Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Usare internet a scuola e per la scuola

Nozioni e suggerimenti pratici
by

Alberto Zonari

on 3 July 2017

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Usare internet a scuola e per la scuola

web, legislazione e scuola
Nozioni e suggerimenti pratici per la gestione degli aspetti legali dell'utilizzo di Internet nelle scuole
Parte I: il diritto d'autore e l'utilizzo di materiale didattico online e su supporto digitale
- Il diritto d'autore:
quadro legislativo;
oggetto della protezione;
i diritti connessi al diritto d'autore;
caratteristiche e requisiti del diritto d'autore;
- Tutela:
diritti patrimoniali e diritti morali;
durata e sanzioni;
la SIAE;
- Le eccezioni e la libera utilizzazione: eccezione per fini didattici;
- Suggerimenti pratici e netiquette;
- Creative Commons, Open Access, Copyleft;
- Link utili.
Cosa protegge il DA?
X
Art. 1 Legge DA:
"
le
opere dell'ingegno

di
carattere creativo
che appartengono alla
letteratura
, alla
musica
, alle
arti figurative
, all'
architettura
, al
teatro
ed alla
cinematografia
, qualunque ne sia il modo o la forma di espressione
";
programmi per elaboratore;
banche dati;
Parte II - Internet e la gestione di dati personali e riservatezza a scuola
- quadro legislativo;

- trattamento dei dati personali e definizioni;

- dati personali del minore;

- scuola online e protezione dei dati personali/riservatezza;

- Esempi: la Sig.ra Lindqvist e il Preside del Liceo Farnesina;

- videofonini e smartphone in classe e la tutela della riservatezza di compagni e docenti;

- Diritto all'oblio e responsabilizzazione degli studenti;

- Link utili.
Presentazione
Introduzione
: il diritto dell'informatica e la sua utilità per docenti e personale amministrativo;
Parte I
: il diritto d'autore e l'utilizzo di materiale didattico online e su supporto digitale;
Parte II
: l'uso di Internet nelle scuole e la protezione dei dati personali di docenti ed alunni.
Introduzione:
Diritto dell'Informatica
branca del diritto, di recente affermazione, avente ad oggetto i rapporti tra le tecnologie dell'informazione (Internet, Web 2.0, computer, tecnologie digitali, telematiche e mobili) ed il diritto civile, penale ed amministrativo.
Elenco esemplificativo, Art. 2 Legge DA:
1) le opere letterarie, drammatiche, scientifiche, didattiche, religiose (scritte o orali);
2) le opere e le composizioni musicali;
4) le opere della scultura, della pittura, dell'arte del disegno, della incisione;
5) architettura;
6) arte cinematografica;
7) le opere fotografiche (non se semplici fotografie);
8) i programmi per elaboratore;
9) le banche di dati.
Diritti connessi al DA
= protezione più limitata che la legge riconosce in due casi:
1) non all’ autore di un ‘opera, ma ad
altri soggetti comunque collegati o affini
. Es. artisti interpreti ed esecutori, produttori musicali e cinematrografici/televisivi, emittenti radiofoniche e televisive.
2) in relazione a
creazioni che non costituiscono vere e proprie “opere dell’ ingegno”
. Es. semplici fotografie, bozzetti di scene teatrali, edizioni critiche di opere di dominio pubblico.

X
La rilevanza per i docenti:

- MIUR: Direttiva 104 del 30 November 2007.

- UE: Libro verde
Il diritto d'autore nell'economia della conoscenza
(2008):
"Per procurarsi o diffondere il materiale didattico sia gli insegnanti che gli studenti ricorrono sempre più alla tecnologia digitale. L'apprendimento basato sull'uso della rete rappresenta oggigiorno una parte significativa delle attività curriculari.
Se è vero che la diffusione di materiali per l'insegnamento attraverso le reti on line può avere effetti benefici sulla qualità dell'istruzione e della ricerca in Europa, è anche vero che questa diffusione comporta il rischio di violazione dei diritti degli autori quando la digitalizzazione e/o
la messa a disposizione di copie di materiali per studio
e ricerca riguardi opere coperte dal diritto d'autore".

Legislazione in materia di DA:
Fonti Internazionali:
Conv. di Berna 1886 (modificata fino al 1971);
Conv. di Ginevra 1952;
Convenzione di Roma 1961;
Accordo TRIPs 1994;
Trattati OMPI di Ginevra 1996;
Fonti Europee:
varie direttive su argomenti specifici (es. Durata del diritto d'autore, softwares, etc);
Fonti Nazionali:
Cod. Civ. Libro V, Tit. IX, Capo I, Artt. 2575-2583;
Legge 633 del 22 aprile 1941.
Caratteristiche
& Requisiti
Sussistenza dei requisiti di originalità e novità: esempio
Cézanne, Natura morta con teschio, 1895-1900 (Fonte: Wikiart)
Picasso, Natura morta, 1945
(Fonte: http://www.settemuse.it/pittori_scultori_europei/pablo_picasso_opere_08.htm)
il DA
protegge solo la FORMA RAPPRESENTATIVA/ESPRESSIVA
(esterna ed interna) e non il contenuto;
carattere creativo della
forma
=
originalità

(individualità),
novità

oggettiva
(dibattuto se necessaria o meno);
acquisto originario al momento della crazione, solo per persone fisiche.
Diritti Patrimoniali
Diritti Morali
(indipendenti dai dir. patrimoniali, imprescrittibili ed inalienabili)
diritto di pubblicazione;
diritto di riproduzione (diretta/indiretta, temporanea/permanente, in tutto/parte, in qualunque modo o forma);
diritto di trascrizione (uso di mezzi atti a trasformare l’opera da orale a scritta);
diritto di rappresentazione/recitazione/esecuzione in pubblico (gratuitamente o a pagamento);
diritto di comunicazione al pubblico su filo o senza filo (mezzi di diffusione a distanza), incluso in maniera che ciascuno possa avervi accesso dal luogo e nel momento scelti individualmente (on demand/Internet);
diritto di distribuzione (= messa in commercio/circolazione/a disposizione del pubblico, con qualsiasi mezzo ed a qualsiasi titolo);
diritto di traduzione di un’opera;
diritto di elaborazione;
diritto di concessione in noleggio o prestito;
diritto di registrazione.
X
diritto alla paternità dell’opera;
diritto all’integrità dell’opera;
diritto di inedito;
diritto di ripensamento o ritrattazione (solo a determinate condizioni).
Durata della protezione:
Diritti patrimoniali: fino al 70esimo anno solare dopo la morte dell'autore.
Sanzioni
amministrative:

pecuniarie generali (art. 174-bis l.da.);
sospensione dell’attività in pendenza di procedimento penale (art. 174-ter l.da.).
Sanzioni penali:
multa da euro 51 a euro 2.065 chiunque, senza averne diritto, a qualsiasi scopo e in qualsiasi forma:
a) riproduce, trascrive, recita in pubblico, diffonde, vende o mette in vendita o pone altrimenti in commercio un'opera altrui o ne rivela il contenuto prima che sia reso pubblico, o introduce e mette in circolazione nello Stato esemplari prodotti all'estero contrariamente alla legge italiana;
a-bis) mette a disposizione del pubblico, immettendola in un sistema di reti telematiche, mediante connessioni di qualsiasi genere, un'opera dell'ingegno protetta, o parte di essa;
...
La S.I.A.E.
Società Italiana Autori ed Editori (fond. 1882);
Ente pubblico economico a base associativa;
funzione istituzionale: tutela del DA;
affidamento esclusivo intermediazione;
ruolo: concessione licenze; percezione proventi; ripartizione proventi;
tenuta Pubblico Registro Cinematografico;
cooperazione ambito fiscale.
ECCEZIONI & LIMITAZIONI
= utilizzi consentiti dalla legge in deroga ai diritti dell’autore e ai diritti connessi. Si dividono in: a tutela di interessi generali (articoli di giornali, insegnamento, ricerca, discussione e critica) e legate ad “usi privati” (es. fotocopia per studio, copia personale). [Vedere artt. 65-71
decies
l. DA.]
X
L'ECCEZIONE PER FINI DIDATTICI
"1. Il
riassunto
, la
citazione
o la
riproduzione
di brani o di parti di opera e la loro
comunicazione al pubblico
sono
liberi
se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera;
se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e
per fini non commerciali.

1-bis. È consentita la
libera pubblicazione attraverso la rete internet,
a titolo
gratuito, di immagini e musiche
a bassa risoluzione o degradate
, per uso didattico
o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo
non sia a scopo di lucro.

...
3. Il riassunto, la citazione o la riproduzione debbono essere sempre
accompagnati dalla
menzione del titolo dell'opera
,
dei
nomi dell'autore, dell'editore
e, se si tratti di traduzione,
del
traduttore
, qualora tali indicazioni
figurino sull'opera riprodotta".
Cosa implica l'eccezione a fini didattici? Cosa è permesso?
E' possibile, RIPORTANDO FONTI ED AUTORI e non se per fini di vendita:
utilizzare materiale da banche dati e fonti che prevedano la possibilità di libera utilizzazione;
mostrare, leggere, far ascoltare opere, in tutto o in parte, nel contesto delle lezioni in classe;
riportare parti di opere (se figurative o musicali, in qualità degradata) su siti Internet aventi finalità educative;
citare PARTI di un'opera (no per fotografie e dipinti). Meglio se le citazioni sono brevi e intervallate da osservazioni critiche personali;
inserire thumbnails (miniature) di foto;
modificare opere, se la licenza lo prevede;
inserire musiche o canzoni su siti o pagine web, PREVIO PAGAMENTO ALLA SIAE DELLA LICENZA.
NON è possibile:
compiere le azioni di cui sopra senza riportare fonti ed autori, o per fini commerciali;
citare o fare copia/incolla di opere per intero;
manomettere le misure tecnologiche di protezione (es. cancellare il watermark da una foto o crakkare il DRM);
inserire contenuti sul proprio sito tramite HARD-LINKING (linkare direttamente il contenuto e non la pagina e/o l'intero sito che lo ospita)
Tutela dei Dati Personali/Riservatezza: quadro legislativo
Legislazione Europea
:
- Direttiva 45/96/CE;
- Direttiva 58/2002;
- Pareri WP29. Es. Parere 2/2009 sulla protezione dei dati personali dei minori (Linee-guida generali e casi specifici riferiti al contesto scolastico);
Legislazione nazionale
:
- Costituzione (artt. 13, 14, 15 e 21); Cod Civ (10); Cod. Pen.;
- Codice in materia di protezione dei dati personali (d. lgs. 30 giugno 2003, n. 196) (CDP);
- Pareri e regolamenti emanati dall'Autorità Grante per la Privacy ed i Dati Personali. Es. "Linee guida in materia di trattamento di dati personali, contenuti anche in atti e documenti amministrativi, effettuato per finalità di
pubblicità e trasparenza sul web da soggetti pubblici e da altri enti obbligati"; Provvedimento sulla Diffusione sul sito web istituzionale di una scuola di dati personali relativi agli studenti - 6 dicembre 2012;
- Direttive e regolamenti ministeriali. Es. Direttiva MIUR 104/2007.
Disciplina del CDP
Protezione dei dati di qualsivoglia persona fisica dai rischi derivanti dal trattamento di tali dati che sia:
- operato senza il consenso dell'interessato;
- non rispondente ai principi di liceità, correttezza, legittimità (dati raccolti e registrati per scopi determinati, espliciti e legittimi, ed utilizzati in altre operazioni del trattamento in termini compatibili con tali scopi), esattezza, pertinenza, proporzionalità e non eccedenza.
Definizioni:
a) "
trattamento
", qualunque operazione o complesso di operazioni, effettuati anche senza l'ausilio di strumenti elettronici, concernenti la raccolta, la registrazione, l'organizzazione, la conservazione, la consultazione, l'elaborazione, la modificazione, la selezione, l'estrazione, il raffronto, l'utilizzo, l'interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distruzione di dati, anche se non registrati in una banca di dati;
b) "
dato personale
", qualunque informazione relativa a persona fisica, identificata o identificabile, anche indirettamente, mediante riferimento a qualsiasi altra informazione, ivi compreso un numero di identificazione personale;
d) "
dati sensibili
", i dati personali idonei a rivelare l'origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l'adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale;
f) "
titolare
", la persona fisica, la persona giuridica, la pubblica amministrazione e qualsiasi altro ente, associazione od organismo cui competono, anche unitamente ad altro titolare, le decisioni in ordine alle finalità, alle modalità del trattamento di dati personali e agli strumenti utilizzati, ivi compreso il profilo della sicurezza;
h) "
incaricati
", le persone fisiche autorizzate a compiere operazioni di trattamento dal titolare o dal responsabile;
Riservatezza e dati personali dei minori
Minori sono soggetti titolari del diritto alla riservatezza ed alla protezione dei DP;
Esercenti tale diritto sono i genitori o tutori legali;
Il consenso per il trattamento dei dati personali va chiesto ai genitori (scritto per dati sensibili).
Scuola e
trattamento dei DP
Secondo le linee guida dell'Autorità Garante:
Temi in classe: si anche su argomenti personali;
CELLULARI&TABLET: ammesse riprese e foto per uso personale. DIFFUSIONE, ANCHE A MEZZO INTERNET, AMMESSA SOLO PREVIO CONSENSO DEGLI INTERESSATI E NEL RISPETTO DEL CDP;
Gite&recite: vd. cellulari&tablet;
Avvisi&Comunicazioni: pubblicazione online ammessa solo se GENERALI e non individuali. NO PUBBLICAZIONE NOMI FAMIGLIE IN MORA O SOGGETTE A ESENZIONI. NO pubblicazione elenco iscritti divisi per classe. NO pubblicazione dati inerenti SALUTE. NO pubblicazione voti e scrutini;
Telecamere: in funzione solo nell'orario di chiusura, con presenza segnalata. Filmati da cancellare dopo 24 ore;
Registri elettronici: sono regolati ormai da diverse leggi (n. 135 del 7 agosto 2012 e decreto legislativo n.179 dell’agosto 2016) e quindi validi a tutti effetti anche se ancora in molte scuole vengono utilizzati insieme a quelli cartacei.
In generale:
la «diffusione» di dati personali –ossia «il dare conoscenza dei dati personali a soggetti indeterminati, in qualunque forma, anche me- diante la loro messa a disposizione o consultazione» (art. 4, comma 1, lett. m) del Codice)– da parte dei «soggetti pubblici»
è ammessa unicamente quando la stessa è prevista da una specifica norma di legge o di regolamento
(art. 19, comma 3, del Codice). Pertanto, in relazione all’operazione di diffusione, occorre che le pubbliche amministrazioni, prima di mettere a disposizione sui propri siti web istituzionali informazioni, atti e documenti amministrativi (in forma integrale o per estratto, ivi compresi gli allegati) contenenti dati personali, verifichino che la normativa in materia di trasparenza preveda tale obbligo (artt. 4, comma 1, lett. m), 19, comma 3 e 22, comma 11, del Codice). Laddove l’amministrazione riscontri l’esistenza di un obbligo normativo che impone la pubblicazione dell’atto o del documento nel proprio sito web istituzionale
è necessario selezionare i dati personali da inserire in tali atti e documenti
, verificando, caso per caso, se ricorrono i presupposti per l’oscuramento di determinate informazioni. I soggetti pubblici, infatti, in conformità ai principi di protezione dei dati, sono tenuti a
ridurre al minimo l’utilizzazione di dati personali
e di dati identificativi4 ed evitare il relativo trattamento quando le finalità perseguite nei singoli casi possono essere realizzate mediante dati anonimi o altre modalità che permettano di identificare l’interessato solo in caso di necessità (c.d. “
principio di necessità
” di cui
all’art. 3, comma 1, del Codice)
Sanzioni
in caso di violazione:
Sanzioni Amministrative:
a seconda della natura del trattamento e della causa di illiceità, da 1000 a oltre 100000 €. Le sanzioni sono ridotte in casi di minore gravità, ma aumentate fino al quadruplo per casi di maggiore gravità e in base ai danni sofferti dall'interessato.
Sanzioni Penali:
trattamento illecito: da 6 a 18 mesi di reclusione;
comunicazione o diffusione illecite: da 6 a 24 mesi di reclusione.
ESEMPI:
A) Il sito web della Sig.ra Lindqvist.

B) La pubblicazione online degli iscritti al Liceo Ariosto, divisi per classe.
Uso di tablet
e smartphones in classe:
Direttiva del MIUR n. 104 del 30 Nov 2007
Riprese e fotografie fatte nei locali scolastici per fini NON didattici da docenti ed alunni possono contenere dati personali, a volte anche sensibili.

La diffusione di tali riprese e foto via MMS, Internet, Whatsapp o altro mezzo rappresenta TRATTAMENTO di DP e/o sensibili, e deve avvenire nel rispetto del CDP (CONSENSO DEGLI INTERESSATI, informazione sulle finalità del trattamento, conservazione e diritti degli interessati.

Inoltre, tale diffusione può rappresentare un ABUSO DI IMMAGINE ALTRUI (Art. 10 CC), o può integrare i reati di INGIURIA (Art. 528 CP) o pedopornografia (Artt. 600 ter e ss CP).
Il diritto all'oblio
Il progetto di Regolamento EU destinato a sostituire la Direttiva prevede l'introduzione del DIRITTO ALL'OBLIO.
PRO:
materiale immesso su Internet potrà, in un secondo momento, essere tracciato e cancellato;
autodeterminazione dei soggetti;
tutela della propria immagine a fronte di 'errori di gioventù';
CONTRO:
mancanza di responsabilizzazione dei giovani nell'uso di Internet.
LINKS UTILI:
MIUR
Garante Privacy
CDP:
http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/1311248
Glossario:
http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/1663787
Linee Guida Trasparenza:
http://194.242.234.211/documents/10160/0/Linee+guida+trasparenza+2014.pdf
Vademecum Scuola:
http://194.242.234.211/documents/10160/2052659/La+privacy+a+scuola+-+Vademecum
Statuto degli Studenti e Studentesse:
http://iostudio.pubblica.istruzione.it/web/guest/diritti_e_doveri
Indicazioni:
http://www.istruzione.it/urp/privacy_tra_banchi.shtml
Creative Commons
Altre alternative al diritto d'autore:
- Open Source Softwares (Es. Open Office, Firefox, etc);
- Copyleft;
- OER (Risorse EducativE Aperte), ad esempio www.oercommons.org/ o http://oerresearchhub.org
/.
Links utili
SIAE:
Legge DA
http://www.siae.it/documents/BG_normativa_leggedirittoautore.pdf
FAQ
http://www.siae.it/Faq_siae.asp
Siti in materia:
Guida Diritto d'autore.it
http://www.dirittodautore.it/la-guida-al-diritto-dautore/
Diritto.it
http://www.diritto.net/il-foro-penale/181/4521-i-reati-in-materia-di-diritto-dautore.html
Retelab.it
http://retelab.it/blog/2011/10/il-copyright-su-internet/
Database gratuiti:
http://www.publicdomainpictures.net/?jazyk=IT
http://www.gettyimages.it/creativeimages/royaltyfree
http://www.freeimages.com/
http://www.morguefile.com/
http://freerangestock.com/index.php
http://it.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Risorse_di_immagini_di_pubblico_dominio
Associazione non-profit che ha creato un sistema di licenze
gratuite e particolarmente ampie, al fine di diffondere il sapere.
Si basa su 4 concessioni:
- concessione "BY" = attribuzione = si riproduzione, copia, elaborazione e diffusione anche a fini commerciali, purchè si indichi l'autore;
- concezzione "SA" = share alike (condividi allo stesso modo) = stessi poteri di BY ma l'opera finale deve essere condivisa alle stesse condizioni dell'originaria;
- concessione "NC" = non commerciale = si riproduzione, copia ed elaborazione ma non per fini commerciali;
- concessione "ND" = vietata l'elaborazione.
Dalla combinazione di queste 4 concessioni derivano i seguenti tipi di licenze (fonte Wikipedia http://en.wikipedia.org/wiki/Creative_Commons_license#Types_of_licenses):


X
X
X
X
X
X
X
X
X
Sembra che (finalmente) questa direttiva stia per essere superata. In diverse occasioni infatti il MIUR ha affermato di essere al lavoro per regolamentare l'utilizzo di questi strumenti, anche il PNSD si pone tra gli obiettivi quello di poter utilizzare i devices personali per attività didattiche, ma al momento la direttiva di riferimento è ancora quella sopracitata
X
web, legislazione e scuola
Full transcript