Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

DIFFERENZE E CONFRONTO TRA BASILICA PALEOCRISTIANA E CATTEDR

No description
by

Francesco Nannipieri

on 27 January 2017

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of DIFFERENZE E CONFRONTO TRA BASILICA PALEOCRISTIANA E CATTEDR

DIFFERENZE E CONFRONTO TRA BASILICA PALEOCRISTIANA E CATTEDRALE ROMANICA
I due edifici appartengono ad epoche diverse e di conseguenza hanno strutture e tecniche di costruzione diverse l'una dall'altra.
BASILICA PALEOCRISTIANA
L'architettura paleocristiana prende vita nel 313 a seguito dell'
Editto di Costantino
che permise la libertà di culto per i cristiani e rese possibile la costruzione di edifici pubblici per la liturgia cristiana.
Con la liberalizzazione del culto si pose il problema di quale forma dare agli edifici della nuova religione. Le Domus ecclesiae o le catacombe erano insufficienti per il numero elevato dei nuovi credenti. La
messa
richiedeva degli edifici monumentali e vennero costruite appositamente le basiliche paleocristiane, usando come modello quelle romane, ovvero edifici non legati alla religione e polifunzionali, strutturati in modo semplice.
CATTEDRALE ROMANICA
L'arte romanica si sviluppò a partire dalla fine del X secolo fino al XII secolo. È importante ricordare che l’arte romanica deve molto al ripopolamento delle città a cui si assistette dopo l’anno Mille, nonché alla nascita di nuovi centri urbani e all’intensificarsi delle diverse attività economiche. Le chiese avevano elementi diversi rispetto alle basiliche e avevano una struttura molto più solida con
murature
molto spesse.
La basilica paleocristiana ha un andamento longitudinale ed è suddivisa in tre navate, l'accesso è sempre su un lato corto e l'àbside si trova sul lato opposto. La Basilica è solitamente rivolta con l'àbside ad Est, verso il sole che sorge, simbolo della luce di Cristo.
-La Basilica è preceduta da un
quadriportico
.
-La porzione di porticato che corrisponde alla facciata della basilica è detta
Nartece
.
-L’interno è diviso in navate da due o più serie di colonne. Le navate tipicamente sono 3 ma raramente possono essere anche 5. La
navata centrale
è più grande sia in altezza che in larghezza rispetto a quelle
laterali
.
-Il corpo longitudinale è tagliato da un
transetto
.
-In fondo alla basilica abbiamo il
presbiterio
, dove vi risiede il clero.
Nel presbiterio abbiamo l'
àbside
, un semicerchio cilindrico sormontato da un quarto di sfera che prende il nome di
catino absidale
. L'
arco trionfale
è la parte di parete che collega l'abside al transetto. Il tetto infine è composto da
capriate
di legno.
La basilica assume la forma della croce di Cristo con però variazioni nella lunghezza delle navate e nella posizione del transetto.
Parliamo infatti di Croce Greca (1), Croce latina Immissa (2), Croce latina Commissa (3).
La chiesa romanica conserva una pianta longitudinale divisa in navate. La pianta è a croce latina e alle volte senza il transetto.
La chiesa si articola su tre livelli
Sottosuolo
Suolo
Sopraelevato
Nel sottosuolo si trova la
cripta
per la sepoltura del santo a cui è dedicata la chiesa.
Nel suolo vi sono le
navate
che sono coperte da volte a
crociera
che a sua volta sono sorrette da
pilastri
e sono collegate tra di loro grazie ad
archi
a tutto sesto. Lo spazio sotto le volte a crociera si chiama
campata
.
Vi sono anche dei
matronei
sopraelevati. Nel matronei stavano le
donne
.
Oltre al
matroneo
, che potrebbe essere considerato anche un elemento sopraelevato, abbiamo il
presbiterio
che è sopraelevato in quanto si trova sopra la cripta. E' riservato al
clero
ed è collegato al resto dell'edificio grazie a degli scalini chiamati
Pontile
.
ALTRI ELEMENTI:
Il
tetto
può essere a capriate o costituito da volte a botte o a crociera. Le
mura
sono robuste, i
materiali
non molto pregiati e vi sono molti
pilastri
e
contrafforti
. Alle volte vi è la presenza di più
absidi
o di uno o più
campanili
. All'ingresso vi è alle volte una copertura chiamata
pròtico
e sulla facciata vi più essere un
rosone
, una finestra in vetro, spesso colorato, di forma circolare. E' possibile trovare aperture a
bifòra
, a
trìfora
, o a
quadrìfora
. Infine una caratteristica di queste chiese è che dalla
facciata
esterna possiamo vedere e capire come è
suddivisa
internamente la chiesa.
FINE
Full transcript