Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Il fiume Zambesi e le cascate Vittoria.

Approfondimenti e immagini.
by

Giada Greco

on 16 January 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Il fiume Zambesi e le cascate Vittoria.

La flora e la fauna Il fiume Zambesi e le cascate Vittoria Il fiume Zambesi Il fiume Zambesi, con i suoi 2 574 km di lunghezza è il quarto fiume più lungo dell'Africa, e il più grande tra i fiumi che sfociano nell'Oceano Indiano. La sua sorgente si trova in Zambia, scorre poi in Angola, lungo il confine tra Zambia e Zimbabwe, fino al Mozambico, dove sfocia nell'Oceano Indiano. Il suo bacino copre un'area di 1 570 000 km², poco meno della metà di quello del Nilo. La caratteristica più spettacolare dello Zambesi sono le cascate che si formano lungo il suo corso, tra queste vi sono le cascate Vittoria, che sono tra le cascate più grandi del mondo. Esistono due principali fonti di energia idroelettrica sul fiume: la diga di Kariba, che fornisce energia allo Zambia e allo Zimbabwe, e la Diga di Cabora Bassa in Mozambico che fornisce energia al Sudafrica. Esiste anche una stazione energetica più piccola alle cascate Vittoria. Il fiume sorge in una zona paludosa nello Zambia nord-occidentale, tra colline ondulate coperte da foreste, ad una altezza di circa 1 500 m sul livello del mare.
Il fiume scorre in direzione sud-ovest per circa 240 km, per poi piegare verso sud e unirsi a molti affluenti. A pochi chilometri a nord di Kakengi il fiume si allarga da 100 a 350 m. Dopo l'unione con il Cuando il letto del fiume diventa molto largo e poco profondo e l'acqua avanza a bassa velocità, e, scorrendo in direzione est verso il grande altopiano centrale africano, raggiunge il grande dislivello che forma le cascate Vittoria. Dai 1500 metri di altezza alla sorgente, il fiume scende a circa 1 100 m quando arriva nei pressi di Kakengi, dopo aver percorso 350 km. Da questo punto fino alle cascate Vittoria, il livello del bacino rimane sostanzialmente uniforme, scendendo di soli 180 m. Il fiume ospita un'ampia varietà di specie animali. Ippopotami, coccodrilli e varani sono molto presenti in molti punti del fiume. Gli uccelli sono abbondanti, con specie come aironi, pellicani, aquile pescatrici africane presenti in gran numero. La vegetazione boscosa lungo le coste dà vita a numerose specie animali di grandi dimensioni, come bufali, zebre, giraffe ed elefanti. La popolazione La popolazione della valle del fiume Zambesi si aggira attorno ai 32 milioni di persone, l'80% delle quali dipende dall'agricoltura delle terre circostanti, rese molto fertili dal fiume. Le comunità vicine al fiume praticano una pesca intensiva, molte persone viaggiano in zone molto lontane per poter pescare. Alcune città che si trovano sulle strade per raggiungere il fiume, impongono ufficiose 'tasse sul pesce' alle persone che portano il pesce dello Zambesi in altre parti del paese. Oltre alla pesca per sostentamento, in alcune zone del fiume è molto praticata la pesca sportiva. La valle del fiume è ricca di depositi minerari e di combustibili fossili, e di miniere di carbone. Le dighe lungo il suo corso forniscono lavoro a molte persone, per la manutenzione sia delle stazioni di energia idroelettrica che delle dighe stesse. Molte zone del fiume sono destinazioni turistiche molto popolari. Le cascate Vittoria sono visitate da oltre un milione e mezzo di persone ogni anno. Le acque del fiume in prossimità dei centri urbani sono in gran parte inquinate a causa dell'inadeguata presenza di sistemi di trattamento delle acque reflue, che porta a scaricare liquami non trattati direttamente nel fiume. Questo ha portato a una eutrofizzazione delle acque del fiume ed è stato veicolo di diffusione di malattie legate all'igiene come colera, tifo e dissenteria. Il corso del fiume Il fiume si divide in un corso superiore, medio ed inferiore. Il fiume scorre in direzione sud-ovest per circa 240 km, per poi piegare verso sud e unirsi a molti affluenti. Le cascate Vittoria sono considerate il confine tra lo Zambesi superiore e lo Zambesi medio. Dopo le cascate il fiume continua a scorrere verso est per 200 km. Lo Zambesi inferiore è lungo 650 km e va da Cabora Bassa all'Oceano Indiano. È completamente navigabile, anche se le sue acque, durante la stagione secca, sono basse in molti punti. Le secche emergono quando il fiume arriva in un'ampia valle dove il letto del fiume si allarga, coprendo una grande area. La sua larghezza varia da 5 ad 8 km. Le cascate Vittoria Le Cascate Vittoria (Victoria Falls) sono tra le cascate più spettacolari del mondo. Si trovano lungo il corso del fiume Zambesi, che in questo punto demarca il confine geografico e politico tra lo Zambia e lo Zimbabwe. Il fronte delle cascate è molto lungo, più di un chilometro e mezzo, mentre la loro altezza media è di 128 metri. La loro spettacolarità è dovuta alla geografia particolare del luogo nel quale sorgono, una gola profonda e stretta, che permette quindi di ammirare tutto il fronte della cascata dall'altra sponda, esattamente davanti al salto. David Livingstone, il celebre esploratore scozzese, fu il primo occidentale a visitare le cascate nel 1855. Diede loro il nome dell'allora Regina d'Inghilterra. Le cascate si trovano circa a metà del corso dello Zambesi. Queste ultime iniziano quando lo Zambesi precipita in uno stretto dirupo largo circa 120 metri, La grande massa d'acqua, cadendo nel dirupo, genera una nebbia di goccie d'acqua. Sul limite del precipizio vi sono numerose isolette che dividono il flusso dell'acqua e formano quattro cascate. Nella stagione secca le cascate si posso ridurre a soli due flussi principali, con una quasi assenza di spruzzi d'acqua e una portata ridotta. In questo periodo è possibile vedere le profondità della gola, normalmente oscurata dalla foschia degli spruzzi.
Full transcript