Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

IL SIMBOLO

No description
by

valentina nori

on 18 December 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of IL SIMBOLO

Simboli in storia dell 'arte
I simboli nella storia dell'arte sono degli elementi molto importanti e ci comunicano un mistero che non siamo in grado di esprimere in altro modo, ed ecco che si collocano su un piano diverso dall'evidenza della realtà. Vanno per questo decifrati e possono dare origine e interpretazioni diverse fra loro. Per molti secoli hanno ispirato l'arte occidentale ed ogni popolo ha i propri, a volte la simbologia di un popolo può coincidere con quella di un altro se questi hanno la stessa origine. Quei simboli che nella nostra cultura hanno assunto un preciso significato, hanno invece un valore opposto in altre, ad esempio, il concetto di lutto in occidente è rappresentato dal colore nero, in oriente è associato al colore bianco.
Altra cosa sono le allegorie che rappresentato dei "concetti" con particolari raffigurazioni.
Simboli matematici
Possiamo trovare l'utilizzo dei simboli anche in matematica ad esempio..
Il simbolo è un elemento concreto, oggetto, animale o persona a cui si attribuisce la possibilità di evocare o significare un valore ulteriore, più ampio o astratto rispetto a quello che normalmente rappresenta.
Simboli massonici
I simboli nella natura
I simboli di natura sono stati usati dai nostri antenati primitivi che si sentivano direttamente collegati alla madre terra e all'esistenza fluida e i suoi mondi interiori: i Nativi Americani per esempio si circondavano di simboli che enunciavano gli aspetti strutturali di infiniti apparati energetici costituenti la realtà e l'esistenza, così come lo fecero anche i Celti e gli Egizi o altre culture antiche.
La parola simbolo deriva dal latino symbolum, avente il significato approssimativo di mettere insieme due parti distinte, in tal modo ogni parte diviene un segno di riconoscimento.
Il simbolo rimanda sempre a qualcos’altro, in quanto esprime la presenza di qualcosa di assente o
che è impossibile percepire, qualcosa la cui esistenza o conoscibilità dipendono, in qualche modo,
dal simbolo stesso.

3^Dla

Liceo Artistico Boscardin
Laboratorio Multimediale
IL SIMBOLO
Simboli celtici
Cernunno
Cernunno è l'antico dio celtico conosciuto anche come il "dio cornuto" o "il cornuto".
Esso possiede le corna a indicare, secondo l'antica concezione, il suo potere naturale poiché ogni cosa che aveva le corna (ecco perché anche Pietro è stato dipinto con le corna nel quadro contenuto nella Chiesa principale cattolica; non si tratta di aureola fatta male ma di vere e proprie corna indicante il potere del Profeta cristiano) non veniva ritratto come animale nelle opere d'arte bensì come mezzo uomo ma sempre con le corna.
In molti vedono lo sciamano che acquisisce il potere (le corna) del dio della natura (cernunno). Le corna del dio cernunno hanno anche qualità femminili non solo maschili che vengono rese con la forma della mezza luna in cima alla testa posizionata in mezzo le corna. Il dio possiede anche il Torch ovvero un bravviale semi circolare aperto alle estremità che simboleggiano l'equilibrio, equilibrio raffigurato nel rispetto dei cicli della natura e nel rispetto della madre di tutti gli esseri.
Cernunno possiede un serpente nell'altra mano che porta sempre delle corna, simbolo sensoriale, per sperimentare la realtà a livelli superiori esattamente come i serpenti che percepiscono il mondo attraverso la lingua e la pelle innanzitutto, oltre al fatto che mutano la pelle nei periodi di crescita.


Significati simbolici Cernunno
Fecondità
Virilità
Energia primaria
Forza
Onora
Coraggio
Collegamento
Comunità
Sciamanesimo
Cicli del Tempo
Stabilità
Bilanciamento Dualità
Potenza sessuale
Maschio Potenza
Unità con la natura


Triskell
Il simbolo celtico Triskell possiede il significato di progresso della vita umana ma anche di tutta quella esistente sul pianeta Terra: il termine triskell significa "tre gambe" in greco e infatti osservandolo assomiglia alla trinacria simbolo di una delle regioni italiane più belle, la Sicilia, dove al centro è presente una testa umana con due volatili ai lati e circondata da tre gambe che sembrano correre in cerchio intorno ad essa. Il Triskelion (noto anche come triskele, Triquetra o fylfot) è un simbolo celtico dal significato molto complesso nonostante non possieda una geometria molto difficile da ripetere. Esso è intriso di significati quali il movimento, la ciclicità delle cose e degli avvenimenti così come avviene nella nostra esistenza e infatti il movimento è il significato maggiore in questo simbolo.
In sintesi i significati del Triskell possono essere..
Crescita personale
Sviluppo umano
Espansione spirituale.

Esso simboleggia anche la trinità che può essere rappresentata mediante tre spirali o nodi, questo secondo l'arte celtica e nordica, che sta a significare le tre parti della persona, o i tre mondi (mente, corpo e spirito; mondo infeo, mondo umano e mondo superiore) che convivono insieme in un unico eterno ciclo di nascite e morti. I nodi celtici sono molto importanti nella tradizione celtica e nordica, infatti vengono disegnati o incisi in molti supporti.


Croce celtica
Il simbolismo della croce celtica (in particolare la croce equilatera in cui ogni sporgenza è equidistante dal centro) indica il desiderio umano di conoscere e sperimentare il mistero della vita dispiegarsi. Potremmo dire che il mistero possa svolgersi in un modello di 4 pezzi, in cui i bracci della croce offrono quattro modi per ascendere, un invito a conoscere oggettivamente:

Sè stessi
Natura
Saggezza
Dio / Dea
Etimologia
Che cos' è il simbolo?
La simbologia celtica presenta molteplici simboli, accomunandoli con vari significati nascosti e da interpretare.
Cosa esprime?
Simboli egiziani
Nell'antica cultura egiziana troviamo la presenza di una qunatità molto vasta di simboli, basti pensare al loro alfabeto, caraterizzato da segni.
Delta
Il nome del Delta, conosciuto anche come Triangolo di Salomone, deriva dall’alfabeto greco e, più precisamente, dalla forma in maiuscolo della terza lettera. Il Delta simboleggia la perfetta geometria del numero tre. La valenza simbolica del numero tre è riscontrabile in diverse filosofie, tra cui, quella preminente del pensiero pitagorico dove il 3 rappresenta l’ascesa dalla molteplicità all’unicità. Non solo: il tre, nella religione cristiana, simboleggia la Trinità mentre, in molte teosofie, appare come simbolo di perfezione divina. La lettera G posta al centro del Delta si presta a innumerevoli interpretazioni: si suppone che possa essere l’iniziale di Dio in lingua inglese (God) oppure rappresenta l’iniziale della parola Gnosi. Oltre a queste possiamo interpretarla come la G di Geometria. Il Delta si può far ricondurre anche al tetractis pitagorico, al tetragramma ebraico o all’Occhio Divino fonte creatrice della vita.
Zodiaco
Nella massoneria, i dodici segni dello Zodiaco vengono usati come un insieme di simboli che non ha nulla in comune con il significato divinatorio e astrologico che generalmente gli viene attribuito. Infatti, lo Zodiaco, definito secondo Platone come “cancello del cielo”, raffigura prettamente una visione cosmogonica dell’Universo. Nei templi massonici i segni zodiacali sono rappresentati nella parte superiore per indicare la varietà di forme del cosmo che si accentra intorno alla Terra. Secondo le geometrie ternarie e quaternarie, dove ognuno dei quattro elementi (terra, acqua, aria e fuoco) raccoglie tre segni, casa di sette pianeti (tre + quattro) lo Zodiaco rappresenta una caratteristica attribuita via via ad ognuno dei tre gradi dell'Ordine.
Sole e luna
Il Sole, adorato da quasi tutti i popoli antichi simboleggia la saggezza, l’amore e l’intelletto. In senso più ampio, il Sole rappresenta la parte maschile e si erge a simbolo dell’origine e della ragione che porta luce ove domina il buio e illumina l’intelletto. La Luna, invece, rappresenta l’oscurità e la mutabilità delle forme. Espressione del lato femminile, la Luna rappresenta la figura materna che si palesa con il suo movimento crescente e calante regolatore dei ritmi naturali. Il movimento della Luna si contrappone a quello del Sole in cui la sua dinamica è puramente assiale, seguendo la corrispondenza Sole-Spirito-Fuoco.
La Luna, nella simbologia massonica, rappresenta anche l’idea di mediazione tra le forze che interagiscono nel cosmo dato che la sua superficie riflette la luce del Sole. Dal punto di vista massonico il Sole e la Luna, nel loro insieme, simboleggiano la dialettica degli opposti, l’alternarnanza e l’equilibrio del giorno e della notte, della luce e dell’oscurità, del bianco e del nero.

Agnello
E' il simbolo dell'innocenza, della semplicità e della purezza. E' la vittima sacrificale per eccellenza nonché immagine di Cristo.
Delfino
Nella civiltà degli Etruschi questo mammifero era raffigurato come traghettatore delle anime verso le isole dei Beati.
Drago
E' il simbolo del male e di Lucifero. San Giorgio, così come San Michele Arcangelo, lo combatte e lo vince e significa la vittoria di Cristo sul male. Viene raffigurato come un grosso serpente con le ali simili a quelle dei pipistrelli.
Leone
E' il simbolo dell'evangelista Marco (leone alato) ed è l'emblema della Repubblica di Venezia. Il leone rappresenta il coraggio, la forza e la regalità.
Simboli nei nostri giorni
Il logo personale che abbiamo idealizzato e creato ad inizio anno può infine essere considerato un simbolo, appunto esprime concetti e significati in questo caso personali, secondo dei simboli, lettere, forme o disegni.
Full transcript