Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

LA NOSTRA SETTIAMANA A FARAMCIA

No description
by

Ilaria Pecorari

on 7 February 2017

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of LA NOSTRA SETTIAMANA A FARAMCIA

Day 1: Chimica fisica biologica
Il primo giorno abbiamo seguito la dottoranda della professoressa Fisicaro in una visita del laboratorio, che abbiamo scoperto tramite alcune attività:
1.Breve introduzione sul dipartimento
2.Prova di utilizzo della bilancia da laboratorio
3.Titolazione potenziometrica
4.Visita dei vari ambienti con spiegazione degli strumenti
5.Lavaggio vetreria


Day 2: Tecnologie farmaceutiche
Martedì ci siamo recati insieme nel laboratorio dove si studiano i principi attivi contenuti nei farmaci, in particolare le varie modalità di assunzione (compresse,granulati, gocce e polveri).

Come prima cosa ci hanno mostrato i vari macchinari che ricercatori e laureandi utilizzano per compattare o sgretolare polveri e capsule. Si inizia facendo un granulato (granulare significa fare un impasto) si riesce a fare tutto ciò grazie all’ utilizzo di un mortaio e un pestello.Certe volte il granulato è la forma finita del farmaco, mentre altre volte bisogna renderlo più fine con l’ utilizzo di una maglia e di un braccio. Esistono vari tipi di grandezze della maglia che rendono più o meno fine la polvere a seconda del risultato che si vuole ottenere.
Day 3: Chimica Farmaceutica
Day 4:
Il quarto giorno abbiamo visitato il dipartimento di Biologia e Biochimica molecolare seguendo il professor Stefano Bruno e i diversi laureandi e dottorandi del centro. Siamo stati divisi in gruppi e ognuno ha seguito un progetto diverso. Tra questi c'erano:
osservazione dell'inibizione di un enzima dopo l'aggiunta di un inibitore (tempo breve)
analisi dell'attività di un enzima nel tempo dopo aver aggiunto un inibitore
creazione di gel per l'analisi di un enzima
coltura di batteri (E. Coli) ai quali era stata fatta sintetizzare una proteina

Cosa si studia a biochimica e biologia molecolare?
La biochimica è lo studio della
chimica della vita
e si occupa delle reazioni chimiche complesse che danno origine alla vita. Oggetto di studio sono la
struttura e le trasformazioni
dei componenti delle cellule, come proteine, carboidrati, lipidi, acidi nucleici e altre biomolecole.
Recentemente, la biochimica si è concentrata specificatamente sulle reazioni di catalisi di enzimi e sulle proprietà delle proteine.

Biochimica e biologia molecolare nella facoltà di farmacia
Il dipartimento di biochimica della facoltà di farmacia studiava, mentre lo abbiamo visitato noi, l'inibizione degli enzimi e la struttura delle proteine.
Il loro lavoro si concentra principalmente sulla ricerca di metodi per inibire enzimi che possono causare malattie.
Il terzo gruppo doveva verificare l’efficacia di alcuni testi e se le informazioni date per utilizzare i computer fossero utili. Inoltre hanno simulato un acquisto, da parte della biblioteca, di un libro e l’ applicazione ad esso dell’ anti-taccheggio.

Infine ogni gruppo ha presentato il lavoro della ricerca svolto agli altri gruppi, tramite presentazioni o anche semplicemente a parole.
PRESENTAZIONE DI:
Pecorari Ilaria
Caffagnini Martina
Caggiati Camilla
Chojwa Francesca
Adorni Erica
FINE
IL NOSTRO PERCORSO DI
ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO
ahahahah non mi prendi


UNA SETTIMANA A FARMACIA
Biochimica e biologia molecolare
Di cosa si occupa chimica fisica biologica?
La ricerca è incentrata principalmente su tre argomenti:
Meccanismo di azione di nuovi potenziali inibitori di metalli-enzimi
Vettori non virali per il gene delivery
Nuove formulazioni contro l'inattivazione dei surfattanti polmonari
Noi ci siamo occupate del primo punto: abbiamo studiato il legame e gli equilibri in soluzione tra un recettore e un legante, grazie alla tecnica della titolazione.
Cos'è la titolazione?
La titolazione (o analisi volumetrica) consiste nel far reagire una soluzione con concentrazione nota (il titolante) con una soluzione, di cui si conosce il volume ma non la concentrazione, contenente il titolando.

Conoscendo il volume di titolante utilizzato e la stechiometria di reazione (che indica come due o più sostanze reagiscono tra di loro) si può risalire alla concentrazione del titolando con semplici calcoli.

Titolare, quindi, significa seguire una proprietà del sistema che dipenda dalla concentrazione in funzione dell'aggiunta del titolante.
Day 5: Biblioteca
L’ultimo giorno di stage ci hanno portato in biblioteca dove siamo stati divisi in tre gruppi e ci sono stati date delle ricerche da compiere all’interno della biblioteca.
Il primo gruppo doveva ricercare nell’ambito dell’ambiente della “Sala Lettura”, tenendo in considerazione la temperatura, il silenzio, l’ordine ecc…
Il secondo, invece, doveva simulare un prestito e, successivamente, un rientro di libri e aggiungere un utente, o aggiornare la sua scheda di tesseramento alla biblioteca.

Dopo aver ottenuto la polvere si passa alla creazione della compressa. Per fa ciò si utilizza la comprimitrice,che come si può capire dal nome comprime la polvere per ottenere la forma voluta.
Anche qui, si possono ottenere vari tipi di forme, grazie all’ utilizzo di una matrice.

Successivamente, una laureanda e una dottoranda, ci hanno mostrato un prototipo di capsula sul quale stavano lavorando, il loro scopo era, agendo e modificando la forma della capsula, prolungare il tempo che principio attivo all’interno del nostro organismo impiegava per sciogliersi completamente, così da non dover assumere più di 1/2 pastiglie al giorno.

Poi ci siamo spostate in una stanza dove abbiamo potuto anche noi creare delle piccole e sottili compresse con l’aiuto sia di una comprimitrice manuale sia di una meccanica.
Quest'ultimo macchinario e’ l’unico presente in tutte
le università di Italia inquanto il costo e’ molto elevato.
Il terzo giorno siamo state nel laboratorio degli studenti dove, la mattina, abbiamo potuto utilizzare il laboratorio per conto nostro, con la giuda della prof.Zuliani.
Per prima cosa abbiamo imparato a distinguere le varie sostanze in tra Organiche, Inorganiche e Metallorganiche in due modi:
saggio preliminare
saggio chimico specifico.

Saggio di combustione
Saggi specifici
Full transcript