Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Copy of tesina esame di terza media

No description
by

andy lekter

on 18 April 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Copy of tesina esame di terza media

Tesina esame di terza media Alessandra Gelera 3°a geografia:Giappone
storia: Seconda guerra mondiale(fronte sul pacifico)
letteratura: apritemi sono io
scienze: terremoti
arte: arte in Giappone
tecnica: nucleare
tedesco: Einstein
inglese: tennis
educazione fisica: tennis GIAPPONE

Il Giappone comprende 4 isole e diversi isolotti. Il versante rivolto all'Oceano Pacifico è più caldo e meno nebbioso di quello che si affaccia sul Mare del Giappone. Le zone meridionali costiere sono caratterizzate da un clima mite durante tutto l'anno. Il territorio è prevalentemente montuoso. Nell'arcipelago sono presenti 165 vulcani di cui circa sessanta tuttora attivi. Molto intensa è l'attività sismica. Il Giappone confina con: a nord Mar di Ohotsk, a sud Mar Cinese Orientale, ovest Mare del Giappone e a est Oceano Pacifico.





Il Giappone è una monarchia,la sua capitale è Tokyo e la sua moneta è lo yen. La popolazione è omogenea, con il 99% di giapponesi, e il tenore di vita elevato. Le religioni più seguite sono il buddismo e lo shintonismo. L'imperatore è una divinità che discende dal nipote della dea del Sole,Amaterasu,sceso sulla Terra per governarla. La natalità del Giappone, come tutte quelle dei Paesi sviluppati, è diminuita drasticamente, mentre la percentuale degli anziani è in continuo aumento. Nonostante sia uno dei Paesi più moderni e teconologicamente avanzati, il Giappone, non abbandona le sue antiche tradizioni:la cerimonia del tè,le gheishe (maestre nell'arte della musica) sono dotate di un vero e proprio albo professionale che fissa le regole di abbigliamento, trucco e acconciatura. La coltura Giapponese si è diffusa anche in Occidente, per esempio i bonsai “piante miniaturizzate”, che oggi si trovano normalmente anche nelle nostre case. Il Giappone è densamente abitato e la sua popolazione è concentrata principalmente lungo le coste, a causa del territorio prevalentemente montuoso.

Le maggiori città si trovano nell'isola Honshu, che è la più vasta e abitata: lungo la costa si è formata una gigantresca megalopoli. Ne fanno parte anche la capitale Tokyo, Yokohama,Osaka,Nagoya,Kyoto e molti altri centri che superano i 500.000 abitanti. Il Giappone è continuamente scosso da sismi più o meno intensi,ma il terremoto sembra non spaventare nessuno. Le case tradizionali leggere e resistenti alle scosse sono sempre più rare, sostitutite nelle metropoli sovraffollate da alti grattacieli. Anche gli alti palazzi con decine di piani sono costruiti secondo criteri sismici: si utilizzano materiali elastici in grado di assorbire le onde d'urto e sotto alle fondamenta degli edifici sono installate strutture in grado di ammortizzare le scosse. Anche le infrastrutture sono costruite con gli stessi criteri.



La popolazione è abituata a frequenti esercitazioni e ovunque sono disponibili kit di soppravvivenza, provvisti di acqua,cibo,casco e radio. Quando si verifica una forte scossa, viene immediatamente lanciato l'allarme attraverso tutti i mezzi di informazione e le apposite sirene. La rete di vie di comunicazione interna è estesa: 1193 000 km di strade e 20 050 km di ferrovie. Su strada viaggia il 90% delle merci e 65% dei passeggeri. Sono presenti vari tunnel e viadotti che uniscono molte isole. Nel 1998 è stato aperto al traffico il viadotto Akashi-Kaikyo che collega Kobe alle Awaji ed è il ponte più longo al mondo. Il Giappone è stata la prima nazione al mondo a costruire ferrovie ad alta velocità. L'ottima organizzazione delle stazioni permette di far salire e scendere i passeggeri con velocità, infatti i ritardi sono inferiori ai 30 secondi. L'unico deragliamento si è verificato a causa di un terremoto, ma nessun passeggero è rimasto ferito. Le linee ad alta velocità Shinkasen dal giapponese “treni proiettile”, operative dal 1964, si sono estese fino a raggiungere tutte le principali città. Durante la seconda metà del secolo scorso il Giappone ha avuto una crescita economica rapidissima. Il Paese è riuscito,in poco tempo,a risollevarsi dalla sconfitta della seconda guerra mondiale. Il Giappone ha infatti sviluppato grandi aziende, spesso trasformate in grandi multinazionali che esportano i loro prodotti in tutto il mondo. Alla fine del XX secolo il Paese ha subito una crisi economica: molte piccole aziende sono state costrette a chiudere, mentre le grandi aziende hanno spostato all'estero parte delle produzioni per ridurre i costi. La disoccupazione non è alta (3,9%) ma è comunque aumentata. Oggi l'economia giapponese mostra segnali di ripresa, ma risente della situazione economica internazionale: la crisi finanziaria e l'entrata della Cina nel mercato globale. Il territorio è coltivato solo per il 13,2% , in quanto un Paese principalmente montuoso e con vaste aree urbanizzate. La produzione è buona grazie ai metodi avanzati, ma non sufficienti a soddisfare il fabbisogno interno. Il riso è la coltura prevalente, poi si coltivano soia,patate,patate dolci,ortaggi,frutta, agrumi e tè. I boschi coprono quasi i due terzi del territorio. L'allevamento riguarda bovini e suini ed è ancora diffuso l'allevamento specializzato del baco da seta; l'allevamento non è molto sviluppato. Praticata anche l'acquacoltura, si coltivano ostriche perlifere destinate all'esportazione, si utilizzano anche le alghe, sia nell'industria che nell'alimentazione. Il Giappone è ai primi posti per la quantità di pesce sbarcato, infatti la pesca è molto produttiva. Principalmente si pescano sgombri,sardine e salmoni. Contina la caccia alle balene,grazie ad una revoca alla moratoria internazionale nella caccia di tali cetacei avvenuta nel 2006. Benchè le risorse minerarie siano limitate l'apparato industriale è ben differenziato e si estende a tutti i settori produttivi con impianti teconologicamente avanzati. A dominare sono le multinazionali che, per mezzo del constante aggiornamento teconologico, si sono imposte a livello internazionale, principalmente nei settori dell'elettronica avanzata e degli autoveicoli. Oltre ad auto e moto,macchine fotografiche,videocamere,computer sono fra i prodotti maggiormente venduti anche in Italia. L'economia Giapponese si basa sul terziario (68% PIL). Le banche,le assicurazionni e il settore delle telecomunicazioni sono in crescita. Il Giappone punta sulla crescita scientifica, che è uno dei fattori essenziali per una crescita economica. Nonostante l'aumento dei costi delle materie prime abbia rallentato le esportazioni grazie a scali portuali e areoporti all'avanguardia, il Paese è uno dei protagonisti del commercio mondiale. Il punto debole dell'economia giapponese è l'elevato fabbisogno energetico. Il Paese,essendo povero di risorse minerarie e per ridurre la dipendenza energetica dall'estero, ha puntato sul nucleare: sono presenti 55 reattori in funzione, che forniscono il 30% dell'energia prodotta nel Paese. Geografia: Storia Sintesi: L' 1 settembre del 1939 la Germania invase la Polonia senza alcuna dichiarazione di guerra. Francia e Gran Bretagna dichiararono guerra alla Germania. Il Fronte orientale consisteva in una guerra-lampo,cioè di un'azione veloce e simultanea; la Polonia fu presa in 3 settimane. Nei primi mesi del 1940 i tedeschi occuparono Norvegia e Danimarca dove furono insediati governi collaborazionisti,cioè che collaboravano con gli invasori. Intanto l'Unione Sovietica (che era legata alla Germania dal patto Molotov-Ribbentrop o patto di non-aggressione) invase i tre stati baltici Lettonia,Estonia,Lituania senza combattere e la Finlandia dopo una strenua resistenza. Il fronte occidentale: il tedeschi violarono la neutralità del Belgio,Paesi Bassi e Lussemburgo e penetrarono in Francia da nord;il 14 giugno 1940 le truppe tedesche invasero Parigi. Il maresciallo Petain firmò l'armistizio con la Germania e decise di collaborare con i nazisti. La Francia si divise in due parti: il nord occupato dai tedeschi e il sud sotto il governo collaborazionista di Vichy. Il generale Charles de Gaulle organizzò la resistenza contro gli invasori da Londra. Nell'estate del 1940 Hitler lanciò contro l'inghilterra l'operazione “Leone Marino” per invadere l'isola. Ci fu la prima grande “Battaglia di Inghilterra”, il primo grande conflitto aereo della storia:la Luftwaffe (aviazione tedesca) e la Raf (aviazione britannica). La Raf vinse sulla Luftwaffe e Hitler abbandonò l'operazione e continuò gli attacchi navali con i sommergibili, cercando di isolarla. L'Inghilterra poteva, però, contare sull'appoggio indiretto degli Stati Uniti che mandavano rifornimenti e aiuti. Il 10 giugno del 1940 l'Italia dichiarò guerra a Francia e Inghilterra. Occupò i territori oltre confine in Francia,convinta che la guerra sarebbe durata poco. Nel settembre 1940 Germania,Italia e Giappone firmarono il patto tripartito (RO-BER-TO: asse Roma, Berlino,Tokyo). Entrarono in guerra insime alle potenze dell'asse anche Bulgaria,Romania e Ungheria. Nell'estate del 1941 la Germania attaccò l'Unione Sovietica, con l'perazione Barbarossa, sciogliendo così il patto di non-aggressione. In pochi mesi le truppe tedesche occuparono i Paesi Baltici,l'Ucraina e la Crimea, spingendosi fino a Mosca. Dopo un iniziale sbandamento il popolo sovietico si riorganizzò in bande partigiane. Nel dicembre del 1941 i sovietici iniziarono il controattacco nei pressi di Mosca e riscontrarono la loro prima vincita sulle forze dell'Asse. Per le truppe italo-tedesche segnò l'inizio della fine. Il 7 dicembre del 1941 gli aerei nipponici attacarono e affondarono la flotta statunitense Pearl Harbor,nelle Hawaii. Gli USA dichiararono guerra al Giappone, quindi anche alle altre forze dell'Asse (Italia e Germania); la guerra divenne mondiale. Nel 1942 nel Pacifico i giapponesi tentarono di conquistare le isole Midaway ma la flotta venne annientata da quella americana. Nello stesso anno i tedeschi furono sconfitti in Africa nella battaglia ad El Alamein e furono costretti ad evacuare la Libia. Nel 1943 gli angloamericani conquistarono il fronte nordafricano ed erano padroni del Mediterraneo. Sul fronte orientale i tedeschi, nell'agosto dello stesso anno, assediarono Stalingrado, da dove partì la controffensiva russa che riportò una memorabile vittoria. Nel corso del 1943 ci furono diversi bombardamenti sulle città italiane e tedesche. Nel luglio dello stesso anno le truppe Alleate sbarcarono in Sicilia, dalla quale iniziarono la loro risalita per liberare tutto il nord Italia. Lo sbarco degli anglo-americani segnò la fine del regime fascista. Mussolini fu arrestato e tenuto prigioniero in una località segreta sul Gran Sasso, mentre re Vittorio Emanuele III nominò un nuovo governo con a capo il maresciallo Badoglio. Il generale Badoglio il 3 settembre 1943 firmò segretamente l'armistizio con gli Angloamericani e venne reso plubblico l'8 settembre. Il re e Badoglio si insediarono a Brindisi sotto la protezione degli Alleati, lasciando l'esercito da solo e senza ordini. I tedeschi, capito il tradimento, la invasero con ogni tipo di violenza e nel 1943 l'Italia si trovò occupata da due eserciti. A nord i tedeschi, a sul gli angloamericani. Mussolini venne liberato dai tedeschi e formò un nuovo governo con sede a Salò: la REPUBBLICA SOCIALE ITALIANA (RSI). I suoi seguaci furono chiamati con dispezzo “repubblichini”. La RSI era un governo fantoccio in cui comandavano i tedeschi. Con l'armistizio nell'Italia settentrionale ebbe inizio la resistenza contro i nazifascisti che divenne anche una sanguinosa guerra civile fra partigiani e fascisti. Il 6 giugno 1944, il D-DAY, ci fu la battaglia di Overlod; lo sbarco in Normandia delle truppe Alleate,guidata dal generale statunitense Eisenhower. L'avanzata degli Alleati portò alla liberazione di Parigi dall'occupazione tedesca e a minnacciare la Germania. Sul fronte orientale i sovietici liberarono: i Paesi Baltici,la Polonia, la Romania,l'Ungheria e la Jugoslavia. Nel 1945 continuavano i bombardamenti sulla Germania. Nel febbraio 1945 ci fu la Conferenza di Yalta tra i capi di Stati Uniti (Roosvelt), Gran Bretagna (Churchill) e Unione Sovietica (Stalin). Si decretò che: la Germania, a guerra finita, sarebbe stata divisa in 4 zone di occupazione,i paesi liberati potevano scegliere i propri governi e la nascita dell'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU). Il 30 aprile del 1945 Hitler si suicidò nel suo bunker. Nei primi di maggio la Germania firmò la resa incondizionata:finiva così la guerra in Europa. Nell'aprile del 1945 anche l'Italia fu liberata dagli Alleati. Il 25 aprile, festa della liberazione nazionale, i partigiani insorsero e liberarono le città del nord. Mussolini tentò di sfuggire in Svizzera, ma fu arrestato nei pressi di Como dai partigiani. Fu poi fucilato insieme all'amate Claretta Petacci e i cadaveri furono esposti in Piazzale Loreto a Milano. Guerra nel Pacifico Nel 1944 la flotta nipponica era stata annientata nella battaglia delle Filippine; gli statunitensi conquistarono una dopo l'altra tutte le isole del Pacifico e bombardarono pesantemente le città del Giappone. Nel 1945 il Giappone era sfinito e l'imperatore Hirohito si rese disponibile alla resa a patto che il Giappone mantenesse la propria indipendenza. Il presidente Truman,eletto dopo la morte di Roosvelt, pretese la resa incondizionata e decise l'utilizzo di una nuova arma:la bomba atomica. Sganciò la prima bomba atomica il 6 agosto sulla città di Hiroshima e ,dopo solo tre giorni, il 9 agosto sganciò la seconda bomba sulla città di Nagasaki. Nel giro di pochi minuti le due città vennero distrutte e le vittime furono decine di migliaia, moltissime persone subirono gravi danni a causa delle radiazioni. Il 14 agosto l'imperatore si vide costretto a firmare la resa senza condizioni. La realizzazione della bomba nucleare è dovuta ad alcuni scienziati ed alle scoperte fatte nel 1934 iniziate da Enrico Fermi. Motli scienziati si rifugiarono negli Stati Uniti, per evitare le persecuzioni dei tedeschi. Enrico Fermi, fisico sposato con un' ebrea, approfittando del viaggio in Svezia per ritirare il Premio Nobel si rifugiò negli Stati Uniti. Albert Einstein,altro fisico tedesco emigrato,inviò una lettera al presidente Roosvelt per informarlo che c'era la possibilità di creare un nuovo tipo di bomba basata sulla fissione nucleare. Da questa iniziativa partirono diversi progetti di ricerca che confluirono nel “progetto Manhattan” affidato al fisico Robert Oppenheimer, con sede a Los Alamos nel New Mexico. Nel marzo 1943 iniziarono gli studi sulla bomba; gli scienziati lavorarono con il timore di essere preceduti dai tedeschi. Nel luglio 1945 fu sperimetata la prima bomba atomica a Alamogordo, nel deserto. Le due bombe sganciate su Hiroshima e Nagasaki, per indurre il Giappone alla resa, segnarono un punto di non ritorno per tutta l'umanità. Gli scienziati creatori della bomba erano cotrari al suo utilizzo su Hiroshima e rimasero sconvolti di fronte alla sua replica su Nagasaki. Enorme fu il loro disagio nel constatare le conseguenze che aveva avuto l'utilizzo di tali bombe. La mattina del 6 agosto, poche ore prima dell'alba,l'aereo “Enola Gay” ( nome della madre del pilota) partì con a bordo 12 uomini e una bomba atomica,denominata “Little Boy”. Il bollettino meteorologico annunciò che a Hiroshima il cielo era quasi sereno, quindi si decise che la bomba sarebbe stata lanciata in tale città. A 600 metri dal suolo la bomba esplose: si sentì un suono assordante e tutti gli edifici crollarono nell'arco di tre kilometri. 30.000 persone morirono sul colpo, oltre 40.000 morirono nei giorni seguenti. Una colonna di fumo si alzò a forma di fungo fino a 17.000 metri dal suolo. Dopo soli tre giorni seguì lo sgancio dell'altra bomba atomica, chiamata “Fat Man” su Nagasaki, con conseguenze altrettanto disastrose. Letteratura Apritemi sono io.. Apritemi sono io...
busso alla porta di tutte le scale
ma nessuno mi vede
perchè i bambini morti nessuno riesce a vederli.

Sono di Hiroshima e là sono morta
tanti anni fa. Tanti anni passeranno.
Ne avevo sette, allora: anche adesso ne ho sette
perchè i bambini morti non diventano grandi.

Avevo dei lucidi capelli, il fuoco li ha strinati,
avevo dei begli occhi limpidi, il fuoco li ha fatti di vetro.
Un pugno di cenere, quella sono io
poi anche il vento ha disperso la cenere.

Apritemi; vi prego non per me
perchè a me non occorre né pane né riso:
non chiedo neanche lo zucchero, io:
a un bambino bruciato come una foglia secca non serve.

Per piacere mettete una firma,
per favore, uomini di tutta la terra
firmate,vi prego, perchè il fuoco non bruci i bambini
e possano sempre mangiare lo zucchero.

Da N.Hikmet Commento: La poesia è formata da cinque strofe, ogni strofa è formata da quattro versi (quartina). La poesia parla di una bambina nata e morta a Hiroshima, a causa dello sgancio della prima bomba atomica su tale città durante la seconda guerra mondiale il 6 agosto 1945. La piccola protagonista fa una descrizione di come lei si ricorda, quando ancora era in vita: aveva dei lucidi capelli che il fuoco ha strinato, dei begli occhi che il fuoco ha fatto di ghiaccio. Nel terzo verso della terza strofa viene evidenziata la drammatica verità: “un pugno di cenere, quella sono io”: il corpo della bambina è stato carbonizzato dalla bomba atomica ed è diventato cenere, che poi il vento ha portato via. Il poeta scrive che la bambina non ha bisogno né di pane, né di riso o di zucchero, perchè è morta. Nel quarto verso della quarta strofa c'è una similitudine “un bambino bruciato come una foglia secca”: la bambina identifica se stessa e tutti i bambini morti in quella tragica situazione ad una foglia secca, perchè sono stati bruciati come una foglia secca. Nell'ultima strofa la bambina chiede all'umanità di firmare una petizione per il disarmo nucleare, perchè non vengano più sganciate bombe atomiche e quindi non succedano più tragedie come quella di Hiroshima, dove a soffrire sono stati degli innocenti. Non lo fa per lei, perchè lei è morta, ma lo fa per proteggere tutti gli altri bambini e persone, perchè non succeda a loro quello che è capitato a lei. Questa è una poesia triste e tratta un argomento che nella storia ha avuto grande importanza. Sono d'accordo con il disarmo nucleare, perchè è ingiusto che anche le persone innocenti siano le vittime di tali bombe, che provocano tantissimi morti e feriti. Scienze Terremoti Gli agenti esogeni:
gli agenti esogeni sono le forze che agiscono sulla superficie della Terra, come: il calore del sole,l'acqua, l'aria e gli organismi. Essi agiscono lentamente e in modo continuo attraverso l'erosione,il trasporto e il deposito dei materiali.

Gli agenti endogeni
gli agenti endogeni sono forze interne alla terra ,che provocano il ripiegamento degli strati rocciosi e la risalita dei magmi. Le forze endogene sono responsabili dei terremoti e dei vulcani. I VULCANI:
un vulcano è una spaccatura della Terra attraverso la quale viene emesso il magma e intorno alla quale si è formato un rilievo generalmente conico costituito da materiali eruttati. Il vulcano è composto da: il cratere che è lo sbocco del camino, il cono vulcanico è il rilievo che si forma intorno al cratere dovuto al deposito dei materiali eruttati, il condotto o camino vulcanico permette la risalita del magma e connette il bacino all'esterno,il bacino magmatico è il serbatoio sotterraneo in cui è presente il magma che alimenta il vulcano. Nella profondità della terra, dove si trovano i bacini magmatici, è presente il magma a temperature altissime. Qui,però, le alte pressioni degli strati mantengono il magma allo stato solido. Un'improvvisa frattura interna è sufficiente per provocare un veloce abbassamento della pressione negli strati profondi, perchè il magma fonda,passi allo stato liquido,aumenti il suo volume e si faccia strada attraverso le spaccature delle rocce risalendo in superficie. Quando il magma fuoriesce i gas in esso intrappolati si diffondono nell'atmosfera e la temperatura diminuisce:si forma così la lava. La lava quando si solidifica può assumere aspetti diversi: a blocchi,a corde,a focacce,a cuscini. Oltre alla lava il vulcano può emettere altri materiali: ceceri (sono particelle di magma che possono rimanere nell'aria per molto tempo dopo l'eruzione), i lapilli (sono frammenti di lava che hanno piccole dimensioni), le bombe vulcaniche (brandelli di lava, più grandi dei lapilli,lanciati in aria dalla violenza dell'esplosione). Ogni vulcano ha una su “vita”, inizia con la nascita, prosegue con la quiescenza e termina con la morte. Gli scienziati inidicano con la parola “attivi” i vulcani che hanno avuto almeno un'eruzione recente.;”spenti” i vulcani che non danno più tracce di attività, o che hanno un bacino magmatico esaurito; “equiescenti” se da secoli non eruttano più lava, ma il loro bacino magmatico non è esaurito e quindi potrebbero eruttare in qualsiasi momento. I TERREMOTI:
I terremoti o sismi sono movimenti bruschi e improvvisi della superficie terrestre che provano l'esistenza di enormi forze endogene. Le forze interne alla terra rompono gli starti rocciosi e l'energia prodotta viene liberata attraverso il terremoto. L'ipocentro è il punto dove avviene l'improvvisa rottura degli strati rocciosi. Dall'ipocentro si propagano,in tutte le direzioni,delle vibrazioni dette onde sismiche. Il punto della superficie terrestre in cui arrivano prima le onde sismiche e dove si manifestano le scosse più forti è detto epicentro. Nel caso in cui l'epicentro si trovi sul fondale marino le onde sismiche si propagano nell'acqua e provocano un'onda di maremoto, o tsunami (dal giapponese). Tale onda diventa sempre più alta avvicinandosi alla costa , può raggiungere anche altezze di decine di metri e giunta a riva distrugge tutto ciò che incontra. I terremoti possono essere studiati per mezzo di uno strumento in grado di registrare le onde sismiche:il sismografo. Un sismografo è costituito da una base,ancorata al suolo da due supporti metallici. Uno dei due supporti è collegato ad un cilindro rotante,provvisto di un rotolo di carta millimetrata;mentre l'altro è collegato a una massa sospesa con una molla, a sua volta la molla è collegata ad un pennino per le registrazioni. Quando si ha una scossa sismica tutta la massa si mette in moto e il pennino registra sulla carta millimetrata tutte le vibrazioni del terreno. Il sismografo traccia un grafico detto sismogramma. Il sismogramma permette di conoscere l'istante iniziale,la durata e tutte le altre caratteristiche di un terremoto. Da tali dati riportati dal sismogramma si può risalire alla posizione dell'epicentro e alla profondità dell'ipocentro. Esistono tre tipi di onde sismiche, che un sismogramma può registrare: le onde primarie, chiamate così perchè sono le prime ad essere percepite dal sismogramma e sono le più veloci,fanno vibrare le particelle della roccia nella stessa direzione di propagazione dell'onda e si propagano nei liquidi e nei solidi. Le onde secondarie,registrate dal sismografo per seconde perchè hanno velocità inferiore alle primarie; fanno vibrare le particelle della roccia in direzione perpendicolare a quella di propagazione dell'onda,non si propagano nei liquidi. Le onde lunghe, quando le onde primarie e secondarie arrivano in superficie generano le onde lunghe,che sono responsabili delle scosse più violente. La forza di un terremoto viene valutata in due modi: con l'intensità e con la magnitudo. Per misurare l'intensità ci si può basare sugli effetti che la scossa ha avuto sulle persone e sugli edifici. A questo scopo è usata la scala Mercalli, ideata dal sismologo Giuseppe Mercalli ed è suddivisa in 12 gradi di intensità crescente. Questo tipo di scala non è però molto precisa, infatti due terremoti della stessa intensità possono avere effetti diversi a seconda del luogo in cui si verificano e del tipo di costruzioni che vi si trovano Scala Mercalli
I scossa strumentale: percepita solo dai sismografi
II scossa leggerissima: avvertita solo dalle persone più sensibili ,che diventano inquiete, e ai piani più elevati delle case
III scossa leggera:avvertita da un numero maggiore di persone che si spaventano,perchè non si rendono conto che si tratta di un'onda sismica
IV scossa mediocre: avvertita dalle persone che sono in casa e da qualcuno all'aperto. I lampadari oscillano,i pavimenti possono scricchiolare
V scossa forte: avvertita dalle persone in casa e fuori. Gli oggetti appesi dondolano, gli orologi a pendolo si fermano,tremano i vetri. Si ha il risveglio dal sonno e panico senza danni alle persone
VI scossa molto forte:gli oggetti cadono e così i calcinacci dai muri che vengono lesionati. Panico della gente che abbandona le case
VII scossa fortissima:caduta dei comignoli e delle tegole, lesioni ai muti e suono delle campane
VIII scossa rovinosa:lesioni gravi ai fabbricati. Crollo di muri interni. Qualche ferito,raramente vittime
IX scossa disastrosa:alcuni crolli di case,edific gravemente lesionati. Molti feriti,alcune vittime
X scossa distruttrice: crolli di molti fabbricati. Molte vittime e moltissimi feriti.
XI catastrofe: quasi tutti gli edifici crollano. Formazione di crepacci e frane. Numerose vittime
XII grande catastrofe: distruzione di opere umane di qualsiasi tipo,sconvolgimento del suolo. Numerosissime vittime. Il magnitudo è la forza del sisma,ovvero l'energia misurata dai sismografi. Viene usata come unità di musura nella scala Richter, che prende il nome dello studioso che la ideò nel 1935. Tale scala è suddivisa in 10 gradi e permette di confrontare fra loro sismi,infatti si basa su dati oggettivi. La scala Richter è “aperta” cioè non prevede un valore massimo;il massimo valore di magnituto fino ad ora registrato è di 8,75
Scala Richter:
1.energia che serve a far saltare una ceppaia dal terreno
2.energia capace di demolire una piccola costruzione
3.energia di una mina media usata nelle cave
4.energia di una mina potente usata nelle cave
5.energia di una piccola bomba a fissione
6.energia di una normale bomba a fissione
7.energia di una piccola bomba termonucleare
8.energia sufficiente a riscaldare New York per un anno
9.energia sufficiente a riscaldare New York per trent'anni
10.energia equivalente a quella del carbone e del petrolio prodotto il tutto il mondo in cinque anni Fin dall'antichità esistono testimonianze dei terremoti. Nell'anno 526 un terremoto uccise circa 250 000 persone ad Antiochia,in Siria. Nel 1556 un sisma colpì la capitale cinese si Shensi,provocando 850 000 vittime. Un tempo le oscillazioni del terreno erano collegate dal popolo alle divinità o ad altri interventi sovrannaturali. Solo con la nascita della scienza si è capito che i terremoti sono una manifestazione di fenomeni naturali che avvengono sotto la suferficie terrestre. Anche in Italia si sono verificati diversi terremoti,perchè si trova tra la placca litosferica europea e quella africana, che vi spinge contro inesorabilmente. Le scosse sismiche si verificano soprattutto sulle Alpi, Appennini e in corrispondenza dei grandi vulcani (Etna,Vesuvio,campi Flegrei). Le uniche regioni non a rischio sembrano essere la Sardegna e la Puglia. La Sicilia è la regione che ha registrato i due terremoti più devastanti della storia: nel 1963 a Catania un sisma causò circa 60 000 vittime e nel 1908 si verificò un terremoto di magnitudo 7,5 della scala Richter con quasi 100 000 morti.
Il Giappone è un Paese nel quale si verificano molti terremoti; secondo alcune statistiche quotidianamente si verificano tre movimenti sismici. Nel 2011 c'è stato il disastro di Fukushima, un sisma di magnitudo 7,9 e 8,8 della scala Richter,distrusse il Paese. Il popolo giapponese si è adeguato a vivere con quento fenomeno naturale, infatti scosse che in Italia causerebbero panico,edifici crollati e vittime, in Giappone ha effetti ben diversi. Grazie alle apposite costruzioni ed alla preparazione della gente i sismi causano meno vittime e meno tragedie. Arte in Giappone essenzialità e eleganza formale Numerosi siti archeologici documentano attività artistiche già nel Paleolitico. Il Buddismo arriva in Giappone a metà del VI secolo d.C. Il Buddismo Zen,attorno al 1200, porta valori interiori e spirituali e guida il pensiero artistico verso un'essenzialità e un'eleganza formale che segneranno tutta l'arte giapponese.
Alla fine del X secolo il paese è governato dalla casta militare degli Shogun. I samurai (guerrieri giapponesi) adottano il Buddismo Zen , che dà grande importanza alla ricerca della verità assoluta, a una rigorosa autodisciplina e a un rigido codice di comportamento. In questo periodo la maggior parte delle sculture hanno finalità religiose. Secondo il Buddismo Zen con le parole non si possono spiegare i perchè della vita, e con l'arte non si può raffigurare la complessità. Per questo motivo l'arte deve portare alla meditazione attraverso la semplicità formale. Nel periodo Edo (1603-1868) dal nome della capitale oggi Tokyo, il Giappone si chiude al mondo esterno riscoprendo la sua identità artistica nazionale. Nasce lo stile Ukiyo-e, cioè “immagini del mondo fluttuante”, che raffigura il mondo variopinto dei mercanti, degli attori, delle cortigiane (le geishe). Quando il Giappone torna ad aprirsi al mondo queste immagini si diffondono, attraverso elaboratissime e raffinate “stampe xilografiche”,in Occidente. Il maggiore esponente della pittura Ukiyo-e è Utamaro. Nel 1867,all'Esposizione Universale di Parigi sono state messe in mostra e vendute cento incisioni giapponesi di stile Ukiyo-e. Tali stampe entusiasmarono gli Impressionisti, per i soggetti e soprattutto per gli aspetti formali:le inquadrature dal taglio insolito, i colori puri, la mancanza totale di chiaroscuro e l'abilità nel cogliere le variazioni atmosferiche. Tecnica nucleare in Giappone L'energia nucleare si produce attraverso centrali nucleari: nel reattore il combustibile nucleare, sotto forma di pastiglie di uranio, avviene una fissione controllata. Il calore prodotto dalla fissione produce vapore surriscaldato,che mette in rotazione una turbina a vapore, collegata all'alternatore:si ottiene in questo modo l'energia elettrica. Il controllo della fissione avviene attraverso opportune barre di controllo:quando si vuole diminuire la potenza della caldaia,o spegnerla, si inseriscono più o meno le barre di controllo. In caso di guasto vengono inserite automaticamente. Il Giappone era uno dei Paesi con più centrali nucleari al mondo, prima del disastro di Fukushima Dai-ichi, causato dal terremoto e maremoto del Tohoku dell'11 marzo 2011. Il terremoto e il maremoto non hanno compromesso solo la centrale di Fukushima Dai-ichi (anche è stata con i danni più gravi) ma molte altre centrali nucleari e vari impianti di generazione elettrica. Tale disastro ha provocato danni ambientali: il 21 marzo l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato che le radiazioni sono entrate della catena alimentare e sono più gravi di finora si fosse pensato. L'effetto dell'incidente è stato,infatti,molto più grave di quanto di pensasse all'inizio. Anche nel mare sono stati trovati valori altissimi di iodio,cesio e cobalto; in particolare lo iodio. Nei giorni successivi i livelli di radioattività nell'acqua
marina superavano di 4400 volte i limiti ammessi. Molte persone sono risultate contaminate con la conseguente diffusione di diversi tipi di malattie dovute alle radiazioni. A metà maggio 2011 il primo ministo giapponese ha deciso di abbandonare i piani di costruzione di altri impianti nucleari. Il 14 giugno del 2011 il ministro dell'industria giapponese ha decretato che l'energia nucleare sarebbe rimasta uno dei punti di forza dela politica energetica del Giappone. Tedesco Einstein Am 14 März 1879 Albert Einstein wird in Ulm geboren. Am 1896 er beginnt ein mathematisch-physikalisches Studium. In 1921 Einstein erhält den Nobel Preis für seine Theorie. Einstein war jude und von zu Deutschland weg laufen für USA gehen.
6 und 9 August 1945 nach dem Abwurf der Atombomben über Hiroshima und Nagasaki durch die US-Luftwaffe gründet Einstein das "Emergency Committee of Atomic Scientists". Als Präsident des Komitees engagiert er sich für die friedliche Nutzung der Atomenergie. Am 18 april 1955 Albert Einstein stirbt in Princeton (New Jersey). Inglese/educazione fisica Tennis Tennis is played on a court, 23 metres long and 11 metres wide. In the middle of the court there is a net. Players take place at the end of their part of the court. To hit the ball you must use a tennis racket. The aim of the game is to hit the ball over the net and make it land inside the court;and the goal is to make the other player miss the ball. To start ,one player serves the ball and the other one tries to hit the ball back. Ralling is the continues hitting the ball to each other and continues until one of the players missis the ball or when the ball hits the net, or goes out of the court. A match consists on “games” and “sets”. A group of six games is called “set”; the first player that win six games wins the set. The first player who wins two sets is the winner of the match. Tennis can be played in singles or doubles sets. In 1896 tennis begun making part of the Olympic Games.
Wheelchair tennis basically is the same as tennis, but in Wheelchair tennis the ball can bounce twice, and only the first bounce must be inside the court. Wheelchair tennis is played by players with a physical disability that means they have a substantial loss of function in at least one or both legs. Wheelchair tennis has a minimal classification sistem:Open (with separate events for man and woman), Quad (for mixed sex category for players affected in three or more limbs).
In 1992 Wheelchair tennis has been introduced in Paralympic games.
Full transcript