Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

MAROCCO

No description
by

hassna elghmari

on 4 June 2015

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of MAROCCO

GRUPPI LINGUISTICI
La lingua ufficiale del paese è l'arabo, anche se il 40% degli abitanti parla il berbero (introdotto di recente nelle scuole ma non riconosciuto come lingua ufficiale); il francese è una seconda lingua diffusa ed è molto usato nell'amministrazione, nell'educazione superiore e nei commerci.


MAROCCO
Il
Marocco
è uno Stato dell'Africa settentrionale, all'estremità più occidentale della regione del mondo arabo denominata Maghreb.
Capitale
: Rabat
Valuta
: Dirham marocchino
Re
: Muhammad VI del Marocco
Governo
: Monarchia costituzionale.
Popolazione
: 32,52 milioni
Lingue ufficiali
: Lingua araba, Lingua berbera
MAROCCO
RELIGIONE
La maggior parte dei marocchini professa l'Islam. Oltre ai musulmani in Marocco sono presenti circa 60 mila cattolici, perlopiù francesi, e 15 mila ebrei.L'islam tradizionale nordafricano presenta alcune caratteristiche particolari come il culto dei marabutti e dei santi, le cui tombe sono oggetto di pellegrinaggi. Rispetto alla vicina Algeria, in Marocco sono molto meno numerosi e diffusi i fenomeni di terrorismo "islamista".

La cucina marocchina ha come base il cibo tipico
dei nomadi (pecora, verdure e datteri) con contaminazioni
arabe e francesi.
Tipici piatti sono il tajine, il cuscus, la bastilla, il m'choui,
l'harira, le brochette e i merguez.
In ogni strada è facile imbattersi in venditori di fichi d'India e datteri.
Mandorle, miele e zucchero sono la base dei dolci marocchini, tipici dolcetti sono le "corna di gazzella“ dove la pasta di
mandorle si mescola con il profumo dei fiori d'arancio.
La bevanda tipica del Marocco è il Tè alla menta che ha
anche un suo tipico rito di preparazione.


GASTRONOMIA
tajine
couscous
bastilla
le brochette
dolci
tè marocchino
L’AGRICOLTURA
I principali prodotti agricoli sono costituiti da
cereali, canna da zucchero, agrumi, legumi, pomodori, olive (il Marocco è uno dei maggiori esportatori di olio
di oliva), e dai prodotti dell'allevamento.
Il Marocco ha numerose
città incantevoli, tutte da
scoprire e vivere. Le località
più ambite e assolutamente
da non perdere.
CASABLANCA
Nota anche come Casa o Dar El Baida, Casablanca si trova lungo le coste occidentali del Paese, è bagnata dall’oceano Atlantico, ed è considerata la capitale economica del Marocco. Casablanca assomiglia ad una città dell’Europa del sud, una metropoli di palazzi architettonici moderni ma con pochi edifici storici. Ciascun cittadino europeo qui si sentirà a casa e capirà immediatamente il tipo di vita che si svolge in una città come questa. Indipendentemente dal vostro budget, a Casablanca non sarà difficile trovare un buon ristorante dove mangiare.
AGADIR
Agadir è la città più visitata del Marocco meridionale e si affaccia sull’oceano Atlantico con un litorale di oltre 10 chilometri. La Regione è ricca di paesini poco distanti l’uno dall’altro, molto belli e interessanti da visitare. La città è baciata dal sole per 300 giorni l’anno e offre numerosi alberghi, appartamenti e villaggi tra cui scegliere per il vostro soggiorno e locali che affittano ombrelloni e lettini.
Rabat è stata la capitale del Marocco dal 1912 ed è la seconda città per volume d’affari dopo Casablanca. Rabat è famosa per i suoi monumenti storici, per i suoi tappeti lussuosi e per i ricchi ricami. Una cosa particolarmente positiva di Rabat è che potrete facilmente esplorare la città da soli, senza l’aiuto di una guida e chiacchierare con i locali nei caffè che non dipendono dai soldi dei turisti.
RABAT
il centro della città
Sawmaat Hassan
Erfoud è una cittadina situata al confine
con il deserto del Sahara e rappresenta, ovviamente,
il punto di partenza dei tour nel deserto,
gite in cammello oppure a bordo di veicoli 4×4.
Casa della tradizionale “kalia”, non vi deluderà
ma anzi vi affascinerà con i suoi edifici rossi polverosi.
Molto belli i paesaggi nei dintorni come Er – Rachidia
con ala sua fortezza berbera immersa nei palmeti.


Marrakech è la seconda città più grande del Marocco e la sua popolazione è in continua crescita. Possiede un’area industriale molto attiva e rappresenta il mercato più significativo ed il centro organizzativo di tutto il Marocco meridionale. Per visitare Marrakech non occorre avere una guida, ci sono infatti mappe esaurienti. I souk sono molto interessanti, con i loro vicoletti e piccole piazze, alcune dedicate ad una specifica disciplina di artigianato e spesso si può assistere alla lavorazione del prodotto.


Tangeri, nota come la città bianca, si sviluppa intorno
al suo splendido porto, luogo di eccezionali scambi di import ed export, dove potrete ammirare yacht lussuosi. Tangeri è il punto preciso dove il mar Mediterraneo ed l’oceano Atlantico si incontrano ed è molto famosa per
le sue bellissime spiagge. E’ sicuramente una città viva e molto caratteristica da includere nel vostro tour in Marocco.


Sicuramente la più ammirata città del Marocco è Fez, a 300 chilometri da Marrakech, una città dove si respira un’aria medievale grazie alle sue stradine tortuose. I vostri sensi si perderanno fra paesaggi meravigliosi, suoni particolari e profumi colorati. Fès el-Bali l’antica città murata è l’attrazione principale, Un capolavoro di e luoghi sacri. Se soggiornerete qui, per visitarla bene saranno necessari 3 o 4 giorni, vedrete moschee, medersas, fondouks e monumenti.
ERFOUD
MARRAKECH
place Jame3 lfna
Manara
Kotobiya
TANGERI
Souk
tipiche case di Fez
FEZ
La famiglia reale
Parlamento
Il Re
Valuta Dirham
bandiera
PERSONAGGI
FAMOSI

HICHAM EL GERROUJ
Hicham El Guerrouj è un ex atleta marocchino, specializzato nelle corse di mezzofondo.
Considerato tra i più grandi atleti della specialità di tutti i tempi, ha ottenuto in carriera due ori olimpici e quattro medaglie d'oro ai Mondiali.
BADR HARI
Hicham El Gerrouj
DAOUDI ABDELLAH
Abdellah Daoudi è il miglior cantante marocchino di Chaabi, nato 12 ottobre 1972 nel quartiere di Sbata a Casablanca (Marocco).
RACHID EL WALI
Rachid El Ouali (Rabat, 3 aprile 1965)
è un regista, attore e comico
marocchino.
ADEL TARAABT
Adel Taarabt (Fes, 24 maggio 1989) è un calciatore francese naturalizzato marocchino, centrocampista o ala del Queens Park Rangers e della Nazionale marocchina.
Data di nascita: 24/mag/1989 in Fes Marocco
Età: 25
Nazionalità: Marocco Marocco
Altezza: 1,80 m
Nella squadra dal: 31/gen/2014
Scadenza: 30.06.2014
Squadra attuale: AC Milan
Posizione: Ala sinistra
Procuratore: Mondial Promotion
Giocatori della nazionale: Marocco Marocco
Dati biografici
Nazionalità: Marocco
Altezza: 1.97 cm
Peso: 106 kg
è un kickboxer
Dati agonistici
Categoria: Pesi massimi
Incontri disputati:
Totali 89
Vinti (KO) 78 (64)
Persi (KO) 12 (8)
Pareggiati 0
Il Marocco è pieno di souq e mercati all'aperto (in tutte le città e villaggi una volata a settimana). Nei souq e nei mercati è possibile trovare diversi generi di merci di artigianato locale, tappeti, ceramiche, tessuti, oggetti in cuoio, strumenti musicali tradizionali marocchini, oggetti in legno, in rame, bigiotteria, ma anche spezie, ed erbe medicamentose.
SOUVENIR
ABBIGLIAMENTO
Anche se il Marocco è un Paese che
sta crescendo velocemente e si sta aprendo
sempre più allo stile di vita occidentale,
non dimenticatevi che si tratta di una nazione
molto tradizionalista e ciò si riflette soprattutto nell’abbigliamento, soprattutto lontano dalle
grandi città.
STRUMENTI
MUSICALI
VIOLINO ARABO
IL VIOLINO ARABO – KHAMANJAH - Il violino viene sonato nell’orchestra di musica colta araba, il Takht, e anche nelle cerimonie. In Marocco è frequente vederlo suonare in verticale, come se fosse un piccolo violoncello, dando seguito alla tradizione popolare della Rababa (violino egiziano) . E’ uno strumento musicale molto diffuso nella formazione di musica araba.
TAARIJA
BENDIR
IL BENDIR – TAMBURO - ll Bendir (abendair / abendaïr ; plurale bnader) è un tamburo a cornice originario del Nord africa. E’ piuttosto diffuso nel magreb ed il suo uso è legato alle tradizioni rurali e alle cerimonie dhikr. In genere viene sorretto dal pollice della mano sinistra, mentre la mano destra, libera, produce suoni di sollievo quali il Dum (tutte le dita colpiscono insieme il bordo del tamburo) o il Pa (le dita allargate colpiscono il centro del tamburo). Con le dita della mano sinistra possono essere aggiunti degli accenti.

IL TBILA – BONGO MAROCCHINO - Il Bongo marocchino è costituto da una coppia di tamburi fatti di ceramica e chiusi, da un lato, da una pelle di capra. I due tamburi hanno dimensioni diverse e servono per produrre suoni differenti. Tale strumento si suona con le mani e serve per accompagnare cerimoniali o per intrattenere.

TBILA

L’ “OUD “ LIUTO MAROCCHINO - L’oud è un cordofono appartenente alla famiglia dei liuti. Ha il manico stretto e corto rispetto al corpo dello strumento e la parte terminale del manico è inclinata all’indietro. E’ uno degli strumenti più caratteristici della musica araba sia moderna che tradizionale.
OUD
Il Marocco è un paese berbero-arabo
nel nord-ovest dell'Africa il cui nome deriva
da Marrakech, capitale e città imperiale tra
il 1062 e il 1273. Abitato fin dalla preistoria
dai berberi, il paese conobbe la colonizzazione
di vari popoli come fenici, cartaginesi, romani,
vandali, bizantini e infine dagli arabi. Nel 788,
salì al potere per la prima volta una dinastia araba,
quella degli Idrissidi, che regnò fino al 917 e che diffuse l'islam tra le popolazioni berbere.
STORIA

È una specie di un piccolo tamburo molto diffuso in Marocco, viene utilizzato soprattutto durante le feste ( nei matrimoni).
CITTÀ IMPORTANTI
Full transcript