Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Bonutto Marco-3^ELSA-La crisi del XIV-XV sec.

No description
by

Marco Bonutto

on 28 May 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Bonutto Marco-3^ELSA-La crisi del XIV-XV sec.

La crisi del XIV-XV sec. In Europa Sovrappopolamento e messa a coltura di terreni poveri Cattivi raccolti
1310-1346 Mutamento climatico inverni più freddi
maggiore piovosità -crisi agricola
-carestie
-epidemie di peste
-inflazione
-fallimenti bancari conflitti tra feudalità concorrenti Guerra dei cent'anni (1337-1453 tra Francia e Inghilterra Conflittualità sociale 1350-1390 Sollevamento borghese e contadino Parigi 1357-58 Rivolte urbane e contadine 1378-81 -Francia
-Paesi Bassi
-Inghilterra
-Firenze (Ciompi) Crisi e ristrutturazione commerci e manifatture -Venezia
-Genova
-Firenze Crollo impero mongolo 1368 Interruzione vie centroasiatiche di commercio Rivolte urbane e contadine 1378-81 -Francia
-Paesi Bassi
-Inghilterra
-Firenze (Ciompi) Dissodamenti e fondazione di nuovi villaggi sempre più rari: si iniziano a temere gli eccessi di disboscamento la terra coltivata si estende fin dove possibile: nelle terre cattive a danno dei pascoli. Perciò meno bestiame, meno concime, meno produttività del suolo. Si osservano diversi anni di carestia precedenti alla peste nei quali la curva demografica comincia gia a flettere verso il basso Gravi conseguenze nel aspetto demografico che coinvolgono l'intero assetto economico del Europa medievale Il surplus viene investito per sostenere la popolazione perciò i commerci nazionali ed internazionali di spezie e oggetti preziosi diminuiscono Continue bancarotte di importanti compagnie mercantili e bancarie italiane Buonsignori (Siena 1298)
Scali (Firenze 1326)
Bardi e Peruzzi nel 1342-46 La diffusione della peste è favorita da Clima freddo, umido e piovoso Carestie ripetute e diffusa sottoalimentazione Possibilità per le pulci pestifere di trasferirsi dai ratti all'uomo Regolari scambi commerciali con l'oriente e tra le verie regioni europee Concentrazione di grandi masse umane nelle città conseguenze della peste grande calo demografico abbandonamento delle terre fenomeno dei villaggi scomparsi terre dissodate recentemente con rese molto basse rispetto agl'altri terreni Andamento demografico Risposte alla crisi Mondo rurale Manifatture Conseguenze sulla mentalità collettiva
Full transcript