Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Francia

la francia
by

Pietro Donati

on 1 May 2016

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Francia

L'id
ent
ità

geo
graf
ica
L'id
ent
ità
cul
tur
ale

e so
ci
ale

La Francia vanta di una densità di popolazione di 113 abitanti per km2.
La popolazione totale è di 61.353 000 abitanti.
La capitale della Francia è Parigi e ha 2.163.600.
Lione ha 466 000 abitanti.
Marsiglia ha 820 900 abitanti.
La FRANCIA
contiene una grande varietà di paesaggi data la sua enorme estensione, si notano infatti parti pianeggianti a ovest, mentre i Pirenei sono situati a sud e le Alpi sono a est.
Vi è anche il Massiccio Centrale dove le montagne non superano i 2000 metri.
Le coste si estendono, influenzate dai rilievi, per circa 3000 km sono infatti, principalmente, frastagliate, alte e rocciose.
La maggior parte dei fiumi è navigabile e ha un regime regolare. I principali sono: il Reno,la Senna, la Loira, il Rodano, la Garagonna.
La Corsica è un'isola appartenente politicamente alla Repubblica Francese, ma geograficamente alla regione geografica italiana. Per estensione la quarta isola del Mediterraneo, separata dalla Sardegna dal breve tratto delle Bocche di Bonifacio, emerge come una grande catena montuosa ricca di foreste dal mar Mediterraneo, segnando il confine tra la sua parte occidentale, il mar Tirreno ed il mar Ligure.
C’è poi una Francia d’oltremare che in tutto copre un’area di 559.000 km2. Principalmente intertropicale, è incastonata in Sud America con la Guyana. Diventa insulare nel mondo caraibico con le Antille francesi: Martinica, Guadalupa e isole associate, Saint-Barthélemy e Saint-Martin. Si trova nell’Oceano Indiano con l’Isola della Riunione, a Mayotte nelle Comore e nelle Isole Sparse.
L'id
ent
ità

demo
gra
fica
Fra
nc
ia

Pa
ri
gi

La Tourre Eifelle è un monumento, costruito in poco più di due anni tra il 1887 e il 1889, per l'esposizione universale (EXPO) del 1889, che si tenne a Parigi per celebrare il centenario della Rivoluzione francese. Prende il nome dal suo progettista, l'ingegnere Gustave Eiffel, che costruì anche la struttura interna della Statua della libertà. Inizialmente a Eiffel era stato concesso di lasciare in piedi la Torre per 20 anni, ma vista la grande utilità di questa struttura, le fu permesso di restare anche per le generazioni future.

Spagna
Notre-dame
vista sul lato
Parigi è la capitale della Francia. Vanta anche molti altri
monumenti come Versailes: una grande reggia a pochi
chilometri dalla città, costruita nel XVII secolo su commissione di Re Luigi XIV.
A Parigi c'è anche uno dei più grandi musei del mondo: il Louvre. L'attuale Palazzo del Louvre è il frutto di una serie di costruzioni successive realizzate nel corso degli ultimi 800 anni.
All' interno ci sono tantissime opere d' arte tra cui una delle più celebri e importanti: la Gioconda di Leonardo Da Vinci.
La città di Parigi occupa una superficie pari a 105,4 km2. la storia di Parigi è molto antica, il suo nome originario era Lutece, fu poi conquistata dai Galli e in seguito divenne territorio romano. Nel IV secolo il nome della città divenne
Paris.
Gioconda
custodita al Louvre
Siamo così arrivati a grandi passi al '700: il secolo dell'
Illu
mini
smo
, che apre la strada alla Rivoluzione del 1789, una svolta storica per tutta l'Europa. Nel 1789 con la presa della Bastiglia prevalgono le idee repubblicane; poi, dopo la grande stagione di
Nap
ole
one

Bon
apa
rte
, c'è il ritorno della monarchia. Il XIX sec. vede l'alternarsi di diversi governi: la Seconda repubblica, l'impero di
Nap
ole
one

I
I
I
, la Terza repubblica. Intanto il Paese consolida i propri domini coloniali e allarga i confini a scapito della Germania. Viene quindi coinvolto nelle due guerre mondiali. Alla conclusione del secondo conflitto, dopo l'invasione dei Tedeschi e la liberazione da parte degli Americani, viene dichiarata la Quarta repubblica. Ma non sarà l'ultima, perché il generale
De

Gau
lle
, eroe nazionale giunto al potere nel 1958, proclama la Quinta (e attuale) repubblica, di tipo presidenziale.
Le città più popolate in ordine decrescente sono:
1) Parigi
2) Marsiglia
3) Lione
4)Tolosa
5) Lilla
6) Bordeaux
7) Nizza
8) Nantes
9) Starsburgo
10) Grenoble

L'id
ent
ità

eco
nom
ica
La Francia è una tra le più grandi potenze economiche mondiali, grazie al forte sviluppo di tutti i suoi settori.
Dispone del territorio agrario più esteso d'Europa, ovvero circa il 36%dell'intera superficie nazionale, ed è il primo produttore agricolo dell'Unione Europea.
Il settore industriale è ben diversificato e il suo sviluppo è stato favorito dalla disponibilità sia di materie prime sia di energia elettrica prodotta dalle centrali nucleari (77% del totale) e da quelle idroelettriche. Come in tutti i Paesi ricchi, anche in Francia il settore dei servizi è particolarmente sviluppato e da lavoro a oltre il 70% della popolazione attiva.
L' agricoltura
L' industria e i servizi
Il turismo
L'agricoltura francese è
moto produttiva
ed è tra le più tecnicamente avanzate d'Europa.
Il clima temperato e abbastanza umido rende possibile la presenza di
colture molto varie
: cereali (frumento, avena), barbabietole da zucchero, frutta e ortaggi. La coltivazione della
vite
è antichissima e alimenta una prestigiosa industria del vino.
A eccezione delle industrie siderurgiche, concentrate nelle regioni minerarie al confine con il Belgio e con la Germania, le altre principali produzioni industriali (chimica, tessile, meccanica) si addensano
nell'area di Parigi e di Lione.
Molto attivo è anche il settore terziario: nei commerci, nella finanza (la Borsa di Parigi è una delle principali del mondo) e nel turismo.
La Francia è il paese più visitato al mondo per numero di turisti stranieri: ogni anno, circa 75 milioni di persone visitano la Francia. Oltre a Parigi, le principali località turistiche sono costituite dalle stazioni balneari della Costa Azzura e della Corsica, dai centri sciistici della Savoia (Chamonix), dai castelli della Loira, dalle coste di Normandia e Bretagna.
Mar
sig
lia
Marsiglia è stata Capitale europea della cultura nel 2013, assieme a Košice.
Marsiglia è la più grande città della Francia meridionale, capoluogo della regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra e del dipartimento delle Bocche del Rodano, oltre che il primo porto della Francia e del Mediterraneo ed il quarto al livello europeo.
Fondata dai Greci durante l'antichità è una delle più antiche città francesi.
Considerando il numero di abitanti della sola municipalità risulta essere la seconda città della Francia, dopo Parigi. In realtà Lione, pur avendo meno abitanti di Marsiglia, ha un'area metropolitana più estesa che supera il milione e mezzo di abitanti, contendendosi il primato di seconda città di Francia.
La lingua, di origine neolatina, è parlata, oltre che in Francia, in alcuni altri Paesi, tra cui Martinica, Haiti, Guadalupa, parte del Canada, Algeria, Tunisia e Marocco.
Sebbene nessuna religione sia riconosciuta ufficialmente dallo Stato, la maggior parte degli abitanti è cattolica, vi sono però numerosi musulmani, protestanti ed ebrei.


Il 95% della popolazione è di lingua francese, sono anche presenti minoranze etinche linguistiche come il bretone, il tedesco, il fiammingo e il corso.
Popoli e culture
Pietro Francesco Donati 1°B
Ripercorriamo le origini di questa grande cultura. I primi a occupare la regione sono i Celti, poi arrivano i Romani: Giulio Cesare ne fa una provincia dell'impero. Così la cultura latina si sovrappone a quella celtica, lasciando una netta impronta anche nella lingua. Quindi è la volta dei barbari alla conquista dell'Europa: giungono prima i Visigoti, poi i Burgundi e infine i
Fr
an
chi
. Il loro re più famoso,
Carl
oma
gno
, si fa incoronare dal pontefice imperatore del Sacro Romano Impero. Dopo la sua morte, il Paese attraversa un periodo di decadenza. Per arrivare a un altro periodo di splendore, occorre attendere il XVII sec., quando, sotto
Lu
i
gi

X
I
V
detto "il rè Sole", inizia l'espansione coloniale in Asia, Africa e America.
Li
o
ne
Lione è una delle città centro-orientali della Francia.
E' capoluogo della metropoli di Lione e della regione Rodano-Alpi.
Lione è la terza città più grande della Francia dopo Parigi e Marsiglia.
La città sorge alla confluenza del Rodano e della Saona ed è composta da un centro storico e da un centro più commerciale sulla penisola tra il Rodano e la Saona.
I suoi abitanti si chiamano lionesi (in francese Lyonnais). Il motto della città è "Avant, Avant, Lion le melhor" in italiano "Avanti, avanti, Lione la migliore".
Secondo la leggenda, Lione fu fondata dal re Atepomaro e dal druido Momoro. Gli scavi realizzati hanno dimostrato invece, che la città fu fondata nel 43 a.C, da un luogotenente di Giulio Cesare.
Pi
at
ti

ti
pi
ci
Il Croque monsieur
Un croque-monsieur è un tipico sandwich grigliato fatto con prosciutto e formaggio. La celebre pietanza, dorata e croccante, è nata in un caffè parigino all'inizio del XIX secolo. Servito come antipasto o come portata principale per un pranzo veloce, questo panino è la ricetta tipica delle birrerie, dei bistrot e degli snack bar francesi. La sua versione più elaborata comprende tra gli ingredienti anche la besciamella, mentre una famosa variante, il croque madame, vuole anche l'uovo.
La bouillabaisse
L'autentica bouillabaisse, quella di Marsiglia, è originariamente un piatto da pescatori, cucinata subito dopo il ritorno dalla pesca con i pesci e i crostacei scartati dalla vendita al mercato. Nota a livello internazionale, la succulenta reputazione della bouillabaisse è protetta da una carta creata nel 1980, che ne specifica nel dettaglio gli ingredienti e la preparazione. Le origini del piatto vengono fatte risalire ai Focesi primi fondatori greci della città di Marsiglia, che usavano preparare una zuppa di pesce fatta col pescato che i pescatori non riuscivano a vendere.
La Quiche Lorraine
Originaria di una provincia rinomata per la sua pasticceria, questa torta salata è un delizioso connubio di croccantezza e cremosità.Una pasta brisée di buona qualità viene disposta in una tortiera e poi guarnita con pancetta, talvolta con gruviera grattugiato e ricoperta di uova sbattute con la panna e condite con sale, pepe e noce moscata.
La fonduta savoiarda
Specialità delle Alpi, nasce da una cucina alquanto rustica; l’ingrediente fondamentale, il formaggio, varia a seconda delle regioni. Spesso si associano formaggi più o meno affinati per ottenere un risultato ricco di sapori.È il momento della degustazione e il caquelon pieno di fonduta viene sistemato al centro del tavolo, su un fornelletto, per un momento davvero conviviale: i commensali pungono dei pezzetti di pane per poi immergerli nel formaggio fuso.
Tarte Tatin
La torta Tatin, è una torta di mele capovolta, tipica della Francia, in cui le mele sono caramellate in burro e zucchero prima della cottura della torta.
Il foie gras
Composto a base di fegato d'oca o d'anatra, è la star delle feste di fine anno e uno degli emblemi della gastronomia francese nel mondo. Questo autentico prodotto tipico si assapora come antipasto con il pan brioche e talvolta con fichi freschi.
Vini e liquori
La Francia annovera oltre una quindicina di regioni viticole. Dalla Borgogna all'Alsazia, passando per il Rodano e lo Champagne, troverete un'ampia scelta di vini e liquori, ognuno con il suo aroma, il suo sapore, il suo colore. I più conosciuti sono: lo Champagne,
il Beaujolais, il Cognac e l'Armagnac.
F
I
N
Cur
ios
ità
Lo sbarco in Normania
Lo sbarco in Normandia fu una delle più grandi invasioni anfibie della storia, messa in atto dalle forze alleate durante la seconda guerra mondiale, per aprire un secondo fronte in Europa, dirigersi verso la Germania e alleggerire allo stesso tempo lo sforzo che l'Armata Rossa stava sostenendo sul fronte orientale contro i tedeschi. L'invasione iniziò poco dopo la mezzanotte di martedì 6 giugno 1944, data conosciuta come D-Day
Intoduzione
Porto prefabbricato
Per preparare lo sbarco il primo ministro britannico Whiston Churchill fece costruire sul Tamigi due porti prefabbricati che vennero montati nella baia di Arromanches: 146 cassoni in cemento affondati a formare un frangiflutti semicircolare a cui furono ancorati ponti galleggianti.
Qui sbarcarono 2 milioni e mezzo di soldati, 4 milioni di tonnellate di equipaggiamento e 500.000 veicoli.

Siamo a Colleville sur Mer dove è stato istituito l'8 giugno 1944 il primo cimitero americano in europa della 2° guerra mondiale.
In questo impressionante cimitero riposano 9387 militari americani oltre a 307 soldati sconosciuti.
Per ogni soldato, in una distesa di erba verdissima e curatissima, c'è una croce di marmo bianca con l'epigrafe del nome, della compagnia di appartenza e la data della morte.
Le croci sono disposte tutte rivolte verso l'oceano, orientate verso il lato di spiaggia dove caddero in battaglia.
Questi luoghi, sebbene in territorio francese, sono di proprietà del governo degli Stati Uniti.
Viene suonato l'inno statunitense, l'inno ai caduti e viene ammainata la bandiera a stelle e strisce.
Dal cimitero si vede la sottostante Omaha Beach: si può capire facilmente quanto fosse facile da parte delle truppe tedesche difendere questo settore, tant'è che quasi la metà dei soldati americani caddero sulla sabbia il primo giorno, in un mare disseminato di mine. Nonostante la perdita di metà degli uomini, i sopravvissuti si riunirono e proseguirono.

Il primo cimitero americano in europa
La piccola Torre Eiffel di Lione
Nella parte alta di Lione, accanto alla basilica sorge una copia del terzo pano della Torre Eiffel, completata nel 1894, alta circa 90 m.. Rappresenta il potere laico della città, che all'epoca sostenne la sua costruzione contro il potere clericale della vicina basilica, contrario alla costruzione di un edificio più alto della stessa chiesa. Oggi serve da antenna radio, TV e non è visitabile.


La piccola Statua della Libertà a Parigi
La piccola Statua della Libertà (11,50 metri), è vicino al pont de Grenelle sull'Allée des Cygnes, un'isola sulla Senna, nelle vicinanze del vecchio laboratorio di Bartholdi (autore). Fu donata alla città il 15 novembre 1889, fu rivolta verso l'oceano Atlantico, guardando la sua "sorella maggiore" nel porto di New York, eretta tre anni prima.
La bandiera Francese
Emblema nazionale della V Repubblica, la bandiera tricolore è nata riunendo, durante la Rivoluzione francese, i colori del re (bianco) e della città di Parigi (blu e rosso). Oggi, la bandiera tricolore sventola su tutti gli edifici pubblici; viene spiegata nella maggior parte delle cerimonie ufficiali, che siano civili o militari.
La Marsigliese
La Marsigliese è il canto patriottico della Rivoluzione francese, adottato ufficialmente dalla Francia come inno nazionale nel 1879.
Nella notte tra il 25 e il 26 aprile 1792, un giovane ufficiale trentunenne, Claude Joseph Rouget de Lisle, compone un canto di guerra per infondere coraggio e forza d'animo alle truppe francesi in guerra contro l'Austria. All'epoca, il giovane ufficiale è di stanza a Strasburgo in un battaglione dal nome evocativo: "Les enfants de la patrie" (I figli della patria).
In un mese, quest'opera fa il giro della Francia e raggiunge Parigi nel luglio 1792 insieme ai marsigliesi venuti a difendere la patria in pericolo. In poche settimane, l'inno ha trovato il suo titolo: La Marsigliese. Il successo è tale che viene dichiarato inno nazionale il 14 luglio 1795.
L'arazzo di Bayeux, realizzato in Normandia o in Inghilterra nella seconda metà dell'XI secolo, descrive per immagini gli avvenimenti chiave relativi alla conquista normanna dell'Inghilterra del 1066, come la battaglia di Hastings: circa la metà delle immagini rappresenta inoltre fatti precedenti l'invasione stessa.
Benché favorevole a Guglielmo il Conquistatore al punto da essere considerato talvolta un'opera di propaganda, l'arazzo di Bayeux ha un valore documentario inestimabile per la conoscenza della Normandia e dell'Inghilterra dell'XI secolo. Costituito di varie pezze per una lunghezza totale di 68,30 metri, era conservato sino alla fine del XVIII secolo nella collezione della Cattedrale di Bayeux ed è attualmente esposto al pubblico nel Centre Guillaume-le-Conquérant di Bayeux.
Nel 2007 l'UNESCO lo ha inserito nell'Elenco delle Memorie del mondo.
L'arazzo di Bayeux
Carcassonne
Le prime tracce di insediamento nella regione di Carcassonne, sono state datate al 3500 a.C. Carcassonne divenne strategicamente importante quando i Romani fortificarono la cima della collina attorno all'anno 100 a.C.All'inizio del VII secolo, i Visigoti presero il controllo della zona e costruirono ulteriori fortificazioni, tuttora esistenti. Grazie a queste riuscirono a respingere gli attacchi dei Franchi. I Saraceni presero Carcassonne nel 725, ma Pipino il Breve li scacciò nel 759.Le fortificazioni consistono di una doppia cerchia di mura e di 53 torri. La fortezza venne aggiunta alla lista dei Patrimoni dell'umanità dell'UNESCO nel 1997.
Il Canal du Midi o Canal des Deux Mers è un canale artificiale lungo circa 240 km che si trova nella Francia meridionale, ovvero, tra le città di Tolosa e Sète, porto sul mar Mediterraneo che venne fondato proprio in quanto termine del canale, che collega il fiume Garonna al mar Mediterraneo. Attraverso questo canale è possibile la navigazione ininterrotta da Bordeaux a Sète, ovvero tra l'oceano Atlantico e il mar Mediterraneo.
Luigi XIV autorizzò la costruzione di un canale per favorire gli scambi commerciali evitando il passaggio obbligatorio attraverso lo stretto di Gibilterra. Ideatore, promotore e progettista fu Pierre-Paul Riquet, francese nato a Béziers, che diresse i lavori, iniziati appunto nel 1666 e terminati nel 1681.
Canal du Midi
Eurotunnel
Il tunnel della Manica (in francese Tunnel sous la Manche) è una galleria ferroviaria lunga oltre 50 km che unisce il comune britannico di Cheriton nel Kent a quello francese di Coquelles, vicino a Calais passando sotto il fondo del Canale della Manica. In italiano è correntemente chiamato Eurotunnel, ma in realtà questo è il nome della società concessionaria della gestione del tunnel fino al 2086.
La sua realizzazione, dopo numerose false partenze, fu completata nel 1994. È il tunnel con la parte sottomarina più lunga al mondo. Il tunnel della Manica corre per circa 39 chilometri sotto il mare.
L'Aiguille du Midi, una delle cime del massiccio del monte Bianco, è raggiunta da una vertiginosa quanto celebre funivia che sale da Chamonix in due tronchi, il primo da Chamonix a Plan de L'Aiguille, ed il secondo, il più vertiginoso, da Plan de L'Aiguille all'Aiguille du Midi.
La possibilità di collegare tramite funivia l'Italia e la Francia, attraversando la catena del Monte Bianco, aveva destato l'interesse dell'ingegnere Dino Lora Totino. Egli, negli anni 40', ebbe l'idea di collegare due stazioni prestigiose: Courmayeur e Chamonix, in un massiccio di straordinaria bellezza come quello del Monte Bianco.La grandiosa opera è stata costruita sotto la direzione del conte Dino Lora Totino, fu progettata dal professor Vittorio Zignoli del Politecnico di Torino. Per quattro anni, la funivia dei Ghiacciai fu la più alta al mondo.
La Funivia dei ghiacciai
I confini della Francia
La Francia confina con Belgio, Lussemburgo, Germania, Svizzera e Italia a est; a sud-est con Principato di Monaco, a sud-ovest con Spagna e Andorra. Il suo territorio è bagnato a ovest dall'oceano Atlantico, a nord dal Canale della Manica (che la separa dal Regno Unito) e dal Mare del Nord, a sud dal Mar Mediterraneo.

Mont Saint-Michel
Il Mont Saint-Michel è un isolotto situato presso la costa settentrionale della Francia.Sull'isolotto venne costruito un santuario in onore di San Michele Arcangelo.L'abbazia benedettina fu edificata a partire dal X secolo. I diversi edifici necessari alle attività del monastero benedettino sono stati inseriti nello spazio angusto a disposizione in epoche diverse.La baia in cui sorge l'isolotto roccioso è soggetta al fenomeno delle sabbie mobili, ma è soprattutto nota per l'eccezionale ampiezza delle maree (circa 14 metri di dislivello) che, anche a causa dell'andamento piatto, montano con grande rapidità : questo ha causato talvolta annegamenti e più di frequente disagi per le automobili lasciate parcheggiate troppo a lungo nelle parti più basse. Le maree della baia hanno molto contribuito all'inespugnabilità del monte.
Domande
1) Quale catena montuosa separa la Francia dalla Spagna?
2) Chi fondò Marsiglia?
3) Per quale occasione fu costruita la Torre Eiffel?
4) Da cosa derivano i colori della bandiera francese?
5) A quale massiccio appartiene l'Aiguille du Midi?
Full transcript