Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Distopia

Luca Giampieri - esame maturità 2013
by

Luca Giampieri

on 30 June 2014

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Distopia

DISTOPIA
Orwell English
Zamjatin
censura che si era diffuso sotto il regime bolscevico. Infatti fù autore di una serie di favole satiriche critiche nei confronti del regime comunista sovietico tanto che negli anni Venti scelse di andare in esilio piuttosto che smettere di scrivere.
Zamjatin trascorse il resto dei suoi giorni a Parigi. Altri romanzi famosi sono 'Una storia di provincia' e 'Gli isolani'.
Il termine utopia indica un luogo desiderabile perché ideale e perfetto, ma irraggiungibile.
La distopia ovvero l'anti-utopia è il suo opposto ed è contenuta nel genere della fantascienza, è quella società negativa ,anomala e indesiderabile.
Si possono distinguere due filoni narrativi:
- la distopia di carattere apocalittico,
- la distopia di carattere totalitario
questa è caratterizzata da una dittatura durissima che nega qualsiasi libertà e diritto.
E' guidata da un leader carismatico con una propaganda di regime che controlla il consenso
ed una polizia segreta, che tiene sotto sorveglianza continua i cittadini punendo il dissenso con la tortura
Tesina Maturità A.S. 2012/2013
Luca Giampieri 5°B
i quattro principali autori
Orwell con il suo famoso “1984”;
Huxley con “Il Mondo Nuovo” (the brave new world);
Bradbury con “Fahrenheit 541”;
Zamjatin lo scrittore russo, con “Noi” (Мы).
e anche un brano delle Città Invisibili (Italo Calvino)
1984 (nineteen-eighty four)
“Noi” (MbiМ)

The British author George Orwell, pen name of Eric Arthur Blair, (India 1903 - London, 1950,) was the author of two brilliant satires attacking totalitarianism.

After an education at Eton Collegein England, where he met Adouls Huxley, Orwell joined the Indian Police(1922). After two important documentaries: a study of the lives of miners and "Homage to Catalonia" (1938), which recounts his experiences fighting in the Spanish Civil War.

Orwell wrote his two famous books that reflect his distrust of autocratic government: Animal Farm (1945), a modern fable attacking Stalinism, and Nineteen Eighty-Four (1949), a dystopian novel setting in a future on his fears of an intrusively bureaucratized state
in the book "Nineteen Eighty-Four the U.K is in a dictatorship by a 'Big Brother' : He's the chief to the english socialism party: the IngSoc that controls a country where the people don't have liberty or personal rights.
In England the opponents aren't only killed but before they are changed to love the Big Brother . The hystory is changed to request of the IngSoc, and there isn't privacy because the police control every people with the telecameras and screens' tv.
Finally English isn't the official language, but it is substitute of 'Newspeak'. it is used to control the speaking and so the thought of the citizen, changing the meaning of words like liberty and equality.

Il controllo sulle Masse
In '1984' i cittadini sono costantemente monitorati da una rete di telecamere e teleschermi, presenti in ogni abitazione, le loro menti sono indottrinate dalla propaganda dei teleschermi, indirizzando la rabbia verso i nemici della nazione: gli altri 2 stati con è perennemente in guerra e una fantomatica resistenza.
la spico-polizia punisce non solo i reati ma anche gli psicoreati cioè tutti i pensiero diversi dall'ideologia del Socing. I ribelli sono torturati distruggendo la loro personalità e plasmandoli in modo che amino il grande fratello. Il Socing ha imparato che il modo migliore per eliminare un oppositore non è ucciderlo ma cambiarlo
L’elemento più innovativo in 1984 è la Neolingua che è il risultato di una distruzione e semplificazione del linguaggio. L'uso di questa nuova lingua coincide con l’atrofizzazione delle facoltà mentali degli abitanti dell'Oceania rendendo gli individui schiavi dell’ideologia ad esso associata.
attraverso la Neolingua si può quindi far perdere il sensole alle parole come libertà e uguaglianza, rendendo di fatto impossibile formulare pensieri contrari all'ideologia del Socing.


Nel Mondo nuovo di Huxley al contrario si cerca di prevenire che gli individui siano scontenti della loro condizione sociale e che possano quindi pensare e riflettere.
Attraverso Il condizionamento mentale con lunghe sessioni di ipnopedia. che consiste nel ripetere durante il sonno alcuni concetti base che condizioneranno gli individui durante la vita in modo da “far si che la gente ami la sua inevitabile condizione sociale”
Le ultime tre caste adibite ai lavori più umili , sono creati meno intelligenti in modo da non lamentarsi del loro sfruttamente considerandola la loro condizione ideale.
Nel romanzo 'Noi' troviamo forse la soluzione definitiva per ottenere controllo ed obbedienza, un intervento al cervello per rimuovere la fantasia. Così in mancanza della fantasia si è costretti a dire la verità, si eliminano le menzogne, la possibilità di sognare e provare emozioni.
In questo modo l'individuo viene definitivamente deumanizzato.
e la contrapposizione tra felicità e libertà
Distopismo Totalitario nei romanzi della prima metà del '900
In Fahrenheit 451 Sono presenti schermi a parete, dove vengono proiettati continuamente programmi che servono ad intrattenere le persone ed a sostituirsi alla realtà.
qui l'alterazione della storia è presente solo in piccola parte infatti Si fa risalire il primo rogo di libri durante la guerra di indipendenza americana, mentre in realtà sappiamo che risale al massimo 50 anni prima della narrazione.
Infine è compito dei vigili del fuoco dare alle fiamme tutti i volumi Il fuoco è l'unico elemento in grado di sopraffare la forza ai libri, in modo da castrare la mente dell'uomo. si possono bruciare i libri ma però non si può però bruciare la memoria di una persona ed è infatti compito di ognuno ricordare e tramandare iil suo significato di un libro letto.
il controllo sulle masse avviene anche tramite la storia che viene alterata ed “aggiornata” per preservare il regime.
Nel 1984 la manipolazione della storia è un'attività di routine La storia,e i documenti vengono continuamente riscritti per non contraddire la versione del partito e le sue previsioni, e per eliminare tutte le prove di persone uccise dalle purghe che scompaiono totalmente dalla storia,
il fine ultimo del partito è quello di modificare la storia a tal punto da poter dire che il partito è sempre esistito.

Anche nella letteratura italiana possiamo trovare tracce di alcuni elementi distopici.


Recandosi nelle stanze di questo grande palazzo, gli abitanti di Fedora creano da soli la propria distopia: cioè vivere la propria esistenza contemplando una realtà utopica alternativa
Ray Douglas Bradbury (1920 – 2012) è stato uno scrittore statunitense, famoso anche per Cronache marziane.

0Nel suo libro sappiamo che gli Stati Uniti dopo gli anni '60 hanno vinto due guerre atomiche e stanno combattendo la terza. Gli U.S.A sono ancora uno Stato Democratico , ma probabilmente le elezioni e tutte le decisioni politiche sono pilotate.
La novità più importante è che il vigile del fuoco non è un pompiere, cioè una persona che spegne gli incendi, ma bensì un incendiario, cioè colui che li appicca. Loro appicano il fuoco ai volumi in quanto in questa società è proibito il possesso di carta stampata, quindi tutti i libri sono considerati illegali, perchè la tecnologica ha cominciato a sostituirsi ai libri senza che la società si opponesse
Fahrenheit 451 (Bradbury)
Il più famoso romanzo di Huxley 'Il Mondo Nuovo', è ambientato nel 632 d.F (dopo Ford) ovvero nel 2540.
Tutto il mondo si è riunito sotto lo “Stato Unico”, di stampo consumistico taylorista governato da dieci “Coordinatori Mondiali” dopo la guerra dei nove anni che portò alla scomparsa degli ideali di liberismo e democrazia.
L'enorme progresso tecnologico ha permesso di sconfiggere la vecchiaia e le malattie inoltre si effettua un programma di controllo delle nascite con la coltivazione degli ovuli.
La società è divisa in caste chiuse, dagli alfa agli epsilon, in ogni casta c'è una leggera distinzione di intelligenza tra gli individui i plus , doppio-plus o i minus.
In questa società l'accoppiamento perde del tutto il fine riproduttivo e diventa soltanto un'occasione di svago ed intrattenimento. Infine viene distrutto l'esclusivismo secondo il criterio che “Ognuno appartiene a tutti gli altri”
Il Mondo Nuovo (Huxley)
Il libro 'Noi' è il predecessore a tutte le distopie totalitarie, infatti Zamjatin con questo libro inspirò sia Huxley che Orwell.
La storia è ambientata all'incirca verso il 3000 dopo una devastante guerra di 200 anni che portò alla separazione netta tra natura e civiltà, creando una unica città separata dal resto del mondo dal Muro Verde.
Qui ogni essere umano è del tutto spersonificato: il nome è stato sostituito da una lettera ed un numero. Tutti indossano la stessa uniforme e sono partecipi degli stessi movimenti quotidiani,
tutti gli edifici sono fatti di vetro annullando la privacy.
In questa società tutti sono uguali ed è stato annientato l’individualismo a favore di una identità collettiva così si è raggiunta così la vera uguaglianza.
La società è basata sul più totale razionalismo matematico ed è guidata dal Grande Benefattore.
L'accoppiamento ha perso la funzione di procreare ed è diventata un'attività da esplicare nei giorni prestabiliti. Di conseguenza i bambini non sono più proprietà dei genitori ma sono cresciuti dallo stato.
Al di là del muro verde che racchiude la città come dentro ad una teca, ci sono altri uomini che si sono evoluti assumendo un aspetto più selvaggio, simile agli uomini primitivi

In realtà ognuno non raggiunge la propria felicità personale ma una felicità che viene imposta da tutti.
inoltre si vuole che le persone evitino di provare qualsiasi emozione per questo è viene distribuita una droga euforizzante da usare quando si provano emozioni come solitudine e tristezza che tendono a far distaccare l'individuo dalla collettività.
L'ordine nel mondo può essere mantenuto solo con la felicità sacrificando la bellezza, la verità.
il protagonista ha coscienza di essere un individuo e sosteniene che il fine della vita non è il mantenimento del benessere ma l'intensificazione e il raffinamento della coscienza e l'accrescimento del sapere. sceglie così il diritto di essere infelice.


Nel romanzo di Bradbury invece dare all'uomo l'illusione della felicità, basta a renderlo felice, a patto di tenerlo sempre occupato con cose frivole
l'infelicità è portata dal pensiero e dalla differenza e sono proprio i libri i portatori di disuguaglianze rendendo, le persone più intelligenti, inoltre leggere un libro, vuol dire riflettere, mettere al corrente l'uomo della sua piccolezza e questo lo fa sentire infelice . Bruciando i libri si brucia anche il problema e quindi non ci sono preoccupazioni.
la società consumistica ha portato al passaggio dai libri strumenti che un uomo può controllare, giudicare a portali più diretti e veloci come i teleschermi, che danno informazionisemplificate facendo un lavaggio del cervello ai telespettatori.
Nella società del rigore matematico di Zamjatin il prezzo della felicità è la libertà, ognuno può avere la felicità matematica esatta in quanto ha “scelto di rinunciare alla propria identità
In questa società vengono represse emozioni di modo che le persone perdono la coscienza di essere individui e diventano soltanto ingranaggio della società.
cercare la diversità, avere coscienza di se stesso come individuo significa avere un'anima ed è una malattia gravissima
Il vero obiettivo di questa società, è la massificazione degli individui ed il mantenimento delle cose nel loro ordine

Quindi il mondo ideale non è quello in cui tutti noi siamo uguali, identici nei modi e nei pensieri, ma è una società che accetta la diversità e dove le differenze intellettuali ed ideologiche sono permesse ed approvate.


Il prezzo del FELICITA' : la libertà e l 'uguaglianza
il tema della felicità è il tema che ricorre in tutti e 4 i lbri, la felicità fittizia raggiunta in modo inappropiato sacrificando la libertà personale ed imponendo l'uguaglianza è intesa non come appartenenza ad una identità comune ma bensì come uniformità di pensiero, quindi come massificazione dell'individuo e della personalità
Evgenij Ivanovič Zamjatin (1884 – 1937) è stato uno scrittore russo. Zamjatin si unì ai Bolscevichi durante la Rivoluzione russa del 1905 e contribuì a numerosi giornali socialisti. Fu favorevole alla Rivoluzione d'Ottobre, ma si oppose al sistema di
L' alterazione della storia
Nel Mondo Nuovo grazie al condizionamento mentale tutti sono felici della propria condizione sociale, Ogni individuo è serenamente ignorante, ottiene quello che vuole e desidera solo ciò che può ottenere ed è questa la vera felicità. in questo modo di evita di far prendere alle persone coscienza del proprio io individuale, della coscienza di essere un individuo.
“Al centro di Fedora, metropoli di pietra grigia, sta un palazzo di metallo con una sfera di vetro in ogni stanza. Guardando dentro ogni sfera il modello d'un'altra Fedora. Sono le forme che la città avrebbe potuto prendere se non fosse diventata come oggi la vediamo. In ogni epoca qualcuno aveva immaginato il modo di farne la città ideale, ma mentre costruiva il suo modello in miniatura già Fedora non era più la stessa di prima, e quello che fino a ieri era stato un suo possibile futuro ormai era solo un giocattolo in una sfera di vetro. Fedora ha adesso nel palazzo delle sfere il suo museo: ogni abitante lo visita, sceglie la città che corrisponde ai suoi desideri, [...]. Nella mappa del tuo impero, o grande Kan, devono trovar posto sia la grande Fedora di pietra sia le piccole Fedore nelle sfere di vetro. Non perché tutte ugualmente reali, ma perché tutte solo presunte. L'una racchiude ciò che è accettato come necessario mentre non lo è ancora; le altre ciò che è immaginato come possibile e un minuto dopo non lo è più.”

Italo Calvino ne “Le città invisibili”, CAP 2° - La città e il desiderio.4
Da questi 4 libri ho potuto notare come controllarci è molto più semplice quando si ha il potere sui mezzi di informazione, ma per fortuna questo da solo non basta.
L'unico per negare la libertà di un intero popolo è fare in modo che sia lo stesso popola a scegliere questa eventualità. Solo quando il popolo si abbandonerà ai vizi, accantonerà la cultura, insieme al pensiero solo allora avrà perso la sua libertà e gli sarà impossibile raggiungere la felicità.
La vera felicità non è quella rapportata al mondo esterno che è mutevole e condizionabile, ma la dobbiamo ricercare in noi stessi, perché il migliore dei mondi possibili è quello che ci creiamo dentro di noi.
CONCLUSIONE
Elementi distopici nei romanzi italiani - Italo Calvino
Full transcript