Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Lezione simulata concorso 2016

No description
by

Micaela Di Trani

on 4 November 2016

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Lezione simulata concorso 2016

PIANIFICAZIONE DELLA LEZIONE IN FASI

Ambito AD04; Classe di concorso A012 - A022
Regione Puglia

I fase
II fase
III fase
IV fase
V fase
Candidata: Micaela Di Trani
Bari, 3 novembre 2016

Concorso Scuola 2016
Unità di Apprendimento per la prova orale del Concorso a Cattedra 2016
Traccia estratta: "Ernesto" di Umberto Saba
Lezione simulata di Italiano

MOTIVAZIONI PERSONALI e PROFESSIONALI - 1
PREREQUISITI
OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO
DECLINAZIONE IN INDICATORI DI COMPETENZA
COMPETENZE CHIAVE EUROPEE
METODI E STRATEGIE
MATERIALI E STRUMENTI
AUTOVALUTAZIONE
VERIFICA
GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA VERIFICA SOMMATIVA - 1
ATTIVITÀ DI RECUPERO E CONSOLIDAMENTO
Raccontarsi per capirsi: "Ernesto" di Umberto Saba e l'autobiografia letteraria

DESTINATARI: Classe III - Scuola Secondaria di I grado
DESTINATARI e CONTESTO CLASSE
CONTESTO:

23 alunni (11 femmine; 12 maschi);
Comportamento vivace ma corretto;
Classe partecipe al dialogo educativo, anche se si evidenziano differenti livelli di preparazione e interessi;
Comprovata presenza di alunni fortemente motivati e interessati a percorsi liceali;
1 alunno con DSA (disturbo specifico dell'apprendimento: dislessia e disgrafia), che usufruisce degli strumenti compensativi e delle misure dispensative previste dalla L.170/2010 (cfr. PDP);
1 alunno con disabilità lieve seguito da un docente di sostegno per numero 6 ore settimanali per il quale si è deciso di prevedere una programmazione paritaria per obiettivi minimi, così come previsto dalla L.104/1992 (cfr. PEI).
TRAGUARDI DI COMPETENZA DA RAGGIUNGERE
Individuati mediante l'ausilio delle "Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istuzione" (settembre 2012).
Una tempestiva verifica servirà per rilevare in maniera immediata le eventuali carenze da sanare per non compromettere il processo di apprendimento.
Individuate mediante l'ausilio della "Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio relativo a competenze chiave per l'apprendimento permanente (18 dicembre 2006).
METODI:
Lezione frontale
Brainstorming
Analisi testuale guidata
Attività laboratoriale in gruppo (jigsaw)

STRATEGIE:
Lettura espressiva che favorisca l'immedesimazione
Visione di un film
Discussione guidata
Utilizzo di materiali personali per costruire la propria autobiografia
Lettura e condivisione di elaboratori propri
Utilizzo della piattaforma EDMONDO.COM per la condivisione del materiale e per un confronto costante tra alunni e insegnanti
INSEGNANTE
STUDENTI
STRATEGIE DIDATTICHE PER L'ALUNNO CON DSA - 1
NECESSARIE A:

acquisizione di conoscenze
sviluppo di abilità
maturazione di competenze
COMPROVATE DA:

verifica e valutazione delle conoscenze
verifica e valutazione delle abilità
certificazione delle competenze
TEMPISTICA
In ottemperanza alla Dir. Min. del 27/12/2012 e della Circ. Min. n.8/2013 nonché della Legge 170/2010.
STRUMENTI COMPENSATIVI
Sintetizzatore vocalico/registratore
Mappe concettuali e schemi
Computer
Software didattici specifici
Fotocopie con testi facilmente leggibili
Vocabolario multimediale
MISURE DISPENSATIVE
L’alunno sarà dispensato dalla lettura ad alta voce e dalla scrittura sotto dettatura
Avrà a disposizione tempi di esecuzione delle verifiche allungati e distesi
Il carico dei compiti a casa sarà inferiore a quello dei compagni
Cosa hai imparato durante la lezione?
Come hai imparato?
Quando hai imparato?
Che difficoltà hai incontrato?
L’insegnante ti è stata d’aiuto?
Ti ha aiutato lavorare insieme ai tuoi compagni?
Che giudizio daresti al tuo lavoro?
OGGETTO DI VALUTAZIONE

1 – La capacità di lavorare in gruppo, nel rispetto delle regole, ma soprattutto dell’opinione altrui

2 – La capacità individuale di organizzare il proprio lavoro in modo efficace, pertinente e originale rispetto all’argomento proposto

3 – I risultati delle verifiche
FASI DI VALUTAZIONE

DIAGNOSTICA (iniziale): verifica dei prerequisiti

FORMATIVA (in itinere): verifica della qualità dell’apprendimento e dell’efficacia dell’intervento didattico (in 2 diversi momenti).

SOMMATIVA (finale): accertamento dell'assimilazione dei contenuti e dell'acquisizione delle abilità
TIPOLOGIA DI VERIFICHE SOMMINISTRATE

Produzione breve e originale che parte da stimolo visivo
Realizzazioni di schemi e di mappe concettuali in modalità cooperativa
Strutturazione dell'esposizione in modalità Jigsaw
Discussione in classe con domande/stimolo
Prova soggettiva
Reiterazione degli interventi didattici
Appunti, schede, mappe concettuali esemplificative
Esercizi guidati e schede strutturate
ATTIVITÀ INDIVIDUALI DI AMPLIAMENTO E DI APPROFONDIMENTO
Lettura integrale dei romanzi "Il giovane Holden" di J. D. Salinger; "I miei genitori non hanno figli" di Marco Marsullo; "Lessico famigliare" di Natalia Ginzburg
Lettura del fumetto "Persepolis" di Marjane Satrapi e visione del film di animazione omonimo
ATTIVITÀ POST VALUTATIVE
BIBLIOGRAFIA
Un bravo insegnante si riconosce da come reagisce quando, salendo in cattedra, gli capita di inciampare. Cosa saprà fare di questo inciampo? [...]
Se esiste una vocazione all'insegnamento, non può che radicarsi nell'inciampo.
Massimo Recalcati, L'ora di lezione
Asor Rosa, Alberto,
Sintesi di storia della letteratura italiana
, La nuova Italia, Roma, 1982.
Bertocchi, D., Ravizza, G., Rovida, L.,
Metodi e strumenti per l'insegnamento e l'apprendimento dell'italiano
, Edises, Napoli, 2016.
Chiosso, Giorgio,
Educazione, pedagogia e scuola dl'Umanesimo al Romanticismo
, Mondadori Università, Milano, 2012.
d'Alonso, Luigi,
Gestire la classe
, Giunti Scuola, Firenze, 2012.
Da Re, Franca,
La didattica per competenze
, Pearson, Milano, 2013.
Felisatti, Ettore,
Progettualità, ricerca e sperimentazione nella scuola autonoma
, Pensa MultiMedia Editore, Lecce, 2001.
Ginzburg, Natalia,
Lessico famigliare
, La biblioteca di Repubblica, Barcellona, 2002.
Giusti, Simone,
Didattica della letteratura 2.0
, Carocci, Roma, 2015.
Marsullo, Marco,
I miei genitori non hanno figli
, Einaudi, Torino, 2015.
Notti, Achille Maria,
Valutazione e contesto educativo
, Pensa Editore, San Cesario di Lecce, 2010.
Pastore, S., Salamida, D.,
Oltre il "mito educativo"?
, Franco Angeli, Milano, 2013.
Piccinno, Marco,
Didattica generale
, Edises, Napoli, 2014.
Recalcati, Massimo,
L'ora di lezione
, Einaudi, Torino, 2014.
Saba, Umberto,
Ernesto
, Einaudi, Torino, 2015.
Salinger, J.D.,
Il giovane Holden
, Einaudi, Torino, 2008.
Serianni, Luca,
L'ora di italiano
, Laterza, Roma-Bari, 2010.
Svevo, Italo,
La coscienza di Zeno
, La biblioteca di Repubblica, Barcellona, 2002.
Zordan, Rosetta,
La voce narrante
, Fabbri Editori, Milano, 2012.

La scelta dell'analisi di "Ernesto" di Umberto Saba si colloca all'interno di un percorso più articolato il cui fulcro è la
scrittura autobiografica
e le sue declinazioni letterarie.
"Ernesto" si presta a
molteplici livelli di lettura e analisi
:
stilistica
, incentrata sulla peculiarità di nascere come romanzo autobiografico ma di figurarsi come romanzo d'invenzione poiché scritto in terza persona;
tematica
, poiché affronta temi vicini alla sensibilità degli adolescenti quali il passaggio all'età adulta, la scoperta di sé (che si caratterizza in Ernesto come la scoperta della propria omosessulità), il rapporto difficile con i genitori, la presenza/assenza di punti di riferimento (in "Ernesto" a mancare è una figura paterna, situazione vissuta da un numero sempre maggiore di adolescenti),
linguistica
, con la scelta dell'autore di utilizzare dialetto e italiano nella narrazione.
MOTIVAZIONI PERSONALI e PROFESSIONALI - 2
"Ernesto" diviene, all'interno del percorso ideato,
focus e bridge della didattica
.
L’allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri; con ciò matura la consapevolezza che il dialogo, oltre a essere uno strumento comunicativo, ha anche un grande valore civile e lo utilizza per apprendere informazioni ed elaborare opinioni su problemi riguardanti vari ambiti culturali e sociali.
Espone oralmente all’insegnante e ai compagni argomenti di studio e di ricerca, anche avvalendosi di supporti specifici (schemi, mappe, presentazioni al computer, ecc.).
Usa manuali delle discipline o testi divulgativi (continui, non continui e misti) nelle attività di studio personali e collaborative, per ricercare, raccogliere e rielaborare dati, informazioni e concetti; costruisce sulla base di quanto letto testi o presentazioni con l’utilizzo di strumenti tradizionali e informatici.
Legge testi letterari di vario tipo (narrativi, poetici, teatrali) e comincia a costruirne un’interpretazione, collaborando con compagni e insegnanti.
Scrive correttamente testi di tipo diverso (narrativo, descrittivo, espositivo, regolativo, argomentativo) adeguati a situazione, argomento, scopo, destinatario.

Saper interpretare autonomamente un testo letterario;
Conoscere le principali caratteristiche di un testo narrativo: fabula e intreccio; narratore interno ed esterno; uso dei diversi punti di vista e adeguamento dell'uso delle persone; utilizzo dei tempi verbali coerenti alla narrazione;
Conoscere la differenza tra testo narrativo di invenzione, diario, lettera, biografia e autobiografia;
Inserire un autore e la sua produzione all'interno del corrispettivo contesto socio-culturale.
Narrare esperienze, eventi, trame selezionando informazioni significative in base allo scopo, ordinandole in base a un criterio logico-cronologico, esplicitandole in modo chiaro ed esauriente e usando un registro adeguato all’argomento e alla situazione.
Leggere testi letterari di vario tipo e forma (racconti, novelle, romanzi, poesie, commedie) individuando tema principale e intenzioni comunicative dell’autore; personaggi, loro caratteristiche, ruoli, relazioni e motivazione delle loro azioni; ambientazione spaziale e temporale; genere di appartenenza. Formulare in collaborazione con i compagni ipotesi interpretative fondate sul testo.
Conoscere e applicare le procedure di ideazione, pianificazione, stesura e revisione del testo a partire dall’analisi del compito di scrittura: servirsi di strumenti per l’organizzazione delle idee (ad es. mappe, scalette); utilizzare strumenti per la revisione del testo in vista della stesura definitiva; rispettare le convenzioni grafiche.
Scrivere testi di tipo diverso (narrativo, descrittivo, espositivo, regolativo, argomentativo) corretti dal punto di vista morfosintattico, lessicale, ortografico, coerenti e coesi, adeguati allo scopo e al destinatario.
Realizzare scelte lessicali adeguate in base alla situazione comunicativa, agli interlocutori e al tipo di testo.

Comunicazione nella madrelingua
Imparare ad imparare
Consapevolezza ed espressione culturale
Libro di testo
Computer per l'utilizzo della piattaforma EDMONDO.COM
Lim per un'analisi guidata
Proiettore per visione del film
Romanzi
Libri di testo
Testi di supporto (fotocopie e romanzi dell'insegnante)
Approfondimenti reperiti a casa autonomamente
STRATEGIE DIDATTICHE PER L'ALUNNO CON DSA - 2
In ottemperanza alla Dir. Min. del 27/12/2012 e della Circ. Min. n.8/2013 nonché della Legge 170/2010.
STRATEGIE METODOLOGICHE
Valorizzazione del linguaggio iconografico e verbale
Uso di schemi e mappe
Divisione degli obiettivi di un compito in sotto-obiettivi
Sottolineatura del testo e identificazione delle parole-chiave
Promozione della didattica di piccolo gruppo e tutoraggio tra pari
CRITERI DI VALUTAZIONE
Crescita degli apprendimenti
Crescita della comunicazione
Crescita nella socializzazione
Crescita negli scambi relazionali
In ottemperanza all’art. 12 comma 3 della Legge 104/1992 la valutazione avverrà in ordine ai quattro profili sopraelencati.
Storia:

Il Novecento
Arte e immagine:
L'autoritratto
COLLEGAMENTI INTERDISCIPLINARI

Durata dell'intervento:

14 ore in 10 fasi
RACCONTARSI
PER CAPIRSI:
"Ernesto" di Umberto Saba
e l'autobiografia letteraria

VII fase
15 minuti: Brainstorming e Debriefing
Verifica dei prerequisiti posseduti dagli studenti attraverso un brainstorming di dieci minuti e un veloce debriefing di cinque minuti per sciogliere eventuali dubbi e riordinare le idee esposte.
1 ora e 45 minuti: Lezione frontale + Verifica formativa
Le caratteristiche dell'autobiografia
Esercizio guidato in classe:
"La proiezione del sé nel futuro: scatta la fotografia degli anni venturi".
1 ora: Lezione guidata con testo e supporto della LIM
Umberto Saba, le sue opere e le sue tematiche.

2 ore: Lezione guidata con testo e supporto della LIM
"Ernesto" (genesi del romanzo, trama, personaggi principali); lettura, analisi e commento dell'estratto "La confessione di Ernesto".

2 ore: Jigsaw
Divisione in gruppi eterogenei di 4 alunni, con attribuzione ai singoli partecipanti di un estratto di "La coscienza di Zeno", "Lessico famigliare", "Il giovane Holden", "I mieni genitori non hanno figli". Ciascuno dovrà comparare l'estratto in esame con il passo di "Ernesto" di Umberto Saba.
Studio a casa
:
Rilettura, analisi e commento del passo "Confessione di Ernesto" di U. Saba; confronto tra l'estratto assegnato e l'opera di Saba; approfondimento da effettuare attraverso internet.
VI fase
VIII fase
2 ore: Jigsaw e Verifica in itinere
Gli alunni si raccolgono nei gruppi di saggi e si confrontano sull'estratto che condividono e sullo studio di "Ernesto" (30 minuti).
Ciascun gruppo spiega agli altri compagni il proprio estratto mettendolo a confronto costante con il romanzo "Ernesto" (1 ora e 30 minuti).

2 ore

Visione del film "Billy Elliot" e scambio di pareri sui concetti di diversità, comprensione di sé, accettazione degli altri, aspettative future.
IX fase
2 ore: Verifica sommativa
Svolgimento di un testo di tipo autobiografico
X fase
1 ora
Feedback
sulla verifica scritta e confronto di
autovalutazione
sul percorso fatto e sulle competenze maturate.
1. CONTENUTO
(Rispondenza alla traccia e alle caratteristiche testuali - Chiarezza e organicità dell’esposizione- Ricchezza di contenuti ed elaborazione personale)

(10) Lo svolgimento è pertinente alla traccia ed espresso in forma brillante e personale,
strutturato in modo chiaro, completo e ben articolato. L’argomento è trattato in modo
completo e personale ed evidenzia le capacità critiche dell’allievo
(8/9) Lo svolgimento è pertinente alla traccia, coerente e organico nelle sue parti. Lo
svolgimento è trattato in modo adeguato e presenta diverse considerazioni personali
(7) Lo svolgimento è sostanzialmente pertinente alla traccia e coerente in quasi tutte le sue
parti e presenta alcune considerazioni personali
(6) Lo svolgimento è sufficientemente pertinente alla traccia, la coerenza del testo è
limitata e l’argomento è trattato in maniera generica
(5) Lo svolgimento non è pertinente alla traccia. L’argomento è trattato in modo limitato,
senza chiarezza e considerazioni personali
(4) Lo svolgimento non risponde alle indicazioni assegnate, è privo di organizzazione, è
trattato in modo estremamente limitato
GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA VERIFICA SOMMATIVA - 2

2. CORRETTEZZA GRAMMATICALE E SINTATTICA
(10) L’ortografia è corretta e la sintassi ben articolata, espressiva e funzionale al contenuto
(uso corretto di concordanze, pronomi, tempi e modi verbali, connettivi, punteggiatura)
(9-8) L’ortografia è sostanzialmente corretta e la sintassi è ben articolata
(7) L’ortografia è parzialmente corretta e la sintassi presenta qualche incertezza
(6) L’ortografia e la sintassi sono incerte
(5) Numerosi errori di ortografia e sintassi difficoltosa
(4) Gravissimi errori ortografici e sintattici

3. LESSICO
(10) Appropriato, ricco e vario
(9-8) Adeguato
(7) Sostanzialmente adeguato
(6) Semplice
(5) Povero e ripetitivo
(4) Non appropriato
E'
focus
dal momento che viene letto e analizzato in classe e si configura come primo passo e tassello per la comprensione di come avvenga il racconto di sé in letteratura.
E'
bridge
perché crea un ponte dalle molteplici direzioni: si lega con la letteratura a esso coeva ("La coscienza di Zeno" e l'uso dell'autobiografia come mezzo di trasmissione letteraria in Italo Svevo); permette un raffronto tra autobiografia "al maschile" e autobiografia "al femminile" (Natalia Ginzburg e il suo racconto di sé con "Lessico famigliare"); prelude alla lettura di autobiografie a noi contemporanee ("I miei genitori non hanno figli" di Marco Marsullo, che tratta il tema della separazione dei genitori); permette di creare collegamenti con personaggi della letteratura internazionale ("Il giovane Holden" e la "specie di autobiografia" di Salinger); conduce per mano l'alunno alla comprensione del difficile rapporto con sé e con la scoperta di ciò che si desidera essere (il film "Billy Elliot" e la lotta ai pregiudizi).
Computer per l'utilizzo della piattaforma EDMONDO.COM
Full transcript