Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

_RicercaDiritto_

No description
by

Noemi Jeantet

on 21 February 2018

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of _RicercaDiritto_

Usura
Corruzione
Ludopatia
Estorsione
Sovraindebitamento
ITC E Bona
1^ A
A.S. 2017/2018
.
.
Vari tipi di Corruzione
Delitto che può assumere la forma della prestazione o della mediazione usuraria . Commette la prima chiunque si faccia dare o promettere, sotto qualsiasi forma, per sé o per altri, interessi usurari o altri vantaggi come corrispettivo di una prestazione di denaro o di altre utilità; realizza la seconda chiunque procura a taluno una somma di denaro o altra utilità facendo dare o promettere, a sé o ad altri, un compenso usurario per la mediazione.
ESTORSIONE

Definizione
RICERCA DI DIRITTO
Noemi Jeantet - Jsmaila Mane
Definizione
Fonte: Cronaca di Bari
Estorsioni ai cantieri, il racconto dell'imprenditore: "Per il clan Parisi eravamo una mucca da mungere"
E' stato uno degli imprenditori che ha trovato il coraggio di denunciare le richieste di 'pizzo' ricevute dal clan Parisi, e oggi, in aula, ha portato la sua testimonianza, nell'ambito del processo, che vede imputati 18 presunti affiliati al gruppo malavitoso barese.

"Il clan ci considerava una mucca da mungere", ha detto l'imprenditore edile, aggiungendo che Michele Parisi gli disse che i suoi uomini gli "sarebbero stati addosso" se avesse deciso di denunciarlo, facendolo finire in carcere. La testimonianza dell'uomo, costituito parte civile nel processo, ha riguardato le presunte richieste estorsive subite fra il 2010 e il 2013 da parte del fratello del boss Savino Parisi, Michele.

Secondo quanto riferito dall'imprenditore, l'esponente del clan lo avrebbe obbligato ad assumere un guardiano e avrebbe inoltre imposto alla sua impresa edile una serie di fornitori tra cui scegliere. "Veniva sul cantiere quasi tutte le mattine", ha raccontato l'imprenditore riferendosi alle richieste ricevute dal pregiudicato, che una volta gli avrebbe chiesto anche mille euro per due biglietti aerei per lui e per la moglie del fratello, il boss Parisi, per andare a trovare quest’ultimo in carcere a Biella.





Corruzione del cittadino da parte dello straniero:

delitto contro la personalità dello Stato commesso dal cittadino che riceve o si fa promettere, dallo straniero denaro o qualsiasi utilità, al fine di compiere atti contrari agli interessi nazionali

Corruzione di minorenni:

reato consistente nel commettere atti di libidine su persona, o in presenza di persona, minore di 16 anni, o nell’indurre una persona minore di 16 anni a commettere atti di libidine su se stessa.

Corruzione di pubblico ufficiale:
accordo fra funzionario pubblico e privato cittadino in base al quale il primo accetta dal secondo un compenso non dovuto, o la relativa promessa, per compiere , ritardare o omettere un atto d’ufficio.
Fonte: Dizionario Treccani
Delitto contro il patrimonio che consiste nel procurare a sé o ad altri un ingiusto profitto con altrui danno, costringendo mediante violenza o minaccia taluno a fare o a omettere qualche cosa.
Composizione della crisi di sovraindebitamento
Fonte: Enciclopedia Treccani
Usura ai danni di due operai, arrestati due cravattari
Due italiani di 44 e 48 anni residenti a Piossasco sono stati arrestati dai carabinieri a metà luglio 2017 con l'accusa di usura ed estorsione.
Sono accusati di avere prestato denaro (6mila e 7mila euro) a due operai e di avere chiesto loro un tasso del 12% mensile (pari dunque al 144% annuo).
L'indagine è scattata ad aprile 2017 quando uno dei due, esasperato per le continue richieste di denaro della coppia, si è rivolto ai carabinieri.
Nel corso dell'indagine è stato documentato che uno dei due operai è stato costretto a salire, a maggio 2017, sulla Jeep Cherokee di uno dei due arrestati ed è stato minacciato con una pistola carica puntata alla tempia.
In un'altra occasione, invece, l'altro è stato malmenato, sempre allo scopo di ottenere il denaro prestato e i relativi interessi.
Fonte: Cronaca di Piossasco
" Vita. Corruzione che s'adorna di illusioni. "
Cit. Giuseppe Ungaretti
Estorsioni ai cantieri, il racconto dell'imprenditore
Definizione

Definizione
Il sovraindebitamento, è un fenomeno purtroppo molto in crescita non solo in Italia ma anche nel resto d'Europa, caratterizzato da una situazione in cui il debito contratto è maggiore del reddito disponibile con sopravvenuta impossibilità ad adempiervi, sia per la persona privata che per l'impresa non soggetta alla legge fallimentare.
La composizione della crisi da sovraindebitamento 2018 è una procedura a cui possono accedere i soggetti che non riescono con il proprio patrimonio liquidabile a far fronte al pagamento dei troppi debiti contratti. Grazie a questa procedura, pertanto, il debitore può cercare di risolvere la situazione debitoria rivolgendosi ad un organismo di composizione della crisi o fare domanda al Tribunale competente in materia, per richiedere la nomina di un professionista abilitato che lo aiuti a trovare un accordo con i creditori, al fine di evitare l'espropriazione dei beni.
Dipendenza patologica dai giochi elettronici o d’azzardo.
La terapia che permette di uscire dal tunnel del gioco d’azzardo si basa sul cambiamento di quei comportamenti di gioco poco “salutari” e sull’insegnamento di metodologie utili per affrontare e risolvere i problemi della vita quotidiana, eliminando in questo modo l’esigenza dell’individuo di utilizzare il gioco come unica via d’uscita.
La terapia si concentra sul ricalibrare il cervello, ormai abituato all’idea del gioco come soluzione universale, riportandolo ad una cognizione più vicina alla normalità.
Come sempre, è necessario tenere sempre bene a mente che chiedere aiuto ad un terapeuta o comunque anche solo ad un familiare o ad un amico, non è un segno di debolezza ma un segno di grande forza e soprattutto di intelligenza nel comprendere di avere e di dover affrontare un problema serio ed importante.
Come possiamo contrastarla?
Consigli generali
Da fare:
-Cercare il sostegno di altri con lo stesso problema.
-Istruire i bambini al problema grave del gioco.
-Mantenere la calma e parlare con la persona malata.
-Comprendere la necessità di intervenire in maniera decisa e drastica.

Da non fare:
-Escludere o allontanare il giocatore dalla propria vita o da quella della famiglia.
-Perdere il controllo e lasciarsi andare all’ira.
-Fare minacce o dare ultimatum se non si è in grado o non si ha intenzione di rispettarli completamente.
Full transcript