Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Untitled Prezi

No description
by

Luca Mazzarini

on 9 November 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Untitled Prezi

PLC CAR WASH
You might become crazy....
Me:...Maybe I might make a car wash!
Do you have no ideas?
Me: I don't know what I might do!
Perfect! We already have a model of car wash! You might revise it!
But you must WORK...
I don't know what I might do!
....Work...
...but...
...at the end...
How it all began...
Work...
Luca Mazzarini
5D
Maturità 2013
Ringraziamenti:
Arrivato alla fine di questa esperienza tra alti e bassi, gioie e delusioni, stress e allegria, momenti di risate con i compagni e anche, di rado, con i professori mi sento in dovere di ringraziare tutti.
I miei compagni di classe che hanno condiviso con me questa esperienza e con la loro simpatia, la loro allegria, i loro caratteri particolari e le loro stranezze l’hanno resa più piacevole; tutto il corpo docenti che, nel bene e nel male, ha contribuito alla mia crescita e formazione sia dal punto di vista scolastico che umano. Ma, soprattutto, la scuola ITIS “G. Marconi” in quanto mi ha offerto un ventaglio di opportunità per ampliare la mia formazione ed aumentare le mie esperienze, in primis il Progetto Leonardo, una fantastica esperienza che ho potuto condividere con dieci miei compagni, ed altre attività come il corso per il conseguimento del PET, la possibilità di partecipare ad una competizione nazionale di elettronica, le gare sportive e la possibilità di partecipare alle gare internazionali di atletica a Roma, naturalmente da spettatore.

Un ringraziamento speciale va a coloro che grazie alla loro disponibilità e al loro impegno nel seguire me e gli altri ragazzi, hanno reso possibile la realizzazione di questo progetto:
-i prof. Alessandro
M
oretti
e Leonardo
C
esaroni
-gli assistenti
M
assimo
Ferazzani,
E
nrico
Zamponi e
P
aolo
Piersantelli

I finecorsa sono degli interruttori elettrici comandati meccanicamente che chiudono/aprono il contatto quando viene premuta la loro “leva”. Per il progetto ne sono stati utilizzati tre. Questi fiancheggiano il nastro trasportatore all’ingresso dell’autolavaggio, poco dopo gli spruzzatori ed in prossimità delle ventole.

Il PLC (Programmable Logic Controller) è un Controllore Logico Programmabile ed è il mezzo utilizzato per la programmazione software del progetto.


Il PLC esegue il programma software scritto dal programmatore elaborando i segnali digitali ed analogici che arrivano in ingresso dai vari pulsanti, switch e trasduttori e attivando, in base al programma e agli ingressi, degli attuatori.

Per la realizzazione di questo progetto si è utilizzato il PLC compatto della GE-Fanuc, il modello VersaMax Micro Controller avente 16 ingressi e 12 uscite. La tensione di uscita del PLC si può decidere in quanto cambia a seconda della tensione che portiamo sul comune delle uscite.

...You will be gratified by your work!!
Per la raccolta dell’acqua è stata utilizzata una pompa (recuperata da quelle non utilizzate, in magazzino) che richiede un’alimentazione di 12V e 1,2A. Questa è stata fissata sul fondo della vaschetta per far in modo di far uscire dal contenitore soltanto il tubo di getto dell’acqua e quello dell’alimentazione (morsetti isolati e resi impermeabili tramite silicone), quindi è stato possibile applicare un foro non al livello dell’acqua (come era necessario per l’altra pompa) ma ad un livello superiore e poterlo sigillare senza alcun problema o rischio di fuoriuscita da quel punto.


Per realizzare il semaforo è stata utilizzata una basetta millefori nella quale sono stati saldati i due LED, la resistenza e la morsettiera da tre (la massa comune, e gli anodi dei due LED). E’ stata utilizzata una sola resistenza, applicata sulla massa (comune ai due diodi) per risparmiare componenti (è stato possibile fare questo perché i due LED non sono mai accesi contemporaneamente). Le tre immagini a fianco rappresentano la disposizione dei componenti ed il loro cablaggio sulla basetta.

Nella revisione del progetto ho deciso di aggiungere un semaforo che indicasse se l’autolavaggio è in stato di funzionamento o di riposo per l’accesso di altre auto. Per realizzarlo sono stati usati dei LED dal diametro di 20mm (quindi molto simili in scala a quelli degli impianti reali) aventi una corrente di funzionamento di 30mA ed una caduta di tensione di 6V.

Quindi per il dimensionamento del resistore da usare ,tenendo conto della tensione di alimentazione del circuito e facendo l’equazione alla maglia del circuito:

Il “nastro trasportatore”

Per trasportare l’auto è stata utilizzata una catena, montata e sostenuta in modo tale da non far sforzare il motore e assicurandosi che si mantenesse “tesa” per evitare inceppi durante il movimento. Per questo sono stati usati due supporti: uno ad “L” per agevolare il movimento della catena in “superficie” ed uno ad “U”, coperto, per far passare la catena in mezzo alla vaschetta e per fare in modo di portar fuori meno acqua possibile

Per far muovere la catena è stato utilizzato un motorino elettrico (più grande e potente di quelli usati per i rulli) recuperato dai tergicristalli di un’auto non più utilizzabile. Per consentire una movimentazione “realistica” del modello d’auto, è stato alimentato con tensione ridotta (5Vdc) così da ottenere una velocità sensibilmente più bassa di quella nominale. Questo è comandato tramite due relè attraverso i quali si decide il verso di rotazione del motore e quindi il senso di marcia della catena.
Siccome il motorino per la catena richiedeva una corrente di alimentazione di 3A, che il blocco di alimentazione non riusciva a fornire, si è utilizzato un alimentatore a parte da 5Ve 3A per permettere al motorino di funzionare.

Per simulare la fase di asciugamento sono state usate 3 ventole che richiedono una alimentazione di 12V e 100mA ciascuna.

"l'essenziale è invisibile agli occhi"
I due motorini a magnete permanente che permettono il movimento dei “rulli” sono alimentati a 12V DC

Il PLC è programmabile tramite un software, Versapro, che usa un linguaggio di programmazione grafico, attraverso uno schema a contatti e la definizione delle variabili di ingresso, di uscita e quelle interne (timer e bobine interne). Questo programma viene poi scaricato sul controllore che provvederà a leggere gli ingressi fisici e a seconda del programma provvederà ad attivare le uscite.
Per avviare (start) ed arrestare
(stop) il programma sono stati
usati due pulsanti.
"TRADUZIONE"

(specifiche)
Per alimetare il circuito si usa la tensione di rete che verrà successivamente portata a 12V tramite un trasformatore. Questa tensione verrà poi distribuita a tutto il circuito (fatta eccezione per il motore)
Full transcript