Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

La seconda rivoluzione industriale

No description
by

Lorena Prenga

on 11 November 2014

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of La seconda rivoluzione industriale

La seconda rivoluzione industriale
La medicina e le nuove scoperte scientifiche
L'elettricità
Lo sviluppo tecnologico e il telefono
Nuove invenzioni nel campo medico
L'elettricità
L'elettricità era stata scoperta da Alessandro Volta verso le fine del settecento. Volta inventò una pila che produceva corrente, la quale fu integrata nell'industria nel 1860. L'energia elettrica fu molto richiesta quando in Italia e negli Stati Uniti furono costruite centrali idroelettriche.
L'energia elettrica
Uno degli aspetti più importanti della Seconda rivoluzione industriale fu l’utilizzo dell’elettricità nell’industria. A renderlo possibile fu l'invenzione della dinamo, una macchina capace di trasformare l’energia meccanica in energia elettrica. La dinamo fu inventata nel 1872. Molto importanti furono poi le possibilità di trasportare a distanza l’energia prodotta e l’utilizzo delle cadute d’acqua dei fiumi e dei torrenti di montagna per produrre elettricità. Queste ultime vennero introdotte nel 1883.
La dinamo
Tra gli impieghi della nuova forma di energia vi furono:
l’illuminazione (nel 1879 l’americano Thomas Edison inventò la lampada a incandescenza);
il telegrafo elettrico (sperimentato per la prima volta nel 1833 da Samuel Morse) e la telegrafia senza fili (Guglielmo Marconi effettuò nel 1901 la prima trasmissione radio attraverso l’Atlantico);
il telefono (sperimentato nel 1856 da Antonio Meucci e brevettato nel 1876 da Alexander Graham 8e11);
il cinematografo (fratelli Lumière, 1895).
Il telefono
Lo sviluppo tecnologico
Lavoro svolto dall'alunna
Prenga Lorena
Durante questo periodo vennero fatte molte importanti scoperte nel campo medico, il quale si sviluppò anche grazie all’ invenzione di nuovi strumenti come lo stetoscopio.
Gli studi di Charles Darwin e Gregor Mendel sulla teoria della specie e sulla trasmissione dei geni danno vita a nuove scoperte nel campo della fisiologia, della genetica e della anatomia.
Nuove invenzioni nel campo medico
Altri passi avanti furono: la scoperta della penicillina l'utilizzo dell’anestesia negli interventi chirurgici, l’utilizzo dei raggi X, per le diagnosi interne. Grazie a questi passi avanti il numero delle malattie curabili crebbe e di conseguenza gli ospedali diventarono più igieniciNon ci fu più un alto tasso di mortalità infantile e si innalzò l’età media della popolazione e le aspettative di vita delle persone. Tutto questo portò ad un incremento della popolazione
In sostanza la dinamo è una macchina rotante in grado di trasformare l'energia meccanica in energia elettrica, ha quindi la funzione di trasduttore. Nella sua forma più semplice consiste di una spira conduttrice immersa in un campo magnetico (generato da una coppia di magneti permanenti) e messa in rotazione da un albero.
Nuove invenzioni dopo l'elettricità
Intorno agli anni quaranta del XIX secolo si sviluppò rapidamente in tutto il mondo il telegrafo elettrico Morse, che per la prima volta nella storia permetterà la comunicazione istantanea a distanza, e aiutò a creare le prime agenzie di stampa, che raccoglievano e distribuivano notizie in tempi molto più rapidi che in passato. Sarà soprattutto la successiva invenzione del telefono (1860) e la sua diffusione su larga scala che porteranno ad una vera rivoluzione nel campo delle comunicazioni, imprimendo in poco tempo uno sviluppo totalmente nuovo nelle interrelazioni sociali e commerciali tra gruppi e individui.
Nei primi anni del novecento,si inventò anche la radio.
Parallelamente ai trasporti, anche le comunicazioni si fecero più veloci e intense. La scoperta dell'elettromagnetismo con l'invenzione del telegrafo prima e del telefono poi, permisero le prime comunicazioni intercontinentali. Questo tipo di comunicazione ebbe un ruolo decisivo per il graduale sviluppo dell'interdipendenza tra i vari stati del pianeta.
Fine
A.S. 2013/2014
Classe 3^A
Full transcript