Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

L' EBRAISMO

cit. Draco Malfoy (LOL)
by

Kat

on 19 November 2014

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of L' EBRAISMO

ORIGINI E DIFFUSIONE
La storia del popolo ebraico inizia con Abramo.
Il primo patriarca nacque circa nel 1813 a. e. v. nella citta’ di Ur Kassdim, in Caldea. Conscio che l’idolatria era frutto della mente e della fantasia umana, fin dalla più tenera età si diede alla ricerca di un dio vero. Secondo la tradizione Abramo scopri’ l’esistenza di Dio, cioe’ di una divinita’ ultraterrena unica e inscindibile. Per ordine del Creatore, all’eta’ di settantacinque anni Abramo lascio’ la casa paterna per trasferirsi in una terra lontana, la Terra Promessa.Questo importantissimo evento segna l’alleanza fra Dio e il suo popolo come un contratto che li unisce eternamente, alleanza stretta attraverso il dono delle Tavole della Legge che rappresentano tutta la Torah e ne sono il simbolo. Dopo quarant’anni di peregrinazioni il popolo ebraico, guidato da Giosue’, entra nella Terra Promessa. Il suolo viene spartito fra le Dodici Tribu’. Quando le tribù furono a poco a poco unificate, reclamarono un re: il primo re fu Saul, seguito da Davide, il quale combatté contro i filistei (una popolazione che abitava in Palestina) e fondò la "Città di Davide", che successivamente prese il nome di Gerusalemme.

FONDATORE
LIBRI SACRI, TESTI RELIGIOSI
EBRAISMO
MENORAH:
candelabro a sette bracci', ne esisteva soltanto uno d' oro puro ed era situato nel Tempio di Gerusalemme, simbolo ebraico ed attualmente dello Stato d'Israele;
in quasi tutte le case ebraiche ne è presente una riproduzione. Quando ancora esisteva il tempio veniva acceso un lume al giorno (la settimana partiva dalla domenica) fino a giungere a sette lo Shabbat.
SIMBOLI E SIGNIFICATI
MEZZUZZAH
TEFILLIN
Tefillin, conosciuti come filattèri, sono scatole nere di cuoio indossate sul braccio e sulla fronte per mezzo di cinghie di pelle. Esse contengono le pergamene con i quattro brani della Torah che citano questo precetto.

TALLED
KIPPAH
Il copricapo indossato dagli ebrei maschi.
Pergamena affissa (dentro un piccolo contenitore) agli stipiti delle porte e contenente due brani dello Shema (preghiera fondamentale dell'Ebraismo, da recitare ogni giorno al mattino e alla sera), proprio quelli contenenti il precetto della Mezuzzah.
Talled, scialle in tessuto bianco spesso con fasce, comunemente di colore scuro, caratterizzato da quattro lunghe sfrangiature di tessuto alle estremità, chiamate tzitzit. La versione grande (talit gadol) è portata durante la preghiera del mattino e a Yom kippur per tutto il lungo ciclo di preghiere, quella piccola (talit katàn) è indossata quotidianamente.

Abramo è il primo patriarca dell' ebraismo, del cristianesimo e dell' islam.La sua storia è narrata nel Libro della Genesi ed è ripresa dal Corano. Secondo il libro della Genesi il suo nome originale era Abram, poi cambiato da Dio in אAbramo. Secondo l'halakhah (Talmud, Berakhot 13a) è proibito pronunciare questo nome.

CUCINA EBREA
TALMUD: consiste in una raccolta di discussioni avvenute tra i sapienti e i maestri dentro e fuori il Sinedrio.

MIDRASH: è un metodo di interpretazione della Scrittura e scruta il testo in profondità per cercare di trarne applicazioni pratiche e significati nuovi.
Esistono decine di raccolte di Midrashim.
Etica per le scienze
Ma'asseh Bereshit
Etica ascetica
Esegesi del Pentateuco
Esegesi del Tanakh
Esegesi del Talmud
La stella di David
Stella a sei punte che rappresenta la civiltà e la religione ebraica.
E' presente nella bandiera dello Stato d'Israele.
Esempio di esagramma che simbolegga lo stato mediatico dell' equilibrio tra uomo e Dio.
Secondo la tradizione popolare: stella che caratterizzava lo scudo di Re Davide (secondo re d'Israele) in battaglia.
Durante la Shoah veniva cucita sui vestiti degli ebrei per distinguerli dalla società.
L'OSSERVANZA RELIGIOSA
Nelle sinagoghe separati:
Uomini
Le cerimonie non possono aver luogo senza un quorum di 10 uomini adulti.
Indossano un cappello o una papalina e uno scialle bianco da preghiera.
Donne
Knafeh:
Knafeh è un dolce mediorientale diffuso in tutto il Mediterraneo, tipico della cucina libanese, giordana e arabo-israeliana.
Si prepara con della pasta sfoglia e formaggio bianco cremoso,e viene arricchita con
sciroppo di zucchero all’acqua di rose.
Maamoul:
I maamoul sono dei piccoli biscottini di
pasta frolla ripieni di datteri, pistacchi o noci.
Latkes:
I Latkes sono dei pancake
a base di ricotta, farina e zucchero
Hummus:
è una salsa a base di pasta di ceci e pasta di semi di sesamo, aromatizzata con olio di oliva, aglio, succo di limone e paprica, semi di cumino in polvere e prezzemolo finemente tritato.
Indossano lo scialle, ma non il cappello.
La preghiera è 3 volte al giorno
Gli Ebrei rispettano le rigide regole dell' alimentazione (kasher).
Bambini circoncisi 8 giorni dopo la nascita.
FESTE E RITI
SHABBATH
Shabbat è molto più di una giornata di riposo settimanale; è un giorno di pace e di armonia tra uomo e natura, tra uomo e uomo, tra uomo e Dio.
PURIM (Primavera)
La "festa delle sorti" ricorda lo scampato pericolo degli ebrei di Persia, che nel V secolo a.C., come racconta la Bibbia, sono sfuggiti all' odio del re e del suo primo ministro.
PESACH (Pasqua)
Rabbino

celebrazione in memoria della liberazione della schiavitù in Egitto a opera di Mosè, guidato da Dio.
JOHN HATZMAUTH
E' la festa che ricorda la proclamazione
del terzo stato Ebraico.
ANTISEMITISMO IERI E OGGI
NELLA SINAGOGA
Sinagoga è il termine che definisce il luogo di culto della religione ebraica; la parola stessa è la traduzione del termine ebraico Beit Knesset,"casa di riunione".
Il termine "antisemitismo" venne coniato nel settembre 1879, a Berlino, da parte del nazionalista Wilhelm Marr, nello scritto "La strada verso la vittoria del Germanismo sul Giudaismo", da una prospettiva aconfessionale, come eufemismo di Judenhass («odio per gli ebrei»)
In tempi più recenti, fra le tante azioni attribuite agli ebrei c'è anche quella di aver preparato teoricamente la Rivoluzione russa. Di origine ebraica era infatti Karl Marx, il principale e più illustre teorico del Socialismo scientifico; di origine ebraica era Rosa Luxemburg, fondatrice del Partito Comunista Tedesco e Lev Trockij, il famoso fondatore dell'Armata Rossa. Anche Lenin, principale esponente della Rivoluzione Russa, aveva remote origini ebraiche, e dei 12 membri del Comitato Centrale del Partito Comunista Russo del 1918, nove erano ebrei.
LA SHOAH ATTRAVERSO I FILM
LA VITA E' BELLA
La vita è bella è un film del 1997 diretto e interpretato da Roberto Benigni. Il film ricevette tre Oscar: quello alla migliore colonna sonora, quello al miglior film straniero e quello al miglior attore protagonista.
IL PIANISTA
Il pianista (The Pianist) è un film del 2002 diretto da Roman Polanski, tratto dal romanzo autobiografico omonimo di Władysław Szpilman. Il film ha vinto la Palma d'oro al Festival di Cannes nel 2002.
Si tratta del racconto di quanto vissuto dal pianista ebreo Władysław Szpilman dallo scoppio della seconda guerra mondiale con l'invasione della Polonia da parte delle truppe tedesche, l'occupazione di Varsavia, la creazione del ghetto, la vita e la sopravvivenza nel ghetto e la sua fuga e sopravvivenza fuori dal ghetto, fino alla liberazione della città da parte dell' Armata Russa.
Nella cultura ebraica il titolo di Rabbino indica uno studioso che si è distinto per i suoi studi ed è un autorevole insegnante della Torah e della legge mosaica, considerato la guida spirituale della propria comunità ebraica.
Il rabbino, per svolgere i suoi compiti, deve inoltre aver ricevuto l'ordinazione (semikhah) ed è autorizzato, secondo la tradizione ebraica, a decidere su necessità comunitarie ed Halakhiche, particolari come quelle legate alle regole alimentari o rituali e generali come nel confronto religioso, interreligioso, etico e morale.
(filmato a cura di Caterina Nava)
(filmato a cura di Caterina Nava)
(filmato a cura di Caterina Nava)
Fotografia Talmud
Opera ambiziosa dell'artista, ispirata alla persecuzione degli ebrei nell'Europa centrale e orientale.
Non viene raffigurata una scena reale, bensì vi è un'evocazione della sofferenza atteraverso l'uso di simboli ed immagini. Affascinante è la rappresentazione in alto di personaggi veterotestamentari che, vedendo cosa sta succedendo, piangono.
CHAGALL- CROCIFISSIONE BIANCA
-Bar mitzvah e Bat mitzvah per le ragazze, è un termine per indicare il momento in cui un bambino ebreo raggiunge l'età della maturità (13 anni e un giorno per i maschi, 12 anni e un giorno per le femmine) e diventa responsabile per se stesso nei confronti della Halakhah, la legge ebraica, questo anche in considerazione della coscienza nel distinguere il bene ed il male.
-Sin dal medioevo è tradizione per i ragazzi celebrare il Bar Mitzvah leggendo un brano della Torah ,partecipare al commento della Torah e prendere parte al servizio il sabato successivo il compimento del 13º anno di età. In seguito si offre un rinfresco con la famiglia, gli amici e i membri della comunità.
- Nel caso delle ragazze non vi è lettura della Torah ma una sorta di interrogazione sui doveri sociali e familiari della donna ebrea.
-La maggiore età dei 18 anni riguarda, invece, la possibilità di "sposarsi".
Full transcript