Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

09 The Production 3

by Graphic Design
by

Graphic Design

on 29 April 2015

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of 09 The Production 3

PHOTOCROMY AND PRINT
THE FOUR COLOR PROCESS
DIGITAL PRINT
FOTOCROMIA E STAMPA
LA QUADRICROMIA
La quadricromia è la riproduzione e stampa a quattro colori di un'illustrazione, ottenuta selezionando (cioè scomponendo) l'originale secondo i principi della sintesi sottrattiva nei tre colori primari giallo, cyan (blu) e magenta (rosso).
Una riproduzione ottenuta con questo procedimento è chiamata "tricromia". Generalmente, però, ai tre colori primari viene aggiunto, come quarto colore,
il nero, con lo scopo di ottenere maggiori dettagli nei particolari e un migliore contrasto dell'immagine; di qui il termine "quadricromia".
It's the reproduction and print in four colors of an illustration,
obtained by selecting (that is by separating/breaking down) the original according to the principles of the subtractive synthesis of the tree primary colors:
yellow, cyan (blue) and magenta (red).
A reproduction obtained is called three-colors process.
THE SELECTION
LA SELEZIONE
THE PROGRESSIVE
LA PROGRESSIVA
L'IMPIANTO
THE EQUIPMENT / SYSTEM
In order to be able to print an illustration on paper, generally we need to obtain from it a structure, that is a film.
We use the film to realize a printing matrix, so its characteristics vary according to the printing technique used.
The offset screenings differentiated by the shape of the point (which in must of the cases in round) and by the thickness of points per cm.
The thickness has to be chosen according
to the support on wich we print?
If the support il smooth, as glazed/glossy paper is, ita can easily support a very thick screening; if it's coarse and porous/permeable the screening has to be wider, so that the points won't blend the one in the others, making the illustration less clear.
The screening thickness is usually measured in lines per linear cm.
A system of 54 lines contains 54 points at the bottom and 54 points in height (it means 2.916 points per square centimeter).
Another type of measurement is LPI (3 lines per inches).
Per poter stampare su carta un'illustrazione si deve generalmente ricavare da essa un impianto, ovvero una pellicola.
La pellicola serve a realizzare la matrice di stampa, quindi le sue caratteristiche variano a seconda del tipo di stampa utilizzato.
I retini per offset si differenziano per la forma del punto
(che nella maggior parte dei casi è tondo), per la
densità di punti per centimetro (lineatura) e per la dimensione (area).
La densità deve essere scelta in funzione del supporto su cui si stampa. Se il supporto è liscio, come la carta patinata, può supportare agevolmente un retino molto fitto; se è ruvido e poroso, la trama deve essere più larga, affinché i puntini non si fondano gli uni negli altri, facendo perdere nitidezza alla riproduzione.
La densità dei retini si misura in genere in linee per centimetro lineare: un impianto a 54 linee contiene 54 puntini in base e 54 in altezza (ossia 2.916 puntini per centimetro quadrato).
A questa misurazione si è affiancata quella in linee per pollice
(lpi: Iines per inch)
STOCHASTING SCREENING
I RETINI
1) 60 line/cm = 150 lpi
2) 54 lines/cm = 136 lpi
3) 48 lines/cm = 122 lpi
4) 24 lines/cm = 60 lpi
The same image reproduced with different
screening thickness:
La stessa immagine riprodotta con diverse densità di retino:
ROSE
ROSA
Next to the traditional offset screening there's a type of screening know as stochastic screening.
It's different because the points, very tiny
(10/20 micron) have a constant size.
The light and shade effect is obtained bt varying the thickness of the point in a casual way (stochastic means in fact casual).
Accanto al retino per offset di tipo tradizionale esiste un tipo di retino che viene definito stocastico. Il retino stocastico sii differenzia per il fatto che i punti, molto piccoli, dell'ordine 10/20 -micron, sono di grandezza costante.
L'effetto di chiaroscuro si ottiene variando la densità dei punti in modo casuale (stocastico significa appunto casuale).
STOCHASTING SCREENING
STOCASTICO
TYPOGRAPHIC PRINT
STAMPA TIPOGRAFICA
TYPOGRAPHIC PRINT
STAMPA TIPOGRAFICA
La tipografia è la tecnologia per produrre testi e stampati usando matrici rilievografiche composte di caratteri mobili o di matrici inchiostrate, i clichè. Si è affermato verso la metà del XV secolo in seguito alle invenzioni del torchio di stampa e dei caratteri mobili di legno da parte di Giovanni Gutenberg.
Typography is the technology to produce printed texts, by using relief printing matrix, formed by moveable typed or inked plates, the clichè.
It has established itself towards the half of the XV century after the invention of the printing press and the moveable wood type thanks to Giovanni Gutenberg.
PRINT
STAMPA TIPOGRAFICA
The printing machines are of three kinds: platen, piano cilindrica and rotary. The platen are small format machines (rarely they exceed 25x35 cm) low circulation/short run of commercial prints or forms.
Le macchine da stampa usate sono di tre tipi: platine, pianocilindriche e rotative. Le platine sono macchine di piccolo formato (raramente superano i cm 25x35), adatte per brevi tirature di stampati commerciali o modulistica.
PIANO CILINDRICA
Le piano-cilindriche, di formato medio-grande, usate un tempo soprattutto per lavori di editoria
ROTARY PRESS
Used above all for newspaper and
magazine print.
Le rotative erano utilizzate soprattutto per la stampa di giornali e riviste
OFFSET PRINT
OFFSET PRINT
Points the planegraphic indirect process, in which the image is transferred from the inked shape to an intermediate cylinder covered by a rubberized fabric (caucciù), and from that to the printing support.
ll termine offset identifica il processo di stampa planografica indiretta, nel quale l’immagine è trasferita dalla forma inchiostrata ad un cilindro intermedio rivestito di tessuto gommato (caucciù) e da questo al supporto di stampa.
VANTAGGI
ADVANTAGES
Ormai la stampa offset è la più utilizzata e risulta conveniente dalle 500 copie in su, e in particolare:
per la stampa offset a foglio, dalle 500 alle 50000 copie con lastre in alluminio, mentre impiegando lastre trattate nei forni si possono ottenere tirature di 100.000 copie e oltre.
con la stampa offset a bobina o roto-offset si possono,
ottenere tirature altissime fino a 300000 copie.
La Stampa roto-offset viene utilizzata per prodotti specifici, in genere opuscoli composti da 8 a 64 o più pagine, in tirature elevate
da 20.000 a 1.000.000 di copie.
Altri vantaggi sono determinati dall'utilizzo del tessuto gommato che si adatta meglio della forma rigida alla struttura superficiale del supporto.
Il procedimento offset permette di ottenere buoni risultati anche su carte o cartoni ruvidi; un altro vantaggio della stampa indiretta è la maggior durata della forma di stampa, non venendo questa a contatto con il supporto, sempre leggermente abrasivo.
The use of the offset print is generally convenient from 500 copies up and, in particular:
-for the sheet offset print, the ideal print goes from 500 to 50.000, with aluminium, while using worked plates you can obtain print tuns from 100.000 going up.
With offset, roll/bobbin or roto-offset print in fact, you can obtain booklets formed by 8 to 64 or more pages, in high print runs from 20.000 to 1.000.000 copies. Other advantages are determined from the rubberized fabric that adapts better that the rigid shape to the superficial structure of the support. The offset process allows to obtain good results even on papers or coursed cardboards. Another advantage of the indirect print is the longer duration of the printing shape, since it doesn't come in contact with the support always a little abrasive.
THE SHAPE
LA FORMA
Larga parte del successo dell’offset è merito della sua forma di stampa: semplice e veloce da ottenere, economica, standardizzabile, con ottime qualità di riproduzione, flessibile, di discreta durata…Le lastre offset sono costituite da un foglio di alluminio,
dello spessore di 0,30-0,40 mm.L'alluminio è un metallo idrofilo, ossia si lascia facilmente inumidire, e una volta inumidito rifiuta i grassi, che si depositano invece sulle parti pretrattate che costituiscono i grafismi
Most part of the offset success derived from its printing shape:easy and fast to obtain, economic, stardardize able, with excellent reproduction qualities, flexible and lasts pretty long.
Theoffset plates are made of an alumium sheet, which thickness is 0,30/0,40 mm.
Aluminium is a hydroprophilic metal, it means you can dampen it easly, and once you've done that it rejects the fat, which leaves sediments on the pre-treated, protected parts, which constitute the graphism
CTP
At the present time computerized systems (the so know Computer To Plate) used to prepare the plates are largely spread.
They allow you to trasnsfer the realized prints directly on the plates. In this way, the only machine still needed remains a plate developer.
Attualmente sono largamente diffusi i sistemi computerizzati di preparazione delle lastre, i cosiddetti Computer to Plate (CTP),che permettono di trasferire direttamente sulle lastre gli stampati da realizzare. In questo modo, l’unico macchinario ancora necessario rimane la sviluppatrice per le lastre.
SHEET
A FOGLIO
Quella a foglio è la macchina da sampa offset più diffusa è disponibile in diversi modelli in grado di stampare su diversi formati di carta, dal 35×50 centimetri al 120x160 (largamente usata nel settore del confezionamento
per la stampa di folding box e astucci).
The sheet one is the most common offset printing machine, it's available in different models and manages to print on different paper format, from 35x50cm to 120x160 (widely used in the packaging/confection sector for folding boxes and cases print).
ROTO OFFSET
La rotativa offset si basa sullo stesso principio della offset classica con la differenza che l'alimentazione del supporto non è a foglio, ma a bobina.

It's based on the same principle of the classic offset. the difference is the support the bobbin paper.
Queste roto offset sono dotate anche di elementi di piega, filo colla, taglio e raccolta, queste macchine sono in grado di produrre una vasta gamma di stampati editoriali, commerciali e promozionali.

Those roto offset also providedwith folding elements, glue cut and collect. Those mashines are capable of producing a wide range of editorial, commercial dn promotional prints.
ROTO OFFSET
ROTOGRAVURE PRINT
ROTOCALCO
ROTOGRAVURE PRINT
ROTOCALCO
Questo procedimento di stampa utilizza forme incavografiche (parti stampanti incise, rispetto a quelle non stampanti) costituite da cilindri in acciaio ramato e/o cromato. La stampa avviene direttamente dal cilindro al supporto.
L'intensità della tinta risulta più chiara, dove l'incisione è meno profonda,
e più scura, dove l'incisione è più profonda. Le forme incavografiche, conferiscono agli stampati intensità e vivacità di colori. La stampa rotocalco
è riconoscibile per l'assenza di parti al tratto:
infatti anche i caratteri del testo risultano retinati.
This printing process uses indented shapes (printing parts carves, compared to the not printing ones) made up of coppered steel or chromium-plated cylinders.The intensity of the color/hue is going to be lighter, where the carving where the incision is shallo¬wer, and darker where the incision is deeper. Indented shapes give to the prints intensity and make the colors bright. You recognize the rotogravure print from the absence of any stroke part: in fact also the text characters seem dot formed.
CILINDER ROTOGRAVURE
CILINDRO ROTOCALCO
TONE
Convenzionale.
P
rofondità.
Autotipica.
Area.
Semi-autotipica.Profondità-Area
It is mostly used fot prints with a long print run, on light glazes papers: illustrated magazines or catalogues and flexible high-quality packaging.
Viene quindi maggiormente utilizzata per stampati a lunga tiratura, su carte leggere patinate o calandrate: riviste illustrate, cataloghi illustrati, imballaggio flessibile di qualità.
ADVANTAGES
VANTAGGI
THE SELECTION
LA SELEZIONE
Esistono due tipi di macchine: la macchia a foglio, di cui esistono pochissimi esemplari e la macchina a rotativa.
There are two types of machines: the sheet machine, of which only few exe exist, and the rotary machine.
APPLICATION
APPLICAZIONI
FLEXO
FLESSOGRAFIA
FLEXO
FLESSOGRAFIA
La parola flessografia deriva dalla flessione del clichè rilievografico adoperato per questo particolare sistema di stampa. La flessografia o flexografia è un metodo di stampa rilievografica diretta a rotativa, simile alla tipografia e usa lastre matrici a rilievo di gomma o di materiali fotopolimerici. Il processo flexografico presenta caratteristiche della rilievografia, per la forma di stampa, del sistema d’inchiostrazione e per la rapidità d’essicazione dell’inchiostro.
THE MATRIX
LA MATRICE
Le matrici (clichè) nella flessografia sono in gomma naturale o sintetica morbida oppure in fotopolimero. La matrice flessografica è fabbricata appositamente per la stampa su film, carta, cartone piano od ondulato.Le matrici sono fissate sui cilindri lastra e sono inchiostrate mediante un rullo dosatore “alinox” strutturato a celle che trasferiscono loro inchiostro liquido a rapido essiccamento stampabile virtualmente su qualsiasi supporto, assorbente o non assorbente.
In the flexographic the matrix (cliché’) are in natural or soft synthetic rubber or also in photopolymer. The flexographic matrix is manufactured specifically for the print on film, paper, plane or corrugated cardboard. The matrix are fixed on the plane cylinder and are inked through a dispenser roll “alinox” structured in cells that transfer them quick-dry liquid ink, which is virtually printable on any kind of support, absorbent or not.
Schema del procedimento
di stampa flexografico:

VI: vaschetta dell'inchiostro,
PG: prenditore in gomma,
A: alinox,
R: racla,
F: forma di stampa,
S: supporto di stampa,P: pressore.
Flexo print process scheme:VI(IB) : ink bowl
PG(RT) : rubber taker
A : Alinox
R: racla
F(PS) : Print shape S(PS) : Print support
P : Pressure plate
INK ROLLER
INCHIOSTRATORE
APPLICATIONS
APPLICAZIONI
SERIGRAPHY
SERIGRAFIA
SERIGRAPHY/SCREEN PRINTING
SERIGRAFIA
it’s a technique that allows to print on any kind of surface or support through the use of a fabric (printing fabric), by leaving a sediment of ink on a support through the free areas/spaces of the fabric.
La stampa serigrafica è una tecnica di stampa per qualsiasi supporto o superficie mediante l'uso di un tessuto (tessuto di stampa), facendo depositare dell'inchiostro su un supporto attraverso le aree libere del tessuto.
THE BOARD
IL QUADRO
Nella serigrafia la matrice stampante è costituita da un telaio sul quale viene montato, ben teso, un tessuto di seta o di naylon.Il tessuto viene trattato in modo che la trama sia chiusa nelle parti non stampanti e permetta all'inchiostro, spremuto, di passare attraverso le maglie nelle parti libere per depositarsi sul supporto. Per fare questo, si utilizza una pellicola che riproduce in positivo il soggetto da stampare. La pellicola è posta sopra il telaio, la cui superficie è stata coperta da una sostanza fotosensibile; quest'ultima, con l'esposizione ad una forte fonte di luce, si indurisce nelle parti lasciate scoperte dalla pellicola, chiudendo così la trama del tessuto. Dove non è passata la luce la sostanza fotosensibile rimane allo stato naturale e viene tolta con un forte getto d'acqua, lasciando così scoperte le parti in cui dovrà passare l'inchiostro.
In serigraphy the printing matrix is made out of a loom/frame on which a well stretched silk or nylon fabric is assembled.
The fabric is treated so that the texture/weave is closed in the non printing parts and allows to the squeezed/pressed ink to pass through the knits in the free parts, in order to leave a sediment on the support. To do so, you use a film that reproduces in positive the subject you want to print. The film is positioned on the loom, which surface is covered by a light/photosensitive substance.
This, exposed to a bright source of light, hardens in the parts let uncovered by the film, and closes this way the texture of the fabric. Where the light hasn’t gone through, the photosensitive substance remains at his natural state, and is taken off by a strong water jet, leaving uncovered the parts where the ink will penetrate.
THE BOARD
IL QUADRO
TYPOLOGIES
TIPOLOGIE
PIANO CILINDRICA
ROTATIVA
ROTARY PRESS
Medium-big format. Suitable above all for editorial work.
PIANO
PRINT
In the commercial field it’s principally used to print images on silk or other fabrics, T-shirts, foulards, hats, CD, DVD, ceramic, polypropylene, polyethylene, glass, paper, wood, metal.
In ambito commerciale è usata principalmente per stampare immagini su tessuti di seta e altri filati, T-shirt, foulard, cappelli, CD, DVD, ceramica, vetro, polipropilene, polietilene, carta, metalli e legno.
APPLICATION
APPLICAZIONI
DIGITAL PRINT
STAMPA DIGITALE
DIGITAL PRINTING
STAMPA DIGITALE
DIGITAL PRINT
STAMPA DIGITALE
La stampa digitale è ormai un sistema molto utilizzato per produzione di vario tipo.

Solitamente si divide nei seguenti sistemi:
- stampa a toner
- stampa a getto d’inchiostro
- stampa laser

La stampa a toner è quella delle comuni fotocopiatrici dove un rullo elettrostatico viene caricato elettricamente sui grafismi (soggetti da stampare), statico il toner in polvere viene attratto dal rullo e quindi trasferisce sul foglio per magnetismo la parte richiesta. Questo tipo di stampa può essere sia in bianco e nero che a colori di quadricromia. Nella stampa a getto d’inchiostro si utilizzano delle testine che rilasciano l’inchiostro (prelevato da appositi serbatoi) direttamente sulla superficie da stampare.
It’s a very common system for production of various kind. Usually it’s divided in the following sy¬stems:Toner printInk jetLaser printThe toner print is that of the common photocopier, where the electrostatic roller is charged electrically on the graphism ( subjects to print) , the toner in powder form is attracted by the roller, and transfer this way through magnetism the demanded/claimed part on the paper.Ths type of print can be both black and white and color (four-colors process).In the ink jet print they use heads that release ink ( taken from special reservoirs) directly on the printing surface.
DIGITAL PRINT
STAMPA DIGITALE
The printers that use this system can be common photocopiers for an A4 A3 format, or even plot¬ters that can print surfaces of a length of 6meters and more.With this system you can make from normal brochures in little quantity to advertising billboards in big format (6x3 meters), to motor vehicle “dressing”, to buildings renovation structures or even shop or supermarket windows.
Le stampanti che utilizzano questo sistema possono essere delle normali fotocopiatrici per un formato A4 o A3 o addirittura dei plotter che arrivano a stampare una superficie di lunghezza superiore ai 6 metri.
Con questo sistema si fanno dalle normali brochure in piccole quantità fino ai cartelloni pubblicitari in grandi formato (6x3 metri), alla vestizione degli automezzi, alle impalcature di ristrutturazione degli edifici o delle vetrine dei grandinegozi/ipermercati.
DIGITAL PRINT
STAMPA DIGITALE
DIGITAL PRINT
STAMPA DIGITALE
La stampa laser o ad incisione laser ed elettrostatica viene utilizzata per gli stampati commerciali che non richiedono un alta tiratura.Solitamente sono molto più simili ad una fotocopiatrice che ad una macchina da stampa off-set e vengono utili per quantità che vanno fino ad un massimo di 400/500 pezzi e che non richiedono un formato di stampa superiore all’A3.A volte sono utilizzate anche per la stampa su PVC o adesive.
La convenienza di questo sistema di stampa è che permette di avere la qualità della stampa off-set senza però utilizzare la matrici che incidono sui costi delle basse tirature.
The laser print or laser engraving and electrostatic is used for commercial prints that don’t require a high print run. Usually they’re a lot more similar to photocopiers than to an off-set printer and they’re used for quantities that go to a maximum of 400/500 pieces and that don’t require a bigger format than A3. Sometimes they’re also used for adhesive or PVC prints. The convenience of this printing system is that you can have the same quality as the off-set print, without the need of matrix, which put a strain on the low print run.
DIGITAL PRINT
STAMPA DIGITALE
The term derives from the flexion of the letterpress cliché’ used for this particular printing system. The flexographic is a direct letterpress rotary printing method, similar to typography and uses rubber-relieved or photo polymeric materials matrix plates.The flexographic process presents/shows features of the letterpress, in matters of print, but also indenting features thanks to the easy inking system and the quickness the ink dries.
THE POINT OF SALE/PURCHASE
IL PUNTO VENDITA
Il punto vendita ormai ha diverse tipologie di allestimento e di valorizzazione del prodotto. Ogni materiale viene utile per rendere visibile il prodotto e permetterne la pubblicità. Possono essere realizzati in cartone, in plexiglas, in forex, in PVC o in legno. Solitamente i materiali POP (Point Of Purchase) sono divisi in:
- Espositori da banco e da terra- Rotair- Totem- Antitaccheggio- Adesive- Calpestabili- Banner- Bandiere- Cartelli vetrina- Cartelli porta leaflet- Reglette da scaffale- Rendi resto- Bumpers- Retro illuminate
THE POINT OF SALES AND PURCHASE
IL PUNTO VENDITA
Nowadays it has different typologies of arrangement and valorization of the product. Each material can be useful in order to make the product more visible and permit advertisement. They can be realized in cardboard, Plexiglas, forex, PVC or wood. Usually the POP (Point Of Purchase) materials are different in:

Floor or counter display racks
Rotair
Totem
Shopliftings
Adhesive
Tramples
Banners
Flags
Shop window posters
Leaflets holder posters
Ledge reglette
Change returners
Bumpers
Back lightened
THE POINTS OF SALES AND PURCHASE
IL PUNTO VENDITA
Le Adesive, solitamente in PVC possono essere applicate sulle vetrate dei negozi o sulle pareti. Nelle vetrate possono essere utilizzate le microforate o ONE-WAY che permettono di giorno di vedere esternamente, ma non internamente il negozio. Nello stesso tempo internamente si può vedere all’esterno. Questo sistema è utilizzato anche nella vestizione degli automezzi permettendo ai passeggeri di potere vedere all’esterno.

I Calpestabili si posizionano a terra e sono ovviamente antiscivolo.
THE POINTS OF SALES AND PURCHASE
IL PUNTO VENDITA
The adhesive, usually in PVC can be slicked on shop windows or walls. On the glass windows you can use the micro punched or ONE-WAY that allow to see outwardly but not inside the shop, during the day.
At the same time from inside the shop you can see outside. This system is also used for auto-vehicles dressing, that allows passenger to see outside.
Tramples are positioned on the floor and are, obviously, antiskid/nonslip.
THE POINT OF SALES AND PURCHASE
IL PUNTO VENDITA
THE POINT OF SALES AND PURCHASE
IL PUNTO VENDITA
Banners can be bright or in cardboard
and are usually positioned on shelves.
Flags are vertically positioned and they’re used to underline a promotion or a product family.
I Banner possono essere luminosi o in cartotecnica e vengono posizionati solitamente sopra gli scaffali.
Le Bandiere si mettono in posizione verticale agli scaffali e si utilizzano per evidenziare una promozione o una famiglia di prodotti.
THE POINT OF SALES AND PURCHASE
IL PUNTO VENDITA
I Cartelli vetrina sono ovviamente posizionati in visione esterna e possono essere in cartotecnica o in materiali misti.
I Cartelli porta leaflet sono da banco e si usano per comunicazioni al consumatore
THE POINT OF SALES AND PURCHASE
IL PUNTO VENDITA
Shop window posters are obviously positioned in external vision and they can be in cardboard or similar materials. Leaflets holder poster they’re meant for counters and they’re used to communicate to consumer/costumer.
THE POINT OF SALES AND PURCHASE
IL PUNTO VENDITA
Le Reglette da scaffale sono posizionate alla base dei ripiani ed hanno lo stesso scopo delle bandiere, ma in orizzontale.
I rendiresto possono essere in vetro o in plexiglass.
THE POINT OF SALES AND PURCHASE
IL PUNTO VENDITA
The ledge reglette are positioned at the base of the shelves and have the same aim as the flags, only horizontal.
Change returners are can be made out of glass or Plexiglas.
Le Retro illuminate sono delle strutture fisse con la possibilità di potere cambiare la comunicazione che può essere in carta, in plexiglas, in PVC o materiali similari.
THE POINT OF SALES AND PURCHASE
IL PUNTO VENDITA
The back lightened are fixed structures that have the chance of changing the communication, which can be in paper, Plexiglas, PVC or similar materials.
THE POINT OF SALES AND PURCHASE
IL PUNTO VENDITA
THE POINT OF SALES AND PURCHASE
IL PUNTO VENDITA
Gli espositori sono utilizzati per rendere visibili e per contenere fisicamente i prodotti di vendita. I Rotair vengono solitamente “appesi” con un filo di nylon sul soffitto dei negozi e permettono di essere visibili da tutte le angolazioni. I Totem sono posizionabili a terra e sono di comunicazione verticale. Gli Antitaccheggio vengono posizionati all’entrata/uscita dei negozi e servono anche per coprire i sensori antifurto.
THE POINT OF SALES AND PURCHASE
IL PUNTO VENDITA
The display racks are used to make the products visible or to physically contain them.
Rotairs are usually “hung” with a nylon thread on the shops ceiling and are visible from every angle.
Totem are positioned on the floor and have a vertical communication.
Shopliftings are positioned at the entrance/exit of the stores and are also used to cover the anti-theft sensors.
THE FINISH
The print finishes are divided in:

varnishing
laminationdry/hot emboss
serigraphic treatment
shot print

The varnishing can be shiny or matt and it’s done in off-set or serigraphy.
The treated surface can be total ( full board ) or just for determined details (with reserve).
It’s used on photos or logos to underline them.
Le Finiture di Stampa si suddividono principalmente in:
- Verniciatura
- Plastificazione
- Sbalzo a secco o a caldo
- Trattamenti serigrafici
- Stampa a caldo

La Verniciatura può essere lucida o opaca e viene fatta in off-set o in serigrafia.
La superficie trattata può essere totale (a tavola piena) o per determinati particolari (con riserva).
Si utilizza sulle fotografie o sui loghi per evidenziarli
Lamination too, can be shiny or matt but can only be total ( full board ).
The plastic film is applied on the surface you want to treat through a pressure cylinder.
The dry emboss occurs when the sheet of paper through a positive and negative matrix: the pressure exerted will “create” the subject.
The hot version uses the heat to improve the outline effect.
Anche la Plastificazione può essere lucida o opaca, ma può essere solo totale (a tavola piena).
Il film plastico viene applicato sulla superficie da trattare mediante una calandra in pressione. Lo Sbalzo a secco avviene facendo venire a contatto il foglio tra una matrice positiva e una negativa: la pressione esercitata “formerà” il soggetto. La versione a caldo utilizza il calore per migliorare l’effetto della sagoma.
The serigraphic treatments are of various typologies and are always used to underline details and make them more visible. They can vary from an easy polishing to a grainy, coarse or orange peel surface.Usually we use a hot print to use colors which are not printable in traditional or digital systems, as mirror or fluo color. Usually they improve the visibility of details and logos.
I Trattamenti Serigrafici sono di varie tipologie e vengono sempre utilizzati per evidenziare dei particolari e renderli più visibili.
Possono variare dalla semplice lucidatura, alla superficie granulosa, ruvida, a buccia d’arancia ecc. Si ricorre alla Stampa a caldo solitamente per utilizzare dei colori non stampabili nei sistemi tradizionali o digitali come i colori a specchio o fluorescenti. Solitamente migliorano la visibilità dei particolari e dei loghi.
Full transcript