Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Untitled Prezi

No description
by

ilaria costantino

on 9 March 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Untitled Prezi

LA FESTA
DELLA
DONNA PERCHE’ LA FESTA DELLA DONNA??
Dal 1977, l’Assemblea Generale delle Nazioni
Unite ha ufficialmente riconosciuto
la Giornata Internazionale della donna per celebrare gli “sforzi della donna in favore della pace e la necessità della loro piena e paritaria partecipazione alla vita civile e sociale”.
LA DONNA NEL MEDIOEVO
La donna, preparava il bagno, macinava il
grano prodotto nei campi, utilizzando una macina a mano, produceva la birra, cucinava e puliva l’abitazione, aiutava nei lavori svolti al vigneto, raccoglieva nel bosco tutti quei prodotti necessari che crescevano selvaticamente e partecipava alla raccolta cerealicola.
LA DONNA POVERA: LA DONNA NOBILE: In generale, le donne nobili vivevano nei loro castelli, nei quali, in tempo di pace, si occupavano di tutta la sfera riguardante l’economia domestica e si dedicavano a tempo pieno al lavoro di tessitura e ricamo di stoffe pregiate. Essendo questo molto lungo,
la donna si circondava di aiutanti
e si formavano così veri e propri
gruppi di lavoro all’interno delle
stanze del castello. La donna era disprezzata e vittima costante dell'oppressione; i suoi diritti erano calpestati ed i suoi beni negati. Era considerata un oggetto e non ereditava, dato che l'eredità spettava ai cavalieri, coloro che combattevano e tornavano col bottino. LA DONNA ARABA: Realizzato da:
Ilaria Costantino
Full transcript