Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Laboratorio Psicologia del traffico

No description
by

Tommaso Piccinno

on 19 November 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Laboratorio Psicologia del traffico

Michele Masini
Tommaso Piccinno
Cinzia Modafferi
Carlo Chiorri, PhD
Fabrizio Bracco, PhD


Ricerca e valutazione delle variabili psicologiche alla guida

Laboratorio libero 12 ore (0,5 CFU)
Psicologia del Traffico
15 Febbraio 2013
3^ Giornata – Attività pratiche di ricerca e sperimentazione sul campo
Struttura del Laboratorio
1^ Giornata – Introduzione teorica su modelli e attività pratiche
2^ Giornata - Strumenti e metodi di ricerca
Presentiamoci
Perchè la Psicologia del traffico?
Decreto Ministeriale n.17/2011 “Regolamento recante la disciplina dei corsi di formazione e procedure per l’abilitazione di insegnanti ed istruttori di autoscuole” riconosce il ruolo della psicologia nell’ambito della psicologia del traffico e della sicurezza viaria, prevedendo, nei corsi di formazione per gli insegnanti e gli istruttori delle autoscuole, rispettivamente 15 ore e 10 ore di docenza riservate allo Psicologo.

E’ sicuramente un altro tassello importante nella direzione della valorizzazione della nostra professione e delle possibilità di occupazione.
La psicologia del traffico è una branca della psicologia che studia il comportamento degli utenti della strada e i processi psicologici sottostanti a questo processo così come la relazione tra comportamento e incidenti stradali. (Rothengatter, 1997)
Comportamento scorretto del pedone
Condizioni stradali
Guasti meccanici del veicolo
Guida distratta o andamento indeciso
Guida sotto l'effetto di sostanze (alcol o stupefacenti)
Mancato rispetto della precedenza o del semaforo
Mancato rispetto delle distanze di sicurezza
Manovre non permesse (contromano, sorpasso azzardato, svolta proibita, etc.)
Veicolo fermo in posizione irregolare evitato o urtato
Velocità troppo elevata
Altri comportamenti del conducente
Cause di incidenti stradali
Quali sono secondo voi le principali cause di incidenti stradali?
Dati tratti da statistiche ISTAT-ACI relative agli anni 2008-2010
Cause imputabili all'uomo (98% circa)
Cause di incidenti stradali
20%
17%
17%

14%
12%
10%
3%
3%
3%
>1%
>1%
Mancato rispetto della precedenza o del semaforo
Guida distratta o andamento indeciso
Manovre non permesse (contromano, sorpasso azzardato, svolta proibita, etc.)
Altri comportamenti del conducente
Velocità troppo elevata
Mancato rispetto delle distanze di sicurezza
Guida sotto l'effetto di sostanze (alcol o stupefacenti)
Veicolo fermo in posizione irregolare evitato o urtato
Comportamento scorretto del pedone
Condizioni stradali
Guasti meccanici del veicolo
Mediamente rispondere al cellulare comporta distogliere lo sguardo dalla strada per 6 secondi!
È il nostro ultimo prototipo...
Un volante contro i colpi di sonno!
L’80% degli incidenti (e il 65% di quelli sfiorati) accade perché si distoglie lo sguardo dalla strada per almeno 3 secondi.
Guidereste bendati per 6 secondi?
“Posso gestire la situazione”

“A me non può capitare… posso cavarmela”

“Se lo fanno tutti lo posso fare anche io!”

“Se deve andare male non ci posso fare niente”

“Le norme stradali creano più problemi che benefici”
Percezione del rischio
Quali sono le infrazioni che di solito fate?
Perchè le persone si assumono dei rischi violando regole?
...alle persone che conosco
1 2 3 4 5 6 7
...agli altri guidatori in generale
1 2 3 4 5 6 7

Quanto sei bravo rispetto...?
Le mie capacità di guida
Questo si chiama ottimismo ingiustificato.

Illusione dell’invulnerabilità
“A me non può capitare… posso cavarmela”
Optimism Bias
La maggior parte di noi si reputa più abile della media alla guida.

Il che è un controsenso, in quanto è statisticamente impossibile!
Il Traffic Locus of Control Scale è una misura del LoC relativa alle possibili cause di incidente. Le scale dello strumento sono:

Locus Interno

Locus Esterno:
- Altri
- Veicolo
- Destino
Locus of Control
Il Locus of Control si riferisce al grado una persona ritiene di poter controllare gli eventi della propria vita. (Rotter, 1966)
Stile equilibrato
Locus interno adeguato → Responsabilità
“Sono responsabile di ciò che accade”
Stile onnipotente
Alto Locus interno / Basso Locus esterno)
→ Illusione del controllo
“Posso gestire la situazione, sono infallibile”
Stile pedina
Locus esterno → Impotenza appresa
“Se deve andare male non ci posso fare niente”
Locus of Control
Stile Pedina
Stile onnipotente
Stile Equilibrato
Infrangere le norme
Errori
Omissioni
Violazioni
Comportamenti Rischiosi
Emozioni negative
Ricerca di Emozioni Forti
Sensation seeking
Speeding e risky attitude
Ribellione
Susceptability e conformismo sociale
Rabbia
Aggressività
Ansia
Finch e colleghi (1994) hanno trovato come un aumento della velocità media di 1 km/h porti ad un incremento nel rischio di incidente del 3%
Atteggiamento verso le norme stradali

Le regole possono essere infrante per ottenere un guadagno
“Le norme stradali creano più problemi che benefici”
Norme stradali
Sensazione di impunità
“Se lo fanno tutti lo posso fare anche io!”
La ricerca in psicologia del traffico
Psicologia del Traffico
Ricerca e valutazione delle variabili psicologiche alla guida
4 Marzo 2013
Multidimensional Driving Stile Inventory
Anxious Driving Style
Angry Driving Style
Risky Driving Style
Dissociative Driving Style
High-velocity driving style
Distress Reduction Driving Style
Patient Driving Style
Careful Driving Style
44 Items
Questionari Self Report
MDSI
T-Loc
Traffic Locus of Control Scale
18 item
Interno
Esterno Altri Guidatori
Esterno Veicolo e Ambiente
Esterno Caso e Destino
DDDI
Dula Dangerous Driving Index
Aggressive Driving
Negative Emotion
Risky Driving
28 item
DBQ
Driving Behaviour Questionnaire
34 item
Violations
Lapses
Errors
Reason et al. 1990
Dula, 2003
Ozkan & Lajunen, 2005
Taubman-Ben-Ari et al., 2002
DADS
Deffenbacher Oetting & Lynch, 1994
Driver Anger Scale
14 item
Valutazione degli aspetti cognitivi
Self-
report
DBQ
Nasa-TLX
ARCES
CFQ
Test Cog
nitivi
Implicit Association Test
IAT
SART
CPT
ANT
ANTI-V
EFT
Sustained Attentin to Response Task
Continous Performance Task
Attentional Network Test
Eriksen Flanker Task
Attentional Network Test
for Interaction and Vigilance
Attention-Related Cognitive Errors Scale
Cognitive Failure Questionnaire
Driver Behaviour Questionnaire
Task Load Index
Fattori di rischio percettivi e cognitivi
%
Sovrastima dei propri tempi di risposta
Sottostima della velocità:
-Motori silenziosi
-Posizione di guida elevata
-Texture del terreno
Abituazione alla velocità
Bias probabilistico
Ruolo fondamentale della motivazione a livello implicito.
Fattori Motivazionali
Motivazione
Obiettivi
Atteggiamenti
Comportamenti
L'abilità di guida può essere percepita come una caratteristica che dà valore all'individuo.
Essa non si riferisce solo alla capacità di condurre un mezzo, ma assume un valore identitario (legato ad es. al machismo e allo status sociale) auto ed etero percepito.
Bisogna tenere in considerazione l'aspetto motivazionale
Risorse cognitive
Comportamenti pericolosi
Componenti del Sensation Seeking:
Thrill and adventure seeking
New Experience Seeking
Dishinibition
Boredom Susceptibility
In che modo ci è utile la Psicologia?
Tratti di personalità
Attenzione e Cognizione
Percezione del rischio
Atteggiamenti e comportamenti
Motivazione
Studio delle Emozioni
Aspetti sociali
Normalizzazione della devianza
Andare oltre le norme:
Situation Awareness
L'intervento
In che modo è possibile lavorare su questi temi?
Attività esperienziale
Campagne informative
Formazione teorica
Campagna centrate sulle Emozioni
Formazione tecnica
Vedi Zuckerman, 1971
Tre livelli:

Conoscenza

Comportamento

Atteggiamenti
Theory of Planned Behavior
Oltre il 50% degli incidenti mortali che coinvolgono giovani alla guida accadono quando sono presenti
passeggeri sotto i 20 anni.
Williams & Ferguson, 2002; King et al. 2008.
I guidatori tendono a mantenere costante il
livello di rischio, entro valori ritenuti accettabili.

L’aumento della sicurezza percepita comporta anche l'aumentano i comportamenti di rischio.
La teoria omeostatica del rischio
Se ho l’ABS posso andare più veloce!
Guida sul ghiaccio
(Wilde, 1988)
Guidare con a bordo passeggeri facenti parte del gruppo dei pari aumenta il rischio di incidente tra i teenager.
Ferguson, Teoh & McCartt, 2007; Williams, 2003; Williams, Ferguson & Wells, 2005.
Vedi ad es. Matthews, 2001
Vedi ad es.Keating, 2007
La presenza di altre persone come ad esempio famigliari, porta le persone a diminuire la propria velocità
(Fleiter, Lennon & Watson, 2010)
Però...
L'influenza degli altri
Inoltre...
Le persone tendono a conformare la propria velocità con quella che ritengono essere quella degli altri veicoli.
(Haglund & Åberg; 1997, 2000)
Michele Masini
Tommaso Piccinno
Cinzia Modafferi
Carlo Chiorri
Fabrizio Bracco
Ambiti di ricerca
Laboratorio
Strada
Setting rigoroso
Sicurezza
Economicità
Manipolabilità delle variabili
Ecologicità
Ecologicità
Ecologicità
Che vantaggi/svantaggi può avere questa condizione?
Non ecologicità
Fedeltà psicologica
Fedeltà cognitiva
Simulator sickness
Atteggiamenti
Percezione individuale

Desiderabilità
Acquiescenza
Bias di attribuzione
Finalità della ricerca
Progettazione ergonomica di auto, infrastrutture e dispositivi
Training e formazione di automobilisti e istruttori di scuola guida
Influenza su normative e legislazioni
Proviamo a progettare
In che ambito?
Chi sono i beneficiari?
Chi sono i committenti?
Quali sono gli obiettivi?
Come intervenire?
Come valutare e monitorare l'intervento?
Full transcript