Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

IL REGNO ANIMALE

No description
by

Maddalena Valenti

on 12 October 2016

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of IL REGNO ANIMALE

IL REGNO ANIMALE
EUCARIOTI PLURICELLULARI ETEROTROFI

PHYLUM PORIFERI
PHYLUM CNIDARI O CELENTERATI
CHLOROHYDRA VIRIDISSIMA
ANELLIDI
ARTROPODI
Il phylum degli artropodi supera tutti gli altri gruppi di animali, sia per diffusione che per numero di specie.
Al phylum degli artropodi appartengono le seguenti CLASSI:
Crostacei
(granchio, aragosta, gambero, paguro)
Aracnidi
(ragni, scorpioni, acari e zecche)
Insetti
PLATELMINTI
Vermi piatti

CESTELLO DI VENERE
CON SCHELETRO SILICEO
OSCULI
CHLOROHYDRA VIRIDISSIMA
L'idra si riproduce per via sessuata ed asessuata mediante gemmazione
DEMOSPONGE
Le comuni spugne da bagno
Tutte le demosponge sono cpoloniali. I vari individui, originatisi per gemmazione sono strettamente uniti fra loro ed è possibile riconoscerli dai loro osculi.
OSCULI
AURELIA AURITA
Giovane medusa
Tubipora musica
Tubipora musica
NEMATODI
vermi cilindrici

Planaria
Organismo d'acqua dolce di pochi millimetri di lunghezza
Tenia saginata
Echinococco
Enterobius vermicularis
o verme dei bambini
Gli anellidi sono chiamati in questo modo perchè fatti di numerosi segmenti detti "
metameri
" che sembrano tanti anelli uniti tra loro
NEREIDI
SANGUISUGA: vivono in acque
basse e stagnanti, si attaccano alla pelle dell'uomo e di altri mammiferi con due potenti ventose, una sulla testa e l'altra sulla coda e ne succhiano il sangue.

MOLLUSCHI
MOLLUSCHI BIVALVI
I molluschi sono così chiamati perchè hanno un corpo molle che inalcuni casi è protetto da una conchiglia.
Al phylum dei molluschi appartengono le seguenti classi:

BIVALVI
: presentano una conchiglia formata da due valve simmetriche unite da una cerniera, come cozze, vongole e ostriche.

GASTEROPODI
: presentano una conchiglia unica come chiocciole, lumache e planorbie.
CEFALOPODI
: sono privi di conchiglia o hanno una piccola conchiglia interna come ad es. i polpi, le seppie e i calamari.
L'unico mollusco cefalopode con conchiglia
esterna è il Nautilus.
GASTEROPODI
CEFALOPODI
ARTROPODI
Appendici articolate
Esoscheletro
(con funzione di protezione e di sostegno)
Corpo segmentato
Zampe (movimento)
Antenne (organi di senso)
Chele, pungiglioni (per la cattura delle prede o per difesa)
CAPO
TORACE
ADDOME
In alcuni gruppi il capo e il torace sono uniti tra loro nel CEFALOTORACE (v. crostacei e aracnidi).
I
CROSTACEI
sono artropodi prevalentemente acquatici e devono il loro nome alla durezza dell'esoscheletro che contiene anche minerali di calcio. Il loro corpo è suddiviso in due regioni:
cefalotorace
e
addome
.
Alcune zampe si sono trasformate in
chele
per tenere saldamente il cibo.
Il nome
ARACNIDI
deriva dal greco "
arakne
" che significa "ragno".
Sono artropodi prevalentemente terrestri. Il loro corpo è suddiviso in due regioni: una anteriore, il
cefalotorace
e una posteriore, l'
addome
.
Nel cefalotorace troviamo due paia di
cheliceri
, per catturare il cibo (nei ragni i cheliceri sono spesso collegati alle ghiandole velenifere), un paio di
pedipalpi
, organi del tatto e dell'odorato e quattro paia di
zampe
Gli INSETTI formano la classe più importante degli artropodi
Si sono adattati agli ambienti e ai climi più diversi.
Il loro successo evolutivo è dovuto:
alla comparsa delle ali, che consente di sfuggire ai predatori;
alla presenza di apparati boccali specializzati
Il corpo degli insetti è diviso in
capo
,
torace
,
addome
.
Nel
capo
troviamo:
le
antenne
(organi del tatto e dell'odorato)
un paio di
mandibole
e due paia di
mascelle
, che formano l'apparato boccale che varia a seconda che serva a masticare, succhiare, a pungere o a lambire.
un paio di
occhi composti
.
Nel
torace
troviamo:
tre paia di
zampe
;
due paia di
ali
, percorse da nervature di sostegno.
Nell'
addome
troviamo
due aperture laterali, gli
spiracoli
che sono le parti visibili dell'apparato respiratorio.
ARAGOSTA
PICCOLI GAMBERI
o chelicero
pedipalpo
ACARO DELLA SCABBIA
Provoca al scabbia scavando gallerie nella pelle dell'uomo o di altri mammiferi.
ACARO
ZECCA
le zecche si attaccano al corpo dell'animale per mezzo di un "rostro", con il quale forano la pelle e succhiano il sangue.
In questo modo possono trasmettere pericolosi microrganismi come la
Babesia
che distrugge i globuli rossi dell'ospite.
ACARO VISTO AL MICROSCOPIO ELETTRONICO A SCANSIONE
MAGGIOLINO
INSETTI COLEOTTERI
INSETTI COLEOTTERI
SCARABEO
INSETTI COLEOTTERI
CERVO VOLANTE
APE bottinatrice con la cestella colma di polline
VESPA
NEMATODI:
TRICHINELLA SPIRALIS
Phylum:
Cordati
Subphylum:
Cefalocordati
Branchistoma lanceolatum, detto anche "ANFIOSSO"
CORALLO CEREBRIFORME
Full transcript