Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Giorgione da Castelfranco

No description
by

Giulia Frigerio

on 13 November 2014

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Giorgione da Castelfranco

Soggetti simbolici o allegorici di difficile interpretazione
...
nato per metter lo spirito nelle figure, e per contraffar la freschezza della carne viva più che nessuno che dipingesse non solo in Venezia, ma per tutto
.
-G. Vasari
Giorgione da Castelfranco
1477/8-1510

Disegno
Pittura
Biografia
Pala di Castelfranco
ca 1504-05, tempera su tavola, 200,5x144,5 cm, Duomo di Santa Maria Assunta e San Liberale, Castelfranco Veneto
I tre filosofi
ca 1506-08, olio su tela, 123,5x144,5 cm, Kunsthistorisches Museum, Vienna
Nasce tra il 1477 e il 1478 a Castelfranco Veneto
Si trasferisce a Venezia all'età di 7/10 anni dove frequenta la bottega di Giovanni Bellini
Presto apre una propria bottega (dove si formerà il pittore veneziano Tiziano)
Lavora su committenza dell'aristocrazia veneziana
Realizza nel 1508 gli affreschi esterni del Fondaco dei Tedeschi
Muore di peste nel 1510
Giorgione
lo gustò grandemente
tanto da, non solo, superare Bellini, ma anche poter
competere con coloro che lavoravano in Toscana
- G. Vasari
Cupido che piega l'arco
, ca 1508, Matita rosso-ruggine su carta avorio, 15,7x6,6 cm, The Metropolitan Museum of Art, New York
Paesaggio con fiume, ca 1505, punta di pennello, inchiostro e acquarello su carta, 16,8x22,7 cm, Museo del Louvre, Parigi
...
nel vero non si ritrova storia che abbino ordine o che rappresentino i fatti di nessuna persona segnalata o antica o moderna
.
-G. Vasari
Tonalismo: il colore è il vero protagonista
Attenzione ai paesaggi
Naturalezza ed espressività dei corpi
Fonti bibliografiche:
Il Cricco Di Teodoro
, Itinerario nell'arte - volume 3, ed. Zanichelli
G. C. Argan, Storia dell'arte italiana - volume 3, ed. Sansoni

Fonti sitografiche:
www.cultor.org

Fonti iconografiche:
Il Cricco Di Teodoro
, Itinerario nell'arte - volume 3, ed. Zanichelli
www.wikipedia.org

Pitagora
Ferecide di Siro
Talete di Mileto
Disegni di un'eclissi lunare del 1504
Venere dormiente
ca 1508-10, olio su tela, 108x175 cm, Staatliche Kunstsammlungen, Dresda
La tempesta
ca 1502-03, tempera a uovo e olio di noce su tela, 82x73 cm, Gallerie dell'Accademia, Venezia
ca 1506, olio su tela, 68x59 cm, Gallerie dell'Accademia, Venezia
La vecchia
Eliminazione del disegno preparatorio
.
..tinte crude e dolci, secondo che il vivo mostrava, senza far disegno.
-Vasari
Ritratto
posa a tre quarti ed inquadratura a busto intero con mani
maggiore introspezione psicologica
soggetti non tradizionali
influenze: Antonello da Messina, Leonardo
ripresa e distacco dal modello iconografico della Sacra conversazione della Vergine in trono con Santi
prospettiva cromatica
naturalezza nei personaggi
Salvatore Settis, "La tempesta interpretata. Giorgione, i committenti, il soggetto" (1978): dalle 30 alle 40 interpretazioni
non c'è disegno preparatorio: ricerca equilibrio dei colori sulla tela
tonalismo-> infinita estensione dello
spazio
Analisi a raggi x
Dettagli
Il mistero: Le interpretazioni
Settis: Adamo ed Eva con Caino
Giuseppe e Maria in viaggio in Egitto
M. Michiel:
el paesetto in tela cun la tempesta, cun la cingana et soldato
inventario del 1569 della collezione della famiglia Vendramin:
una cingana, un pastor in un paeseto con un ponte
( interpretazione favorita da Giovanna Scrire Nepi)
Edgar Wind in "Giorgione’s Tempesta" (1969): allegorie della Forza e della Carità opposte alla Fortuna, personificata dalla tempesta
Byron: nucleo familiare dell'artista stesso, con la moglie e il figlio
Venere e Marte
ritrovamento di Mosè abbandonato nel fiume
Autoritratto come David, olio su tavola, ca 1509-1510, 52x43 cm, Herzog Anton Ulrich Museum, Braunschweig.
Laura, olio su tela incollata su tavola, 1506, 41x33,5 cm, Kunsthistorisches Museum, Vienna
ritratto realistico o rappresentazione allegorica della vecchiaia?
pittura tonale
La Nuda di Giorgione
Confronti:
Ritratti di Agnolo Doni e Maddalena Strozzi
, Raffaello Sanzio, olio su tavola, 63x45 cm, ca 1506,Galleria Palatina, Firenze
Dama con l'ermellino
(ritratto di Cecilia Gallerani), Leonardo da vinci, olio su tavola, 54,4x40,3 cm, 1488-1490, Castello del Wawel, Cracovia
Pala di San Giobbe
, Giovanni Bellini, olio su tavola, 471x258 cm, ca 1487, Venezia, Gallerie dell'Accademia
Ritratto d'uomo
,

Antonello da Messina
,
olio su tavola, 25,5x35,5 cm, ca 1475-1476, National Gallery, Londra
Soggiorna a Venezia nel marzo del 15oo e, attraverso gli artisti che ne imitano lo stile, influenza Giorgione:
sfumato
prospettiva aerea e cromatica
stesura del colore in veli
ritratto: sfondo nero e introspezione psicologica
C'è una perfetta continuità tra uomo e natura, le cui sfere concordano e si intersecano. E' fondamentale dunque lo studio della natura, soprattutto a partire dall'
esperienza
secondo una concezione del mondo e dell'esistenza di influenza aristotelica.
Full transcript