Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

comunicazione e propaganda

No description
by

Nicolò Torricelli

on 26 June 2014

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of comunicazione e propaganda

Uno dei più grandi esperti di comunicazione dell' antichità è marco tullio cicerone, il quale nell'
"De Oratore"
delineò il profilo del perfetto oratore e le caratteristiche della comunicazione:
Marco Tullio Cicerone
Propaganda
...nello Stalinismo
L'arte nel regime comunista
Come molti intellettuali anche
molti artisti, pittori e scultori aderirono vivacemente al regime comunista
,
creando vere e proprie nuove correnti artistiche dedicate ad esso
, con lo scopo di esaltarne la grandezza e la potenza. In questo modo
anche l'arte divenne una forma di propaganda
vera e propria, caratterizzandosi con messaggi di stampo stalinista e
sottomettendo in molti casi l'arte alla politica
In Germania, durante il periodo fortemente instabile della Repubblica di Weimar, Grande
esempio di propaganda
fu sicuramente quello effettuato dal
regime nazista
, che,grazie anche al forte desiderio della popolazione di avere leader politici carismatici
portò
in breve tempo una
piccola formazione politica
guidata da un semisconosciuto Adolf Hitler ad acquisire il potere in Germania e a scatenare poi una delle più grandi guerre della storia. La propaganda nel caso del nazismo
sfrutto ampiamente tutti i mass media allora disponibili
, dalla stampa, alla radio, al cinema all'arte presente nei manifesti. Questa aveva il compito di
presentare il perfetto tedesco
secondo le ideologie del partito nazionalista tedesco e di
istigare la popolazione contro
quelli che erano considerati
nemici della Germania.
...nel Nazismo
L'anima della propaganda nazista: Joseph Paul Goebbles
La Radio e le telecomunicazioni
Internet
La stampa, la radio, la televisione sono state tutte invenzioni che hanno
rivoluzionato il modo di comunicare
e ne hanno progressivamente ampliato il numero di interlocutori, ma non sono invenzioni definitive, il progresso tecnico-scientifico infatti ci ha fornito
mezzi ancora più efficaci per comunicare
, il più importante di questi è sicuramente il
World Wide Web
, in parole povere:
Internet.
La
propaganda
è una forma di comunicazione da sempre

presente nella società umana, che pero ha subito un particolare sviluppo in seguito alla II° rivoluzione industriale, che ha portato alla massificazione della società e quindi la maggiore
necessità di coinvolgere la popolazione civile alla vita politica e sociale del paese
, in particolare in occasioni ove
ottenere il consenso
della popolazione diviene vitale per la sopravvivenza di un governo, come in regimi totalitari e guerre. primo esempio ne è stato sicuramente la
I°Guerra Mondiale
, dove molti politici e intellettuali iniziarono a mobilitare le masse tramite le
liturgie di massa
.
Anche il regime comunista
, nato a seguito della rivoluzione russa del 1917
è un efficace esempio
di regime basato sul sistema
propaganda-censura
, è infatti stato capace di mantenere, in particolare durante il periodo stalinista, una
forte censura
riguardo cio che accadeva in Russia a chiunque si opponesse al regime, elemento che unito a una grande abilità di propaganda riusci ad
acquisire grande consenso anche all'estero
come dimostra la formazione di vari movimenti di stampo comunista e socialista in tutta Europa.
- Inventio:
cioè la ricerca degli argoenti da svolgere;
- Dispositio:
sapere strutturare il discorso riguardante l'argomento che si è deciso di trattare;
- Memoria
- Elocutio:
scegliere un lessico e una forma adeguata ad esprimersi al meglio in pubblico.
- Actio
: cioè il modo in cui l'oratore deve esporre il discorso al pubblico
-
Farsi comprendere
;
-
Convincere
gli interlocutori della propria idea
o a fargli apprendere
qualcosa;
-
Ottenere un feedback
dagli interlocutori, i quali verranno convinti o interessati dall' argomento trattato.
<<(la qualifica di oratore) Spetta a colui che, qualunque argomento gli capiti di dover affrontare, è in grado di trattarlo concompetenza, proprietà ed eleganza, sostenuto dalla memoria e con una certa autorevolezza.>>(M.T.Cicerone)
Scopo della propaganda è quello di convincere e acquisire il consenso di grandi parti della popolazione, come potrebbe essere quello di qualsiasi forma di comunicazione, con però una differenza,
la propaganda infatti sfrutta il coinvolgimento più emotivo e irrazionale della popolazione, sfruttando elementi ben precisi
e definiti, i principali dei quali sono:
- effetto
paura dell'altro
;
- ricorso all'
autorità
( supporto di figure importanti);
-
effetto gregge
;
-
vaghezza
, ipersemplificazione e generalizzazione delle idee;
- ”
banalità scintillanti
”: cioè frasi incontestabili di grande effetto sul pubblico;
- presenza di un
leader
forte;
- presenza di un
capro espiatorio
;
- utilizzo massivo di
slogan
.

"[...] È solo studiando la psicologia della folla che si può comprendere che le azioni della legge e delle istituzioni su di loro sono insignificanti, che loro [i popolani] sono incapaci di sostenere un'opinione qualunque se non quelle che gli vengono imposte, e che non è con le leggi basate sulle teorie della pura eguaglianza che essi vanno guidati, bensì con lo studio di ciò che li impressiona e li seduce."(G. Le Bon)
Elemento a cui deve essre affiancata
la

propaganda affinchè
essa
si dimostri efficace
deve essere sempre la presenza di un adeguata
censura
, che
impedisca la diffusione di informazioni diverse
da quelle fornite dalla propaganda,senza di essa infatti ogni forma di propaganda risulterebbe poco efficace
...nel Fascismo
Un esempio di
propaganda
ben strutturata è sicuramente quella
sfruttata da Mussolini
,

che
accompagnò tutta la vita del regime fascista
in italia e venne
usata
ampiamente
in tutte le forme disponibili
e
ne diffuse anche di nuove
è infatti proprio grazie al regime Mussoliniano che si diffuse in larga scala la
radio
da poco nata.
Del regime fascista è da sottolineare la
grande capacità comunicativa
, ricca di
riferimenti all'unità nazionale
e alla superiorità del popolo italiano con abbondanti
richiami alla potenza della roma antica
, ne è palese esempio l'utilizzo del fascio littorio e dell'aquila imperiale come simboli principali del regime. Compito fondamentale nella propaganda fascista fu quello di
risvegliare negli italiani il sentimento di unità nazionale e legarlo al regime
, in particolare alla figura del
suo leader, con cui pareva di avere un contatto diretto
, Benito Mussolini, ritratto come
perfetto nuovo italiano
,sottolineandone la prestanza fisica e le doti morali, che lo rendevano un baluardo di difesa dal bolscevismo e dai nemici della patria
da cui i nuovi italiani avrebbero tratto ispirazione
per la vita di tutti i giorni.
La propaganda fascista ebbe anche una importante ruolo nell'
esaltazione del regime
riguardo alle realizzazioni delle importanti
opere pubbliche
e delle realizzazioni del regime nel campo delle
politiche sociali
, che compresero la
bonifica
delle paludi pontine e emiliane, la
fondazione di nuove città
come Latina e i tentativi di raggiungimento dell'
autarchia
alimentare e energetica, con le battaglie del grano e la costruzione di una rete di dighe e generatori idroelettrici.

I mass media nel regime fascista
Elemento fondamentale del regime fascista fu la
fascistizazione di ogni forma di mass media e di elemento culturale
, tra il 1921 e 1925 si ebbe infatti l'
acquisto
da parte del PNF di tutte le principali
testate giornalistiche
, che elimino cosi qualsiaisi forma e possibilità di opposizione al regime.
Si acquisi poi il
controllo del cinema
con la fondazione dell'
istituto LUCE
(1924) cioè “L'Unione Cinematografica Educativa” e degli studi di
Cinecittà
e della
mostra del cinema di Venezia
, che permisero lo sviluppo del cinema in italia, sotto però l'egida fascista, che comportò la produzione di film propagandistici.
La
radio
fu una
novità
assoluta
come forma di propaganda
, fu infatti il fascismo che per primo diffuse l'utilizzo della radio e della radiofonia, da poco scoperta dagli studi di Tesla, Hertz e Marconi. Nel 1927 si ebbe infatti la nascita dell'
EIAR
, l'Ente Italiano per le Audizioni Radiofoniche,
sotto il controllo del ministro della cultura popolare
, Galeazzo Ciano, che favori la diffusione della radio nelle case italiane e la conseguente continua presenza di
messaggi
di stampo fascista e
propagandistico
assieme a programmi di svago
nelle case italiane
, diventando cosi la
voce ufficiale del regime Fascista.
Un altro passo nella fascistizzazione della cultura fu nella
fondazione dell' Accademia d'Italia e dell'istituto Treccani
i quali avevano il compito di "
promuovere e coordinare il movimento intellettuale italiano
nel campo delle scienze, delle lettere e delle arti." Esempi di italiani che vennero invitati a partecipare sono molteplici, tra i piu importatnti ricordiamo Filippo Tommaso Marinetti, luigi Pirandello, Guglielmo Marconi e Gabriele D'Annunzio
<<Il giornale si utilizza come una clava; deve colpire dentro la testa fino a condizionare la formazione dell’opinione pubblica>>.(B.Mussolini)
La propaganda nazional-socialista tedesca fu poi abile nella
costruzione di una grande autorità
intorno alla figura del
fuhrer Adolf Hitler
, che lo rese un leader potente e autorevole ma anche carismatico, fino a renderlo quasi divino,
tanto che la popolazione nutrisse una vera e propria adorazione
per lui. Questo
"culto del capo"
venne poi ampiamente sfruttato nei momenti di difficoltà per il regime.
Joseph Paul
Goebbels
è sicuramente uno dei piu
grandi propagandisti
del XX secolo, fu infatti Ministro della propaganda durante tutto il regime nazista, dal 1933 al 1945.
le sue tecniche di propagnda
furono sicuramente uno degli elementi che
permisero l'ascesa al potere del NSDAP
Dopo alcuni iniziali scontri con Hitler all'interno del NSDAP
iniziò con lo stesso una fruttuosa e fedele collaborazione
nel 1926
che durò fino alla loro morte
. In virtu di questa collaborazione Goebbles venne nominato dal fuhrer ministro della propaganda e questo gli permise di
assumere il controllo di ogni forma dell'informazione e della vita culturale e sociale tedesca
.
Il suo ruolo gli permise di
condurre
le principali
campagne di arianizzazione del paese
tedesco
contro le comunità e le forme culturali ebraiche
, fu egli infatti organizzare le
mostre di “arte degenerata”
, le quali riflettevano valori contrari a quelli della razza ariana, e i più famosi roghi di libri invisi al regime. Fu anche il principale
promotore della "notte dei cristalli"
dove molti tedeschi fedeli al regime distrussero case e attività ebraiche.
Goebbles è anche
uno dei principali sospettati dell'incendio del Reichstag
del 1933, attentato
che venne attribuito
ancora una volta
a ebrei e comunisti

Goebbles sfruttava le teorie del behaviourismo
, basate cioe sulla
continua ripetizione di notizie parziali
,
o
in alcuni casi
palesemente false
, riguardanti il futuro radioso del reich e il pericolo delle “orde asiatiche” che non avrebbero avuto pietà della germania. A questo egli aggiunse una
grande abilità organizzativa
, che permise la realizzazione di eventi maestosi come il
congresso di Norimberga
, simbolo della potenza Nazista.
Altro elemento tipico di Goebbles fu la subordianazione dell'individuo allo stato, necessario al fine di controllare adeguatamente il popolo
<<Nulla è più facile che portare la gente al guinzaglio. Mi basta sollevare un rutilante manifesto e loro ci saltano dentro.>>(J.P.Goebbles)
Le scoperte basilari
che portarono alla realizzazione di ogni forma di
telecomunicazione
passata e presente sono riconducibili alle
intuizioni di James Clark Maxwell
e ale sue scoperte
riguardanti l'elettromagnetismo
e all'ipotesi dell'esistenza di onde elettromagnetiche che si propagassero liberamente nello spazio alla velocità della luce. Da queste scoperte presero le mosse
importanti scienziati
come Nikola
Tesla
, Heinrich Rudolph
Hertz
e Guglielmo
Marconi
, considerati i veri padri delle telecomunicazioni, poiché
grazie ai loro studi
fu possibile trasmettere prima semplici segnali in radiofrequenze poi effettive trasmissioni audio che portarono alla
nascita delle telecomunicazioni
.
Il funzionamento:
le radio-telecomunicazioni funzionano grazie alla presenza di un trasmettitore, che emette segnali elettromagnetici nel campo dell'infrarosso, quindi del non visibile, compreso tra frequenze ELF(30Hz) e EHF(300GHz) ,e una ricevente, costituta da un antenna dalla forma definita che ricevendo le frequenze induce una corrente alternata che puo essere trasformata in audio da un conduttore.
- Nel
1891
, Nikola
Tesla
cominciò la ricerca wireless (senza fili). Sviluppò mezzi per la realizzazione di
produzione di frequenze radio
, dimostrò pubblicamente i principi della radio e trasmise segnali a lunga distanza.
- Nel
1895
Guglielmo
Marconi
lesse il lavoro di Hertz e Tesla sulla telegrafia senza fili, e
cominciò i suoi esperimenti
. Un anno dopo fu fatto l'esperimento realizzato
a Pontecchio
(BO), durante il quale
fu trasmesso un segnale morse oltre i due km di distanza
. Nello stesso anno
Tesla
comunicava
a più di 50 km
dal suo laboratorio di New York a West Point.
- Nel dicembre del
1901
Guglielmo
Marconi
usò le invenzioni di J.C. Bose per
ricevere

il segnale radio nella sua prima comunicazione radio transatlantica
su una distanza di 2.000 miglia (
3.200 km
) da Poldhu, Regno Unito, a St. Johns, Terranova. Marconi fu celebrato nel mondo per la sua trasmissione.
Poco dopo gli fu dato il
brevetto e ricevette così anche il
Nobel.
-
Nei primi del 900
Reginald
Fessenden

e
Lee d
e Forest inventarono radio ad ampiezza-modulata
(AM)
permettendo ad un segnale audio di essere inviato nell'aria.
- Intorno agli
anni 1910 vennero realizzati i primi tentativi di trasmissione della voce umana
, e di lì a pochi anni vennero effettuate le prime trasmissioni transoceaniche
-
Marconi

dopo aver letto
le pubblicazioni di
Tesla
che teorizzavano e provavano l'
esistenza della ionosfera
venne a conoscenza della propagazione delle onde corte, e
scoprì che le trasmissioni radio su queste frequenze potevano essere udite a distanze grandissime.
- Il 15 aprile
1912 il Titanic affonda
nell'Atlantico e
lancia il segnale Morse di soccorso SOS. Marconi
, in quel periodo a New York,
sentendo del disastro, si fa trasportare sulla nave

che ha raccolto i superstiti
per incontrare il radiotelegrafista.
La radio incontra in questo modo il suo primo grande successo.
-Il
30 maggio 1924 Marconi realizza la prima trasmissione della voce umana
fra Poldhu e Sydney (Australia).
-
1922 nasce

in Inghilterra
la piu antica azienda pubblica di broadcasting:
la BBC
<<And if all others accepted the lie which the party imposed-if all records told the same tale-then the lie passed into history and became the truth>>(George Orwell,1984)
The use of
propaganda in Orwell's novel
1984 closely
replicates
the use and the techniques of
propaganda used by totalitarian regimes
that developed between the two world wars in Italy, Germany and URSS. In 1984
Orwell also hypotizes new methods that can help the party to control the life of every person
, thanks to the help of new tecnologies, an example can be seen in the omnipresent sytem of cameras and screen that observes and reproduces the entire life of the people.
The
extreme form of propaganda
that Orwell hypotizes is probably the
institution of NewSpeak
, the new language that the Party creates and imposes to citizens.
This new language
has the feature of making impossible to the people to think freely, so it
makes impossible to create an opposition to the party, because the people can't create a though that is impossible to express in a form of language.
Propaganda in Orwell's 1984
Comunicazione, propaganda e sviluppo dei "Mass Media" nella società del '900
La
propaganda sovietica
, specialmente all' estero ebbe il compito di
rappresentare l'URSS come
se fosse un
paese idilliaco
,
privo di scontento e simbolo della libertà
, cosa differente dalla realtà, come dimostrato dalla pubblicazione del “
libro nero del comunismo
”, una raccolta di tutti i crimini del regime sovietico comunista.
Per questo scopo vennero assoldati molti intellettuali
i quali divennero essi stessi simboli del regime comunista.
Divennero in parte
forma di propaganda anche gli intellettuali non russi che direttamente o indirettamente aderirono al regime
e agli ideali di stampo comunista, come se ne ebbero in paesi come la francia.Questi aderirono in
particolare a causa della concezione secondo cui i fatti sociali e i fatti politici non fossero separabili
, e in particolare come se la difesa della libertà, questione politica, dovesse ineluttabilmente essere legata alla difesa dell'uguaglianza sociale, questione per lo piu sociale ed economica
"Se gli intellettuali comunisti si sono rifiutati così a lungo di guardare in faccia la realtà, è perché la loro ideologia impediva loro appunto di separare i fatti sociali da quelli politici, come se la politica esprimesse unicamente gli interessi sociali, come se la difesa della libertà e la difesa dell'uguaglianza sociale fossero la stesa cosa"(Alain Tourain - il Sole 24 Ore)
Una corrente che si sviluppò con l'aiuto del regime fu sicuramente il
“realismo socialista”
teorizzato da
Maksim Gor'kij
, come
forma d'arte di forma realista e contenuto socialista
. Questa forma di realismo avrebbe avuto il compito di
esaltare l'utopia comunista
come forma di governo giusta e libera, utilizzando temi quali la lotta di classe e la vita quotidiana dei contadini e la storia del movimento operaio. questo era accompagnato da un sentimento
critico nei confronti dei valori borghesi e individualistici
che venivano destinati a soccombere contro alle
idee di massa e collettività, esaltate dalle oper
e.
Il progenitore
e precursore della rete Internet
è considerato
il progetto 
ARPANET,
finanziato dalla Defence Advanced Research Projects Agency ed reso effettivo nel
1969 collegando fisicamente 4 importanti università americane
(Los Angeles, Santa Barbara, Utah, Stanford). Questa rete
si sviluppò collegandosi ad altri “nodi”
nati in paesi come la francia e la norvegia poi nel corso degli
anni 70 e 80
collegando cosi piu contnenti.L'
Internet
vero e proprio
nasce nel 1980
Quando al
bloccaggio di arpanet
in seguito ad un errore vennero
definiti
il transmission control protocol (
TCP
) e l'internet protocol (
IP
),. L' invenzione che consacrò definitivamente internet al grande pubblico fu poi la nascita del
World Wide Web
, la creazione di
Tim Berners Lee
che rivoluzionò il modo di effettuare ricerche e di comunicare in rete grazie all'
invenzione dell'ipertesto
, un protocollo che permette una
lettura non sequenziale dei documenti
. Questa
rete
venne poi
resa di pubblico accesso
il 30 aprile
1993
e riscosse fin da subito un
grandissimo

successo
in ragione delle
funzionalità

offerte
, della sua
efficienza
e, non ultima, della sua
facilità

di

utilizzo
.
Da tale successo ha inizio una
crescita

esponenziale
che in pochissimi anni ha portato
Internet
a
cambiare
la
società

umana
, rivoluzionando le possibilità e i modi di relazionarsi delle persone, i modi di lavorare e di divulgare informazione, tanto che nel 1998 si arriverà a parlare di "
nuova

economia
" basata su internet e suoi derivati.
Facebook, Twitter e i social media: il Web 2.0
Negli
ultimi anni
stiamo assistendo a un fenomeno che va oltre a quella che poteva essere la concezione iniziale di internet, infatti grazie allo
sviluppo
dell'insieme dei cosiddetti "
social media
" è possibile raggiungere un
incredibile livello di interazione con internet
, poichè grazie a numerosi applicativi, tra i quali ricordiamo forum, blog, e social network
sono gli utenti stessi
a diventare
fonte generatrice di contenuti
. Questo, senza fantasticare troppo potrebbe essere interpretato come una
nuova forma di comunicazione
, è infatti una forma di mass media, poiche
concede a chi vi partecipa una enorme visibilità
, con la differenza che la concede a tutti, mentre
prima questa era disponibile solo ai ceti dirigenti
che controllavano i mass media "tradizionali".
La propaganda nazionalsocialista tedesca fu estremamente
capace di instillare
un profondo
odio
nei confronti
ebrei, comunisti e asociali
, presentati come
responsabili dei mali della Germania
e capaci di minare le fondamenta della società tedesca a livello sia economico che sociale. Fu infatti
addossata
ad essi la
responsabilità della sconfitta della Germania
durante la I° guerra mondiale, creando il famoso mito della "
pugnalata alla schiena
", secondo cui la germani non aveva perso onorevolmente sul campo di battaglia, ma aveva perso la guerra a causa di complotti interni alla Germania, guidati appunto da questi “nemici della patria”
Nell'ambito delle avanguardie
che si erano venute a formare nei primi decenni del '900 quella che sicuramente si avvicinò agli ideali propagandistici del regime comunista è rappresentata dal
costruttivismo russo
, rappresentato in particolare da Vladimir
Tatlin
, il quale volle trasporre l'idea e l'opera che Picasso aveva trasmesso alla pittura nella scultura, abbandonando cosi i canoni e i materiali classici in favore di
nuove opere capaci di rappresentare la società moderna
, in particolare quella di stampo sovietica caratterizzata da una fiorente
industria pesante
, grazie all'
uso di materiali innovativi per la scultura, come ferro e vetro
,
assemblato in un modo piu ingegneristico che legato alla tradizione
, ne è esempio il
"Monumento alla III internazionale"
(a fianco). A questa corrente parteciparono anche altri artisti come
Lazar e Rodcenko
, che pur deidcandosi alla pittura e alla
grafica pubblicitaria
caratterizzarono le loro opere, come Tatlin, di una
forte componente propagandistica
Breve storia della radio:
Caratteristiche della propaganda
Abilità dell'oratore:
Scopo della counicazione:
La propaganda di Goebbles:
Proprio per le sue caratteristiche, il
web 2.0

dal punto di vista propagandistico è diventato una sorta di paradosso
, esso infatti racchiude in sè il potere di dare voce a tutti
riducendo
o addirittura
annullando

la
possibilità di
censura
, pur essendo una forma di comunicazione capillare e ormai onnipresente, quindi
adattissimo
a
diffondere
una qualsiasi forma di
propaganda

Montale, Pasolini e la critica alla società di massa italiana
Successivamente allo sviluppo e alla caduta dei regimi totalitari, che avevano in parte favorito alla diffusione dei mezzi di comunicazione di massa, come la radio, la società subì una
nuova profonda trasformazione
anche
grazie agli stessi mezzi di comunicazione
in particolare grazie allo
sviluppo della televisione
, da poco nata e destinata ad affiancare e poi sostituire la radio.
Il cambiamento della società
venne attentamente
studiato e descritto da numerosi intellettuali del '900
, come
Pasolini
e
Montale
,
i quali criticarono
duramente
questo cambiamento
della società. Essi descrissero questo fenomeno come uno
sterminio dei valori

che avevano governato la società
fino a quel momento, in favore dei valori propri dei ceti dirigenti, quindi borghesi, i quali controllavano gli stessi mezzi di comunicazione.
Di questa questione
Montale e Pasolini si occuparono concentrandosi su due aspetti differenti
,
il primo
infatti
ritenne

il cambiamento
di valori
un danno per l'alta cultura europea
, che subendo una profonda mercificazione avrebbe perso qualsiasi tipo di valore e sarebbe stato accomunato a una qualsiasi altra merce di scambio. Questo si puo vedere nella poesia dedicata all'
alluvione di Firenze del 1966
dove nell'atmosfera dell'alluvione,
tutto si mescola in una melma indistinta
,
allegoria dell'insieme indistinto della nuova società
, ove non esistono più distinzioni tra alta cultura simboleggiati dai libri e gli oggetti piu comuni e inutili della vita quotidiana come possono essere i pennelli da barba.
Pasolini
invece
si preoccupò sulla perdita di valori tradizionali popolari
, che avevano governato la maggior parte degli uomini e che
si erano sviluppati in secoli e secoli e che sembravano destinati a scomparire a causa dell'omologazione
imposta agli individui dai nuovi mezzi di comunicazione che gli individui iniziavano a subire.
<<Nessun centralismo fascista è riuscito a fare ciò che ha fatto il centralismo della civiltà dei consumi. Il fascismo proponeva un modello che però restava lettera morta. Le varie culture particolari (contadine, sottoproletarie, operaie) continuavano imperturbabili a uniformarsi ai loro antichi modelli[...].Oggi, al contrario, l'adesione ai modelli imposti dal Centro, è tale e incondizionata. I modelli culturali reali sono rinnegati. L'abiura è compiuta[...].Per mezzo della televisione, il Centro ha assimilato a sé l'intero paese che era così storicamente differenziato e ricco di culture originali. Ha cominciato un'opera di omologazione distruttrice di ogni autenticità e concretezza>> (P.P.Pasolini)
<<Volendo estremizzare, possiamo considerare il mondo come un'unica connessione. Di solito consideriamo un vocabolario come una raccolta di significati, ma in realtà questo tipo di libro definisce il mondo soltanto in termini di parole. Mi piaceva molto l'idea che un frammento d'informazione fosse definibile soltanto attraverso ciò a cui è collegato, e come. In realtà nel significato c'è ben poco d'altro. La struttura è tutto. Nel nostro cervello abbiamo miliardi di neuroni, ma cosa sono? Soltanto cellule. Il cervello non sa nulla fino a quando i neuroni non sono collegati tra di loro>>(Tim Berners Lee)
<<Il Fascismo mobilita le masse>>(B.Mussolini)
<<Molti sono coloro che lo vedono [Hitler] come un modello, con una fede quasi commovente nelle sue doti di protettore, di salvatore, di colui che li libererà dalla loro disperazione>>(Louis Solmitz, insegnante di Amburgo, 1932)
Full transcript