Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

MALINOWSKI E LA FOTOGRAFIA

No description
by

pianeta Venere

on 21 February 2017

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of MALINOWSKI E LA FOTOGRAFIA

MALINOWSKI E LA FOTOGRAFIA
le immagini fotografiche sono capaci di suscitare emozioni
da qui nasce il suo interesse per la fotografia, intesa come modalità artistica e creativa
motivo di differenza fra lui e Jenness, uno dei primi etnografi che utilizzò la fotografia per mettere insieme un campionario di tipologie somatiche e razziali (sotto l'influsso evoluzionista e catalografico)
il lavoro fotografico di Malinowski consiste in un taccuino di appunti visivi, che gli permette di organizzare per immagini la sua ricerca etnografica
di solito erano invece i taccuini di terreno a fornire il materiale su cui organizzare la descrizione etnografica di un evento
da cui nasce la sua metodologia dell'osservazione partecipante
la fotografia ha la capacità di rievocare alla mente il luogo e la situazione etnografica immortalata e descritta
bisogna poi aggiungere l'approccio analitico alla realtà osservata, con una particolare attenzione per i dettagli (necessari per recepire gli stimoli che il contesto visivo fornisce)
il potere conoscitivo della fotografia è infatti superiore a quello degli appunti scritti, perchè le foto possiedono la capacità di cogliere e fissare i dettagli molto più dell'occhio umano, oltre all'evidente potenzialità analitica dell'ingrandimento fotografico
come si può notare anche nel film del 1966 "Blow up" di Michelangelo Antonioni
Full transcript