Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

I Malavoglia

No description
by

Giorgia Gibellini

on 22 July 2015

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of I Malavoglia

Lo stile
Le tecniche narrative usate da Verga sono sopratutto:
Contesto Storico-Culturale
Il romanzo è ambientato nella seconda metà dell'ottocento, circa dal 1863 in avanti, quindi dopo l'unione italiana, avvenuta il 17 marzo 1861.
Possiamo inoltre cogliere durante la lettura la situazione culturale e sociale del tempo, quasi nessuno sapeva leggere (ad eccezione di militari, nobili e poche altre categorie di persone), ci si affidava prevalentemente al sapere popolare (i proverbi di Padron 'Ntoni) e vigeva, sopratutto nei piccoli paesi, un malcontento radicato per il nuovo governo che aveva imposto dazi, tasse e la leva militare obbligatoria; questo sentimento, nei personaggi più colti, come lo Speziale, sfociava talvolta anche in pensieri rivoltosi.

I temi
La Casa del Nespolo
I Malavoglia
Giovanni Verga
Padron 'Ntoni
Bastianazzo
La Longa
'Ntoni
Luca
Mena
Alessi
Lia
"Prima veniva lui, il dito grosso, che comandava le feste e le quarant'ore . . . "
". . . poi suo figlio Bastiano, "Bastianazzo", perchè era grande e grosso. . . filava dritto alla manovra comandata. . ."

". . . una piccina che badava a tessere, salare le acciughe, e far figliuoli, da buona massaia . . . "
". . . un bighellone di vent'anni, che si buscava tutt'ora qualche scappellotto dal nonno. . ."
" . . . " Che aveva più giudizio del grande" ripeteva il nonno. . . "
" . . . ancora nè carne nè pesce. "
"Gli uomini sono fatti come le dita della mano . . . e la famigliuola di Padron 'Ntoni era realmente disposta come le dita della mano. "
" . . . soprannominata "Sant'Agata" perchè stava sempre al telaio . . . "
" . . . un moccioso tutto suo nonno colui! "
I Luoghi
Il mare
Il villaggio
La città
La spezieria
Prezi prodotto da Gibellini Giorgia
La Trama

Nel paese di Acitrezza da diverse generazioni nella casa del Nespolo vive la famiglia Tosco ( rinominata dei Malavoglia).
Il nucleo famigliare trae sostentamento dalla pesca nel limitrofo mare ma, a causa della leva militare, vengono meno al lavoro di famiglia le forti braccia del giovane 'Ntoni.
Il capofamiglia Padron 'Ntoni si vede così costretto, per far fronte alle difficoltà economiche, ad acquistare a credito un carico di lupini da rivendere nella città di Riposto.
Durante il viaggio sulla Provvidenza però Bastianazzo viene investito da un improvvisa tempesta che fa disperdere lui, la barca ed il carico.
Ma questo è solo l'inizio degli sfortunati eventi che colpiranno l'infelice famiglia e che porteranno alla sua quasi totale disgregazione.


Qui si apre la narrazione e sempre qui si conclude con una perfetta struttura circolare che tende a sottolineare quanto gli eventi narrati abbiano portato ad uno sconvolgimento totale della situazione di partenza.
Inzio
La casa del Nespolo è abitata dalla numerosa e fiorente famiglia dei Malavoglia.
Svolgimento
Con il succedersi degli avvenimenti i Malavoglia si vedono costretti a vendere la Casa del Nespolo che, da quel momento in poi, viene vista come la "queste" di famiglia, l'oggetto del desiderio da riconquistare.
Fine
La casa del Nespolo grazie
agli sforzi dei pochi rimasti in vita viene finalmente riconquistata.
La famiglia
L'unità d'Italia
La differenza delle classi sociali e i loro usi
Impersonalità
Discorso indiretto libero
Straniamento
Trascrizione dei fatti così come sono,
senza che il pensiero dello scrittore diventi
il fulcro della narrazione
Riporta un discorso in forma indiretta, ma con alcune caratteristiche specifiche:
non è introdotto da verbi come dire, sostenere, affermare, dichiarare ecc.
spesso presenta al suo interno interiezioni, esclamazioni, avverbi di luogo e tempo, frasi interrogative dirette, frasi ellittiche e vari costrutti tipici del parlato.
I tempi verbali più usati sono l’indicativo imperfetto e il condizionale passato
Consiste nell'adottare, per narrare un fatto e descrivere una persona, un punto di vista completamente estraneo all'oggetto.
Full transcript