Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Capitolo 13 - La riforma protestante, la risposta cattolica, le guerre di religione

Programma di storia della classe terza (con appunti su Ariosto)
by

Mauro Becattini

on 23 October 2016

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Capitolo 13 - La riforma protestante, la risposta cattolica, le guerre di religione

Capitolo 13
Prof. Becattini, Prof.ssa Rolando

Aloi, Barocco, Cacioppo, Canobbio, Cartello, Cavolo, Costa, Delpiano, Drocco, Fabaro, Ferrero M, Ferrero S, Giolito, Lovo, Manca, Mazzetto, Merlone, Olivero, Passatore, Ponti, Porta, Riella, Torchio, Triverio, Vicol
Docenti:
Alunni:
Prezibook realizzato da
I mali della Chiesa romana
La riforma protestante, la risposta cattolica, le guerre di religione
La questione delle indulgenze
Erasmo da Rotterdam
Tommaso Moro
Martin Lutero
La rivolta dei cavalieri e dei contadini
Uno sguardo sulla
letteratura...
Ludovico Ariosto
Nasce a Reggio Emilia nel 1474 dal conte Niccolò, capitano della cittadella per conto degli
Estensi.
Il padre, uomo violento e autoritario, lo avvia agli studi di legge, poi tralasciati per l’amata letteratura.
La morte del padre, nel 1500, costringe il ventiseienne Ludovico, primo di 10 fratelli, a provvedere alla necessità della famiglia e alla sistemazione delle sorelle ancora nubili.
Si lega al
cardinale Ippolito d’Este
, fratello di Alfonso, duca di Ferrara e diviene gentiluomo di camera, mezzo amico e mezzo servo di un uomo ambizioso e prepotente, amante del lusso e dell’intrigo, designato vescovo a 8 anni e morto di indigestione a 40 anni.
Ludovico prepara
commedie latineggianti per le feste di palazzo
, sbriga affari noiosi, compie missioni diplomatiche delicatissime, corre a Milano per comprare una botte di vino e si precipita a Roma per evitare una guerra.
Sono tempi ardui per il dominio estense, schiacciato fra due vicini potenti e ambiziosi: il Papato e Venezia e sconvolto dalla sanguinosa congiura tramata da Giulio d’Este, contro i fratelli reggitori di Ferrara.
Rischi gravissimi per la sua stessa sopravvivenza corre il Ducato di Ferrara fra il 1508 e il 1510, dovendo sostenere una guerra contro i Veneziani e tenere a bada le mire espansionistiche di papa Giulio II della Rovere.
Partecipe di questi rischi è l’Ariosto, ambasciatore estense a Roma, costretto a scappare travestito in compagnia del Duca Alfonso, per fuggire all’ira del Pontefice.
Nel 1517 Ariosto
rifiuta di seguire Ippolito
, nominato vescovo in Ungheria e passa al servizio del duca Alfonso, che lo esenta da incarichi gravosi.
È il momento di maggiore agio
, tolto il triennio 1522-25, trascorso a governare la selvaggia Garfagnana, turbata da banditi e da fazioni violente e rivali.
Scrive altre commedie tra cui il
Negromante
, inviato a Leone X nel 1520.
Tra il 1521 e il 1532, durante gli anni della Repubblica Ariosto fa una
revisione
dell’Orlando Furioso.
Nel 1533, dopo essere stato laureato poeta dall’imperatore Carlo V, si spegne nella casetta che aveva voluto nel centro della sua Ferrara
.
Ludovico Ariosto
Ritratto di Ludovico Ariosto, Tiziano
Dopo il 1513, comincia un
periodo meno travagliato
per l’Ariosto, anche se vanno deluse le sue speranze di ottenere i favori del nuovo papa, Leone X (appartenente alla famiglia dei Medici).
C’è l’amore per
Alessandra Benucci
, vedova del ferrarese Tito Strozzi, che sposerà segretamente nel 1527 per non pregiudicare il patrimonio (i benefici ecclesiastici di cui godeva Ludovico, legati agli ordini minori che non richiedevano il celibato).
Nel 1516 esce la prima edizione dell’
Orlando Furioso
, dedicato al cardinale Ippolito, che pare chiamasse scherzosamente “corbellerie” le storie narrate nel fantasioso poema.
Angelica si innamora di Medoro
La follia di Orlando in un'illustrazione di Gustave Doré
Ruggiero cavalcando l'ippogrifo, salva Angelica dal mostro marino
Scena del poema illustrata da Gustave Doré
La rivolta si diffonde: le idee di Lutero e Calvino
Monumento dedicato a Zwingli a Zurigo
Giovanni Calvino
La Chiesa anglicana d'Inghilterra

Anna Bolena
Caterina d'Aragona
Enrico VIII
La posizione della Chiesa cattolica al Concilio di Trento
Nuovi ordini religiosi e attività missionarie
Galileo Galilei
I lavori degli alunni
Daniele Manca
e
Mattia Mazzetto
Full transcript