Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

IL MEDIOEVO CHE NON TI ASPETTI

Che significa Medioevo? Quali sono i suoi limiti temporali? Itinerario didattico fra stereotipi e invenzioni.
by

marta tomasicchio

on 21 June 2011

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of IL MEDIOEVO CHE NON TI ASPETTI

IL MEDIOEVO
FRA STEREOTIPI E RIVOLUZIONARIE INVENZIONI EPOCA BUIA
A CHI? CHE SIGNIFICA LA PAROLA MEDIOEVO? medioevo o medio evo s.m.

Epoca storica di passaggio tra l'età antica e quella moderna compresa convenzionalmente tra il 476, anno della caduta dell'Impero romano d'Occidente, e il 1492, anno della scoperta dell'America.

(Sabatini Coletti- Dizionario della Lingua Italiana) QUANDO COMINCIA IL MEDIOEVO? QUANDO FINISCE? A.
Viene definito “Medioevo” il periodo che va dal 476, anno della caduta dell’Impero Romano d’Occidente, al 1492, anno della scoperta dell’America da parte di Cristoforo Colombo.
(Navigare nella Storia, L. Gentile, L. Ronga, Ed. La Scuola, p. 89)



B.
I Longobardi, popolo germanico originario della Scandinavia, dopo aver vagato da un capo all’altro dell’Europa, nel 568 giunsero in Italia, sotto la guida del re Alboino. Il 568 segna per l’Italia una frattura rispetto al passato e l’inizio di una nuova era, il Medioevo. ( Corso di Storia I- diretto da G.Vitolo, Bompiani, pp. 63-64). LO STEREOTIPO La maggioranza delle persone ha degli stereotipi con cui valuta la realtà che li circonda



Eccoti qualche esempio di stereotipo molto diffuso:

1.Tutti gli italiani sono mafiosi

2.IL medioevo è un età buia

3.Gli uomini sanno guidare molto meglio delle donne

4.Gli immigrati ci rubano il lavoro

5.I popoli barbari erano rozzi e incolti

6.Gli ebrei sono tutti avari Quali stereotipi, fra quelli che hai appena letto, potresti ritrovare in un libro di storia? Gli stereotipi e i luoghi comuni sono strettamente collegati all'idea stessa di Medioevo.

Fra gli stereotipi più comuni quello che per secoli ha identificato il Medioevo come un periodo “buio" caratterizzato da guerre, povertà, carestie e superstizione. Lo sai che proprio durante il Medioevo sono state fatte delle invenzioni di cui tutti gli uomini ancora si servono?

Qualcuna ce la portiamo ancora addosso…. Aguzza la vista. Guarda le immagini seguenti e scopri che in tutte compaiono due oggetti. Quali? Queste sillabe a cosa ti fanno pensare? L’invenzione dei nomi delle note è attribuita a Guido d'Arezzo, un monaco vissuto tra il 995-1050.

Si dice che lui abbia indicato le singole note con le sillabe iniziali dei versetti dell'inno San Giovanni ADESSO LEGGI IL TESTO SEGUENTE E RIPORTA SU DI UN FOGLIO LE INVENZIONI DESCRITTE DALL'AUTRICE


Cosa dobbiamo al Medioevo?

Provo ad enumerare alcune voci:


gli occhiali, la carta, la filigrana, il libro, la stampa a caratteri mobili, l'università, i numeri arabi, lo zero, la data di nascita di Cristo, banche, notai e Monti di pietà, l'albero genealogico, il nome delle note musicali e la scala musicale.

Il Medioevo ci dà i bottoni, le mutande e i pantaloni; ci fa divertire con le carte da gioco, i tarocchi, gli scacchi e il carnevale; lenisce il dolore con l'anestesia, ci illude con gli amuleti.

Ha portato nella casa il gatto, i vetri alle finestre e il camino; ci fa sedere a tavola (i Romani mangiavano sdraiati) e mangiare con la forchetta, la pasta tanto amata, proprio i maccheroni e i vermicelli, la cui farina viene instancabilmente macinata dai mulini ad acqua e a vento.In battaglia ha fatto sventolare le bandiere con gli stemmi colorati e risuonare il fragore della polvere da sparo, dei fucili e dei cannoni.
Ha cambiato il nostro senso del tempo, su questa terra, con l'orologio a scappamento, introducendo le ore di lunghezza uguale e non più dipendenti dalle stagioni; ha cambiato il nostro senso del tempo, nell'aldilà, perché ha fatto emergere un terzo regno, il purgatorio, che rompe i destini immutabili dell'eternità. Infine, fa sognare i bambini con Babbo Natale.



(da Chiara Frugoni, Medioevo sul naso,Laterza) Come hai letto, sono tante le invenzioni più o meno importanti di cui ancora oggi facciamo uso.

Di seguito troverai alcune fonti iconografiche, ovvero dipinti e immagini che hanno valore di documento storico. Per scoprire un'altra invenzione leggi la prima sillaba di ciascun verso dell’inno a San Giovanni:


UT queant laxis

REsinare libris

MIra gestorum

FAmuli quorum

SOLve polputi

LAbii reatum

Sancte Joannes!» Leggi i testi riportati di seguito, sono estratti da due diversi manuali di storia Quali date sono riportate nel testo A?

Quale data è riportata nel testo B?

I due storici forniscono gli stessi limiti temporali del Medioevo? Sai cos’è uno stereotipo?

Potremmo definirlo un luogo comune o un’idea preconcetta e schematica sulle caratteristiche di qualcosa o qualcuno Tutti gli italiani sono mammoni Quegli storici consideravano il medioevo come un
secolo BUIO... Il Trionfo della Morte dominato da immagini di morte e pestilenze.... da continue guerre La battaglia di san Romano, P. Uccello ...e da false credenze e superstizioni ma questa è una visione scorretta, vediamo perchè... Bravissimo!

Occhiali e libri sono i due oggetti che compaiono in tutti i dipinti Gli storici, a partire dal 1400, hanno chiamato Medio Evo un periodo di passaggio, che

“sta in mezzo”

a due civiltà considerate splendide:

quella antica dei greci e dei romani e

quella moderna del Rinascimento. Secondo te e’ possibile generalizzare, cioè pensare che un ’affermazione come questa: “Tutti gli italiani sono mammoni” sia davvero valida per tutti gli italiani? Anche l’idea stessa del Medioevo come età di passaggio è un’idea sbagliata:

vuol dire, infatti, che solo quello che è venuto prima e quello che è venuto dopo il medioevo è stato davvero importante. Scopriamo insieme un Medioevo inaspettato partendo da un gioco I DADI IL CAMINO LE MUTANDE LE MANICHE LA TAVOLA PER CONSUMARE I PASTI GLI OCCHIALI LA FORCHETTA GLI SPAGHETTI Scegli una fra le immagini che hai visto, e fai finta di vivere nel Medioevo e di lavorare come "giornalista" di un impossibile TG.

Scrivi la notizia in cui annunci l'invenzione di uno degli oggetti raffiugurati e poi metti in scena il tg con i tuoi compagni, servendosi di questa presentazione. BUON LAVORO Lo sai che non è possibile stabilire dei confini temporali netti,
perchè un periodo storico non inizia e non finisce in un preciso giorno ed in un preciso anno ? E' solo per convenzione, cioè per "comodità", che si scelgono delle date simboliche Il medioevo, così come lo studierai quest'anno scolastico per CONEVNZIONE:

va dal 476, anno della caduta dell’Impero Romano d’Occidente, al 1492, anno della scoperta dell’America da parte di Cristoforo Colombo dallo splendore del mondo romano alla distruzione e alla decadenza del medioevo per ritornare ad un nuovo splendore, quello del Rinascimento secondo quegli storici si era passati 476.
Fine dell'impero romano d'occidente 1492 . Cristoforo Colombo scopre l'America ESATTO!
Sono proprio le note musicali! la forchetta
Full transcript