Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

N.4_5: Il lavoro in classe

No description
by

Grazia Paladino

on 10 September 2018

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of N.4_5: Il lavoro in classe

Una differenza sostanziale...
RUOLO DEL DOCENTE
Tipologia dei gruppi
IL SEGRETO?...non avere fretta!
Non è perdere tempo...ma investire tempo!
Individuare problemi...attuare strategie
Bibliografia
Il lavoro in classe:
dal gruppo aL team

La didattica capovolta per tutti: scuola secondaria
Modulo III
Grazia Paladino
Dove eravamo rimasti?

Approccio
Metodologia
la classe capovolta
non è una metodologia
: è un modo per
organizzare tempi e spazi
dedicati all’apprendimento

La metodologia è, invece,
l’
apprendimento collaborativo
La classe capovolta prende "
in prestito
" la modalità attiva del lavoro collaborativo
Con la modalità tradizionale di fare scuola si utilizza l'apprendimento collaborativo, ma il tempo è maggiormente limitato e non si può dedicarlo in modo
costante
a tale metodologia
La classe capovolta è una classe collaborativa
in cui si esercita quotidianamente
la
competenza sociale e civica
E' una modalità di apprendimento che si basa sulla valorizzazione della
collaborazione
all'interno di un gruppo di allievi che "
lavorano insieme
", ognuno con un
ruolo specifico
, ma
interdipendente
, nella realizzazione di un progetto
Gli individui apprendono come risultato di un processo di gruppo in cui si condividono i compiti attraverso:
accordo
su obiettivi e valori comuni
condivisione
delle competenze individuali a vantaggio del gruppo
Gli individui collaborano alla realizzazione di un progetto, ma il lavoro cooperativo ha caratteristiche maggiormente
direttive
e per questo deve essere "
controllato
" dal docente (o da un supervisore).
Apprendimento collaborativo
Apprendimento cooperativo
Centrata
sul
docente
I presupposti della cooperazione sono realizzabili al secondo grado e/o dopo aver lavorato i primi tempi (o anni) in modo collaborativo.

Presuppone la
maturità
dei singoli e del gruppo.
Il docente può lasciare la direzione del
team
a uno studente
team leader

Si può prevedere un progetto in
cooperative

learning
di durata annuale (es. partecipazione ad un progetto/concorso/gare ecc)
Al primo ciclo è più facile attuare la collaborazione attraverso la
condivisione
di un obiettivo ed il progressivo raggiungimento dell'
autonomia
.

Bisogna fare leva sulla
responsabilizzazione
dei membri del gruppo
Responsabilità
individuale
Interdipendenza
positiva dei membri del
team
Abilità
nella collaborazione,
Codecisione
in modo da sincronizzare le singole azioni

Coordinamento
in modo da
integrare
i
contributi
Compone i gruppi
Presenta il compito
Monitora i gruppi
Interviene (se necessario)
Valuta il lavoro
Sostenere la comunità è importante per l'apprendimento e la motivazione:
la cultura del gruppo/classe
Coinvolgere gli studenti sviluppando azioni abitudinarie quotidiane
utilizzo dei device,
accensione e set-up della LIM
organizzazione/sistemazione dei banchi negli spazi
Spiegare l'importanza del lavoro di gruppo
Il lavoro di gruppo è importante per il raggiungimento degli obiettivi individuali:
Si acquisisce/migliora l'
autonomia
,
si sviluppa la
motivazione
ci si
responsabilizza
rispetto al gruppo
si migliora a per il
confronto con altri
che si ritengono migliori
Chiarire sempre quali sono le mete/obiettivi da raggiungerere

Chiarire cosa il docente si aspetta alla fine dello studio di un argomento e alla fine dell'esecuzione di un esercizio, problema, compito, progetto
Comunicare sempre e comunque con il docente e con i compagni


Sei azioni virtuose in classe
(ma potrebbero essere di più)
Promuovere momenti di riflessione/metacognizione sul lavoro svolto o che stanno svolgendo
Sollecitare
feedback
da parte degli studenti per abituarli al
confronto
con il docente e con gli altri componenti del gruppo (o di altri gruppi) e alle
critiche costruttive
L'
apprendimento
non è lavoro routinario, ma
costruzione
passo dopo passo. Quindi abituare gli studenti a chiedersi il
perchè
delle loro azioni/risposte/scelte nel lavoro progettuale o nell' esecuzione di un esercizio/problema

Spiegare come si valuta il lavoro di gruppo
All'interno del gruppo ognuno è valutato nello stesso modo degli altri:
La
valutazione è uguale
!
Non posso valutare 9 il bravo e 6 il meno bravo perchè
ogni individuo partecipa al lavoro che viene valutato nella totalità e compiutezza
non realtivamente a ciascuna parte del lavoro!
Un altra possibilità è valutare in base alla percentuale di contributo fornito per il raggiungimento della meta
La tradizione dell' apprendimento cooperativo vede la formazione dei gruppi come un atto assolutamente

casuale
L'apprendimento cooperativo permette di ottenere
maggiori

risultati

attraverso la vera e casuale eterogeneità del gruppo
Quale criterio allora?
Casuale
: bigliettini numerati, distribuzione di simboli attinenti e riunione per ricerca, walk&stop, uso di App (Decision maker) ecc
Casuale all'interno dei
livelli
Composizione
guidata
in base ai carismi (all'inizio)
I gruppi misti/eterogenei
3-4 alunni appartenenti a livelli di competenza differenti
Ogni gruppo lo
stesso compito
o compiti con gli stessi obiettivi
Le prime volte ci sarà chi lavorerà e chi farà poco o nulla,
Gli alunni con difficoltà relazionali tenderanno ad isolarsi
Ci saranno momenti di attrito tra i ragazzi
FA TUTTO PARTE DEL GIOCO!!!
Gruppo minimo:
coppia collaborativa
Ognuno apporta il proprio contributo
La numerosità limitata permette che nessuno si nasconda dietro ad un altro
I gruppi omogenei
3-4 alunni
di livello omogeneo

Il clima sarà migliore (almeno all'inizio)
Ognuno sarà soddisfatto perchè riuscirà a portare avanti il compito assegnato
I bravi vogliono stimoli e i meno bravi non devono essere isolati
Ogni gruppo avrà un
compito con obiettivi diversi

(e la valutazione sarà performata su questi obiettivi!)
Non è detto che in questo modo si evitino gli attriti
Le differenze ci sono sempre, perchè abbiamo a che fare con individui
FA TUTTO PARTE DEL GIOCO!!!
Gruppi
formali
(una lezione-alcune settimane)
Giovedì
8 marzo
Gruppi
informali
(situazioni contestuali)
Gruppi
base
: lunga durata, eterogenei
Osservare!

Monitorare!
Chiarire!
Iniziare da giochi collaborativi
Lavorare all' ascolto attivo
Isolamento
Difficoltà relazionali
Difficoltà nell' esecuzione di un compito apparentemente facile
Il lavoro in apprendimento collaborativo permette al docente di osservare e verificare dinamiche complesse
Il docente trova il tempo, mentre i gruppi lavorano:
tempo per osservare, tempo per lavorare 1:1
BES/DSA: quali obiettivi ?
Capire quali sono le esigenze
Lavorare al
recupero
/
compensazione
Condividere
gli approcci con altri professionisti
Lavorare nella stessa direzione


Per lavorare con allievi con
difficoltà
/disturbi dell' apprendimento/relazionali
LAVORO INDIVIDUALE
SI
E' necessario per
recuperare
e
rinforzare
Quando il lavoro a casa
non è stato svolto
Relazionarsi!
La Prova Anna, Apprendimento cooperativo in pratica, Proposte operative per attività di gruppo in classe. Trento, Centro studi Erickson, 2015
Rossi Stefano, Tutti per uno uno per tutti. Il potere formativo della collaborazione, La Meridiana, 2014
Bergmann J. e Aaron S.: Flipped learning: gateway to student engagement. ISTE (2014)
Spencer Kagan, L'apprendimento cooperativo: l'approccio strutturale, Edizioni Lavoro, 2000
Elisabeth G. Cohen, Organizzare i gruppi cooperativi. Ruoli, funzioni, attività, Erickson, 2002
Negri Silvia C.: Il lavoro di gruppo nella didattica (2005)
M. Comoglio, Cardoso M.A.: Insegnare e apprendere in gruppo. Il Cooperative Learning Las, Roma 1996.
D. Johnson, R.T. Johnson, E.J. Holubec: Apprendimento cooperativo in classe . Erickson (1996)



http://www.apprendimentocooperativo.it
http://www.edscuola.it/archivio/comprensivi/cooperative_learning.htm
Sitografia
riesce a
trovare tempo
dallo spostamento della lezione al pomeriggio in modo anticipato
Le dinamiche di gruppo-classe portano, all'inizio, all'
isolamento
dei ragazzi in difficoltà (cognitive, relazionali o legate a uno dei DSA).
In una
flipped classroom
il docente ha più tempo per
dedicarsi al lavoro individuale,
mettendo in atto

strategie idonee
o, nel caso dei DSA, all'individuazione di potenziali disturbi
Protocolli di individuazione/certificazione
presso l'ASL
di concerto con la famiglia
Docente
:
individua
Equipe psicopedagogica ASL
:
diagnostica e certific
a
Classe
=
insieme di individui
Classe
=
team
COMPORRE I GRUPPI
Il lavoro in classe:
dal gruppo aL team
II parte
La didattica capovolta per tutti: scuola secondaria
Modulo IV
Grazia Paladino
Full transcript