Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Gli ambienti tropicali umidi

No description
by

Carlotta Gamberini

on 1 April 2015

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Gli ambienti tropicali umidi

Gli ambienti tropicali umidi
La foresta equatoriale o pluviale è situata nei pressi dell'equatore, fra 5 gradi di latitudine nord e 5 di latitudine sud.
Si estende per 30 milioni di km². E' distribuita in America centro-meridionale, nel centro Africa, nell' Asia sud-orientale e nella Nuova Guinea.
Viene chiamata così perché è caratterizata da precipitazioni abbondanti in tutto l’anno, da un'alta e costante temperatura, in media 30°C e dall'uguale durata del giorno e della notte. Per questo c'è solo una stagione, calda e umida.
Foresta equatoriale
Sono foreste sempreverdi che presentano una propria struttura stratificata.
Si parte dal suolo dove si trovano per lo più arbusti, felci e piante appena nate. Poi c'è uno strato di piante legnose, costituito da arbusti e da giovani piante. Il terzo strato è composto da alberi dalla corona allungata in senso verticale più piccoli rispetto a quelli dei livelli superiori. Infatti in quelli vi si trovano alberi alti, quindi con molti anni di vita, dalla corona arrotondata.
Grazie a questa stratificazione si possono notare vari habitat e notevoli variazioni di temperatura. Le piante tipiche di questo ambiente sono le palme, il mogano, l'ebano, il palissandro, il tek, ecc.
Flora
La savana non è altro che la foresta pluviale trasformata. E' un bioma caratterizzato da una zona erbosa con arbusti e alberi. Si trova in varie zone del globo terrestre: tra la foresta pluviale e il deserto, la steppa in Africa centrale, in Sud America, in India, in Indocina e in Australia.
La savana
La foresta monsonica è un ambiente dove soffiano i monsoni, venti periodici. Per questo fattore ci sono due stagioni: una piovosa e una secca.
Si trova in alcune zone dell'Asia Meridionale, in Africa, in Australia e nel Brasile meridionale.
A causa della deforestazione, dell'estrazione dei minerali e dello sfruttamento intensivo dei campi, il suolo si sta erodendo aumentando anche il fango.
Questo provoca gravi inondazioni che si riversano sull'economia.
Inoltre per via del bracconaggio alcune specie della foresta monsonica sono in via di estinzione.
Foresta monsonica
Il clima tropicale è situato principalmente nella zona torrida (fra il Tropico del Cancro e quello del Capricorno).
Gamberini Carlotta, Mastrippolito Laura, Macoveiciuc Vlad, Nita Victor
Dove si trova? Quali sono le sue caratteristiche?
E' caratterizzato da elevate temperature nell'arco dell'anno e non scende mai sotto i 15°C, oscilla tra i 28 e i 35 gradi.
Le piogge sono giornaliere; allontanandoci dall'equatore le precipitazioni diminuiscono. Possono raggiungere i 34.000 mm all’anno. Il giorno e la notte hanno la stessa durata. La stessa cosa vale anche per le stagioni, che sono due (stagione delle piogge e stagione secca). L'ultima si trova in corrispondenza dei due Tropici e crea un ambiente arido, il Deserto. All'interno dell'ambiente tropicale umido possiamo trovare diverse zone: foresta equatoriale, foresta monsonica, savana e risaie.
Sono dei venti che interessano soprattutto la fascia tropicale dell'Oceano Indiano.
Possono determinare anche i ritmi dell'agricoltura, infatti talvolta causano siccità o alluvioni, che compromettono il lavoro dei raccolti e portano carestie.
Si dividono in monsoni di mare e monsoni di terra. I primi avvengono d'estate quando i venti soffiano dall'oceano verso la terra ferma, provocando così forti precipitazioni e il riscaldamento dei continenti rispetto all'oceano. L'altro tipo di monsone è caratteristico del clima invernale quando soffiano nella direzione opposta, portando ad un raffreddamento dei continenti a differenza dell'oceano, che diventa zona di bassa pressione e portatore di aria secca.
I monsoni
Le risaie
La risaia è una sistemazione superficiale del terreno adatta alla coltivazione di riso. Sono tipiche dei paesi asiatici. La foresta infatti ricopre sono il 10% del territorio. Tutto questo è stato fatto per migliorare il fabbisogno alimentare dei popoli monsonici.
Le zone facilmente irrigabili sono le terre basse, quelle umide e calde perché questo tipo di terreno ha bisogno di tanta pioggia.
Giungla
E' un ambiente simile alla foresta equatoriale tipico del clima tropicale. E' una foresta dove nella stagione secca gli alberi perdono le foglie.
La Giungla è famosa sia per le sue piante pregiate che per gli animali in via di estinzione.
Essendoci molte piante nella giungla c' è una vera e propria gara per accaparrarsi la luce solare. Questo dipende soprattutto dall'altezza delle piante, che determina una scaletta di specie vegetali.
Bambù, teak e ebano sono piante molto pregiate di cui bisogna farne un buon uso. I mercanti di legname stanno distruggendo la foresta monsonica per venderle al mercato internazionale.
Flora
L'ebano è un albero dal legno durissimo, di color nero. Viene usato per fabbricare mobili di pregio, dai liutai per la realizzazione di clarinetti, oboi e flauti, tasti dei pianoforti tastiere di strumenti cordofoni (chitarra e violino)...
Il bambù può arrivare ai 20 m d'altezza. Si usa nel settore dell'arredamento e casalingo.
Il teak è un legno utilizzato per fare mobili pregiati, imbarcazioni e parquet, ma purtroppo l'uso eccessivo ha distrutto le giungle della Birmania.
Fauna
Fra le specie animali che si distinguono nella giungla incontriamo soprattutto le scimmie, l'orango e i pappagalli.
Tupaia:
è un animale assomigliante ad uno scoiattolo di circa 20 cm, che ha una lunga coda con cui si appende ai rami.
Presbiti:
animali dalla coda lunga e un corpo tra i 50 e i 100 cm, sottili e agili.
Nasica:
è una specie caratterizzata da un naso a forma di cetriolo e che può arrivare fin sotto la bocca. Si pensa che serva a rafforzare il timbro di voce.
Il pappagallo più conosciuto è il cacatua- dai bei colori bianco, rosa, nero e, sul capo, un ciuffo erettile variopinto- che sa imitare molto bene la voce umana. Vengono anche chiamati uccelli del paradiso. Una curiosità di questo volatile è che il maschio e la femmina rimangono insieme per tutta la vita.
L' orango, chiamato anche l'uomo dei boschi, è una delle quattro specie di scimmie antropomorfe rimaste sulla Terra (gorilla, scimpanzé e il gibbone dell'Isola di Giava). Un maschio adulto di orango può arrivare a pesare anche 100 kg. Si sposta con molta facilità da un ramo all'altro aiutato dalle sue fortissime braccia, mentre le gambe servono per appoggiarsi ai rami più bassi.
Gli animali presenti in questo ambiente sono molti, fra i più importanti i pipistrelli, serpenti e altri rettili come le iguane, i camaleonti e i gechi o anfibi come i rospi giganti e le rane. Un ruolo fondamentale è rivestito dagli uccelli fra i quali pappagalli, colibrì e l'uccello del Paradiso.
Vi abitano anche varie specie di scimmie come lo scimpanzé, il gorilla e l'orango e grossi carnivori quali il giaguaro, il leopardo e la tigre.
Il mammifero erbivoro più noto è il tapiro.
Fauna
Nella savana si trovano piante xeromorfiche, ovvero piante che si adattano alla mancanza di acqua, tra cui: le piante cactacee (come i cactus), le piante liliacee (gigli, tulipani), le piante leguminose (legumi) e gli alberi tipici di questo territorio, le acacie.
Flora
Nella savana vi abitano molti animali erbivori di grandi dimensioni come: gnu, zebre, antilopi, cervi, giraffe, rinoceronti ed elefanti.
Ci sono anche animali carnivori: leoni, licaoni, iene e sciacalli.
Gli animali più numerosi della savana sono tuttavia gli insetti come formiche e cavallette.
Fauna
Google immagini Libro "I viaggi di Mister Fogg 3"

Wikipedia Enciclopedia Treccani

www.scuolapiancavallo.it http://www.eniscuola.net/

http://www.eniscuola.net/ http://www.eniscuola.net/

http://www.galad.it/ADR/SSS/Geo3/Geo_3.htm

http://www.linguaggioglobale.com/terra/txt/38.htm

http://www.icferno.it/la_foresta_p__e_monsonica.pdf

http://www.icargelato.org/sm_mat_didattico/GEO/geoweb/

http://it.scribd.com/doc/73653583/Gli-Ambienti-Della-Terra
Fonti:
IC9Bo Guercino
Professoressa Diana Ligue Denise
Le stagioni che si alternano in questo ambiente sono: la stagione delle piogge e la stagione secca; la temperatura è alta tutto l'anno. Durante la prima il colore predominante è il verde, mentre nell'altra è il giallo-bruno. Le savane si possono formare a causa di un incendio (anche prodotto da un uomo).
Scimmie
Pappagalli
Orango
THE END

THANK YOU FOR WATCHING!!!
Full transcript