Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

cyberbullismo finita

No description
by

Sara Morazzini

on 12 November 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of cyberbullismo finita

Cos'è il Cyberbullismo??
"Il cyberbullismo o ciberbullismo (ossia "bullismo" online) è il termine che indica atti di bullismo e di molestia effettuati tramite mezzi elettronici come l'e-mail, la messaggistica istantanea, i blog, i telefoni cellulari, i cercapersone e/o i siti web".
IL CYBERBULLISMO E' UN REATO
(Spot Polizia di Stato)
ANONIMATO DEL MOLESTATORE
In realtà, questo anonimato è illusorio: ogni comunicazione elettronica lascia delle tracce. Però per la vittima è difficile risalire da sola al molestatore.
INDEBOLIMENTO DELLE REMORE ETICHE
Le due caratteristiche precedenti, abbinate con la possibilità di essere "un'altra persona" online (vedi i giochi di ruolo), possono indebolire le remore etiche: spesso la gente fa e dice online cose che non farebbe o direbbe nella vita reale.
ASSENZA DI LIMITI SPAZIO-TEMPORALI
Mentre il bullismo tradizionale avviene di solito in luoghi e momenti specifici (ad esempio in contesto scolastico), il cyberbullismo investe la vittima ogni volta che si collega al mezzo elettronico utilizzato dal cyberbullo.
SI DIFFERENZIA DAL BULLISMO PER:
FLAMING
Un flame (termine inglese che significa “fiamma”) è un
messaggio deliberatamente ostile e provocatorio inviato da un
utente alla comunità o a un singolo individuo; il flaming avviene
tramite l’invio di messaggi elettronici, violenti e volgari allo scopo di
suscitare conflitti verbali all’interno della rete tra due o più utenti
HARASSMENT...
CYBERSTALKING...
Questo termine viene utilizzato per definire quei
comportamenti che, attraverso l’uso delle nuove tecnologie, sono
atti a perseguitare le vittime con diverse molestie, ed hanno lo
scopo di infastidirle e molestarle sino a commettere atti di aggressione
molto più violenti, anche di tipo fisico. Si tratta di un
insieme di condotte persistenti e persecutorie messe in atto con
la rete o i cellulari.
DENIGRATION...
Distribuzione, all’interno della rete o tramite SMS,
di messaggi falsi o dispregiativi nei confronti delle vittime, con
lo scopo “di danneggiare la reputazione o le amicizie di colui che
viene preso di mira”.
IMPERSONATION...
Impersonation: caratteristica di questo fenomeno è che il persecutore
si crea un’identità fittizia con il nome di un’altra persona
nota, usando una sua foto, creando un nuovo profilo parallelo,
fingendo di essere quella persona per poi parlare male di
qualcuno, offendere, farsi raccontare cose. Può anche accadere
che il soggetto intruso, se in possesso del nome utente e della
password della vittima invii dei messaggi, a nome di questa, ad
un’altra persona, che non saprà che i messaggi che gli sono arrivati
non sono, in realtà, stati inviati dal proprio conoscente, ma
da una terza persona che si è impossessata dell’identità.
In certi casi, il bullo modifica la password della vittima, impedendogli così
l’accesso alla propria mail o account. Questa forma di aggressione,
può creare problemi o, addirittura mettere in pericolo il vero
proprietario dell’account. Non di rado questi casi vedono coinvolti
per lo più ex partner rancorosi.
LE TIPOLOGIE DI CYBERBULLISMO
Nancy Willard, Direttore del centro americano per l'utilizzo sicuro e responsabile di Internet (Center for safe and responsible internet use), nel suo libro "Educator's Guide to Cyberbullying" ha individuato differenti tipologie di cyberbullismo:
Caratteristica di questa tipologia di cyberbullismo sono le molestie, ossia azioni, parole o comportamenti, persistenti e ripetuti, diretti verso una persona specifica, che possono causare disagio emotivo e psichico. Come nel bullismo tradizionale, si viene a creare una relazione sbilanciata, nella quale la vittima
subisce passivamente le molestie, o al massimo tenta, generalmente senza successo, di convincere il persecutore a porre fine alle aggressioni.
La peculiarità di questo fenomeno risiede nell’intento
di ingannare la vittima: il bullo tramite questa strategia
entra prima in confidenza con la vittima, scambiando con essa
informazioni intime e/o private, e una volta ottenute le informazioni
e la fiducia della vittima, le diffonde tramite mezzi elettronici
come internet, sms, etc
EXCLUSION...
Consiste nell’escludere intenzionalmente un altro
utente dal proprio gruppo di amici, dalla chat o da un gioco interattivo.
L’esclusione dal gruppo di amici è percepita come una grave
offesa, che è in grado di ridurre la popolarità tra il gruppo dei pari
e quindi anche un eventuale “potere” ricoperto all’interno della
cerchia di amici.
HAPPY SLAPPING
(Schiaffo Allegro)...
E' un fenomeno giovanile
osservato per la prima volta nel 2004 in Inghilterra. È una
forma di bullismo elettronico piuttosto recente, legata al bullismo
tradizionale, in cui un gruppo di ragazzi scopre di divertirsi tirando
ceffoni a sconosciuti, riprendendo il tutto con i videofonini.
Dai ceffoni si è passati anche ad atti di aggressione e teppismo.
Oggi l’happy slapping consiste in una registrazione video durante
la quale la vittima è ripresa mentre subisce diverse forme di violenza,
sia psichiche che fisiche per “ridicolizzare, umiliare e svilire
la vittima”. Le registrazioni vengono effettuate all’insaputa della
vittima e le immagini vengono poi pubblicate su internet e visualizzate
da altri utenti.
TRICKY o OUTING
EXPOSURE
(Rivelazioni)...
Rende pubbliche informazioni
riguardanti la vita privata e
intima di una persona.
CYBERBULLISMO.
VIDEOTESTIMONIANZE...
Video confessione di una vittima.....
Una storia di Cyberbullismo...
Il mondo della chat-
La Storia di Chiara...
DIFFICILE REPERIBILITA'
Se il cyberbullismo avviene via SMS, messaggeria istantanea o mail, o in un forum online privato, ad esempio, è più difficile reperirlo e rimediarvi.
COME COMBATTERE IL
CYBERBULLISMO??

Consiglio n° 1...
Cambiare indirizzo di posta elettronica ed a non frequentare più i siti o le chat infestate dal cyberbullo...
Consiglio n°2...
Persuadete il giovane navigatore, che la cosa più sbagliata da fare è quella di dare corda al persecutore: supplicarlo di smettere, rispondergli per le rime, mostrarsi arrabbiati.
Consiglio n° 3....
Inviare un messaggio al perseguitore con scritto:
"Ho informato i miei genitori, che hanno fatto denuncia alla Polizia. Hai le ore contate".
Consiglio n° 4...
L'azione del cyberbullo può essere segnalata al moderatore della chat o ai proprietari degli eventuali blog o degli altri siti e mandare un messaggio ai moderatori facendogli presente quello che sta accadendo, e chiedendogli di espellerlo a vita.

Consiglio n° 5...
Se avete fatto installare programmi filtro, cercate di bloccare almeno l'indirizzo di posta elettronica del bullo.
Full transcript