Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Incontri per Lecce in Transizione

No description
by

Checco De Carlo

on 15 April 2014

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Incontri per Lecce in Transizione

design by Dóri Sirály for Prezi
Start - 30 Nov. 2013
TRANSITION DAY: primo incontro di formazione sulle Transition Town con Massimiliano Rupalti, formatore di Transition Italia
Scopriamo le Città di Transizione
Nasce il Gruppo
Esploriamo i princìpi base della Transizione
passo n.2
Facciamo il primo passo da soli con un bellissimo incontro che ci racconta esempi concreti di alcune Città già in Transizione: Totnes e Monteveglio.

passo n.4
Inizia la mappatura delle realtà leccesi "in transizione", più o meno inconsapevole!
Programmiamo di incontrarle e di coinvolgerle nel Percorso per Lecce in Transizione.
I nostri princìpi condivisi
Road Map:
A CHE PUNTO SIAMO?

1° step: Principi condivisi --> fatto!
2° step: Incontrare la Città e prime azioni del gruppo
3° step: Documento per Lecce in Transizione

Incontri per
Lecce in Transizione

passo n.3
Si continua con un workshop per raccontare le
Buone Pratiche:

- esperienze da far nascere a Lecce
- suddivisione in aree tematiche
passo n.5
passo n.6
PRINCIPI:
rilocalizzazione attività produttive e servizi
riduzione distanza tra produttori e "consumatori"
comunità più resilienti ai cambiamenti economici
riconoscimento dei limiti naturali
uso sostenibile delle risorse
riduzione della dipendenza dalle energie non rinnovabili (low carbon)
economia basata su non solo business for-profit (e quindi sull'accumulazione di risorse) ma anche su iniziative non-profit, comunity-based e mutualistiche nei più svariati settori.

OBIETTIVI:
Stimolare i business locali e gli inventimenti;
costruire le prime basi per una nuova economia in transizione;
aumentare la resilienza dell'economia locale ai cambiamenti economici, sociali e ambientali in atto
PRINCIPI:
efficienza energetica
piccole soluzioni individuali
trasversalità
scienza alla base delle idee

OBIETTIVI:
diminuzione dei consumi energetici
conversione verso le energie rinnovabili
indipendenza energetica
piano di decrescita energetica

AZIONI:
stilare un piano di decrescita energetica
rivisitazione creativa dei consumi energetici
incentivare l'autoproduzione energetica

PRINCIPI:
Processi decisionali democratici
Ascolto attivo
Celebrare inclusione e interazione festeggiando

OBIETTIVI:
partecipazione attiva degli abitanti e delle fasce vulnerabili
Rispondere ai bisogni quotidiani
generare le basi della futura in-formazione
Riqualificare i quartieri in modo responsabile

AZIONI:
Partire da strade, quartieri e piazze
Supporto agli eventi e creazione eventi transition

PRINCIPI:
in-formazione orizzontale
Radicare inclusione
Imparare facendo (learning by doing)
accesso egualitario all’in-formazione

OBIETTIVI:
Promuovere scambio intergenerazionale
Promuovere scambio interculturale
Fare rete con le altre associazioni presenti sul territorio
Educazione popolare

AZIONI:
Percorsi di in-formazione non formale(open space, world cafè)

PRINCIPI:
Miglioramento qualita della vita
Equo consumo energetico
Facilità di spostamento

OBIETTIVI:
Miglioramento della mobilità
Vantaggio economico singolo e collettivo
Spostamenti brevi e salutari (aria pulita, basse emissioni, attività fisica)

AZIONI:
Elaborare un Piano della Mobilità efficiente e vantaggioso (ristabilire le priorità logistiche tra mezzo pubblico, pedone, bici, auto)

PRINCIPI:
buon cibo come diritto
consumo consapevole
utilizzo etico delle risorse
tutela delle realtà etiche locali
rilocalizzazione delle produzioni
libertà di autoproduzione

OBIETTIVI:
diffusione della cultura dell'alimentazione sana
regolamentazione semplificata
riduzione distanza produttore - consumatore
riduzione della propria impronta ecologica
ottimizzazione della produzione di cibo e dell'uso dell'energia

AZIONI:
educazione alimentare
informare su realtà e pratiche di agricoltura sostenibile
promozione delle realtà etiche locali
calcolare della propria impronta ecologica
distribuzione con “mobilità leggera”

Fase 1
Nuovo workshop:
Come proseguire?
Quale Road Map?
Quali sono i princìpi condivisi che animano il Gruppo per Lecce in Transizione? Iniziamo a discuterne!
ENERGIA
MOBILITA'
IN-FORMAZIONE
E SOCIALITA'
AGRICULTURA ED
ALIMENTAZIONE
SPAZI
E GESTIONE
DEGLI SPAZI
ECONOMIA
Incontri per Lecce
in Transizione...GRAZIE!!!
Full transcript