Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Presentazione "Jökulhlaup in Valle d'Aosta"

No description
by

Federico Barrel

on 7 November 2016

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Presentazione "Jökulhlaup in Valle d'Aosta"

Jökulhlaup in Valle d'Aosta
Barrel Federico, Boscolo Erika, Chaussod Andrè, Pascal Ivan, Ravasio Daniele
Corso di Protezione Idraulica del Territorio
A.A. 2014-2015
Definizione
Dall’islandese jökull = ghiacciaio e laups = esplosione; indica la rottura di laghi glaciali e la propagazione dell’onda di piena associata.
Sono noti anche con i termini: rotta glaciale o GLOF(Glacial Lakes Outburst Flood)
Tipologie
Fattori chiave per lo sviluppo del fenomeno di jokulhlaup
COSA SONO GLI JOKULHLAUP?
lago endoglaciale
lago epiglaciale
lago periglaciale
Eventi di jokulhlaup e siti critici nelle Alpi
I CASI STUDIO
LAGO SANTA MARGHERITA (RUTOR)
LAGO GLACIALE DEL LYS
TETE ROUSSE
LAGO DEL MIAGE
ghiacciaio del Rutor come si presenta oggi
RISCHIO, MITIGAZIONE E MONITORAGGIO
GRAZIE PER L'ATTENZIONE
foto lago del Miage
schema lago Tete Rousse
foto lago del Belvedere, Macugnaga
GHIACCIAIO PATRI
ANNO 800
«Secondo la tradizione, Erfolet [Cogne] era un villaggio assai importante verso l'anno 800, situato sulla destra del torrente di Valnontey poco a valle del ponte d'Erfolet. Non molto dopo quell'anno, ma però in epoca incerta, credesi che detto villaggio sia stato distrutto da una tromba d'acqua rovesciatasi sopra di esso in causa d'un grande e repentino scoscendimento del ghiacciaio di Patrì. Pressoché sepolti sotto le alluvioni estreme di un ripido cono di deiezione, si osservano tuttora numerosi resti di casupole diroccate che vuolsi siano i ruderi dell'antico Erfolet; il torrente di Patrì è stato deviato da queste alluvioni a sud (cioè a monte), ed ora confluisce col torrente di Valnontey presso il ponte suddetto» (Druetti, 1897)
CATASTROFE DI SAINT GERVAIS 1892
Circolazione idrica subglaciale che provoca assotigliamento e successivamente rottura della parte sovrastante di ghiaccio, con formazione di cavità.
Nel 2005 una di queste cavità diventa un vero e proprio lago. Lo sbarramento è costituito da ghiaccio e detrito.
A partire dal 2010 si sta monitorando il livello del lago al fine di prevedere un eventuale rilascio improvviso della massa d'acqua.
Successivamente sono stati effettuati un rilievo topografico e simulazioni idrauliche di dam break.
lac glaciaire Lys
ghiacciaio del Lys
Nel 1899 e nel 1904 si realizzano due gallerie drenanti che verranno poi abbandonate.
MITIGAZIONE
Evoluzione del ghiacciaio, si individua una nuova cavità. (profonda 30 m)
GLI STUDI DEL 2007
Si procede con il drenaggio della cavità
Si dimostra l'inefficacia della galleria drenante del 1904
CASI STUDIO
COSA SONO GLI JOKULHLAUP ?
JOKULHLAUP NELLE ALPI
MONITORAGGIO E MITIGAZIONE
BIBLIOGRAFIA
BIBLIOGRAFIA
Matthew j. Roberts, Fiona Tweed, Andrew j. Russell, Oskar Knudsen, and Timothy D. Harris; 2003 “Hydrologic and geomorphic effects of temporary ice-dammed lake formation during jökulhlaups.”
Matthew j. Roberts1, Andrew j. Russell, Fiona S. Tweed and O´skar Knudsen; 2000 “Ice fracturing during jo¨ kulhlaups: implications for Englacial floodwater routing and outlet Development.”

Matthew J. Roberts; 2005 “Jökulhlaups: a reassessment Of floodwater flow through glaciers.”

E. Lucy Rushmer; 2006 “Physical-scale modelling of jökulhlaups (glacial outburst floods) with contrasting hydrograph shapes.”

Gwenn E. Flowers,1 Helgi Bjo¨rnsson, and Finnur Pa´lsson; 2004 “A coupled sheet-conduit mechanism for Jökulhlaup propagation.”

Matthias Huss, Andreas Bauder, Mauro Werder, Martin Funk, Regine Hock; 2007 “Glacier-dammed lake outburst events of Gornersee, Switzerland.”

Wilfried Haeberli, Andreas Ka¨ab, Frank Paul, Marta Chiarle, Gianni Mortara, Alvaro Mazza, Philip Deline & Shaun Richardson; 2002 “A surge-type movement at Ghiacciaio del Belvedere and a developing slope instability in the east face of Monte Rosa, Macugnaga, Italian Alps.”

M. Charles Durier; 1892 “La Catastrophe de Saint-Gervais-les-Bains."

Christian Vincent ; 2004 "Aléas lies au lacs glaciaires."

Christian Vincent; 2011 "Poche d’eau du glacier de Tête Rousse (Massif du Mont Blanc) : étude de l’aléa et caractérisation du risque."

Davide Bertolo, Michèle Curtaz, Claudio Lucianaz, Marco Vagliasindi; 2011 "Rischi glaciali in Valle d'Aosta Monitoraggio e ricerca applicata."

Augusta Vittoria Cerutti; 2009 "Ghiacciai e permafrost in Valle d'Aosta, Forzanti meteoclimatiche, evoluzione ed effetti."
F. Dutto, G. Mortara; 1992 "Rischi connessi con la dinamica glaciale nelle Alpi italiane."

Regione Piemonte, Direzione Servizi Tecnici di Prevenzione; 2002 "Il Lago epiglaciale del Ghiacciaio del Belvedere a Macugnaga (VB)."

M.Chiarle, G.Mortara; "Modificazioni nell'ambiente fisico d'alta montagna e rischi naturali in relazione ai cambiamenti climatici."

Formazioni e svuotamenti ciclici (Informazioni a partire dal 1986)
Ultimo svuotamento nel 2004
Struttura con 4 vasche principali interconnesse

Lago Miage, 2013
Monitoraggio

FONDAZIONE MONTAGNA SICURA

METODI

Srumentazioni fisse:
Aste idrometriche per la misura del livello
Stazione meteo con servizio di previsione meteorologica specifico per la zona
Stazione nivo-pluviometrica

Indagini geofisiche:
Georadar per identificare anomalie nella massa glaciale
Ecoscadaglio per determinazione batimetria

Telerilevamento:
Scansioni LIDAR



Difficoltà di previsione in termini temporali e dimensionali
Necessità di accurato sistema di monitoraggio
Definizione di un piano di allerta
Individuazione aree esondabili tramite fonti storiche o osservazione di eventi ricorrenti

GLI EFFETTI A VALLE DIPENDONO DA:

Volumi d’acqua coinvolti
Rapidità del rilascio
Pendenza e topografia della valle glaciale
Disponibilità di materiale detritico-alluvionale

INDIZI PREMONITORI:

Intorbidimento dell’acqua alle sorgenti a valle
Decrementi anomali del livello idrico
Comparsa di corsi d’acqua emissari di neo-formazione


Interventi di mitigazione

OPERE DI DIFESA ATTIVA E PASSIVA:

Gallerie di drenaggio
Abbassamento del livello tramite pompaggio
Sfioratori per intaglio della morena
Diga a valle per il contenimento delle acque

Rischio

GLACIORISK: progetto europeo di sorveglianza dei rischi glaciali

Modalità svuotamento improvviso del lago glaciale effimero:
Tracimazione
Rotta glaciale
Sifonamento attraverso i canali subglaciali
Crollo di massi all’interno del lago e conseguente esondazione


Formazione di una piena improvvisa con possibile sviluppo di debris-flow

Considerazioni sulla sicurezza
Rischio

Morfologia del ghiacciaio

Regime idrologico del ghiacciaio e legame con la circolazione nell'ammasso roccioso

Dinamica della massa glaciale
INFLUENZA DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI
Full transcript