Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Varutti Simone - 3^E LSA -LA CRISI DEI SECOLI XIV E XV

No description
by

Simone Varutti

on 7 June 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Varutti Simone - 3^E LSA -LA CRISI DEI SECOLI XIV E XV

LA CRISI DEI SECOLI XIV E XV PERIODO DI GRANDE GELO DEFINITO
PICCOLA ERA GLACIALE Causa l'allagamento dei campi che diventano più argillosi Si inizia a coltivare i terreni una volta dediti al pascolo, quindi meno fertili di conseguenza si produce meno concime diminuiscono le scorte PORTARONO A UN FORTE CALO DEMOGRAFICO Minori risorse, quindi si utilizza i prodotti in eccesso per il fabbisogno personale commerci internazionali
in diminuzione LA PESTE: FLAGELLO EUROPEO Cosa favorì il diffondersi della peste? Cambiamento climatico Sottoalimentazione a causa delle continue carestie Introduzione della pulce pestifera tramite i ratti portati dalle flotte Occidentali CONSEGUENZE DELLA PESTE Forte calo demografico che
porta all'abbandono dei villaggi
più piccoli fenomeno dei villaggi scomparsi La peste colpì l'intero continente europeo La guerra dei cent'anni
(1337-1453) Conflitto tra poteri feudali e il re di Francia PREMESSE ALLA GUERRA IL RE INSTAURAVA RAPPORTI DI FEDELTA' CON I PROPRI VASSALLI, AFFIDANDOGLI TERRENI DA COLTIVARE SE IL VASSALLO MANCAVA QUESTI RAPPORTI DI FEDELTA', IL RE LO DICHIARAVA 'FELLONE', E I SUOI TERRITORI VENIVANO REQUISTI Nel 1294 il re di Francia Enrico IV il Bello, rivendicò i suoi diritti superiori sui due più importanti feudi del regno: La Guienna, di proprietà del re d'Inghilterra; La Fiandra, il più importante polo commerciale e manifatturiero dell'Europa. Anch'essa legata all'Inghiterra, in quanto lì venivano lavorate le lane inglesi ed era sede della compagnia dei mercanti britannici PROBLEMA EREDITARIETA' Filippo VI di Valois (1328-50), venne indicato come primo successore al trono di Francia, in quanto apparteneva a un ramo cadetto della dinastia francese. Però anche il re d'Inghilterra, Edoardo III Platageneto, poteva vantare una discendenza diretta, in quanto figlio di Edoardo II e di una figlia di Filippo il Bello In Francia però vigeva la legge salica, che affermava che i discendenti al trono per via femminile venivano esclusi. Quindi Edoardo III, essendo tale, non potè ambire a governare anche la Francia. LO SCOPPIO DELLA GUERRA Nel 1337 Filippo VI accusa il re d'Inghilterra di fellonia, perchè sostenitore della ribbellione nelle Fiandre reclamando la restituzione del ducato di Guienna. Edoardo si rifiuta e rivendica i suoi diritti al trono francese. Questi furono i pretesti che portarono, nel 1337, allo scoppio della guerra tra Francia e Inghilterra;
durò fino al 1453 e fu caratterizzata da lunghe tregue e da due paci principali: nel 1360 e nel 1420. FASI DELLA GUERRA CAMBIAMENTI RISCONTRATI IN DURANTE LA GUERRA Un cambiamento sostanziale avvenne all'interno dell'esercito, con l'introduzione di arcieri professionisti, che portò al decadimento della funzione morale di nobiltà, in quanto avevano valori opposti a quelli dei cavallieri, che si videro rimpiazzare dalle milizie contadine. Inoltre cambiarono i rapporti di fedeltà tra esercito e signore, in quanto l'esercito era composto per lo più da mercenari . Questo aspetto venne evidenziato da Edoardo III, quando nel 1346 sbarca in Normandia con un esercito composto da:
4000 cavalieri
10000 tra fanti e arcieri L'esempio lampante riguardo all'importanza degli arcieri si ha nella battaglia di Crecy (1346).
Qua l'esercito di cavalieri francesi cadde sotto i colpi delle frecce degli arcieri inglese. Nel 1368 i Ming presero il controllo del territorio ai danni delle dinastie mongole. I COMMERCI INTERNAZIONALI VENNERO MENO A CAUSA DELLE VIE DI TRASPORTO INSICURE In seguito alla coversione dei mongoli all'islamismo, questi vennero assorbiti dalle popolazioni iraniane che dovettero far fronte a conflitti lungo le vie di commercio centro-asiatiche Questi conflitti portarono allo spostamento delle vie di comercio dal centro, verso le coste del Mar Rosso RISPOSTE ALLA CRISI AGRICOLA LA CRISI PORTO' LE DIVERSE REGIONI EUROPEE A TROVARE SOLUZIONI DIFFERENTI IN BASE ALLE PROPRIE CARATTERISTICHE TERRITORIALI EUROPA MEDITERRANEA Si diffonde l'allevamento e il processo di transumanza, attraverso il quale i grandi proprietari terrieri si arricchiscono
Sfruttamento dei contadini per la manodopera AVVIENE UN PROCESSO DI RIFEUDALIZZAZIONE EUROPA SETTENTRIONALE Si inizia ad allevare pecore e bovini, e a coltivare piante industriali, quali la canapa e il lino, utilizzate per la produzione di corde, borse e vestiti, e piante tintorie. In seguito all'introduzione di queste piante si sviluppò un
INDUSTRIA MANIFATTURIERA EUROPA ORIENTALE Si sviluppa il feudalismo pesanti corvee imposte
ai contadini rivolte contadine contro i feudatari
Full transcript