Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Città creativa

No description
by

Caterina Stortini

on 18 December 2015

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Città creativa

Digitalizzazione dei servizi
Efficientamento energetico
Gli interventi che si intendono realizzare sono intesi come iniziative di risparmio energetico rivolte alla riorganizzazione dell’assetto energetico della zona universitaria.
Gli obiettivi di efficienza energetica e di riduzione delle emissioni di CO2 sono declinati in un progetto finalizzato alla realizzazione di un sistema integrato di lightning pubblico che funga da supporto ad altri servizi smart e alla riqualificazione energetica degli edifici universitari, orientata al contenimento dei consumi e al miglioramento della loro efficienza tecnico-prestazionale.
A queste due azioni individuate, si aggiunge un terzo ambito di intervento da implementare come progetto sperimentale limitato all’area interessata, in cui sviluppare un modello di cosiddetta “city sensing”, basato sull’integrazione di informazioni provenienti da sensori di varia natura in un’unica piattaforma informativa che permette di creare una base condivisa di dati relativi al sistema di illuminazione pubblica, alla rete di edifici e alla mobilità.

City branding
Scopo del city branding è quello di progettare un’idea di città che abbia una dote direttamente comunicativa del territorio. A questo fine diventa strategica la produzione di un volto e di una mimica cittadina adatta ai tempi capace di ridefinire uno stile che la città intera possa sentire come proprio e sul quale sia possibile far convergere nuovi slanci e nuove potenzialità. Ciò si traduce, fattivamente, in azioni volte ad una riqualificazione – in termini di immagine e di attrattività – dell’area universitaria quale laboratorio dinamico e creativo capace di dialogare con il territorio e di ripensarlo.

Città creativa
Trasporto pubblico sostenibile e risparmio energetico
Mobilità sostenibile
L’individuazione dell’Università come area strategica su cui puntare per il rilancio e lo sviluppo della città nel suo complesso non può prescindere dall’attuazione di significativi interventi volti ad una riqualificazione della zona universitaria sotto il punto di vista dell’efficienza energetica e della mobilità sostenibile.
Le iniziative pianificate sono proposte quindi come soluzioni energeticamente sostenibili e a basso impatto ambientale che intendono, da un lato, risolvere le problematiche relative alle difficoltà di accessibilità e al congestionamento del traffico intorno all’area universitaria, e dall’altro, potenziare l’efficienza energetica della rete di illuminazione e delle strutture dell’ateneo.
INTERVENTO:
Smart lightning
DESCRIZIONE DELL'INTERVENTO:
L'ammodernamento dell'impianto di illuminazione pubblica in ottica smart consiste nel creare una rete di pali intelligenti e multifunzionali: lampioni, dotati di lampade a LED ad alta efficienza energetica, in grado di ottimizzare automaticamente la regolazione dell’intensità luminosa o lo spegnimento in base al traffico e che sono utilizzati come infrastruttura di supporto ad una sensoristica smart capace di erogare servizi a valore aggiunto, quali ad esempio telecamere di videosorveglianza, connettività ad internet, un sistema di monitoraggio del traffico veicolare o di informazioni ambientali e metereologiche.
Gli interventi di smart lightning si completano con la messa a regime di un sistema di gestione e telecontrollo da remoto degli impianti di illuminazione mediante tecnologie wireless, permettendo di rilevare in tempo reale eventuali malfunzionamenti e di gestire l'accensione o lo spegnimento del flusso luminoso dei punti luce.
FINANZIAMENTO:
Convenzione Comune - Università e collaborazione con le aziende del territorio

INTERVENTO:
Concorso per la realizzazione del logo
DESCRIZIONE DELL'INTERVENTO:
Indizione di un bando per la realizzazione del logo della città dedicato ad esperti del settore della grafica – di età compresa tra i 20 e i 35 anni – che preveda il coinvolgimento degli studenti del territorio
FINANZIAMENTO:
10.000 € come sponsorizzazioni da banche del territorio, da agenzie di viaggi e da aziende locali

INTERVENTO:
Sito online per la personalizzazione del logo
DESCRIZIONE DELL'INTERVENTO:
Indizione di tre borse di studio rivolte agli studenti dell’ultimo anno del dipartimento di informatica che potranno svolgere un tirocinio della durata di sei mesi all’interno di un’azienda di informatica del territorio. Durante questo arco di tempo, l’azienda in collaborazione con gli studenti si impegnerà nella realizzazione del sito
FINANZIAMENTO:
Risorse comunali

INTERVENTO:
Contest online
DESCRIZIONE DELL'INTERVENTO:
Realizzazione di un contest online annuale
- #invitaunamico – dedicato agli abitanti della città di età compresa tra i 18 e i 35 anni. Gli autori dei tre contributi più significativi e originali potranno realmente invitare un amico o un’amica a trascorrere un weekend da “turista” con l’opportunità di visitare e scoprire posti insoliti o normalmente inaccessibili.
FINANZIAMENTO:
sponsorizzazioni locali

INTERVENTO:
Riqualificazione energetica delle strutture universitarie
DESCRIZIONE DELL’INTERVENTO:
Diverse tipologie di lavori (l’isolamento a cappotto, l’installazione di serramenti e vetri con maggiori proprietà isolanti, fino all’installazione di impianti solari termici per la copertura del fabbisogno di acqua calda e di pannelli fotovoltaici impiegati come generatori di corrente) produrrebbero una significativa riduzione dei consumi energetici e dei relativi costi. Inoltre, l’installazione di sistemi di regolazione e controllo degli impianti energetici in base all’effettiva domanda dell’utenza o alla temperatura ambiente nei singoli locali consentirebbero un uso razionale dell’energia con conseguente abbassamento dell’impatto e delle spese di riscaldamento e condizionamento.
FINANZIAMENTO:
Convenzione Comune-Università e collaborazione con le aziende del territorio

INTERVENTO:
Riconversione di alcuni spazi universitari
DESCRIZIONE DELL’INTERVENTO:
Gli interventi infrastrutturali finalizzati alla rigenerazione energetica dei plessi universitari costituirebbero l’occasione per procedere al recupero di alcuni spazi universitari nella prospettiva di una loro ottimizzazione d’utilizzo da parte degli studenti. Il progetto di riconversione energetica degli immobili dell’ateneo potrebbe infatti essere realizzato nel quadro di un piano che comprenda anche la ristrutturazione di alcuni spazi e la loro rigenerazione, ad esempio, in veri e propri “spazi di apprendimento” (aule adeguatamente attrezzate dal punto di vista del mobilio, della connettività a Internet, della disposizione di prese elettriche, ecc. che incoraggino l’apprendimento attivo e collaborativo, in cui sia possibile una combinazione di diverse attività: lavorare sul PC; intraprendere attività e discussioni in gruppi di lavoro; ecc.)
FINANZIAMENTO:
Convenzione Comune-Università e collaborazione con le aziende del territorio

Nell’ambito dei fondi POR-FESR 2014/2020 e dell’Agenda Urbana Umbra, si apprende che tra gli obiettivi previsti per lo sviluppo delle smart city le transizioni verso sistemi intelligenti di trasporto pubblico urbano, consistenti in nuovi modelli di autobus a basse emissioni di CO2, che consentano anche di diversificare il traffico verso le zone strategiche delle città, ricoprano un ruolo di primissimo piano.
INTERVENTO:
Flotta di navette ibride ad alta compatibilità ambientale
DESCRIZIONE DELL’INTERVENTO:
Una prima proposta prevede l’istituzione di un sistema di navette ad alimentazione ibrida, con le quali gli studenti possano raggiungere l’Ateneo dopo aver lasciato la propria auto nel parcheggio di Pian di Massiano; sul percorso che collega l’area di parcheggio con il polo verranno create apposite corsie preferenziali.
Per favorire lo sviluppo della mobilità sostenibile è di rilevante importanza integrarla con l’utilizzo di moderni sistemi di tecnologie, che hanno come riferimento l’utilizzo di nuovi dispositivi tecnologici in grado di garantire all’utenza del trasporto pubblico cittadino un sistema di informazione più dettagliato e corretto. Dotando le nuove navette di dispositivi GPS, si potrebbero realizzare applicazioni in grado di tenere l’utenza informata ad esempio su tempi di attesa dell’autobus e le ultime rilevazioni sul luogo in cui esso si trova in qualsiasi momento.
FINANZIAMENTO:
Fondi previsti nell’Agenda Urbana Umbra per lo sviluppo di sistemi intelligenti di trasporto pubblico

INTERVENTO:
Nuove tariffe agevolate per studenti
DESCRIZIONE DELL’INTERVENTO:
La seconda iniziativa prevede un impegno dell’Università in collaborazione con il Comune e la locale azienda di trasporto pubblico, con il quale l’Università incentivi i propri studenti, dopo un confronto affidato ai mobility managers all’utilizzo dei mezzi pubblici tramite un carnet-abbonamento da 20 biglietti ad una tariffazione ridotta rispetto all’ordinario.
FINANZIAMENTO:
Il secondo intervento potrebbe essere a carico dell’Università o del Comune, sempre secondo quanto previsto nell’Agenda Urbana Umbra, nella quale sono previsti co-finanziamenti ai progetti da parte degli enti locali

INTERVENTO:
Open Data
DESCRIZIONE DELL’INTERVENTO:
Implementare il portale dati.gov.it (sviluppato su indicazione del Ministero per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione con l’obiettivo di catalogare tutti i dati pubblici aperti prodotti dalla pubblica amministrazione italiana) e quello regionale dati.umbria.it e prevedere sezione “Open Data” all’interno del proprio sito comunale.
FINANZIAMENTO:
Nell’ambito del POR FESR viene finanziata la digitalizzazione dei processi amministrativi e la diffusione di servizi digitali pienamente interoperabili, oltre che lo sviluppo delle competenze necessarie al rilascio continuativo e permanente dei dati in possesso delle pubbliche amministrazioni inerenti l’Open Data e l’Open Governemnt. Fondi sono previsti anche nell’Agenda Urbana Umbra.
Il primo obiettivo tematico del progetto sulla città creativa riguarda il miglioramento dell’accesso, dell’impiego e della qualità delle ICT, ossia l’insieme delle tecnologie che consentono il trattamento e lo scambio di informazioni in ambito digitale.
Innanzitutto, un progetto per la costruzione di una Smart city non può trascurare l’importanza della disponibilità degli Open Data in qualità di acceleratori di sviluppo del territorio: l’implementazione dei dati a disposizione di cittadini e imprese è una premessa fondamentale per una crescita economica sostenuta.
L’altra misura adottata nell’ambito della digitalizzazione dei servizi è invece specificatamente rivolta a migliorare la connessione (soprattutto a livello digitale) tra diverse realtà che girano tutte attorno allo status di “studente”, tramite l’utilizzo di un sistema basato sul QR CODE.

INTERVENTO:
Sistema QR CODE
DESCRIZIONE DELL’INTERVENTO:
Creare un sistema che permetta di collegare ad un unico studente una serie di informazioni che gli consentano di accedere, in maniera celere ed agevole, ai servizi che lo interessano.
FINANZIAMENTO:
Fondi europei contenuti nel POR – FESR; Agenda urbana; eventuale finanziamento da parte dell’Ente Comune; autofinanziamento del progetto stesso attraverso la vendita dei dati raccolti.

INTERVENTO:
Progetto sperimentale integrato di smart lightning, smart mobility e smart building
DESCRIZIONE DELL’INTERVENTO:
L’attività ha come obiettivo la progettazione di un’area universitaria smart in cui si sperimenti un modello integrato basato sull’acquisizione distribuita di informazioni dal territorio (operata grazie a sensori miniaturizzati e collocabili capillarmente nel tessuto urbano) e nella successiva realizzazione di una piattaforma informativa integrata che si configura come una base dati condivisa in tempo reale, a cui possono agganciarsi i sistemi intelligenti per le ottimizzazioni e il monitoraggio dell’intero sistema.
Questo dà la possibilità di ottenere abbattimenti dell’energia consumata impossibili da ottenere con approcci parziali e contemporaneamente un abbattimento dei costi della rete infrastrutturale in quanto condivisa da diverse applicazioni. I servizi smart più significativi che rientrano nel contesto del sistema elettrico sono: l’illuminazione pubblica, la mobilità pubblica ibrida e la gestione energetica degli edifici.
FINANZIAMENTO:
Il progetto sperimentale può sfruttare dei fondi “ad hoc” istituiti in ambito europeo a completamento della programmazione dei fondi strutturali. Gli Stati membri possono infatti utilizzare una parte della loro dotazione dei fondi strutturali con strumenti finanziari (come il Fondo Europeo per l'Efficienza Energetica, o il programma “JESSICA”), per agevolare gli investimenti rimborsabili nel campo dell’efficienza energetica.

La città creativa è la città in cui la dimensione culturale diventa l’asse strategico nella progettazione dello sviluppo urbano.
Nel nostro progetto, puntare sulla cultura come motore di sviluppo dell’area urbana significa sfruttare, valorizzandola, la più importante "risorsa culturale" del nostro territorio: l'Università
Le iniziative proposte per operare una riqualificazione dell’università incidono in diversi ambiti di intervento: la digitalizzazione dei servizi (sviluppando uno strumento celere ed efficace di fruizione dei servizi da parte degli studenti), il trasporto pubblico sostenibile, il risparmio energetico.
L’utilizzo delle ICT nella progettazione degli interventi permette di raccogliere, elaborare e rappresentare un’enorme quantità di dati provenienti da fonti eterogenee, che un’amministrazione “smart” e intelligente deve rendere utilizzabili da parte di soggetti differenti (open data). Gli Open Data non sono solo strumento di trasparenza e di partecipazione dei cittadini ad un processo decisionale che diventa sempre più inclusivo e plurale (open government), ma sono anche uno strumento per creare interesse e occasioni di business per le aziende del territorio.
Le linee di intervento proposte non possono condurre ad un’attiva crescita economica se non sono accompagnate da efficaci strategie di city branding, volte alla promozione dell’immagine della città e della sua visibilità verso uno specifico pubblico di riferimento (giovani studenti).
Conclusioni
Gli obiettivi operativi del nostro progetto di Città Creativa sono declinati a definire una strategia di sviluppo urbano che punta sull’economia dell’innovazione, della cultura e della conoscenza.
Queste politiche che si intendono realizzare sono dunque proiettate verso un’integrazione di progetti portata avanti in primis dall’istituzione principale - l’Università- con la collaborazione e sostegno delle varie istituzioni e imprese locali, e verso una promozione della progettazione dello sviluppo urbano mettendo al centro gli studenti.
Ci siamo mossi predisponendo elementi “hard” quali l’infrastrutturazione tecnologica urbana e elementi “soft” come la gestione del cambiamento attraverso la riqualificazione dell’università che negli ultimi anni ha visto un calo degli iscritti.
La nostra è, dunque, una città creativa che si caratterizza per la presenza di un ambiente urbano culturale e intellettuale vivace. Una città che investe, oggi, in servizi e infrastrutture capaci di attrarre una “classe creativa” - nel nostro caso gli studenti - in grado, a sua volta, di rilanciare l’economia locale in un clima competitivo, aperto e tollerante, in quanto, come dice Richard Florida, “La creatività umana viene considerata la fonte del vantaggio competitivo”.
L’Università diventa, così, un luogo privilegiato e una fucina di idee che non si cristallizzano ma al contrario rimodellano, in un processo in continuo divenire, il paesaggio urbano secondo le esigenze di consumo, di prodotti e di luoghi. Sarà proprio l’università, quale laboratorio creativo, il fulcro pulsante da cui dovranno partire gli impulsi capaci di innervare l’intero tessuto urbano in un processo – mai chiuso – di riposizionamento e di ridefinizione di ciò che la città è e vuole essere.”
Full transcript