Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

IL SECONDO DOPOGUERRA

No description
by

Gabriella Nocita

on 17 May 2016

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of IL SECONDO DOPOGUERRA

IL SECONDO DOPOGUERRA
Un mondo stremato
Gli anni difficili del dopoguerra
Luglio/Ottobre 1946: Conferenza della pace a Parigi
Il nuovo assetto della Germania
Austria: torna a essere indipendente ma divisa in quattro zone occupate da Sovietici, Inglesi, Francesi, Americani

Unione Sovietica: ottiene Ucraina, Bielorussia, Lituania, Estonia, Lettonia.

Italia: perde le colonie(Albania e i territori in Africa e Grecia), cede alla Francia i comuni di Briga e Tenda e alla Iugoslavia la Dalmazia e l'Istria.

Trieste: divisa in due zone, una controllata dagli Anglo-Americani e l'altra dalla Iugoslavia. Nel 1954 torna all'Italia

Giappone: resta sotto l'occupazione militare americana fino al 1951, quando ottiene di nuovo l'indipendenza
La sistemazione dell'Europa e del Giappone
50 milioni di vittime (20 milioni solo nell'Unione Sovietica, 400.000 in Italia)
L'Europa uscì dalla guerra in condizioni disastrose: industrie distrutte, città devastate, l'agricoltura in ginocchio.
Questo mondo stremato era dominato dagli Stati Uniti e dall'Unione Sovietica.Queste due superpotenze sovrastavanob tutte le altre per forza economica e militare, ma erano distinti tra loro ideologicamente.
Per scongiurare il rischio di una nuova guerra nacque, per iniziativa americana, l'Organizzazione internazionale chiamata ONU (Organizzazione delle Nazioni Unite) con sede a New York.
15 stati membri: 5 permanenti (USA, URSS-Russia dal 1992-, Gran Bretagna, Francia e Cina) e 10 eletti a turno.
In realtà i nuovi assetti territoriali non vennero stabiliti dalle trattative ma dalle occupazioni militari.
La Germania venne divisa in due parti che corrispondevano ai territori occupati dagli eserciti:
a OVEST nacque la REPUBBLICA FEDERALE TEDESCA controllata dagli Anglo-Americani
a EST si costituì la REPUBBLICA DEMOCRATICA TEDESCA, uno Stato comunista alleato dell'Unione Sovietica
Anche Berlino venne divisa in due parti:
BERLINO EST
controllata dai Sovietici
BERLINO OVEST
formata da tre zone controllate da Americani, Inglesi e Francesi
Il processo di Norimberga
Già nel 1943, i tre alleati contro la Germania nazista, gli americani, sovietici e gli inglesi, avevano pubblicato una comune dichiarazione annunciando un processo contro i responsabili nazisti di questa guerra, una volta che essa fosse finita. Nell'agosto 1945 gli alleati di cui ora facevano parte anche i francesi si misero d'accordo di formare un tribunale internazionale con 8 giudici, 2 per ciascuno dei paesi alleati che avrebbe dovuto condurre un processo contro 24 tra i massimi esponenti dello stato nazista.
Oltre a questo processo contro i principale responsabili del nazismo ci sono stati altri 12 processi con complessivamente 185 accusati: medici e giuristi, membri della polizia e della SS, capi industriali, ministri e alti funzionari dello stato nazista.
In realtà era previsto anche un processo separato contro Benito Mussolini ma, come disse Winston Churchill nelle sue memorie, "l'uccisione di Mussolini ci risparmiò una Norimberga italiano".
Il processo principale iniziò il 20 novembre 1945 e durò fino al 1 ottobre 1946. Oltre ai 24 accusati dovevano essere processati anche Adolf Hitler, cancelliere della Germania e principale responsabile di tutti i crimini, Heinrich Himmler, capo della SS e della polizia e Joseph Goebbels, il capo della propaganda nazista, ma questi tre si erano suicidati già una settimana prima della fine della guerra. Nella lista degli accusati dovevano esserci anche Adolf Eichmann e Josef Mengele, due dei massimi responsabili del genocidio degli ebrei, ma entrambi erano riusciti a fuggire in Sudamerica.

I capi di accusa contro gli incriminati erano:
1. cospirazione per commettere crimini contro la pace,
2. aver pianificato, iniziato e intrapreso delle guerre d'aggressione,
3. crimini di guerra,
4. crimini contro l'umanità.
Il processo di Norimberga fu un evento che scosse profondamente la coscienza dei tedeschi. Molti sentirono per la prima volta da una fonte ufficiale i racconti delle terribili crudeltà che erano state commesse in nome della Germania e della cosiddetta "razza ariana". Altri sentirono solo la conferma di quello che si sapeva già o almeno si era intuito da molto tempo. Per molti fu comunque uno shock che provocò una vergogna profonda e che avrebbe lasciato, nella coscienza collettiva dei tedeschi, dei profondi segni che sono percepibili ancora oggi.

Nei 20 anni dopo la guerra molti tedeschi volevano solo una cosa: dimenticare. Il modo più efficace di scrollarsi di dosso la responsabilità per quello che era successo durante il nazismo fu per molti affermare di non avere visto, sentito e saputo niente dei crimini dei nazisti. Solo a partire degli anni '60 e '70 iniziò in Germania una rielaborazione collettiva del nazismo, non sempre facile, spesso osteggiata e per molti dolorosa.
La divisione del mondo
Il nuovo presidente americano
Truman
riteneva necessario aiutare l'Europa nella ricostruzione per evitare che il comunismo si espandesse.
Il
piano Marshall
, il programma di aiuti americani, tra il 1948 e il 1951 risollevò l'Europa e rafforzò i legami del mondo occidentale con gli Stati Uniti.
Nel 1949 nacque un altro grande Stato comunista: la
Repubblica popolare Cinese
di
Mao Zedong.
Nacquero due organizzazioni militari:
nel 1949 con il Patto Atlantico gli Stati occidentali diedero vita alla
NATO;
nel 1955 i paesi comunisti si unirono nel
Patto di Varsavia
.
Due blocchi contrapposti
quello occidentale, guidato dagli Stati Uniti con una politica liberale ed economia capitalista
quello comunista, guidato dall'Unione Sovietica, caratterizzato da un'economia controllata dallo Stato e da regimi totalitari.
i non allineati:

-Il leader della Iugoslavia comunista ,
Tito
, si scontrò con l'URSS e ruppe i rapporti con Mosca per difendere l'indipendenza del suo paese.
-Nel 1961 Egitto, India e Iugoslavia fondarono il
movimento dei non allineati
, ovvero degli Stati che non si schieravano né con gli USA né con l'URSS.
L'inizio della guerra fredda
Full transcript