Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

IL MODELLO DI GANDHI

No description
by

Aurora Andreoli

on 12 June 2016

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of IL MODELLO DI GANDHI

Pace e guerra: L'india.
IL MODELLO DI GANDHI
Mohandas Gandhi, detto Mahatma, ovvero "grande anima", fu la guida degli Indiani nella lotta per l'indipendenza. Nel 1914, dopo aver studiato legge in Inghilterra e praticato la professione in SudAfrica, decise di tornare in India per convincere gli Indiani a lottare contro gli Inglesi per la propria indipendenza. Questa lotta non fu per niente violenta, ma era basata sulla disobbedienza civile. Gandhi inoltre "sfruttava" la propria popolarità per raggiungere i suoi obiettivi politici, facendo uso del digiuno. Le campagne di disobbiedienza civile misero in difficoltà l'amministrazione coloniale inglese e contribuirono a diffondere fra le masse indiane l'aspirazione all'indipendenza.
Il cammino verso l'indipendenza
Nel 1921 fu pubblicata ufficialmente una nuova costituzione indiana in cui veniva concessa ampia autonomia agli Indiani per l'insegnamento, le opere pubbliche, l'agricoltura e l'industria, rimanendo però il controllo inglese sulla difesa, la politica estera, il sistema giudiziario e quello finanziario, e sul governo di Delhi, che doveva render conto al parlamento britannico. Gandhi però continuò con la sua campagna non violenta, costringendo così gli inglesi a concedere, nel 1947, l'indipendenza indiana. Gandhi venne poi ucciso da un'estremista indù nel 1948, accusandolo di favorire gli islamici.
La battaglia del sale
Gandhi, stanco di tutta quella violenza, decise di scrivere una lettera al vicerè inglese. Nella lettere spiega che non ha nessuna intenzione di ricorrere alla violenza, tuttavia sostiene che il dominio inglese sia una disgrazia per gli Indiani, avendo gettato nella miseria milioni di persone. Nella lettera descrive tutti i difetti del dominio inglese, come ad esempio le tasse sul sale, sugli alcoolici e sui medicinali. Infine, invita il vicerè a rimediare a tutto questo, e nel caso non lo facesse, l'11 marzo 1928, insieme a tutta la comunità, avrebbe iniziato ad ignorare le leggi sul sale. Il 12 marzo diede inizio alla marcia del sale. Dopo 24 giorni di marcia e 380 km percorsi, raggiunse il mare Arabico. Quella notta nessuno dormì, ma pregarono tutti. Alla mattina presto il Mahatma tornò sulla spiaggia e raccolse del sale, e così fecero anche gli altri. La polizia effettuava arresti di massa, ma gli Indiani restarono calmi nonostante le bastonate e gli arresti. In poche settimane furono arrestate più di 60 mila persone, tra cui Jawaharal Nehru, il primo ministro dell'Unione Indiana, e il figlio di Gandhi, Manilal. La notte tra il 4 e il 5 maggio fu arrestato il Mahatma.
L'India oggi
Ottenuta l'indipendenza in India si scatenò una sanguinosa guerra civile che portò alla creazione di due Stati indipendenti: l'Unione Indiana (a maggioranza induista) e il Pakistan (a maggioranza islamica). Un'altra guerra portò alla costituzione del Bangladesh. India e Pakistan si sono inoltre contesi la regione del Kashmir, e solo nel 2006 è stata raggiunta un'intesa preliminare tra India e Pakistan, su cui basare i colloqui di pace.
GANDHI
Full transcript