Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Biologia e etologia della guerra

No description
by

Stefano Moia

on 27 June 2014

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Biologia e etologia della guerra

Biologia ed etologia della guerra
Stefano Moia, III anno Scienze e Tecniche Psicologiche
Virginia Ghiara, IV anno filosofia.
Biologia ed etologia della guerra
Caterina Lux, III anno medicina.
Gli uomini cooperano all'interno del
proprio gruppo
.
Chi non ne fa parte è considerato un potenziale nemico.
La notevole capacità di cooperazione umana sembra essersi evoluta soprattutto per interagire con il gruppo locale. Per ironia della sorte, questo orientamento verso il gruppo nella cooperazione è una delle maggiori cause di conflitto e sofferenza del mondo di oggi.
Tomasello (2010)
L’aggressività tra gruppi comporta la
pseudo speciazione
: gli individui dell’altro gruppo non sono riconosciuti come appartenenti alla nostra specie
Un ulteriore allontanamento dall’aggressività animale consiste nell’invenzione delle
armi
, che permettono ormai di uccidere
a distanza
Quali fattori determinano la guerra?
Indebolimento dei meccanismi inibitori
La guerra ha introdotto un nuovo tipo di selezione sessuale
Attraverso lo stupro delle donne i maschi vincitori possono aumentare la diffusione dei propri geni
Bangladesh, tra il 1970 e il 1971 l'esercito pakistano stuprò tra le 200 e le 400 mila donne, 25.000 rimasero incinte
Ruanda, nel 1994 vennero stuprate moltissime donne Tutsu, il numero è di poco inferiore a mezzo milione
Bosnia Erzegovina, tra il 1992 e il 1995 vennero stuprate almeno 25.000 donne bosniache e croate
Genghis Khan, il cromosoma studiato è stato individuato in circa 16 milioni di uomini
L'aggressività umana
Il processo di
selezione
del cromosoma Y di Genghis Khan non deriva da un vantaggio biologico, ma dal
comportamento umano
Le basi biologiche dell'aggressività
l'aggressività nel maschio ha
funzione filogenetica
modello reciproco
: i livelli di T variano a seconda della posizione di dominanza assunta
modello basale
: il livello di T determina la posizione di dominanza di un individuo
Tullia Penna, V anno Giurisprudenza.
... e
femminile
L'aggressività in natura si presenta tra individui di specie diverse (
interspecifica
) o della stessa specie (
intraspecifica
)
L'aggressività interspecifica è propriamente
distruttiva
L'aggressività intraspecifica è invece
affettiva
L'aggressività intraspecifica regola infatti le
relazioni

sociali
...
...e può tradursi in
dominanza
per stabilire rapporti di
potere
In particolare regola il controllo del
territorio
e l'accesso alle
risorse
Il controllo del territorio e
l'accesso alle risorse
sono fondamentali
ai fini della
selezione

sessuale
a causa
dell'
asimmetria
tra
sessi
...
...perciò sono le
femmine
a effettuare una
selezione
Selezione che avviene sia nelle specie
monogame
...
...sia in quelle
poligame
L'aggressività alla base della selezione sessuale si esprime tipicamente nel
combattimento
Combattimento
regolato
o
reale
Combattimento
rituale

Esiste un
legame

tra
testosterone

e
aggressività
,
dimostrato da esperimenti scientifici svolti su
topi
di
sesso

maschile
...
Combattimento...
...Regolato...
...Rituale
Selezione del fenotipo "rituale"
L'aggressività è necessaria per la coesione del gruppo
Permette il passaggio della conoscenza
Due modelli a confronto
Modello di Lorenz
Modello di Deutsch
Infanticidio
Animale
Umano
Sociale
Necessità del gruppo
Paradigma dei gruppi minimi
Tajfel, 1970
Massimo profitto comune
Massimo vantaggio interno
Massimo vantaggio relativo
nelle quali assume
importanza il
fenomeno del
dimorfismo sessuale
Il gruppo umano è basato su interazioni cooperative piuttosto che competitive
Fin dai primi mesi di vita, gli uomini sviluppano un comportamento cooperativo
automotivante
Gli uomini sono i soli a manifestare comportamenti cooperativi a fini
informativi
L'eredità genetica dei Mongoli
Genghis Khan
ha attualmente 16 milioni di discendenti che ne condividono il cromosoma Y
L'aggressività è legata al livello di
ormoni sessuali maschili
Negli USA l'80% dei crimini è commesso da uomini e sono uomini anche la maggior parte delle vittime
Nello sport...
Prima di una competizione il testosterone aumenta le risposte anticipatorie
Dopo una competizione
il vincitore aumenta
i propri livelli di testosterone, il perdente li diminuisce
Instaura una gerarchia
1
2
3
Attesa...
...Estremizzazione...
...Sottomissione
Le stesse variazioni ormonali si riscontrano in competizioni non fisiche
Il
maschio

scelto
difende il suo rapporto con la femmina mediante
comportamenti

aggressivi
F. Rossi, La Guerra, Appunti di lezione.

D. B. Adams, Brain mechanisms of aggressive behavior: An updated review, «Neuroscience and Biobehavioral Reviews», XXX (2006), 304–318.

J. Archer, Testosterone and human aggression: an evaluation of the challenge hypothesis, «Neuroscience and Biobehavioral Reviews», XXX (2006), 319-345.

D. C. Blanchard / R. J. Blanchard, What can animal aggression research tell us about human aggression?, «Hormones and Behavior», XLIV (2003), 171-177.
A. S. Book / K. B. Starzyk / V. L. Quinsey, The relationship between testosterone and aggression:a meta-analysis, «Aggression and Violent Behavior», VI (2001), 579-599.

J. M. Carré / C. M. McCormick, Aggressive behavior and change in salivary testosterone concentrations predict willingness to engage in a competitive task, «Hormones and Behavior», LIV (2008) , 403-409.

J. M. Carré / S. K. Putnam / C. M. McCormick, Testosterone responses to competition predict future aggressive behaviour at a cost to reward in men, «Psychoneuroendocrinology», XXXIV (2009), 561-570.

J. M. Carré / J. D. Gilchrist / M. D. Morrisseya / C. M. McCormick, Motivational and situational factors and the relationship between testosterone dynamics and human aggression during competition, «Biological Psychology », LXXIV (2010), 346- 353.

T.H. Clutton-Brock / G. A. Parker, Punishment in animal societies, «Nature», CCCLXXIII (1995), 209-215.

D. C. Earhart, Certain Victory: Images of World War II in the Japanese Media, M.E Sharpe Inc, New York 2009.

J. Haller, The neurobiology of abnormal manifestations of aggression—A review of hypothalamic mechanisms in cats, rodents, and humans, «Brain Research Bulletin», XCIII (2013), 97-109.

G. Hohmann , B. Fruth, Culture in bonobos? Inter-specific similarities and intra-specific variation in behavior, «Current Anthropology», XLIV (2003).


S. R. Lindsay, Handbook of Applied Dog Behavior and Training. Procedures and Protocols, John Wiley & Sons, Ames 2008.

R. Lentin, Lo stupro della nazione: le donne “raccontano” il genocidio, «DEP» (2009), 150-160.

B. Malinowski, Sulla guerra, Bonanno Editore, Roma 2008.

F. T. McAndrew, The interacting roles of testosterone and challenges to status in human
male aggression, , «Aggression and Violent Behavior», XIV (2009), 330-335.


P. B. McConnell, The Other End of the Leash, Ballantine Books, New York 2002.

K. Overall, Clinical Behavioural Medicine for Small Animals, Mosby-Year Book, Saint Louis 1997. 

P. Pietrini / V. Bambini, Homo ferox: The contribution of functional brain studies to understanding the neural bases of aggressive and criminal behavior, «International Journal of Law and Psychiatry», XXXII (2009), 259-265.

K. Shepherd, Development of behaviour, social behaviour and com- munication in dogs, «Manual of Canine and Feline Behavioural Medicine», (2002), 8-20.

D. Terburg / B. Morgan / J. van Honk, The testosterone–cortisol ratio: A hormonal marker for proneness to social aggression, «International Journal of Law and Psychiatry», XXXII (2009), 216-223.

M. Tomasello, Altruisti nati, Bollati boringhieri, Torino 2010.

J. Diamond, Il mondo fino a ieri, Giulio Einaudi editore, Torino 2013.

K. Lorenz, L'anello di Re Salomone, Adelphi, Milano 2005.

F. Warneken / M. Tomasello, Altruistic Helping in Human Infants and Young Chimpanzees, «Science», CCCXI (2006), 1301-1303.

T. Zerjal / Y. Xue / G. Bertorelle / R. Spencer Wells / W. Bao / S. Zhu / R. Qamar / Q. Ayub / A. Mohyuddin / S. Fu / P. Li / N. Yuldasheva / R. Ruzibakiev / J. Xu / Q. Shu / R. Du / H. Yang / M. E. Hurles / E. Robinson / T. Gerelsaikhan / B. Dashnyam / S. Q. Mehdi / C. Tyler-Smith, The Genetic Legacy of the Mongols, «Am. J. Hum. Genet.», CLLII (2003), 717-721.

L. Marchettoni, Etologia, guerra e politica, 2009, tratto da http://www.juragentium.org/topics/wlgo/it/marchett.htm in data 24/02/2014

Grazie per l'attenzione
Caterina Lux
Tullia Penna
Stefano Moia
Virginia Ghiara
Full transcript