Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

I VIDEOGIOCHI

No description
by

arsenida arsenida

on 24 January 2016

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of I VIDEOGIOCHI

1948 ,CTR Amusement
The cathode ray tube amusement device ,ovvero "divertimento al video" ,è il primo gioco elettronico interattivo a usare un display elettronico .Fu creato da Thomas T. Goldsmith e Jr. Estle Ray Mann.Nello schermo compariva una sagoma nera che si muoveva e dei proiettili per colpire la sagoma che erano rappresentati da puntini, con la loro collisione avveniva un esplosione elettronica. Il CTR non può essere considerato un vero e propio video gioco in quanto in esso non vi è nessun aspetto di elettronica digitale e di programmazione.
1948 ,Turochamp
1950 ,BERNIE THE BRAIN
Fu costruita a Toronto da Josef Kates nel 1950
e fu esposto nel Canadian National Exhibition, è uno dei primi giochi sviluppati nei primi anni della storia dei videogiochi.I quattro metri di altezza del computer hanno permesso ai partecipanti dell' esposizione a giocare una partita di tic-tac-toe contro un'intelligenza artificiale. La macchina aveva un livello di difficoltà regolabile. Dopo due settimane in mostra da Rogers Majestic, la macchina è stata smontata al termine della mostra e in gran parte dimenticata .La grafica del gioco è molto meno in movimento, non soddisfa alcune definizioni di un videogioco.
1951 , SCACCHI
Dietrich Prinz, riuscì a fare un programma,prendendo due mosse alla volta da studiare, riducendo così il problema .Fu programmato su un calcolatore generico.
Non può essere considerato un videogioco, in quanto non c'è interazione ed è solo il calcolatore a giocare , l'utente no.
1951, Nimrod
In occasione dell'edizione del 1951 del Festival of Britain, la Ferranti realizzò un computer denominato Nimrod, appositamente costruito per essere in grado di giocare al gioco del Nim; in seguito venne esibito anche a Berlino. Il sistema, ideato da John Bennet e Raymond Stuart-Williams, venne presentato il 5 maggio 1951 e smantellato una volta terminato l'evento fieristico.Esso ha una buona matematica dietro ,così come il Tic Tac Toe,questo vuol dire che se uno capisce la matematica che c'è dietro può vincere sempre .
1952 ,ANCORA TIC TAC TOE
In Inghilterra ,Alexander S. Douglas,che possedeva un dottorato su interazione uomo-calcolatore, riuscì a sviluppare il tic tac toe, utilizzando EDSAC di Cambridge.Utilizza tubi catodici per visualizzare le memorie (a ritardo).Il tic tac toe di Duglas si avvicina molto al vero e proprio videogioco in quanto:
-veniva programmato, su un calcolatore generico;
-aveva il grafico e a pixel;
-Interattivo, ma a turni.
1958 ,Tennis for Two
Nel 1958 William Higinbotham creò un gioco chiamato Tennis for Two per intrattenere i visitatori del Brookhaven National Laboratory di New York (un laboratorio di ricerca nucleare). Diversamente da Pong e dai suoi vari cloni, Tennis for Two, visualizzato su di un oscilloscopio, mostrava un campo da tennis visto lateralmente. Il gioco poteva essere giocato da due persone tramite due plance formate da una manopola per regolare la traiettoria, ed un pulsante per lanciare la palla. Il lancio, per avere successo, doveva scavalcare la rete e la traiettoria della palla era influenzata da un algoritmo che simulava la forza di gravità. Tennis for Two rimase in mostra al Brookhaven National Laboratory per due anni, fino al 1959, anno in cui venne rimosso.
1961: Il primo videogioco largamente distribuito
Nel 1961, un gruppo di studenti del MIT, fra cui Steve Russell, programmò un gioco chiamato Spacewar sul nuovo computer DEC PDP-1 da 120.000$. Il gioco mostrava due astronavi capaci di lanciare missili e consisteva nell'abbattere l'astronave dell'altro giocatore, stando però attenti ad un corpo celeste piazzato al centro dello schermo che fungeva inoltre da centro gravitazionale, oltre ad altri elementi di disturbo. Il gioco fu presto incluso in tutti i nuovi computer DEC divenendo così il primo videogioco largamente diffuso della storia.



1966: Il prototipo della prima console
Nel 1966, Ralph Baer creò un semplice videogioco chiamato Chase che poteva usare come terminale video una normale televisione. Nel 1967 Baer, insieme a Bill Harrison, creò un videogioco a due giocatori intitolato Bucket Filling Game. Baer e Harrison continuarono a lavorare sul progetto, e nel 1968 creò un prototipo di quello che oggi definiremmo una console, il cosiddetto Brown Box: il sistema, poi evolutosi in Magnavox Odyssey permetteva di giocare vari giochi, inclusa una semplice simulazione di tennis e di tiro al bersaglio


1966: Il primo videogioco di simulazione
Sempre nel 1966 J.A Russel ed altri, depositarono all'ufficio brevetti, il "Golf Game Computing System". Si trattava del primo esempio di videogioco di simulazione ed in particolare era un sistema molto sofisticato e realistico che utilizzava un intero locale per simulatore il gioco del golf. Il brevetto venne poi rilasciato nel 1970.
I VIDEOGIOCHI
Ovvero , giochi gestiti da un dispositivo elettronico che consentono di interagire con le immagini di uno schermo
1955/1956
Musikalisches Würfelspiel (tedesco per "musical gioco dei dadi"),era un gioco fatto da Prinz ,a Roma. Vi erano dei dadi e in base a questi veniva descritto uno spartito e veniva suonato.
MATAJ
ARSENIDA
3DSA
Turochamp è un programma per giocare a scacchi che fu creato da Alan Turing e David Champernowne. Alan Turing doveva programmare su carta ogni mossa, una cosa relativamente lunga in quanto per ogni mossa impiegava circa mezz'ora. Inoltre non era un gioco interattivo , si svolgeva a turni. In questo caso vi era un algoritmo per esguiva il gioco ma non c'era un video e inoltre manca il calcolatore.
FONTI
:
Wikipedia
:
https://it.wikipedia.org/wiki/Videogioco
https://en.wikipedia.org/wiki/Early_history_of_video_games
https://it.wikipedia.org/wiki/Storia_dei_videogiochi
https://en.wikipedia.org/wiki/Musikalisches_W%C3%BCrfelspiel
https://en.wikipedia.org/wiki/Cathode_ray_tube_amusement_device
https://en.wikipedia.org/wiki/Bertie_the_Brain.
HMR
:
http://hmr.di.unipi.it/Documenti/HMR_2015i_GC-LezMus4.pdf
Appunti presi al museo degli strumenti del calcolo a Pisa
Full transcript