Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

La pedagogia inclusiva della

No description
by

Simonetta Maestri

on 26 February 2017

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of La pedagogia inclusiva della

Altro modo di pensare
organizzare
DSA differente stile di apprendimento
Come penso io
come gli altri vogliono che io pensi
sintesi vocale
https://sites.google.com/site/leggixme/leggixme_usb
testimonianze
http://www.dailymotion.com/video/x1k81g6_elisir-dislessia-rai3-2014-03-28_school&start=1505






http://www.dailymotion.com/video/x1a34jq_sconosciuti-dislessia-rai-3-20130121_people&start=767



La Pedagogia della multicanalità
NERETO 24 APRILE 2015 “Diffondere Speciali Apprendimenti”
ASPETTI COGENTI PER L'INSEGNANTE

Vediamo la norma
http://dsaleggimialcontrario.altervista.org/
Gli studenti con disabilità, con disturbi evolutivi (come Dsa, Adhd etc.) e con svantaggio socio-economico, linguistico e culturale hanno Bisogni Educativi Speciali (Bes) a scuola
Bes?”. Sono tutti quelli che la scuola può individuare in tre modi: certificazione, diagnosi o da considerazioni didattiche. (punto 1, Dir. M. 27/12/2012)
fonte.: G. Lopresti, Dislessia e non solo, http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/04/28/dislessia-e-non-solo-bisogni-educativi-speciali-alcuni-equivoci-da-chiarire/966770/
Bisogna andare oltre


il pensiero unilineare alfabetico

andare oltre
La diagnosi di Bes non esiste
se uno studente ha una diagnosi di disturbo evolutivo (Dsa, Adhd, etc) o Disabilità (Leg. 104/92) allora necessità di Bisogni Educativi Speciali a scuola
Bes-strumenti di intervento didattico
sia per gli alunni con Dsa
sia per tutti gli “alunni che presentano
una richiesta di speciale attenzione per
una varietà di ragioni”(Dir. MIUR 22/12/2012
).
Bes / Dsa non The same
DSA (Art. 1 Leg.170/10) grado difficoltà
Definiamo i BES
Circolare 8/13 "l’individuazione dell’alunno come BES, rientra nell’àmbito della didattica" e

non in quello della clinica, è prerogativa esclusiva della scuola
LA SCUOLA
assunzione di responsabilità strettamente connessa all’autonomia scolastica e educativa.

Se c'è la certificazione
o diagnosi
Se il bisogno è clinicamente accertato e documentato, la scuola si organizza “responsabilmente” autonomamente
( sa cosa fare e come farlo)
La scuola
verifica
rivede
attenta cioè a verificare l’efficacia degli interventi attivati
rivedere le scelte se necessario.
Devecchi Giuseppina
BES
PDP
Il Pdp va firmato dai genitori dell’alunno in quanto rappresenta un accordo di collaborazione con famiglia.
Evitiamo checklist spuntare una lista di modalità dispensative/compensative (SPERSONALIZZAZIONE)
http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/04/28/dislessia-e-non-solo-bisogni-educativi-speciali-alcuni-equivoci-da-chiarire/966770/
La scuola
individua BES
certificazione
diagnosi
considerazioni didattiche.

“Vi sono comprese tre grandi sotto-categorie: quella della disabilità; quella dei disturbi evolutivi specifici e quella dello svantaggio socio-economico, linguistico, culturale” (punto 1, Dir. M. 27/12/2012)


Alunni con certificazione di
disabilità,
leg. 104/92 (art3)

ed elaboriamo un PEI.
- Con diagnosi di ADHD, Disturbi del Linguaggio, Disturbi della coordinazione motoria o non-verbali allora la scuola è in grado di decidere in maniera autonoma, “se” utilizzare, o meno, lo strumento del PDP, in caso non lo utilizzi ne scrive le motivazioni, infatti: “la scuola può intervenire nella personalizzazione in tanti modi diversi, informali o strutturati, secondo i bisogni e la convenienza. (…) il Consiglio di Classe è autonomo nel decidere se formulare o non formulare un Piano Didattico Personalizzato con eventuali strumenti compensativi e/o misure dispensative, avendo cura di verbalizzare le motivazioni della decisione” (Piano Didattico Personalizzato, pag. 2 Nota Ministeriale MIUR del 22/11/2013, n°2363)
Alunni con
diagnosi di disturbi evolutivi
:


- Con diagnosi di DSA, facciamo riferimento alla Leg 170/10 e DM 5669 12/7/2012 ed elaboriamo un PDP.






Alunni con svantaggio socioeconomico,
linguistico e culturale
:

“Tali tipologie di BES dovranno essere individuate sulla base di elementi oggettivi (come ad es. una segnalazione degli operatori dei servizi sociali), ovvero di ben fondate considerazioni psicopedagogiche e didattiche”
(Area dello svantaggio socioeconomico, linguistico e culturale, CM MIUR n° 8-561 del 6/3/2013).
Il temine “ben fondate considerazioni psicopedagogiche e didattiche” presuppone che un alunno (in assenza di diagnosi o certificazioni mediche), il quale mostra delle difficoltà di apprendimento legate al fatto di provenire da un ambiente con svantaggio socio-economico, con deprivazioni culturali o linguistiche (come nel caso degli stranieri), può essere aiutato dalla scuola con l’adozione di percorsi individualizzati e personalizzati come strumenti compensativi e/o dispenativi (pag. 3 CM MIUR n° 8-561 del 6/3/2013) ma “non” è obbligata a fare il PDP, dunque sceglie in autonomia se fare o meno un PDP, e questi interventi dovranno essere per il tempo necessario all’aiuto in questione.

fonte.: G. Lopresti, Dislessia e non solo, http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/04/28/dislessia-e-non-solo-bisogni-educativi-speciali-alcuni-equivoci-da-chiarire/966770/
COME SI SENTE
Simonetta Sandra Maestri
http://www.dverso.com/trucco-bellissimo-per-moltiplicazioni-vi-lascera-bocca-aperta

calculator
Full transcript