo a contatto - naturalmente ci fa prima di tutto paura, proprio perché non lo conosciamo. Ma poi, anche quando lo combattiamo con tutte le nostre forze, finisce con il permeare della sua cultura quello che siamo. E quello che saremo. Il titolo della lezione odierna è tratto da un passo dell'Agricola di Tacito, che rileva il fascino misterioso e inquietante di ciò che non si conosce: l'ignoto incute paura, non di rado ostilità, ma da esso si è anche attratti irrimediabilmente, in una dialettica continua che è alla base di ogni sincretismo culturale. "Viaggiare non è veramente piacevole, si va incontro all'ignoto e l'ignoto è qualche volta sgradevole e sempre traumatico; però fa bene". (A. Moravia, Breve autobiografia) Stanne certo, sono cialtroni..." Galli e Germani:
dal terrore alla curiositas Il barbaro...
siamo noi Il mito del "buon selvaggio" Quello del buon selvaggio è un mito basato sulla convinzione che l'uomo in origine fosse un "animale" buono e pacifico, solo successivamente corrotto dalla società e dal progresso.
Il concetto di buon selvaggio ha connessioni speciali in particolare con il Romanticismo e con la filosofia romantica di Jean-Jacques Rousseau. La frase iniziale dell'Émile di Rousseau (1762), trattato pedagogico, è emblematica al riguardo: «Tout est bien sortant des mains de l'Auteur des choses, tout dégénère entre les mains de l'homme». Una storia
di... punti
di vista Il capovolgimento
della prospettiva:
Romani, insaziabili di potere Una caricatura
"alla greca": Trimalcione In his eramus lautitiis, cum ipse Trimalchio ad symphoniam allatus est positusque inter cervicalia minutissima expressit imprudentibus risum. Pallio enim coccineo adrasum excluserat caput circaque oneratas veste cervices laticlaviam immiserat mappam fimbriis hinc atque illinc pendentibus. Habebat etiam in minimo digito sinistrae manus anulum grandem subauratum, extremo vero articulo digiti sequentis minorem, ut mihi videbatur, totum aureum, sed plane ferreis veluti stellis ferruminatum. Et ne has tantum ostenderet divitias, dextrum nudavit lacertum armilla aurea cultum et eboreo circulo lamina splendente conexo.
[Petronio, Satyricon 32] Nella prossima lezione proseguiremo il nostro viaggio nella cultura latina affrontando il tema della cittadinanza: CIVIS e CIVITAS.
Arrivederci al 4 marzo!
Full transcript