Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

A PIECE ABOUT US... L'albero

No description
by

Alessandro Galli

on 14 May 2015

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of A PIECE ABOUT US... L'albero


l'albero

“Puoi mantenere un sorriso autentico solo per un po', dopodiché è solo denti.”
Chuck Palaniuck
"Invisibile Monster"
"Era proprio così che bisognava vivere:
noncuranti, senza paura,
dandosi per interi"
K. Mansfield
"Racconti"
“Ogni pensiero è valido solo se si traduce in azione.”
Wang-Yang Ming
"L'arte della guerra"
"Non tutti quelli che vagano si sono persi"
J.R.R. Tolkien
"Il Signore degli Anelli"
"Chi sei tu,
che nascosto dalla notte,
hai ascoltato i miei pensieri più segreti?"
W.Shakespeare
"Romeo e Giulietta"

“Il piacere è il più certo mezzo di conoscimento offertoci dalla Natura e colui il quale molto ha sofferto è men sapiente di colui il quale ha molto
gioito.”
Gabriele D'Annunzio
"Il Fuoco"
Non leggeva più, non scriveva più. Credo che mangiasse molto poco e che non dormisse quasi mai. Nella sua stanza la luce restava accesa tutta la notte, ma lui non c'era.
Passeggiava nelle strade buie della città e nel cimitero.
Diceva che il luogo ideale per dormire era la tomba di una persona amata.

Agota Kristof
"Trilogia della città di K"
L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio.
Italo Calvino
"Le città invisibili"
"[…]. Così tra questa
immensità s’annega il pensier mio:
e il naufragar m'è dolce in questo mare."
Giacomo Leopardi
L'infinito
Il tutto è nel poco:
il bambino è piccolo e contiene l'uomo, il cervello è angusto e ricetta il pensiero,
l'occhio non è che un punto eppure abbraccia gli spazi.
Alexandre Dumas
La signora delle camelie
Fuori, nel mondo, cerchi materiale di gioia: ma solo in te stesso lo puoi trovare.
Rabindranath Tagore
"I confini di una personalità non sono riproducibili mediante una linea netta, ma ognuno di noi si fonde in maniera impercettibile con le cose e le persone che gli stanno accanto"
Edith Wharton,
"Scrivere narrativa"
"Non si vede bene che col cuore.
L'essenziale è invisibile agli occhi."

Antoine de Saint-Exupéry
"Le Petit Prince"
“La bellezza è un mondo tradito. La possiamo incontrare solo quando i persecutori l’hanno dimenticata per errore da qualche parte”.
Milan Kundera
“L’insostenibile leggerezza dell’essere”
"Ho sempre provato. Ho sempre fallito. Non importa. Prova ancora. Fallisci ancora. Fallisci meglio"
Samuel Beckett
"Peggio tutta"
"Le persone viaggiano per stupirsi delle montagne, dei mari, dei fiumi, delle stelle; e passano accanto a se stessi senza meravigliarsi"
S.Agostino
"Le confessioni"
"Un viaggio di mille miglia comincia sempre con il primo passo"
M. L. King
"Autobiogrfia"
"Come arma, mio fratello ha la spada e Re Robert la mazza da combattimento. Io ho la mente e per continuare ad esser un'arma valida, la mente ha bisogno dei libri quanto una spada ha bisogno della pietra per affilarla."
G.R.R. Martin
“The Game of Thrones”
"Parole inventate e tempo sospeso: questa la mia ricetta per essere felici"
Gesualdo Bufalino
"Argo il cieco"
"Sulla mia terrazza il cielo era immenso, pieno di nubi mutevoli: mi pareva di essere sul tetto del mondo, o sulla tolda di una nave, ancorata su un mare pietrificato."
Carlo Levi
"Cristo si è fermato a Eboli"
"Bruciava il Rosso alla base degli alberi,
Intenso come le luci di scena
mostrando ad essi, lontano, lontano,
Il teatro del giorno.
Ed era l'universo che applaudiva
mentre eminente nel mezzo della folla
dall'abito regale che indossava,
io distinguevo Dio."
Emily Dickinson
Anche l’attimo fuggente ha un ricco passato,
il suo venerdì prima di sabato,
il suo maggio prima di giugno.
Wislawa Szymborska
L'elogio dei sogni
“Vanità delle vanità, dice Qoèlet, vanità delle vanità, tutto è vanità.”
La Bibbia
Qoèlet 1.2
Quante tentazioni attraverso nel percorso tra la camera
e la cucina, tra la cucina
e il cesso. Una macchia
sul muro, un pezzo di carta
caduto in terra, un bicchiere d’acqua
un guardare dalla finestra ciao alla vicina,
una carezza alla gattina.
Cosi dimentico sempre l’idea principale, mi perdo
per strada, mi scompongo
giorno per giorno ed è vano tentare qualsiasi ritorno.
Patrizia Cavalli
Powered by

INA MUHAMETI
LUANA DITO
ALESSANDRO GALLI
"Capita che sfiori la vita di qualcuno, ti innamori e decidi che la cosa più importante è toccarlo, viverlo, convivere le malinconie e le inquietudini, arrivare a riconoscersi nello sguardo dell’altro, sentire che non ne puoi più fare a meno… e cosa importa se per avere tutto questo devi aspettare cinquantatré anni sette mesi e undici giorni notti comprese"
G.M.Marquez
"L'amore ai tempi del colera"


Ciascuno di noi veda, si crede "uno"ma non è vero: è "tanti", Signore, "tanti", secondo tutte le possibilità d'essere che sono in noi"
Luigi Pirandello
Sei personaggi in cerca d'autore
"Dopo che lo ebbi perduto, mi dicevano, a voce o per lettera:
"So che senti freddo".
Ma io scrissi questa frase (per nessuno, a me stessa):
«Io non ho freddo. Sono ancora avvolta dalla ruvida lana alla sua dolcezza"
Lalla Romano
"
Nei Mari estremi"
Full transcript