Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

VAPORWAVE: L'ARTE CONTEMPORANEA DEL WEB

No description
by

Elisa Catterina

on 26 June 2015

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of VAPORWAVE: L'ARTE CONTEMPORANEA DEL WEB

Il Vaporwave e la letteratura italiana: punti in comune
Conclusione
Dopo il succeso di "Floral Shoppe" le produzioni seguenti persero prestigio e originalità.
Nonostante vengano ancora pubblicati nuovi album, gli autori originali hanno dichiarato la fine del movimento artistico.
VAPORWAVE: L'ARTE CONTEMPORANEA DEL WEB

Una tematica spesso presente nel Vaporwave è la
solitudine.
Gli “universi paralleli” in cui veniamo proiettati hanno la caratteristica di essere luoghi desertici, desolati: le città sono rappresentate di notte e dall’alto, a simbolegiare il senso di lontananza tra l’autore e la quotidianità, mentre i mondi paralleli solitamente sono privi di tracce umane e nel caso ci siano appaiono lontani e distaccati dalla nostra visuale oppure sono figure fittizie, con le quali non possiamo interagire.


Catterina Domenico
Classe 5^A
Liceo "E.Medi" Salò
A.S. 2014-2015
Definizione e presentazione

Il Vaporwave è un movimento pseudo-artistico, con componenti visive (caratterizzate da una particolare estetica) e musicali.
Il nome è un gioco di parole che cita il termine “vaporware” (che indica i prodotti informatici per i quali è stato fatto un grande battage pubblicitario, ma che non sono stati lanciati sul mercato), mentre la desinenza “-wave” cita alcune delle correnti musicali nate negli anni ‘70 (ad esempio la New Wave e la Darkwave), sottolineando ironicamente che si tratta di una scena musicale. Dal nome quindi capiamo che la corrente ha un’accezione tecnologica (nello specifico informatica), musicale e anche ironica.

Influenze
Nasce attorno al 2010 e vanta tra le sue influenze:

la cultura giapponese

il progresso mediatico-tecnologico ed informatico
, svoltosi negli anni ‘80 e ‘90

il Web
, dal quale apprende tutto l’immaginario di Internet ed il Glitch (termine che indica le distorsioni, le interferenze e le assenze di segnale degli apparecchi televisivi, più in generale la modifica del messaggio di un contenuto, che negli ultimi anni è diventato una vera e propria arte, del quale sono state organizzate varie mostre)
Caratteristiche
Il tutto è avvolto da una sottile e non troppo impegnata critica nei confronti del consumismo.
Dal punto di vista musicale, questa è una corrente sperimentale, underground e avanguardistica, che prende spunto da altre correnti precedenti come la Witch House ed il Chillwave.
Dalla Witch House prende la scelta di rallentare i brani
Dal Chillwave prende il contorno anni ‘80, sia l’ambito musicale che l’immaginario comune.
I brani sono realizzati servendosi di canzoni Pop o Smooth Jazz, risalenti agli anni ’80, di altri artisti, che vengono rallentate.
Vengono utilizzati anche sample ( frammenti di canzoni campionati) messi in loop (messi in continuazione nel corso della canzone)
Il motivo della scelta stilistica del rallentare le canzoni è quello di contrastare la velocità e la frenesia della società, a causa del consumismo, della globalizzazione e dei mezzi di comunicazione e serve a soddisfare la necessità di fermarsi dinnanzi all’andamento affannoso della società negli ultimi anni, ed in secondo luogo, per creare particolari atmosfere, di nostalgia e di mistero.
...
Questo senso di mistero è favorito anche dalla creazione di immagini realizzate con la computer grafica, definite anch’esse “Vaporwave”.
Le immagini affiliate a questo movimento, per quanto suggestive possano essere, sono fortemente grottesche e surreali. Vogliono trasportare lo spettatore in una dimensione metafisica, ma composta da elementi prettamente virtuali: animazioni 3D, grafici, tunnel, forme geometriche ed ambienti urbani, (solitamente giapponesi o statunitensi), pixel, colori alterati, vecchi computer, nastri rovinati delle videocassette (l’arte glitch di cui si parlava prima), caratteri giapponesi e statue greco-romane.
Questo senso di solitudine si può avvertire nelle atmosfere di alcuni brani, ma è rappresentato meglio nei contesti visivi, ad esempio nella copertina dell’album Floral Shoppe di Macintosh Plus, che è diventata un “meme”, ovvero un’immagine che viene adattata ad una vicenda per
parodiarla.

Il distacco
che c’è tra l’autore e la “gente comune” può essere paragonato al percorso di isolamento dei poeti, verificatosi dalla fine del Diciannovesimo Secolo, con la perdita dell’aureola del poeta, processo iniziato dai poeti maledetti, in particolare con Charles Baudelaire.
..i punti in comune

Solitudine
L’isolamento del “musicista" è meno aggressivo e misantropo, frutto di una visione individualista ed egocentrista, simile all’eroe della tradizione romantica, solitario, vagabondo, incurante della massa e sempre incentrato su se stesso e sui suoi conflitti interiori.
Può essere accomunata anche al motivo per cui il protagonista del racconto “Il Barone Rampante”, di Italo Calvino, si isola su un albero per osservare gli altri, da un punto in cui non possa essere coinvolto dalle loro vicende, per poter vedere oggettivamente ciò che succede, come uno spettatore intento a guardare e a giudicare le vicende di uno spettacolo teatrale.
Gli autori di questo fenomeno di Internet, non riescono a capire i comportamenti della gente e si isolano, con un senso attenuato di astio nei loro confronti, come Montale nel suo ultimo periodo letterario, per esempio nella sua opera “Satura”, dalla quale emerge tutto il suo disgusto nei confronti di chi lo circonda. L’unica differenza è che nel Vaporwave mancano il cinismo e l’interesse a criticare le abitudini, le usanze e l’ipocrisia della gente.
Il Vaporwave come movimento provocatorio
É una musica inusuale, sperimentale ed avanguardistica, di difficile comprensione e assai differente dalla musica che normalmente si ascolta, come per la poesia anarchica italiana di
Aldo Palazzeschi
, che si contrapponeva alla piega che la poesia e la letteratura in Italia avevano preso nella sua epoca. Allo stesso modo, il Vaporwave con la lentezza tipica dei suoi brani vuole contrapporsi alla frenesia della società, è questo il punto principale della sua critica al capitalismo ed al consumismo.
L’atteggiamento di fascinazione per gli anni ’80 è simile all’atteggiamento che ha
Giovanni Pascoli
nei confronti del periodo della sua infanzia precedente la morte del padre. Sia per il poeta romagnolo, che per gli ideatori del Vaporwave, il periodo di tempo in questione è lontano ed irraggiungibile; essi, inoltre, edulcorano, esaltano ed eliminano ogni difetto del periodo preso in considerazione, vedendolo come una sorta di paradiso. In quest’ultimo, talvolta, vengono esaltati ironicamente anche i lati considerati “trash” dalla maggioranza, tanto da diventare un marchio di fabbrica, che denota l’aspetto goliardico di fondo del movimento.
Capitalismo
La critica al capitalismo proposta dal Vaporwave si può paragonare a quella mossa da Pier Paolo Pasolini, il quale spostava l’accento sull’Italia e ne criticava il fatto che il consumismo e la globalizzazione avessero omologato la maggior parte dei cittadini.
Consumismo
Ricorda anche alcune frasi di Tiziano Terzani, che ha visto nel consumismo un meccanismo schiacciante ed utile solo alle grandi multinazionali. Gli autori di questa corrente fanno però una critica particolare, non è violenta ed è una celebrazione dei prodotti, ma controproducente all’economia, in quanto esaltano prodotti ormai fuori commercio
Il consumismo quindi viene contrastato dalla decisione di rivolgersi al passato: si scelgono i prodotti del passato anziché quelli moderni, in contrapposizione al continuo bombardamento di prodotti sempre più nuovi ed innovativi a cui siamo sottoposti, che insabbiano quelli precedenti, i quali sono destinati a finire nel dimenticatoio.
Inoltre, più che una critica, suona come un “fare presente” un determinato messaggio all’ascoltatore/spettatore. Questo è sia una critica che un voler ricordare allo spettatore, gli oggetti svaniti dal mercato. Da questo si capisce perché il nome del movimento assomigli al termine “vaporware” e perché i due designino gli stessi contenuti.
Il nome della corrente è anche affiliato ad una frase di
Marx
presente nel Manifesto del Partito Comunista: “Tutti i solidi si sciolgono nell’aria”. Frase che esprime abbastanza correttamente la concezione di materialismo e di consumismo che hanno i “musicisti” Vaporwave.

Sample e teoria del campionamento
Una componente fondamentale del Vaporwave, come di molte altre musiche sperimentali, è l’uso dei sample (in italiano, campionamenti), cioè brevi spezzoni presi da canzoni altrui, sia vocali che strumentali, su cui il brano si basa.

Per fare ciò si ricorre al campionatore o a moderni software di campionamento per PC, che si basano sulla pratica della digitalizzazione, la quale è permessa dal Teorema del Campionamento, curato principalmente da Nyquist e Shannon e formulato nel 1949.

Questo teorema spiega come una sequenza di segnali elettrici (che danno origine ai suoni) possa essere convertita da analogica a digitale, quindi ricostruita in un qualsiasi formato audio e usata a piacimento.
I segnali analogici trasformano degli impulsi (audio, video o entrambi) in una serie di impulsi elettrici codificati.
I segnali digitali, invece, trasformano gli impulsi in una serie di byte corrispondenti a cifre numerate che a loro volta, corrispondono a 0 o ad 1 (simili a quelli del codice di Matrix), quindi il suono nel linguaggio digitale è convertito in sequenze di byte.
Vaporwave as an art: similarities with past art


The aesthetic setting of Vaporwave is similar to some metaphysical art paintings, looking at the cover of Floral Shoppe you can feel the same emotions you feel looking at Giorgio De Chirico’s works, but in particular in his main work
“Le muse inquietanti”.
The common elements between this new musical movement and in the artistic movement born in Ferrara in 1917 are:
The weird and silent atmosphere
The cryptic message hidden in the artwork we cannot reach
The mysterious presence of the Greek statues (which are decontextualized and represent the past)
The absence of human presence (which is replaced by fake inanimate human figures and by objects)
The artificial landscapes on the background
The decontextualization of the objects is a recall of the
Dadaist movement
, developed during World War I, which was mainly a non-sense art in order to protest against the absence of sense in the war, that broke out some years before. It is a kind of reading of these two arts in a modern key.
Dadaist Movement
Vaporwave's images
The aesthetics of a Vaporwave image is a summary of all the cultural and social progresses developed in the 80’s and in the 90’s. With a single image they want to create a world formed by 8-bit definition (the animation used for the 80’s videogames), technology, Japanese culture, and that modifies the concept of metaphysics introduced by the Greek philosophers.
This can be linked with the concepts of primary and secondary imagination by the English romantic poet
Samuel Taylor Coleridge
: the Vaporwave authors use the secondary imagination, which lets the artist create his own world regulated by unusual laws.
Moreover, there’s a use of the concept of the recollection in tranquility, from the British romantic poet
William Wordsworth
(who was a friend of Coleridge). Here the recollection in tranquility is used to make a person remember a product, usually technological, which appeared in the business market many years ago. So, those who see the image, only by seeing that product put in the composition of the image, will also remember its advertisement, the period in which that product was common, and what they were doing during that period. Once again this is a re-interpretation of a literary concept from a modern point of view.
Vaporwave, das “Sehnsucht” und der Kritik gegen den Kapitalismus
Das Konzept von „Sehnsucht“ der Romantik ist mit dem Vaporwave verbunden.
Das Sehnsucht ist das Streben nach etwas das nicht bestimmt ist.
Sie fühlen Anziehungskraft für die kulturellen und technologischen Veränderungen der 80er und 90er Jahren.
Mit der Kritik an den Kapitalismus, wurde Vaporwave von Karl Marx inspiriert, aber die Kritiken sind tief verschiedenen: Marx wollte das Problem seiner Gesellschaft lösen, und so begann mit der Politik seine Karriere. Er dachte dass Kommunismus das gegen Kapitalismus politische und ökonomische System war, während Vaporwave keine politische Kritik mach.
Es ist nur eine musikalische Kunst. Vaporwave ist sonderbar und ironisch.

Die Vaporwave Kritik ist mit diesem Bild zu verstehen:
Die Pyramiden symbolisieren die Media und die Werbung, die überschüttend sind .
Die Pyramiden sind drei und dass ist das Symbol der Kraft der Werbung.
Die Menschen sind Puppen ohne Gefühle und ohne Ziel, und sie laufen ohne die Landschaft zu sehen.
Das ist die Darstellung von eine schwachen und müden Gesellschaft, die durch die typische Ästhetik der Vaporwave (eine 80er PC Animation) rapräsentiert wird.

L’immaginario comune del Vaporwave
Anni '80
Personal computer
Nascita computer grafica
videogiochi, trasmissioni tv
film
Il Glitch
Riprodurre appositamente le interferenze dei nastri VHS rovinati
Le VHS sono viste come testimonianze dirette di quel periodo, e di conseguenza sono un modo di prendere parte al passato e di rivivere dei momenti
Nomi influenti
James Ferraro
Chuck Person
“Chuck Person’s Eccojams Vol. 1” (2010)
Macintosh Plus
“Floral Shoppe”
(2011)
“Far Side Virtual”
(2011)
Parodie
Su internet sono state realizzate diverse parodie.
La più famosa ha come protagonista Maurizio Costanzo
Parlando del Vaporwave ci si trova di fronte anche ad una diatriba -combattuta sui forum- tra chi sostiene si tratti di una nuova forma d’arte del Web e chi sostiene sia un movimento poco innovativo, la cui arte ed estetica siano fini a se stesse e che trovi il suo maggiore appoggio nel fatto che sia “per pochi”, condannandola.
FINE
Full transcript