Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

La Siena gotica

No description
by

Giulia Frigerio

on 10 November 2014

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of La Siena gotica

L
A

S
I
E
N
A

G
O
T
I
C
A

Duomo di Santa Maria Assunta: esterno
Primo nucleo romanico

Tra il 1284 e il 1299 la direzione dei lavori passa a Giovanni Pisano

La costruzione è terminata verso la fine del 1300 (dal 1339 al 1355 progetto del
Duomo Grande
)
Duomo di Santa Maria Assunta: interno
Palazzo pubblico: esterno
Rappresenta la grande novità nel periodo architettonico dell'età comunale. Ha due funzioni:
- > preservare le amministrature comunali dalle pressioni esterne
-> dimostrare e affermare la supremazia economica, politica e culturale della città
Palazzo pubblico: interno
Una passeggiata per Siena..
Veduta aerea del Palazzo Pubblico e della Cattedrale di Siena
La pianta
La facciata
Parte superiore
Opera di Camaino di Crescentino (1299-1317)
stile prevalente gotico fiorito
ispirazione per il decorativismo della facciata del duomo di Orvieto
Parte inferiore
Fu realizzata da Giovanni Pisano (1284-1297) ed è riferibile a uno stile romanico-gotico di transizione.
ricchezza dell'ornamentazione
Cattedrale di Siena
effetto cromatico di diversi tipi di marmi
effetto unitario dell'insieme
Veduta del palazzo pubblico di Siena da Piazza del Campo.
1297-1310
voluto dal Governo dei Nove
affiancato dalla torre del Mangia
Maestà, affresco, 1312-1315, affresco con tempera e metallo in foglia, 763x970 cm, Sala del Mappamondo
Guidoriccio da Fogliano all'assedio di Montemassi, affresco, 1330, 968x340 cm, Sala del Consiglio
Ambrogio Lorenzetti
Allegoria del Buon Governo, 1338-39, affresco, 296x770 cm
Effetti del Buon Governo in città e in campagna, 1338-39, affresco, 296x1398 cm
Allegoria del Cattivo Governo, 1338-39, affresco
Effetti del Cattivo Governo in città, 1338-39, affresco
Effetti del Cattivo Governo in campagna, 1338-39, affresco
Annunciazione, 1344, tempera e oro su tavola, 127 cm × 120 cm, trasferita nella Pinacoteca Nazionale dalla Sala del Concistoro del Palazzo Pubblico, Siena
Cartina della Toscana
Giovanni Pisano
Pisa, 1248 ca - Siena, 1315 ca: attivo dal 1278
figlio di Nicola Pisano (opere in collaborazione: Battistero di Pisa, Pulpito di Siena, Fontana Maggiore di Perugia)
opere maggiori: Duomo di Siena e Pulpito di S. Andrea a Pistoia
influenza: francese
caratteristiche stilistiche: forte senso del volume, movimento, espressività e svincolamento della scultura dall'architettura
Siena, ca. 1290 – Siena, 1348
esponente della scuola senese di pittori
influenze: senesi (Duccio e Martini) e in qualche modo giottesche
caratteristiche stilistiche: riduzione delle figure ad elementi decorativi e predilezione per le linee di contorno sinuose e i colori omogenei e squillanti -> SINTESI DI ESPERIENZE PRECEDENTI
Ambrogio Lorenzetti
Il palazzo comunale
Veduta interna del Palazzo pubblico.
Simone Martini
Simone Martini
Siena, 1284 - Avignone, 1344
esponente della scuola senese di pittori ->gotico internazionale
influenze: francesi, di Duccio, scultori senesi e Giotto
caratteristiche stilistiche: maggiore realismo negli sfondi, dimensione fiabesca e particolare sensibilità per la rappresentazione di figure umane
Bibliografia:
Il Cricco Di Teodoro
, Itinerario nell'arte-volume 2
Classici dell'Arte
, Rizzoli editore
Sitografia:
www.wikipedia.it
www.operaduomo.siena.it
www.frammentiarte.it
Pianta stampata del 1851 ca per fini turistici
Particolari:
Allegorie ed effetti del Buono e del Cattivo Governo, Sala dei Nove
una delle prime espressioni di arte civile (eseguito su commisione del Governo dei Nove)
evidente carattere didascalico
l'aspetto visivo-formale rispecchia il contenuto della rappresentazione
Annunciazione
Veduta della navata centrale tramite una decorazione quadriloba
Comune
Sapienza
Giustizia
Concordia
Carità
Magnanimità
Pace
Fortezza
Prudenza
Temperanza
Giustizia
Fede
Speranza
Tirannide
Superbia
Vanagloria
Avarizia
Crudeltà
Tradimento
Frode
Giustizia
Guerra
Divisione
Furore






.




Veduta della navata centrale di Santa Maria Assunta

pilastri polistili con decorazioni alternate in bianco e nero e capitelli corinzi

volte a crociera riccamente decorate

cupola esagonale nell'intersezione con il transetto

pavimenti riccamente decorati
La porta del cielo
Facciata anteriore rivolta ai fedeli (1308-1311)
prospettiva gerarchica
mancanza di realismo e di spazialità
influsso bizantino
"MATER S(AN)CTA DEI/SIS CAUSA SENIS REQUIEI/SIS DUCIO VITA/TE QUIA PINXIT ITA" (trad.:"Madre Santa di Dio, sii causa di pace per Siena, sii vita per Duccio, poiché ti ha dipinta così").
Facciata riservata al clero, con 26 scene della vita di Cristo.
linee morbide e sinuose
colori raffinati
predilezione per la figura astratta e dei significati decorativi e simbolici
La Maestà di Duccio di Buoninsegna
Ricostruzione Maestà, recto e verso, 1308 - 1311, oro su tavola
Duccio di Buoninsegna
Siena 1255-1317/1319
capostipite della scuola senese di pittori
opere maggiori: Maestà (3),Cattedrale di Siena
influenze: bizantina, francese e degli scultori senesi
caratteristiche stilistiche: fluidità delle linee, raffinata armonia dei colori ed equilibrio nella composizione



Vetrata absidale ad opera di Duccio di Buoninsegna rappresentante scene della vita della Vergine, i quattro evangelisti e i santi protettori di Siena.




Vetrata absidale, 1287-88 ca, Duccio di Buoninsegna
Pulpito di Nicola Pisano

forma ottagonale
leoni stilofori sorreggono le colonne
lastre rappresentanti scene della vita di Cristo
influsso gotico francese
rispetto al pulpito della cattedrale di Pisa le figure sono più leggere,l'espressività è maggiore e l'architettura è meno evidenziata della scultura
con la collaborazione del figlio Giovanni e di Arnolfo di Cambio
Nicola Pisano
1220-1278/84 ca
soprannominato "Nicola de Apulia" per le origini pugliesi
influenze: federiciana e dunque classica e bizantina
caratteristiche stilistiche: interesse per i modelli classici e attenzione alla resa naturalistica
Pulpito della cattedrale, marmo, 1265-68
“il più bello, grande e magnifico che mai fosse stato fatto” G. Vasari
commisionata dalla magistratura dei Nove
dipinto murale (1312-1215)
ispirata anche a temi profani
riproduzione religiosa di un torneo cavalleresco medievale
"risposta laica" alla Maestà di Duccio
Maestà
Guidoriccio di Fogliano

Sala dei Nove
Sala del Mappamondo
Sala del Consiglio
Full transcript