Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Untitled Prezi

No description
by

Maria Sofia Contardi

on 27 June 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Untitled Prezi

Il Sogno
<<Un sogno non interpretato è come una lettera mai aperta>>.
EGITTO
Grecia
Queste sono le parole del rabbino Chisda contenute nel Talmud ed esse ben evidenziano l'importanza che l'interpretazione dei sogni rivestiva nelle più antiche civilità del passato.
mondo egizio, mesopotamico ed ebraico
l'oniromanzia era inquadrata nella religione ufficiale e godeva di ampio credito.
società
greco-romana
l'oniromanzia era valutata con giudizi contrastanti, alcuni la consideravano cialtroneria, per altri era oggetto di fede.
MESOPOTAMIA
L'eroe Gilgamesh disse: "Ho sognato che una montagna mi franava addosso, ma ecco apparire un uomo che più bello non si vide mai, che mi liberava dai macigni e mi rialzava".
Enkidu interpreta il sogno dicendo all'eroe: "La montagna è il mostruoso Humbaba (il male) che piomberà su di noi, ma noi ci salveremo e lo abbatteremo".
Grazie a questa leggenda, fin dai tempi pù antichi l'uomo ha usato il piano onirico per ricavare utili consigli. Anche gli oniromantici erano apprezzati tanto quanto altri maghi poichè saper interpretare i sogni dava potenza e onore.
Infatti si pensava che i sogni facessero da tramite tra il mondo umano e sovraumano e che fossero portatori di rivelazioni di dei o demoni.
Il testo più antico di oniromantica che troviamo in Mesopotamia è il "Libro dei sogni assiro". La casistica dei sogni era varia e riguardava ogni aspetto della vita quotidiana del sognatore. Inoltre questo libro conteneva all'inizio ed alla fine, preghiere rivolte al dio Shamash "re del cielo e della terra" e a Ziqiqu "dio dei sogni".
qui, l'interpretazione dei sogni ebbe un carattere ufficiale ed una codificazione scritta.
"Libro dei sogni ieratico"
è il testo più antico che troviamo in Egitto, composto più di 4000 anni fa in caratteri ieratici. E' una specie di dizionario dei sogni in cui sono spiegate le immagini che più frequentemente appaiono in sogno.
L'opera divide i sogni in due gruppi:
quelli delle persone buone, protetti dal dio Horus;
quelli delle persone cattive, protetti da Seth.
" Libro dei sogni in demotico"
risalgono al II-III secolo secolo d. C. Sono incentrati sul sogno femminile di contenuto sessuale ed in rapporto con gli animali. Sono opere concepite su una consultazione immediata e le immagini che appaiono spesso in sogno sono spiegate dettagliatamente
In Egitto, gli interpreti dei sogni ricavevano una preparazione accurata atteaverso un corso di studi molto lungo che si svolgeva nella Casa della Vita, la quale era un'istituzione culturale dove gli scribi copiavano i manoscritti rituali delle varie discipline tra cui anche l'oniromantica.
C
a
s
a

d
e
l
l
a

V
i
t
a
BES
Vangelo
Vecchio Testamento
Corano
la prima parte di questo testo sacro fu dettata in sogno dall'Arcangelo Gabriele a profeta Maometto.
Poemi Omerici
Nei poemi omerici i sogni sono ritenuti realtà oggettive, visite fatte ad un dormiente da una figura onirica. Il sognatore è quasi sempre passivo, vede una figura, ode una voce cosìcchè tenta di allacciare un contatto, verbale o fisico, con l'immagine.
quando la divinità decide di sfruttare l'attività onirica per raggiungere i suoi fini personali, i sogni possono non essere veridici
T
e
m
p
i
o

d
i

A
s
c
l
e
p
i
o
sogno di Agamennone nel II libro dell'Iliade quando gli appare in vecchio Nestore che lo esorta ad attaccare Troia
Infatti Zeus, poichè desiderava la vittoria degli Achei, ordinò al Sogno ingannatore di recarsi nella tenda di Agamennone e di dirgli che era giunto il momento di attaccare i Troiani e vincere.
sogno simbolico e sogno diretto
sogno delle "oche" e dell' "aquila" che Penelope dice di aver visto, nel XIX libro dell'Odissea


"Straniero, sono inspiegabili e ambigui i sogni, e non tutto si attua per gli uomini. Perchè sono due le porte dei sogni incorporei: le une son fatte di corno e le altre d'avorio. I sogni che vengono dall' avorio segato, recando parole infruttuose danneggiano; quelli che escono dal liscio corno, qualora un mortale li veda s'avverano".
Penelope:
Apollonio Rodio
Argonautiche
Sogno rivelatore
di Medea
la mente della fanciulla si proietta in immagini che assumono il carattere di una confessione rivelando i suoi sentimenti e desideri: quindi, questo sogno si propone come una proiezione della mente.
Luciano di Samosata
Il Sogno
Dea dell' Eloquenza
Mondo Latino
Il mondo latino ebbe un duplice atteggiamento nei confronti dell'oniromanzia:
diffidente perchè veniva associata a pratiche magiche
fiducioso; soprattutto veniva apprezzata da imperatori, uomini di cultura e condottieri
Tacito ci narra un episodio accaduto, nel 16 d. C. a, a Druso Libone il quale fu accusato perchè esercitava pratiche astrologiche, riti magici e interpretava i sogni.
Cassio Dione scrive che Tiberio mise a morte gli stranieri e bandì tutti quelli che furono accusati di ricorrere alla divinazione.
Alessandro Magno aveva un interprete dei sogni personale
Augusto teneva conto sia dei propri sogni sia di quelli degli altri che lo riguardavano
Marco Aurelio confessava di aver ricevuto tanti aiuti per mezzo dei sogni
Cicerone
Somnium Scipionis
Publio Cornelio Scipione Emiliano, durante una visione onirica, compie un viaggio oltretomba sotto la guida di Scipione l'Africano il quale gli profetizza le tappe fondamentali della sua carriera politica e gli rivela la sorte che attende a coloro che hanno vissuto bene la loro vita.
Apuleio
Metamorfosi (o L'Asino d'oro)
libro XI delle
Lucio vede in sogno la dea Iside egizia in un'immagine nitidissima.
"Ricordati, e tienilo per sempre nel più profondo del tuo cuore, che a me dovrà essere conacrato il corso rimanente della tua vita sino ai termini del tuo ultimo respiro, e non mi sembra ingiusto se dedicherai la vita che ti rimane a colei per concessione della quale ti sarà dato tornare fra gli uomini. Vivrai però beato, sotto la mia tutela vivrai glorioso, e quando avrai oltrepassato lo spazio della tua vita, abitando i campi Elisi, adorerai frequentemente me affinchè ti sia propizia, me che vedrai tralucere tra le tenebre dell'Acheronte e regnare nei penetrali Stigi. Chè se, con continua obbedienza, religiosi esercizi e fermà castità, ti sarai fatto degno della mia devozione, sappi pure che io ho il potere di prolungare la tua vita di là dal termine stabilito dal tuo destino".
Artemidoro
1. sogni simbolici
2. sogni oracolo
3. sogni di fantasia
4. incubi
5. sogni di visione notturna
Libro dei Sogni
INSOMNIUM
alterazioni psicologiche dovute a problemi personali
SOMNIUM
troviamo un significato più profondo perchè ci sono dei simbolismi che trascendono la personalità e si collegano a ciò che Jung chiamerà archetipi
Arabi
sogni mentali con un contenuto profetico
sogni ambientali, dovuti a fattori esterni o malesseri interni
e la sua
interpretazione
nell' antichità.
FONTI :
" Sull'oniromanzia del mondo greco e romano", Davide Salvo
" I Sogni presso gli antichi", Valerio Sanfo
libro di testo "Itinerari greci"
http://www.auladigitale.rcs.it/special/concorso2011/2216774/pagine_htm/antropo11.html
http://www.centrostudilaruna.it/la-presenza-delle-profezie-nel-mondo-greco-e-romano.html
http://guide.supereva.it/sogni/interventi/2006/03/246282.shtml
"Ellènikà" 3a, 3b di Rossi, Gallici, Vallarino
"Letteratura latina" 2, 3 di Pontiggia, Grandi
"Novae voces-Cicerone" di Menghi
Maria Sofia Contardi
IIIC Liceo Classico
A.S. 2012/2013
Full transcript