Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

L'Africa

No description
by

P. Tugnetti

on 13 June 2016

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of L'Africa

TERRITORIO E AMBIENTE DELL'AFRICA
LA FORMA DEL CONTINENTE
L'Africa è una terra

geologicamente antica
, costituita da altipiani e bassi tavolati. L'Africa è collegata all'Asia dall'istmo di Suez.
Il continente ha una

forma compatta

ed è divisa orizzontalmente dalla linea dell'Equtore:
Una parte

boreale
, estesa longitudinalmente
Una
australe
, dalla forma di un triangolo rovesciato
L'OROGRAFIA
A nord-ovest si eleva la
catena dell'Atlante
.
Nella regione centro-orientale si estande la
Rift Valley
, una profonda spaccatura di origine tettonica che corre dalla valle del fiume
Zambesi

fino alla

Siria
.

muyyhrnyvhsmijmimjhsthvurthuuithiuutiutihjbvkjljhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhv hstyhsrhjsbhubrtvu un uiuivitu8uvhifyhjvryhiusyuhvfuhuyuhughuvuguhguhuhushiuhvuyhuhufhuvhhgvughvdurhgdvgvusdgdhgijgjgijvghjvughvgugvhuvdguijghvjuidsvhdhurhfubnnkdr hh hiubifjhr7uuyhuffufushsyughfiusryihhuuhhuhghgphrhgffhdgxbyu8tvhijvsiuthso9tr8hu98srvhu8srthutuhstrjiogfjbvofjfdkkldshstyuruymu8yijfggjjggjjggjgjgjgjgjgjgjgjjjggjgjgjgjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjfbkfzmnj ml jmzjnskj njfgnjfnskjnjonjnbvbbfhtn udrxhuhudghhgu hnnh jijijivbnvnvnvnvnvnvnvnvnvvnvnvnvnvnvvnvnvvnvnvvnvvnvnvnvnvvnnvnvvnvnvnvvnvnvnvnvvnvnvvnvnvnvvnvnvnvnvvnvnvvnvnnvvnvnvvnvnnvnvnvnvnvnnnvnnvnnvvnvnnvnvnvnvrht8u8 hj 8ej uituhbgghgghghgghghghhghghgghghghhhghghghgghghghgghvngbnvdjgmvigggvggjrhuhngbnttn6juhufhauhcnncwuiuujufujffjfjfjffjfjfjfjfjffjfjfjfjfjfffjfjfjfffjjffjumgaerun89r89 ut8tu 8tu8tr98d98ufijgidgjddudigududrirutut8uaeyuuyuyuyuuyyuyuuuyuuyyuyuyuyyuyuyuyuyyuuyyuuyyuyuyuyuyyyuyyuyuyuyuyuyuyuyuuyuuyyyyyyyuyuyuyuyuyyuyyyuyyyuuutfhvjjjjgjvjvjjvjjvvjvvjvjvjvvjvjvjvvjvjvvjvvjjvvgfgrdony8 tihg8 ryu8yuzhidhgngjnggjkftgcjkftgujtguhfgiufiofdiodsrsddsfffgghjgtfhjkffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffjbngvfbgnmbgvfdx nhbgvfsxgvhn bvcfgn bgvnhbgvnh bm nbbbbbhjvgcfxdzsz<he hgyudhdhudguyhuyhdhgdghdhugdudgghuhgghghhhghhhhghhhghghghghghghgghghghghghhggghgghghhghghghghghghghghghgghghghghghghgghghghghghghghghghghgghghghghghghhghhghghgghhhghhghgghghghghghgghgghghghghghghghghghghghghghgghghghgaerthruhguhhyhhgghghghghghggghhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhgbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbjdtkhjtrkyktjs ysriuyjjgggjgjgghghghhgghhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhcahhchhahchffcvvcgdf,ridhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuununuununungu9gx8khut98fut8u8ft8u8u8guguguguguugudfixrthugurutuugggguuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu urtudhdhddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddfxfghghs fh sjsfhfhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhfs jrtjsyjrjsr tfj tdgnngkjnyghfcxzhjckjvoviocvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvdfghhggggggggggggggggggggggggggggggggggggggggggggghh<rg uhgdfhgyfgyfhyyuuvguyguygfudgdfhfhufhfuhhufhudhduhfudhfudfhdufhudfhdufudfudfduhfdfhdfhdufhdufhdufhudfhufufhdfhfhhffhfhhfhfhfhfhfhffhyfdyugrnyg7yertyruhrjfnjfvjnfvjndfxdszjzawwajsdfjgcjhgcgchhghfhgfgfhufdhfdhufjcvjkcvvbnhjnjmhjnvidfxoogtotititiduhrdurjfdkjcvkvjlllcfrvxfjjfvfgvghhyjjhgofegeserGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGfhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhfffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffg
LA POPOLAZIONE
marghe
CONFLITTI ETNICI, RELIGIOSI E TRIBALI
AFRICA
Dal 1990 una gran parte di Africani è rimasta coinvolta in
conflitti armati
, causando la
distruzione di risorse che avrebbero pututo permettere lo sviluppo del continente.
In Africa vi sono pochi arcipelaghi, il più importante è
Mauritius
, e l'unica grande isola è il
Madagascar
, a sud-est delle coste africane.
LE RADICI STORICHE DEI CONFLITTI
A causa di particolari condizioni ambientali
in Africa sono sempre esistite varie comunità autosufficienti,
anche in seguito ad alcune unioni tra tribù i rapporti sono rimasti"tesi".
Le colonizzazioni europee

non hanno
certo
risolto
il problema, infatti i
confini
sono
lineari
, non tenendo conto nella spartizione del continente, dei confini delle tribù, infatti
alcune etnie
sono state
separate
, ed
altre
costrette a
vivere in una stessa regione
, pur essendo nemiche.
I CONFLITTI ETNICI
I conflitti in Africa comprendono per la maggior parte
scontri per lo sfruttamento delle risorse del sottosuolo (carbone e petrolio) e per il potere.
Ancora oggi
, perseverano
sanguinose guerre civili
, in cui sono coinvolti anche bambini e ragazzi.
IL VULCANO
I CONFLITTI RELIGIOSI
Il

Kilimangiaro

è un vulcano spento.
I LAGHI
In Africa è occupata da alcuni laghi, tra cui il
lago Vittoria
è uno dei grandi laghi.
Nel Sahel si trova il
lago Ciad
che si dimezza durante la stagione secca, si va sempre più riducendo a causa dei cambiamenti climatici.
All'interno della Nigeria sono presenti
molti conflitti

etnici e religiosi
, molto difficili da distinguere tra loro, soprattutto tra Nord e Sud.
Dopo la costituzione del 2000
dodici stati africani
hanno adottato l'
islamismo come religione di stato,
andando in
contrasto
con i popoli del Nord, aggiungendosi ai conflitti anche
povertà
,
disoccupazione
, inoltre a Sud un movimento opera per la
liberazione del delta del Niger, attacando gli impianti

per l'estrazione del petrolio.
L'Africa sta registrando da qualche anno una cospicua crescita de Pil (6,2 nel 2007) grazie all'esportazione del gas, del petrolio e altre

materie prime.

La crescita economica però è ostacolata dai conflitti politici e civili. In nessun paese dell'Africa il reddito medio procapite assicura condizioni di vita soddisfacenti. Classifica dell'Isu (indice di sviluppo umano)
Per secoli i paesi Africani sono stati
colonie
delle potenze europee. Gli europei hanno sfruttato il continente africano traendone sia forze di lavoro sia risorse menerali e alimentari. La situazione non è migliorata con la
decolonizzazione,

a causa della scarsa preparazione delle classi dirigenti locali,della corruzione, delle profonde divisioni etniche e delle lotte per il potere.
L'eredità del passato
LA REPUBBICA DEMOCRATICA DEL CONGO
Il Congo
negli ultimi 10 anni
è entrato in
conflitto
, le truppe dell'
ONU
hanno
duvuto intervenire
, a partire
dal 1999
.
L'ECONOMIA
DARFUR
La crescita,tra conflitto ed epidemie
In
Sudan
è in atto una guerra iniziata nel
2003
,
tra etnie nere ed arabe,
ancora in atto nonostante la presenza di
forze internazionali,
al fine di
proteggere i civili.
IL LAGO VITTORIA
Così nominato in onore della Regina Vittoria da
John Hanning Speke.
Il
Nilo
, fiume più lungo del mondo, si getta nel Mar Mediterraneo.
Il
Niger
, l'
Orange
, il
Congo
e
Zambesi
arrivano Atlantico.
La portata dei fiumi è legata alle
piogge
.
Il Congo si contano trentadue cascate.
CLIMA E AMBIENTE
I
climi
e gli
ambienti
naturali dell'Africa sono vari, anche se hanno tutti in comune
temperature medie elevate
.
La regione centrale ha un clima equatoriale ed è ricoperto dalla
foresta pluviale
, ha una temperatura media mai inferiore ai
25°C
.
Mauritius
A nord e a sud dell'Equatore si trovano due zone di savana caratterizzate da:
una stagione
piovosa
una stagione
secca
I FIUMI
IL LAGO CIAD
Il lago Ciad è un lago poco profondo, situato nella parte centro-settentrionale dell'Africa sui confini di Ciad, Camerun, Niger e Nigeria.
ZAMBESI
LA VEGETAZIONE
E' costituita da
erba
più o meno alta,
cespugli
e
alberi isolati
, o da
boscaglie
dove la piovosità è maggiore. Lungo il corso dei fiumi, dove cresce la
foresta a galleria
, una piovosità minore corrisponde la

steppa
, ricoperta da erbe piuttosto basse.
LA SAVANA
Allontanandosi dall'Equatore, la piovosità diminuisce e si trova il
deserto
: a nord il
Sahara
, mentre a sud il
Kalahari
, nello stato del
Botswana
e del
Namib
.
A nord e a sud del deserto entriamo nella zona a
clima temperato caldo
, con vegetazione tipica di questo ambiente.
Il

Sahara

è il deserto più esteso del mondo, ampio quasi quanto l'Europa.
E' intensamente abitata da uomini e soprattutto da animali come elefanti, leoni, gnu e zebre.
LAGO CIAD
INSEDIAMENTO UMANO
Nel continente africano vivono circa
930 milioni
di persone e la sua densità (
31ab/Km²
) poco elevata è dovuta ad una
situazione ambiantale
difficile. L'Africa infatti, è caratterizzata da
ambienti
poco adeguati all'
insediamento umano
come il deserto.
EPIDEMIE...
...E GRANDI CITTA'
Fino a pochi anni fa la popolazione africana veniva decimata da
malattie epidemiche
o dovute a
insetti pericolosi
; oggi invece tra le principali cause di morte vi sono
Aids
e
denutrizione
.
Circa il
60%
della popolazione vive in
insediamenti rurali
sparsi su tutto il continente. Le
città
di grandi dimensioni sono ivece situate lungo la
costa
. Queste città sono molto spesso luoghi in cui è
difficile vivere
a causa della scarsità di
infrastrutture
, dell'
ambiente caotico
e delle numerose
baraccopoli
, luoghi ospitanti milioni di persone che vivono in condizioni precarie.
Una
baraccopoli
o
bidonville
è un insediamento urbano densamente popolato, caratterizzato da
edifici fatiscenti
e condizioni di vita al di sotto degli standard di benessere. Benché le baraccopoli differiscano tra loro in termini di dimensione, la maggior parte di queste non dispone di reti per la fornitura di
acqua potabile
e per lo
smaltimento delle acque di scarico
, di allacciamenti all'
energia
elettrica, di servizi di pubblica
sicurezza
ed
assistenza
.
MA CHE COS'È UNA BARACCOPOLI?
LA CRESCITA DEMOGRAFICA
La
crescita demografica
è invece una tra le più alte al mondo ed è contrastata solo dall'alta
mortalità infantile
. Questo incremento è un
freno
per lo sviluppo dell'economia.
L'Africa nera presenta una
durata media
della vita molto bassa.
ETNIE
Una delle caratteristiche dell'Africa è senza dubbio la presenza di moltissime
etnie
diverse tra loro. Ecco le più importanti:
arabi
sudanesi

e

bantu
ottentotti
,

boscimani

e

pigmei
somali
,

etiopi

e

malgasci
afrikaner

o
boemi
Fine!
Lavoro svolto da:
Paola Tugnetti



Emanuela Spada

Margherita Bruttini

Nourhane Amiri
Eritrea
A partire
dal 1993
l'
Eritrea
ha ottenuto l'
indipendenza dall'Etiopia
, ma per motivi di confine
dal 1998 al 2000
i due paesi si sono nuovamente dichiarati
guerra
, i
rapporti
rimangono
molto tesi
tuttoggi, ma grazIe a una missione

ONU,

le regioni per il momento sono tranquille.
Il conflitto tra Hutu e Tutsi
Hutu e Tutsi
sono due
etnie rivali
, il conflitto risale circa al
1951
, quando gli
Hutu si ribellarono alla monarchia Tutsi
.L'
episodio
più cruento e
più ricordato
da tutti risale circa al
1994
, dove in Ruand vennero
uccisi circa un milione di Tutsi
, inoltre alla
base del conflitto
vi sono anche le
risorse minerarie
.
Le risorse naturali dell'Africa
L'Africa è un paese
ricco di abbondnti risorse minerarie ed energetiche
, infatti diversi paesi africani sono tra i primi produttori mondiali di
oro
,
diamanti
,
uranio
, e
gas naturale
e quattro paesi compaiono tra i primi produttori di
petrolio
.
L'agricoltura
Le principali fonti di sussistenza risiedononei settori tradizionali

dell'agricoltura

e
dell'allevamento
.

L'agricoltura di piantagione

è

rivolta alla coltivazione di prodotti destinati sopratutto all'esportazione. L'agricoltura africana ha bisogno di forti investimenti.
L'industria
L'industria è poco sviluppata. è attiva sopratutto nei settori della trasformazione alimentare, del cemento e dei tessuti. I paesi dell' area mediterranea, favoriti dala

vicinanza dei mercati

europei e mediorientali.
Le rcchezze del sottosuolo
Molto abbondanti sono le

risorse minerarie.

L'Africa dispone di

riserve di petrolio e di gas natuale,

sfruttate in in gran parte da compagnie multinazionali straniere
Il turismo
L'inestimabile

patrimonio ambientale

prodotto da parchi e riserve naturali, attira molti visitatori, sopratutto europei e nordamericani.
Bassi livelli di reddito
Alcuni progressi di tipo economico e l'inalzamento significativo del pil di alcuni paesi, in nessun paese dell'Africa i livelli di reddito garantiscono

condizini di vita soddisfacenti.

Tutti gli stati africani occupano posti

oltre il 100°

nella

graduatoria Isu.
Full transcript