Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

!!! Africa fame 3!!!

No description
by

susanne lenz

on 9 February 2016

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of !!! Africa fame 3!!!

Della fame nel Mondo ...
Materie

Storia: Colonialismo Africa
La fabbrica del
sorriso
Romanticismo
Per Colonialismo si intende l 'espansione di una nazione su popoli e territori al di fuori dei propri confini per scopo commerciale ed economico,sfruttandone le materie prime e la mano d 'opera dei territori colonizzati.
Questo periodo storico che comincia nel XVl secolo ebbe il suo culmine nel XlX secolo.
I paesi che maggiormente dominarono l'Africa furono la Francia e la Gran Bretagna,con una piccola partecipazione di Italia,Germania,Portogallo e Belgio.
Il colonialismo, a sua volta si divideva in:
Colonialismo Commerciale
Colonialismo Moderno.
Fino al XVl il continente Africano rappresentava solo forme di colonialismo commerciale,diffuso lungo le coste.
Importante aspetto del colonialismo commerciale è il commercio degli schiavi che prospera tra il XV e il XVlll secolo.
Questo commercio darà grandi guadagli ai negrieri e cesserà solo nel Settecento e nell'Ottocento col pensiero illluminista.
Invece ,il Colonialismo Moderno che iniziò nel XlX,ed era basato sullo sfruttamento delle risorse dei paesi colonizzati,avenne con penetrazioni nell'entroterra del continte.
Il Colonialismo Moderno ebbe il suo apice nellla seconda metà del novecento; quando le potenze Eurepee inviarono militari per occupare i vasti territori afrcani,formalmente appartenenti a nessuno secondo loro.

IL Colonialismo Italiano in Abissinia
Il Colonialismo Italiano,che ebbe inizio nel 1882 col possedimento di Assab in Eritrea,fu un fenomeno storico che comportò l'espansione dellà sovranità del Regno d'Italia sui quattro territori d 'Africa (Libia,Somalia,Eritrea e Etiopia).
Nella visione politica di Francesco Crispi,abile politico del 1887 anche l'Italia doveva diventare un impero coloniale.
Egli quindi decise che dover conquistare il Regno di Abbisa,l'attuale Etiopia,nonostante fosse uno dei paesi più poveri al mondo.
La spedizione dei soldati fu confusa e approssimata:furono mandati in un territorio del tutto sconusciuto,con un dispendio di risorse finanziarie e mezzi militari superiori al previsto,senza che arrivasse la concquista sperata.
Così 1 Marzo del 1896 si scontrarono presso Adua 15 mila soldati con oltre 100 mila soldati Abissini,l'Italia perciò si dovette ritirarsi.
Dopo ciò Crispi si ritirò a vita politica.
Tutto svanì con la sconfitta dell'Italia nella seconda guerra mondiale, che pose fine al sogno mussoliniano di fare dell'Italia una "potenza mondiale".

Le colonialisme Française
L'ampir Française étai l'un des plus grand au monde du temps des colonisation.
On note la présence de deux periodes coloniales Française;
La première datant d'avant 1803 regroupait des regions Amerique.
La seconde après cette date comprenaint des regiones d'Afrique,d'Asie et d'Océanie et était appelé "Empires Républicains".
En Afrique du nord,l'Algerie et la Tunisie furent colonisée,ainsi que les trois-quarts du Maroc.
En Afrique Subsaharienne,on trouvait sous l'occupation Française des pays comme le Bénin,la Burkina Faso,la République Centrafricaine,le Sénégal,le Niger,le Mali et la Cote d'Ivoire.
En 1783,grace au "Traité de Versailles" occupèrerent le Sénégal.
Enfin pendant la première guerre Mondiale,le colonies Europeennes se livrèrent à une rude bataille pour acquérir le Togo,gagnés de justesse par la France.
Il Corno d'Africa è una penisola di forma triangolare,bagnata dal Mar Rosso e dall'Oceano Atlantico,situata nel lato est del continente Africano.
Chiamata corno per la sua effettiva somiglianza a esso.
Comprende:l'Eritrea, il Gibuti ,l'Etiopia e la Somalia.

L'ETIOPIA
L'Etiopia è uno Stato Federale situato nel corno d'Africa,confina a nord con l' ERITREA ,a est col GIBUTI e SOMALIA,a sud con il KENYA,a nord-ovest col SUDAN.
Nel suo territorio passa anche la Rift Valley che lo divide in due parti: nella parte nord-occidentale nel ACROCORO ETIOPICO e nella parte sud-occidentale nel ALTOPIANO SOMALO.
Nel Acrocoro Etiopico le cime sono alte dai 1500 m ai 4550 metri, ed è spesso chiamato "Tetto d'Africa" per l'ampia e alta area che occupa.
Il Ras Dascian (4549m), è il più alto monte dell' Etiopia il quarto d'Africa e la 23ª montagna più prominente al mondo.
Il Lago Tana, da cui parte il Nilo Azzurro, si trova nella porzione nordoccidentale vicino alla città di Bahir Dar.
Il fiume principale è il NILO AZZURRO.
IL clima è caldo e secco fino 1500 metri, invece sopra ai 2000 metri è temperato.

ADDIS ABEBA E POPOLAZIONE
La capitale dell' Etiopia ,con oltre 3 milioni di abitanti è Addis Abeba,nella quale 80 nazionalità diverse.
La città giace ai piedi del monte Entotocima più alta della città di Addis Abeba.
La montagna è fittamente ricoperta di eucalipti, alberi piantati all'epoca dell'imperatore Menelik II; per questo è a volte chiamata "il polmone di Addis Abeba".
La foresta sul monte è un'importante fonte di legna da ardere per i cittadini della metropoli sottostante.
Addis Abeba ha un clima temperato e umido, caratterizzato da precipitazioni abbondanti, anche nei mesi più secchi.

ECONOMIA E SETTORI
Nel 2010, l’Etiopia ha continuato a registrare una crescita rapida, seguendo la scia degli ultimi cinque anni.
Tale crescita è stata guidata dal settore dei servizi , seguito da quello industriale e agricolo.
Settore primario: l’economia etiope è basata sull’agricoltura, allevamento compreso, Il caffé risulta la principale coltura commerciale, anche se la sua quota sui ricavi da esportazione e’ andata diminuendo negli ultimi anni, sia a causa della depressione delle quotazioni internazionali sia per la robusta crescita sperimentata dalle esportazioni di altre categorie merceologiche. Altre importanti esportazioni agricole sono costituite da cereali, legumi, oleaginose (come l’olio di palma).
L’Etiopia è paese leader in Africa per la produzione di cera d’api e miele.
Settore secondario: Il settore manifatturiero risulta caratterizzato da industria leggera di piccola scala e artigianato locale e da imprese agroalimentari che hanno vissuto una dinamica di rapida espansione negli ultimi anni.
Il settore terziario ha manifestato, negli ultimi anni, a partire dalla fine della dittatura militare, una crescita consistente,grazie alle ricchezze naturali, al patrimonio culturale e ai siti archeologici, religiosi e storici.
LA SUA STORIA
Nel 1934 si verificarono degli incidenti sui confini tra Etiopia e Somalia.
Vedendo così Benito Mussolini,fondatore del fascismo e presidente del regno di Italia dal 1922 al 1943,iniziò a preparare un piano di conquista dell'Etiopia.
Così il 3 OTTOBRE 1935 le truppe Italiane attaccarono senza dichiarazione l'Etiopia,questo significò l'iniziò della guerra Italo-Etiopica o guerra d ' Abissina.
Questo gesto fu condannato dalla Società delle Nazioni come convenzioni di utilizzo di armi proibite come l'Iprite ( gas usato nelle guerra chimica).
IL 5 MAGGIO 1936 le truppe Italiane a comando del maresciallo Badoglio riuscirono a sconfiggere la resistenza degli Etiopi e a entrare ad ADDIS ABEBA (la capitale),ammettendo l'Etiopia nel AFRICA ORIENTALE ITLIANA.
Quattro giorni dopo venne proclamata l'incoronazione di Vittorio Emanuele 3(re d'Italia) come imperatore dell'Etiopia.
Il progetto coloniale Italiano finì nel 1941 con l'occupazione britannica nel dei territori soggetti al dominio Italiano.
Oggi l'Etiopia è uno dei paesi più poveri mondo,la popolazione vive con circa 1,25 dollari statunitensi al giorno.
Attualmente l 'Etiopia è la quinta produttrice mondiale di caffè,ma a causa delle multinazionali che decidono il prezzo del caffè i profitti da parte degli Etiopi sono scarsi.
Le industrie sono quasi assenti,quelle più comuni sono tessili.


La malnutrizione e la denutrizione sono due concetti simili ma non uguali.
Infatti con il termine malnutrizione si intende uno squilibrio,prolungato nel tempo,nel apporto di nutrienti a causa di un'alimentazione scarsa e povera di proteine,minerali e nutrienti in genere.
La denutrizione,invece,è una dieta inadeguata,errata,caratterizzatada un rapporto energico/proteico sbagliato.
La denutrizione può rappresentare una causa della malnutrizione.
Nellle zone povere del mondo dove esiste la denutrizione si hanno casi di digiuno prolungati.
In queste condizioni il nostro organismo per darci energia uttilizza le proteine dei muscoli,causando una perdita sostanziale di massa corporea,e provocandoci debolezza

Gli squilibri nutrizionali nei bambini
L'alimentazione dei bambini Africani è costituita da carboidrati e pochissime proteine,che provacano problematiche al bambino,come il rigonfiamento dell'addome,debolezza muscolare,fegato grasso,ritardo nella crescita e una serie di problematiche irreversibili.

Denutrizione
La denutrizione primitiva è dovuta da un'assunzione inadeguata,volontaria o involontaria,di nutrienti.
Infatti le più comuni forme di denutrizioni,dipendono da una carenza di sostanze nutritive,non in grado di soddisfare il nostro organismo.
Questo condiziona molto la salute,causando debolezza,riduzione della massa muscolare,aumento di rischio di fratture,perdita di peso,
disidratazione.
Le principali vittime della malnutrizione sono i bambini,il cui fisico non riesce a sopportare uno scarso apporto di nutrienti.

Geografia: Corno d'Africa
Inglese: The British colonialis
Francese: Le colonialisme Française
Scienza: La Malnutrizione
Italiano: La fabbrica del sorriso
L'Indice globale della
fame
Tecnologia: Produzione Alimentare
Matematica: Indice a fame
Arte: Romanticismo
Musica: Puccini
L'indice globale della fame è uno strumento statistico per l'acquisto di dati sulla fame nei diversi paesi del mondo.
Nel 2014 l'indice globale della fame è stato calcolato in 120 paesi in via di sviluppoo o da poco industrializzati,55 dei quali un livello serio o peggiodel normale.
L'indice globale della fame si occupa ogni anno di un focus specifico:nel 2014 il focus riguardava la fame nascosta,forma di denutrizione causata una carenza micronutrienti.
Secondo i dati dell' indice globale la fame resta ad essere un grave problema in Africa-Sahariana,in Asia meridionale,con puntetggi respettivamente pari al 18,2 e 18,1.
In altri 14 stati la situazione è stata considerata allarmante.
2.6 milioni di persone oggi vivono con meno di 2 dollari giorno.

DATI SULLLA MALNUTRIZIONE INFANTILE
La malnutrizione tra i bambini ha ormai assunto proporzioni allarmanti:nei paesi in via di sviluppo sono oltre 195 milioni- circa un terzo bambini sotto i 5 anni,con cause allarmanti,come malattie e gravi problematiche.

Produzione alimentare
Giacomo Puccini
Giacomo Puccini fu uno dei maggiori compositori di musica lirica a livello Europeo e mondiale.
Sesto genito di nove figli nacque a Lucca il 22 dicembre 1858.
Da molte generazioni i Puccini erano Maestri di cappella del Duomo di Lucca.
La morte del padre, avvenuta quando Giacomo aveva solo cinque anni, mise in condizioni di ristrettezza la famiglia.
Il giovane musicista quindi fu mandato a studiare presso lo zio materno, Fortunato Magi, che lo considerava un allievo non particolarmente dotato e soprattutto poco disciplinato.
Rimasto colpito dalla conoscenza dello spartito dell'Aida” di Verdi scoprì la bellezza dell’opera lirica e la forza espressiva verdiana.
Giacomo si iscrisse poi all'Istituto Musicale di Lucca dove ottenne ottimi risultati mostrando un talento destinato a pochi.
A quattordici anni Giacomo poté già iniziare a contribuire all'economia familiare suonando l'organo in varie chiese di Lucca.
Le prime opere da lui composte non ebbero grande successo ma attirarono l’attenzione dell’editore Ricordi che aveva intuito la bravura del giovane.

Le sue Opere
Tutte le opere di Puccini sono incentrate su figure femminili e portano come titolo il nome della protagonista.
Il primo grande successo internazionale giunse a Torino nel 1903 con "Manon Lescaut"che parla dell'amore di un ragazzo per una ragazza di nome Manon destinata a una vita monastica.
Pochi anni dopo mette in musica "La Bhomè",la storia di Mimi,una ricamatrice,che incontra in un soffitta di Parigi un gruppo di giovani artisti tra i quali il poeta Rodolfo,di cui se ne innamora.
Mimi è una ragazza timida e semplice.
Alla fine Mimi si ammala e muore,ma con il conforto dell'amato Rodolfo e gli amici.
Giacomo Puccin morì all'eta di 66 anni,stroncato da un infarto sopraggiunto qualche giorno dopo un intervento chirurgico eseguito per estirpare un diffuso cancro alla gola; le ultime due scene di 'Turandot', solo abbozzate dall'autore, vennero quindi completate da Franco Alfano sotto la supervisione di Arturo Toscanini.





Ginnastica: i principali sport africani
Il Romanticismo fu un movimento artistico,letterale,e musicale che si sviluppò nel 800 in Germania,ma che si diffuse anche in Francia, in Inghilterra,in Italia e in Spagna.
Il Romanticismo aveva delle regole ben salde comunemente dette: Ideali Romantici.
Quest'ultimi erano:
Rapporto uomo-natura: la natura viene letta in chiave romantica come l'espressione del divino in terra.
Ritorno al passato medievale: si traduce in un vero e proprio tuffo nella fede, con opere che esprimono il bisogno di riconciliare l'uomo con Dio.
Amore per la patria:i Romantici avevano un grande amore per la propria patria.
Un dipinto romantico è facilmente riconoscibile perché fa largo uso di panorami naturali sterminati e violenti.
Nei dipinti Romantici vengono rappresentate scene di disperazione come nella Zattera della Medusa di Théodore Géricaul dipinta nel 1819 a Parigi,dove si vede una zattera in balia del mare con morti e gente che si dispera.
O dipinti con panorami sublimi come nel Viande sul mar di nebbia di David Friedrich dipinto nel 1818 ad Amburgo,dove si vede un uomo girato di spalle,appogiato a un bastone che viene affascinato da il mare e la nebbia che ricoprono un paessaggio montuoso.
Questo dipinto è considerato uno dei manifesti del Romanticismo.
Il Romanticismo in Italia arriva dopo che negli altri paesi,ed è meno sentito,con un gusto dell'orido e del tenebroso del tutto assenti.
Molti quadri,infatti raffigurano episodi della storia passata o della letteratura per alludere a fatti e aspirazioni delle lotte risorgimentali.
"La libertà guida il popolo" di Eugène DelaCroix dipinto nel 1830
Corno d'Africa
The British Empire
The British Empire comprised the dominions,colonies,protectorates,mandates and other territories ruled or administered the United Kingdom.
It originated with the overseas possession and trading pots established by England between the 16th and 18 th centuries.
By 1922 British Empire held sway over about By 1922 the British Empire held sway over about 458 million people,one-fifth of the word's population at the times.
The Empire convered almost a quarter of the earth's total land area.

Gli sport in Africa
Gli sport più praticati in africa, sono il calcio, l'atletica e il pugilato.
Si pensa che nei prossimi anni l'Africa possa diventare una "superpotenza" nelle varie discipline delle competizioni internazionali.
Ma naturalmente le difficoltà non mancano,infatti sport come il pallavolo,la pallacanestro,il tennis e il nuoto sono poco praticati, a causa della mancanza di impianti sportivi.
Questo,quindi,impedisce all' Africa di aprirsi un varco sulla scena mondiale.
Purtroppo le possibiltà di praticare uno sport è soprattutto rivolto ai benestanti, mentre le classi sociali meno ricche, peraltro la maggioranza della popolazione, vive in condizioni in condizioni di grande emarginazione anche per quanto centra le attività agonistiche.
Le potenzialità degli africani in campo sportivo sono comunque indiscutibili. Si tratta davvero di un settore che, se opportunamente valorizzato, potrebbe contribuire a promuovere il riscatto di un continente che ha decisamente voglia di voltare pagina.

Mangiare molta carne può essere molto più" innocuo" di quanto può sembrare....
Ma per ottenere un kilo di carne,latte e derivati si ha un consumo di risorse alimentari e idriche pari a riuscir a sfamare ed abbeverare direttamente un gran numero di persone, e inolte si producono sostanze inquinanti come il fumo provocato dalle macchine agricole.

CONSUMO DI RISORSE
Circa il 50% della produzione mondiale di frumento viene uttilizzata per il bestiame, e altrettanta acqua uttilizzata per la pulizia pulizia delle stalle,l'irrigazione dei campi e per l'abbeverazione delle bestie.
Ma per produrre 1 kilo di carne una mucca mangia ben 7 kili di frumento,con una perdita evidente del frumento.

PAESI POVERI E PAESI RICCHI
I cosidetti paesi poveri sono paesi dove la fame ormai porta una grave problematica soprattutto nei bambini.
Paesi dove mangiare carne non è possibile e addirittura,in alcuni casi,non si ha nemmeno acqua potabile.
I paesi ricchi,invece,sono quei paesi dove di cibo c'è ne fin troppo questo infatti porta,soprattutto ai giovani il problema dell'obesità.
Quindi da un lato abbiamo chi soffre la fame e dall'altro chi invece non fa altro che mangiare....
Allora,a questo punto,i ricchi non potrebbero auitare i paesi poveri?
E noi,invece di mangiare così tanta carne non potremo mangiare più verdure?

La fabbrica del sorriso è un'associazione di solidarietà sociale Italiana,che oltre ad aiutare il nostro paese aiuta soprattutto i paesi poveri del mondo,che è stata promossa da Mediafriends nel 2003.
Il progetto della fabbrica del sorriso promuove il diritto di un'alimentantazione adeguata e un' istruzione per i bambini poveri.
Negli ultimi anni aiutava gran parte del mondo,oggi invece aiuta solamente l'Africa,con ben otto progetti da realizzare,centrati sulla fame,sull'istruzione e sulla povertà.
Fra uno di questi otto progetti c'è "Ciai:la fame viene mangiando" centrato in Etiopia,dove la povertà e l'insicurezza alimentari sono soprattutto concentrate nelle aree rulari.
I bambini di queste zone sono in un grave stato di sottopeso.
Infatti,in Etiopia,la malnutrizione e la denutrizione infantili sono ancora gravi problemi.
I fondi raccolti da Mediafriends serviranno a costruire e allestire mense nelle scuole,alla creazione di orti scolastici,alla fornitura di pasti ai bambini in strada,formazione sulla preparazione degli alimenti per sensibilizzare alla comunità l'importanza di un'alimentazione adeguata.Ridiamo un motivo di vivere a chi ne ha bisogno...
La Malnutrizione
Colonialismo in Africa
Full transcript