Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

La pallamano

No description
by

Paolo Mochi

on 25 August 2016

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of La pallamano

Secondo anno scuola secondaria di primo grado
COMPOSIZIONE
24 alunni
CARATTERISTICHE
13 Maschi
11 Femmine

1 Ripetente

1 Disabile (legge 104/1992)
Ritardo cognitivo medio
CLASSE
Contesto scolastico:
Valutazione
Concorso personale docente D.D.G. N°106 del 23 Febbraio 2016

AD02 - Ambito Disciplinare 02:

Scienze motorie e sportive nella scuola secondaria di I grado (A048)
Scienze motorie e sportive nella scuola secondaria di II grado (A049)

Unità di Apprendimento
"La Pallamano"

Candidato:
Paolo Mochi

Competenze ed Obiettivi da sviluppare:
Competenze:
La pallamano:
Nuclei fondanti
e
Obiettivi dell'apprendimento:

E' una disciplina sportiva nata in Danimarca nel 1898, che è stata inserita all'interno del programma dei Giochi Olimpici a Monaco nel 1972.
Si tratta di uno sport di squadra o anche detto di "situazione" con caratteristiche miste tra il basket ed il calcio a 5. Facilmente praticabile sia indoor che outdoor, poichè necessita di un'attrezzatura molto semplice: spazio, 1 palla e 2 porte.

ISC Falerone (FM)
CONTESTO DIDATTICO
CONTESTO DISCIPLINARE
INTERVENTI SPECIALI
L'impegno da parte degli alunni, da un punto di vista pratico, sembra essere buono, così come la partecipazione alle attività proposte. Solo alcuni soggetti presentano lacune da un punto di vista fisico per problematiche derivanti da condizioni di sovrappeso o per mancato completamento di schemi o capacità motorie.
Dal punto di vista teorico, la situazione sembra essere discreta quasi per tutti, anche se alcuni evidenziano un lessico non sempre adeguato.
La classe si presenta come gruppo omogeneo: tuttavia le ragazze sembrano più organizzate nello studio.
Ad ogni modo l'interesse per la materia, da parte degli alunni, sembra positivo e promettente
L'atteggiamento della classe sembra essere leggermente indisciplinato, in particolar modo spiccano il comportamento del soggetto ripetente e di qualche altro alunno, tuttavia ci sono i prerequisiti e i margini di miglioramento.
L'autocontrollo e l'attenzione devono essere talvolta richiesti da parte dell'insegnante, in quanto gli alunni tendono spesso a chiacchierare tra loro, ma in generale la maggior parte della classe sembra voler migliorare e prestarsi ad ascoltare i vari richiami del docente
Il soggetto disabile sarà costantemente accompagnato dall'insegnante di sostegno che lo aiuterà nello svolgimento dei vari compiti ed obiettivi chiaramente semplificati, come descritto all'interno del PEI.
In ottica inclusiva, verrà sfruttata la risorsa dei compagni di classe, affinchè tutti possano essere attratti e si sentano partecipi del "sapere" anche in ambito motorio
Struttura dell'UDA
Periodo
Inquadramento curriculare
Tempi
Strumenti
Spazi
Secondo quadrimestre:
2'/3' settimana Aprile -
1'/2' settimana Maggio
Aula (dotazione Lim)
Palestra
4 Lezioni che occupano le canoniche 2 ore settimanali dedicate alla pratica dell'educazione fisica.
La trattazione specifica degli argomenti sarà parzialmente svolta in classe, sotto un profilo teorico, dopodichè proseguirà in palestra con attività pratiche di apprendimento attivo, metodologia didattica che favorisce la personalizzazione del processo di insegnamento/apprendimento, consentendo agli studenti di accedere al sapere attraverso il fare (learning by doing).
Valenza educativa
La pallamano risulta fortemente educativa e formativa poichè insegna ai ragazzi:

sostenere sempre il proprio compagno, stimolando così il senso di solidarietà e lo spirito di cooperazione
rispettare regole, avversari e giudici, attuando i principi del Fair Play
perseverare nell'impegno senza mai scoraggiarsi

Risulta quindi inopinabilmente adatto il suo inserimento in ambito scolastico
"Gli Sport di squadra"
Metodologia
Diagnostica
Nella lezione iniziale grazie al Brainstorming si analizza la situazione di partenza e le preconoscenze degli alunni
Formativa (in itinere)
Osservazione diretta
Verifica scritta strutturata a crocette
Griglia di valutazione
Sommativa
Autovalutazione
Griglia di valutazione per competenze
Ogni studente prenderà distacco dal proprio io e valuterà oggettivamente la propria esperienza (metacognitivismo).
LIM
Device (a casa)
Cinesini
Coni
Clavette
Trampolini
Materassini
Casacche
Cerchi
Ostacolini
Palle di vario genere e misura
Grazie per l'attenzione!!!
Competenze Europee
18 Dicembre 2006
Competenze italiane di cittadinanza
D.M. 22 Agosto 2007, N.139
Attività fisica
Insegnamento Educazione Fisica
educativo
preventivo
Conoscenze:
Abilità:
Sarà consapevole delle proprie competenze motorie sia nei punti di forza che nei limiti.
Utilizzerà le abilità motorie e sportive acquisite adattando il movimento in situazione.
Utilizzerà gli aspetti comunicativo-relazionali del linguaggio motorio per entrare in relazione con gli altri.
Praticherà attivamente i valori sportivi del Fair Play.
Riconoscerà, ricercherà ed applicherà a se stesso comportamenti di promozione dello "star bene".
Rispetterà criteri base di sicurezza per sè e per gli altri.
Si integrerà nel gruppo, assumendosi responsabilità ed impegnandosi per il bene comune
- Il corpo e la sua relazione con lo spazio e con il tempo
Saper utilizzare e trasferire le abilità per realizzazione dei gesti tecnici dei vari sport.
Saper utilizzare l'esperienza motoria acquisita per risolvere situazioni nuove o inusuali.
Utilizzare e correlare le variabili spazio-temporali funzionali alla realizzazione del gesto tecnico in ogni situazione sportiva.
- Il gioco, lo sport, le regole e il Fair Play
conoscere le regole basilari della pallamano.
conoscere i fondamentali.
sapere come si disputa una partita.
sapere collaborare e comunicare con gli altri dentro e fuori dal campo
Saper eseguire i fondamentali di gioco in modo corretto nel contesto partita.
Saper mettere in pratica le regole di gioco nel contesto partita.
Saper collaborare con i compagni di squadra ed in caso di necessità aiutare gli avversari in difficoltà.
Padroneggiare le capacità coordinative adattandole alle situazioni richieste dal gioco in forma originale e creativa, proponendo anche varianti.
Sa realizzare strategie di gioco, mette in atto comportamenti collaborativi e partecipa in forma propositiva alle scelte della squadra.
Conoscere ed applicare correttamente il regolamento tecnico degli sport praticati, assumendo anche il ruolo di arbitro o giudice.
Saper gestire in modo consapevole le situazioni competitive, in gara e non, con autocontrollo e rispetto per l'altro, sia in caso di vittoria che di sconfitta.
Prerequisiti:
Contenuti:
1° Lezione:
(30' in classe, 80' palestra)
10'
Brainstorming
in funzione di un'analisi delle preconoscenze
15'
LIM
proiezioni di immagini e video
Classe
Palestra
Warm up con esercizi di ballhandling (8'-10')
Palleggiare camminando sulle linee tracciate della palestra evitando di scontrarsi con i compagni.
X può camminare lentamente ed anche fuori dalle righe
Correre lanciando la palla in aria e riprenderla senza farla cadere, battendo le mani, battendo le mani più volte, battendo le mani avanti e dietro, battendo le mani a terra, effettuando un piegamento delle gambe, effettuando un piegamento delle braccia.
X può camminare e far rimbalzare la palla a terra
Correre lanciando la palla in aria da una mano all'altra.
X può far rimbalzare la palla
Palleggiare liberamente per la palestra, al segnale dell'insegnante mi fermo sul posto, cambio senso di corsa, cambio netto di direzione, lancio la palla in aria e la riprendo, effettuare un passaggio scambiando la palla con il compagno più vicino.

X esegue più lentamente l'esercizio
Partendo dalla posizione in piedi palleggiare con una mano sola, mettendosi in gi- nocchio, seduti, distesi a terra, per poi tornare gradualmente alla posizione in piedi, senza interrompere il palleggio.
X palleggia normalmente
Metodo prescrittivo
Mobilità articolare e stretching (8'-10')
Metodo induttivo
Esercitazioni sul palleggio con problem solving
Esercizio nr. 3
Esercizio nr. 1
"Ruba la palla palleggiando"
Divisi i 24 alunni in 3 gruppi da 8 ragazzi, all'interno di ogni gruppo si andranno a formare 2 squadre da 4 giocatori, una davanti all'altra su 2 righe delimitate da alcuni cinesini e ad ogni giocatore delle 2 squadre corrisponde un numero. Si dispone al centro dei 2 schieramenti 1 palla e l'insegnante di volta in volta chiamerà 1 numero contemporaneamente per tutti i gruppi. Gli alunni corrispondenti ai numeri chiamati si contendono la palla e palleggiando tentano di tornare dietro la linea della propria squadra, mentre l'avversario tenterà di sottrarla. Vince la squadra che arriva prima a 10. Al termine le squadre potranno essere invertite.
Varianti: Si possono chiamare più numeri contemporaneamente utilizzando il passaggio o usare più palloni.
Consigli: Gli alunni con lo stesso numero dovrebbero avere la stessa corporatura ed esperienza di gioco ed evitare scontri tra alunni lanciati in velocità.
X può portare la palla dietro la linea senza dover palleggiare
"Palleggiando da meta a meta"
Divisi gli alunni in 3 gruppi da 8 ragazzi, grazie all'utilizzo di alcuni cinesini, si formano 3 aree adiacenti rettangolari di dimensioni analoghe. Nel rettangolo centrale stazioneranno 2 alunni muniti di casacca, gli altri 6 partiranno dai rettangoli laterali (mete), 3 da un lato e 3 dall'altro. Lo scopo sarà quello di passare da una meta all'altra effettuando almeno 5 palleggi in movimento, senza farsi prendere da coloro che stazionano nel rettangolo centrale, i quali non posso uscire dal proprio territorio. Nel momento in cui si viene toccati si lascia la palla e vengono invertiti i ruoli.
Varianti: Si aumentano le dimensioni dei rettangoli, all'interno delle mete vengono posizionati dei cerchi dove vi si dovrà saltare dentro.
X non deve palleggiare obbligatoriamente
(20')
(20')
Esercizio nr. 2
"Staffetta in palleggio"
Divisi gli alunni in 4 gruppi da 6 ragazzi, grazie all'utilizzo di coni ed ostacolini bassi, si andrà a realizzare un percorso rettilineo che dovrà essere svolto da ogni alunno palleggiando almeno una volta per ogni elemento sorpassato. Al termine del percorso velocemente e palleggiando obbligatoriamente ogni 3 passi si consegnerà la palla al compagno di squadra che a sua volta potrà partire. Ogni errore corrisponde ad una penalità di un giro addizionale da compiere.
Varianti: Obbligo di cambio mano ad ogni palleggio.
X può evitare coni ed ostacoli e non deve palleggiare.
(20')
2° Lesson
(30' classroom, 80' gym)
Classroom
CLIL
The Content and Language Integrated Learning refers to a situation where subjects, or part of subjects, like physical education, are taught to students, through a foreign language with dual-focused aims, namely the learning of content and the simultaneous learning of the english language.
During the first part of lesson, students watch 2 videos that explains in detail the rules and the handball concepts, by the digital blackboard
After that the teacher makes different grups and with cooperative learning approach will discuss abuot the videos with the students
GYM
Prescriptive method
Warm up with small side games (20'):
The teacher makes 3 different groups of 8 students. Each group has a different colored coat: red, green and yellow. With a ball, the teams must pass the ball in the following order: red-yellow-green. After 3 minutes the order change: red-green-yellow. After that the exercise will be harder: the red and the yellow teams must pass the ball to each other and the yellow team has to intercept it. After 3 minutes change the order: red and green teams must pass the ball to each other and yellow team has to intercept it. The game finish when all the teams have intercepted the ball.
X can pass the ball to everyone
Joint mobility and stretching (10')
(20') Core stability exercises with the preventive aim of tone and strenghten the abdominal-lumbar corset. The students perform 4 circuits of such exercises.

X can perform only 1 circuit
Learning by doing
Pass exercises
Exercise nr. 1
"Back pass"
(15')
Divided the class into 2 different groups of 12 students, each group form 2 teams. 2 different cones A and B are at the distance of 5 meters between them; behind each cone there are 6 students. There's another one cone in the middle of the lines at a depth of 5 meters. The first player of the A line start with the ball in his hand and runs on the third cone's direction, 1 meter before that, the player passes the ball to the player who receives in the B line. After that the player who has received the ball runs on the third cone's direction again and likewise passes the ball to the next player in the A line ready to receive it. After each pass the players get back on the opposite line.
X can do walking instead running
Exercise nr. 2
"Trick and pass"
(15')
Divided the class into 2 different groups of 12 students, each group form 4 lines. 4 different cones A, B, C, D are at the distance of 10 meters from each other; behind each cone there are 3 students. It's given a ball just to the first players of the line A and C. At the same time the players run to the opposite cone position; arrived in the middle of the distance they make a trick (a ventral round of 180°) and pass the ball to the their left or right and continue the race to the opposite cone.
If the pass is on the left, X run from C to A and pass the ball to B, whyle Y run from A to C and pass the ball to D. Who receive the ball perform the same exercise. Who pass the ball clearly gets back in line on the opposite cone.
X can do by walking instead running and without tricking
3° Lezione
(30' in classe, 80' palestra)
Classe
Flipped classroom
sulle regole ed i fondamentali della disciplina (30')
http://it.wikihow.com/Giocare-a-Pallamano
Gli alunni che a casa hanno preso conoscienza dei fondamentali individuali e delle regole della pallamano grazie alla flipped classroom, divisi in gruppi omogenei e con modalità
cooperative learning
, dovranno riempire delle caselle vuote presenti all'interno di frasi precomposte e semistrutturate, che delineano la corretta spiegazione e definizione dei diversi fondamentali individuali e del regolamento della pallamano. Al termine della prova, grazie a delle griglie verrà attribuita una valutazione ad ogni gruppo.
X sarà aiutato dai compagni del gruppo
Palestra
Cooperative learning
Warm up gioco "cacciatori e prede" (20')
Gli alunni si dispongono in ordine sparso nella palestra. A turno 4 di loro muniti di casacca ricopriranno il ruolo di cacciatori e dovranno come obiettivo toccare le prede, le quali, una volta toccate, dovranno rimanere ferme sul posto a gambe divaricate e potranno essere liberate solo nel momento in cui un compagno, strisciando, passa sotto le gambe. Ogni 5' cambiano i cacciatori.
Varianti: i cacciatori possono essere muniti di palla e dovranno effettuare un palleggio ogni 3 passi. Potranno catturare le prede toccandoli con la palla stessa.
X non può essere catturato
Metodo prescrittivo
Mobilità articolare e stretching (10')
Metodo induttivo
Esercitazioni sul tiro con problem solving
Esercizio nr. 1
"Tiro alle clavette"
Divisi gli alunni in 4 squadre da 6, ogni 2 squadre giocheranno in una metà campo.
2 squadre si alternano nei ruoli di attacco e difesa. 1 squadra giocando all'interno del campo dovrà posizionare 6 clavette dritte sul pavimento, lungo la linea mediana e le dovrà difendere dai tiri della squadra avversaria che posizionata sui lati del campo cercherà di abbattere le varie clavette. Dopo 5' i ruoli si invertono. Vince la squadra che riesce a far cadere il maggior numero di clavette.
X prende parte all'esercizio ma non farà punteggio
Essercizio nr. 2
Esercizio nr. 3
"Il tiro in elevazione"
Dopo aver costruito 4 percorsi identici formati da 4 coni, un trampolino ed un tappeto, gli studenti, a loro volta suddivisi in 4 file, in possesso di palla, effettueranno uno slalom tra i coni palleggiando ed arrivati al trampolino salteranno su di esso, staccando col piede opposto alla mano in possesso di palla ed eseguiranno un tiro al bersaglio in sospensione.
X effettua lo slalom anche senza palleggiare e può tirare anche senza saltare sul trampolino
"Incrocio e tiro in porta"
Divisa la classe in 4 gruppi, 2 gruppi lavoreranno in una metà campo e 2 gruppi nell'altra. 2 file, 1 alla destra ed una alla sinistra dell'aria del portiere. Parte il primo della fila di destra che è in possesso palla palleggiando e contemporaneamente parte il primo della fila di sinistra senza palla. I 2 si accentrano ed al limite dell'aria si incrociano, scambiandosi la palla e chi riceve effettua un tiro in porta in sospensione, saltando fuori dall'aria e ricadendo all'interno di quest'ultima solo dopo aver lasciato la palla. Al termine i 2 si scambiano la fila.
X può camminare e non palleggiare
Partita finale
"Palla prigioniera"
Grazie all'utilizzo di cinesini verrà diviso lo spazio della palestra in 4 parti e verranno formate 2 squadre. Ogni squadra avrà l'obiettivo di colpire un elemento della squadra avversaria lanciando la palla. Qualora l'avversario venisse colpito dovrà di corsa andare nell'area di prigionia avversaria e potrà essere liberato solo quando un suo compagno sarà riuscito ad afferrare un tiro avversario al volo. Si effettua un tiro per volta ed il tiro risulta valido qualora non rimbalza a terra. Vince chi riesce a colpire tutti gli avversari oppure chi allo scadere del tempo avrà il maggior numero di prigionieri.
X per essere catturato deve essere colpito 3 volte e quando tira gli avversari non possono correre
Verifica scritta strutturata
: 20 quesiti a risposta multipla
Classe
Palestra
Compito autentico
Realizzare un torneo interclasse in palestra, formando 4 squadre diverse e svolgendo partite da 20' ciascuna. Vanno rispettate tutte le regole della disciplina apprese durante le componenti teoriche delle lezioni e dev'essere messa in atto l'esperienza pratica maturata dall'apprendimento dei fondamentali individuali del palleggio, del passaggio e del tiro nella pallamano. Tramite un turn-over di 3' tutti andranno a ricoprire il ruolo di portiere. In funzione valutativa non verrà tenuto conto del contesto partita, ma prioritariamente dei fondamentali e delle regole.
X potrà effettuare più di 3 passi per ogni palleggio e quando tira in porta il portiere potrà parare senza mani, ma con il solo uso dei piedi.
Gli studenti hanno già iniziato a padroneggiare le capacità coordinative e condizionali sin dall'inizio dell'anno
Lanci e prese sono già stati assimilati grazie a giochi motori, presportivi ed il preatletismo svolti durante l'anno precedente.
Il tiro in sospensione (terzo tempo) è già stato praticato durante il primo quadrimestre all'interno dell'UDA del basket
La capacità di autogestirsi ed autoorganizzarsi, da parte degli studenti, è stata rilevata matura sin dall'anno scolastico precedente.
Il soggetto con disabilità per una questione di privacy sarà convenzionalmente chiamato "X" e le semplificazioni dei suoi esercizi saranno evidenziate in giallo.
La valutazione di X verrà effettuata insieme all'insegnante di sostegno e ci si atterrà ai parametri presenti all'interno del PEI.
X verrà aiutato dall'insegnante di sosegno ed avrà a disposizione tempi prolungati
4° Lezione:
(30' in classe, 80' palestra)
(80')
Brainstorming
Flipped classroom
Problem solving
Learning by doing
Cooperative learning
CLIL
Induttivo
Prescrittivo
(10')
(10')
(10')
(20')
Full transcript