Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Copy of la nascita di una dittatura

No description
by

Carolina Vergerio

on 23 March 2015

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Copy of la nascita di una dittatura

La nascita di una dittatura
Dictatorships have no specific type of economy, and can easily range from any type. Thus, the answer is no.
Percorso d'esame di Edoardo Borghetti
3^C.

Quali sono gli elementi per i quali possa nascere una dittatura?
LA DITTATURA OGGI
la Corea del Nord
La dittatura di Kim Jong-un, infatti ha investito cifre enormi per la costruzione di testate nucleari armate su missili puntati sul Giappone e usati anche come arma di pressione sulla comunità Internazionale alla quale chiede aiuti in cambio di non sviluppare nuove armi atomiche
Ordinamento politico della Corea del Nord
La Repubblica Popolare Democratica di Corea secondo la costituzione, è uno Stato socialista. Il Paese, invece, è retto da una dittatura totalitaria di stampo stalinista costituita prendendo esempio dalle istituzioni della Repubblica Popolare Cinese ai tempi di Mao Zedong. Le modifiche costituzionali apportate alla morte di Kim Il-sung (avvenuta nel 1994) hanno creato per il leader defunto la carica speciale di "Presidente Eterno". Kim Jong-il, figlio e successore di Kim Il-sung è divenuto Capo assoluto del Paese col titolo ufficiale di Caro Leader, fino alla morte avvenuta il 17 dicembre 2011, carica poi passata al figlio terzogenito Kim Jong-un.
E' possibile che oggi in Europa si instauri una dittatura?
Partendo dai fatti narrati nel film L'Onda e dall'omonimo libro di Todd Strasser la risposta a questo importante quesito è sì. Infatti, sia nel film sia nel libro un professore instaura una dittatura all'interno della propria classe con modalità differenti. Nel film, durate il corso di autocrazia pone un quesito alla classe e chiede se secondo loro fosse possibile che s’instaurasse una nuova dittatura in Europa, loro rispondono di no, poiché dicono che le persone hanno capito che la dittatura è una cosa sbagliata per l'uomo, ma il professore decide di ricreare una dittatura nella classe per dimostrare che si sbagliano. Invece nel libro il professore fa vedere un film alla classe sul nazismo e una ragazza (Amy Smith), chiede al professore il perché dei comportamenti inspiegabili dei nazisti e quindi il professore, turbato ed intrigato fa un esperimento nella sua classe per ricreare una dittatura.
3
CONCLUSIONI
l'Entartete Kunst o l'arte degenerata
Che cos'è una dittatura?
Una società instabile: le fazioni sociali vivono uno scontro per il potere, la paura di una guerra civile facilita la presa di potere di una figura forte, che eviti lo sfaldamento sociale.
Una situazione di crisi e l'inflazione: il momento di crisi facilita la paura e la tensione, questo favorisce il desiderio del popolo di affidarsi ad una organizzazione forte e che sappia intervenire in maniera decisa e veloce.
La paura in qualcosa: dove il popolo ha una paura, che sia reale o indotta,
tende sempre ad affidarsi ad una figura solida. Molti dittatori presero il potere inducendo il popolo alla paura o all'individuazione di un nemico preciso.
Ingiustizia sociale, odio etnico e l'assenza di valori tendono a portare la società ad affidarsi ad un leader carismatico e magnetico.
L'assenza di una limitazione al potere: dove non esiste una costituzione od un organo di controllo che possa ostacolare l'ascesa di un potere al potere assoluto,
sull'onda
del consenso popolare: l'aspirante dittatore ha la strada spalancata.
L'insieme di questi fattori comporta, dunque, un progressivo affidamento di potere e fiducia in capo ad un organo o un movimento, il cui capo possegga doti carismatiche ed ipnotiche, che sappia mostrare sicurezza e trascinare la folla che, impaurita dalla crisi e dalle tensioni sociali, tenderà ad affidarsi a lui incondizionatamente, fino a permettergli di sdradicare (in nome della necessità di intervenire senza intoppi per risolvere le crisi o abbattere il nemico) ogni garanzia, ogni diritto, ogni meccanismo di controllo verso il potere stesso fino a ritrovarsi, senza soluzione di continuità, in uno stato retto da un unico potere onnipotente, cioè in una dittatura.
In Germania
In Germania la società, prima del nazismo, era molto instabile. La repubblica, che si insturò alla fine della prima guerra mondiale (Weimar), venne attaccata sia dai comunisti tedeschi che volevano una rivoluzione simile a quella russa, sia dai partiti nazionalisti che per due volte cercarono di prendere il potere con la forza, fallendo.
In Italia
In Italia invece la situazine era leggermente diversa, in quanto non c'era una vera e propria lotta per il potere, ma si susseguivano governi molto deboli e poco duraturi che favorirono l'appoggio ai fascisti.
In Germania
In Germania la crisi economica era duvuta ai grandi debiti che era costretta a pagare a causa della sconfitta della prima guerra mondiale, della quale era ritenuta unica responsabile.
In Italia
In Italia non ci fu una vera e propria crisi economica ma numerose proteste, nei campi e nelle industrie durante quello che è chiamato biennio rosso, il biennio rosso infatti sono due anni caratterizzati da degli scioperi e proteste in Italia prima della venuta di Mussolini.
In Germania
In Germania, nel pieno della crisie conomica dopo la prima guerra mondiale, dove Hitler, per veicolare le tensioni e le paure, incolpò i comunisti e gli ebrei, responsabili della situazione, in modo da trovare l'affidamento del popolo.
In Italia
In Italia Mussolini come Hitler colpevolizzò i comunisti e organizzò delle squadre paramilitari per stanarli ed ucciderli, le cosiddette Squadracce fasciste o Camicie nere.
In Germania
in Italia
In Germania
in Italia
La Corea del Nord si trova nella parte settentrionale e continentale della penisola corena. A ovest è bagnata dal Mar Giallo e est dal mar del Giappone. Gran parte del territorio è montuoso e la popolazione si concentra sulle coste e attorno alla capitale Pyongyang, che si trova al centro di una area industriale e che conta circa 2.7 milioni di abitanti. Nella Corea del Nord ci sono principalmente due fiumi: il fiume Taedong e il fiume Yalu. Il primo attraversa la capitale Pyongyang e grazie alla sua profondità è usato per il trasporto fluviale e può essere navigato anche da grandi navi. Il secondo invece forma parte del confine fra la Cina e la Corea del Nord. Il punto più alto della Corea del Nord è il Monte Paektu-san, con un'altezza di 2 744 m.
In Germania fu Hitler a far scaturire nei tedeschi la voglia di rivincita, infatti dopo la prima guerra mondiale la Germania fu obbligata a pagare i debiti di guerra alle nazioni vincitrici, inoltre Hitler colpevolizzò gli ebrei di essere i nemici della Germania in quanto erano stati loro a permettere che la Germania perdesse la guerra perchè molti capi comunisti erano ebrei e inoltre rappresentavano la rovina della stessa Germania in quanto strangolavano la sua economia perchè la finanza internazionale era nelle mani degli ebrei.
In Italia non esisteva una politica antisemita, bensì fu Mussolini a introdurla a causa della sua alleanza con Hitler. Nonostante ciò ci furono ugualmente delle proteste per la giustizia sociale prima della venuta di Mussolini durante il biennio rosso e persone che a causa dell'assenza di valori aderirono al fascismo e diventarono le cosiddette Camicie nere o Squadracce fasciste.
In Germania c'era una repubblica (Weimar) e anche una costituzione, però a causa dell crisi economica del 1929 la repubblica si indebolì molto e al loro posto cominciarono ad ottenere consensi i comunisti e i nazionalisti.
In Italia invece non esistiva una repubblica ma una monarchia costituzionale, infatti allora vigeva lo Statuto Albertino che poteva essere modificato mediante normali leggi, ciò permise ai fascisti di salire al potere.
Göbbels fu un ben strano personaggio, in un primo tempo ammiratore di pittori moderni, poi tutti violentemente rigettati. Egli dopo la prima voglia di indipendenza artistica ma senza efficacia, si schiera prontamente, e con opportunismo, dalla parte di Hitler. Preoccupato per la propria posizione all'interno all'equipe dirigente, così evitando critiche che lo avrebbero fatto cadere in disgrazia, egli appoggia il Führer e lo difende accanitamente nei suoi principi per un'arte ariana e antisemita. Così anche per Göbbels l'espressionismo, il cubismo ed ogni altra forma d'arte moderna e d'avanguardia diventano bersagli di violenti attacchi.
Con l'avvento del nuovo regime nazionalsocialista in Germania, i Nazisti iniziarono un programma di pulizia etnica anche nell'ambito dell'arte,"epurando" i musei tedeschi da tutte le opere moderne: cubiste, espressioniste e astrattiste. Vennero confiscate più di seimila opere, tra quadri e sculture, in parte destinate al rogo, in parte vendute all'asta a musei americani e svizzeri e in parte esposte al pubblico nella mostra di Arte degenerata. In questa mostra, inaugurata da Hitler nel 1937, le opere erano accompagnate da scritte dispregiative e dal prezzo ovviamente "altissimo", che i musei avevano precedentemente pagato agli "speculatori ebrei". L'esposizione si proponeva di mostrare al pubblico quei generi artistici non ammessi dalla nuova "razza superiore", definiti appunto come "degenerati".
La beffa dell'Entartete Kunst
L'apertura dell'esposizione avvenne il giorno dopo l'inaugurazione di una Grande Rassegna di arte Germanica, che comprendeva invece opere gradite al regime. Per effetto indesiderato, e per questo destinato a diventare un boomerang, la mostra di arte degenerata ebbe un successo di gran lunga maggiore di quella di arte ufficiale; la sua apertura dovette essere prolungata ed il pubblico fu costretto a lunghe attese prima di vederla, attratto soprattutto dallo scandalismo per il quale essa era stata vietata ai più giovani. Il risultato di tale programma fu l'enorme pubblicità all'estetica "degenerata", destinata a diffondersi ovunque a distanza di pochi anni, a regime nazista finito.
Le idee del regime e la mossa di Hitler
I nazionalsocialisti cercarono di riformare l’intera cultura e di assoggettarla alla loro ideologia, con un regime totalitario ed una cultura omologata dall’apparato di potere nazionalsocialista. Il nuovo uomo-modello doveva corrispondere all’ideale razzista e divenne il soggetto caratteristico e dominante dell’arte nazionalsocialista. La visione artistica del Terzo Reich è fedelmente rispecchiata nei quadri di Arno Breker. Culto del corpo, unità razziale e forza militare costituiscono la base dell’ideale dei nazionalsocialisti. Poiché Hitler si sentiva particolarmente competente nel settore dell’arte e dell’architettura, intervenne in modo smodato nelle attività artistiche: impose l’annientamento di ogni influsso stilistico moderno internazionale, che doveva essere schiacciato dalla rappresentazione dell'eroismo dell’anima e del corpo.
Il braccio destro di Hitler, Joseph Göbbels
La mostra di Monaco
Nel 1937 a Monaco i nazisti organizzano un’esibizione di quella che loro chiamavano Entartete Kunst, cioè arte degenerata. Lo scopo della mostra è quello di far sapere ai tedeschi che certe forme e generi artistici non sono accettati dalla razza superiore, quest'arte è degenerata in quanto ebraica, bolscevica o comunque di razza inferiore. Qualsiasi cosa che non rientri nel modo di pensare di Hitler è considerato "degenerato", perché l’arte deve esaltare lo stile di vita ariano. Gli autori delle opere proibite, dichiarati malati, sono per la maggior parte espressionisti, proprio quegli artisti che oggi tutti riconoscono come personalità di spicco, come Kandinsky, Munch e Ludwig e moltri altri. Il più degenerato di tutti era Pablo Picasso. La mostra fu inaugurata da Hitler e Göbbels, l'esposizione è accompagnata da un catalogo illustrato, che in un capitolo introduttivo spiega i fini della manifestazione e presenta l'insieme delle opere raggruppandole sotto vari temi.
La rosa bianca - Sophie Scholl

E' una forma di governo nella quale una persona ha il controllo di tutti i poteri dello stato e li fa confluire su se stesso o su un organo particolare da lui creato.
Il DITTATTORE ha potere
assoluto sulla popolazione.

DITTATURA è opposto di democrazia: nega i principi della libertà personale e di espressione.
La Corea del Nord secondo Amnesty International
Secondo Amnesty International, il livello di rispetto dei diritti umani è uno dei più bassi al mondo.
L'economia in Corea del Nord
La Corea del Nord è un paese molto arretrato e povero, con un'agricoltura di sussistenza che occupa numerose persone, questo a causa della situazione politica che ha condizionato il paese. Anche l'industria e il settore terziario presentano gravi problemi di sviluppo che fanno si che la situazione economica sia difficile. Il paese per sopravvivere necessita degli aiuti internazionali.
La Rosa Bianca è un movimento studentesco creato nel 1942 a Monaco di Baviera. Questi ragazzi, tutti del corso di medicina, crearono il primo gruppo antinazista tedesco che si opponeva alla dittatura di Hitler. Il gruppo non apparteneva ad alcun movimento politico, ma bensì si opponevano al nazismo partendo da considerazioni morali e religiose, e dagli insegnamenti del prof. K. Huber. La Rosa Bianca fece una grande opera di volantinaggio e di propaganda antinazista
Il nucleare
Il nucleare è una reazione che si ottiene bombardando un atomo di Uranio 235 con un neutrone. Quando il neutrone colpisce l'atomo di uranio (o l'elemento radioattivo in questione come per esempio il plutonio o il torio ecc.) questo si divide in due elementi più piccoli: il cripto e il bario. Durante questa operazione detta scissione nucleare si crea un enorme quantità di energia, soprattutto termica che viene poi sfruttata nelle centrali termonucleari o atomiche. In seguito alla scissione vengono emessi anche altri tre neutroni, i quali colpiscono altro uranio 235 e si genera così una reazione a catena. Affinchè esista questa reazione a catena deve esserci una massa specifica, al di sotto della quale non avviene la reazione e al di sopra della quale il fenomeno diventa "esplosivo" ottenendo così una bomba atomica.
La radioattività
La radioattività venne scoperta dal fisico italiano Enrico Fermi con la sua pila atomica
All'interno di ogni atomo i neutroni rimangono "attaccati" per mezzo di una forza che supera e annulla la forza di repulsione degli atomi. Questa forza interessa protoni e neutroni ed è detta "forza nucleare". In alcuni elementi (latanidi e attinidi) però la forza nucleare non basta a tenere compatto l'atomo, che si disgrega ed emette neutroni, protoni o elettroni. Questo fenomeno è detto radioattività, gli elementi che possiedono questa proprietà sono detti radioattivi ed emettono delle radiazioni che in base alle particelle emesse si dividono in raggi α, raggi β e raggi γ
Raggi alfa
Sono radiazioni cariche positivamente, hanno scarsa capacità di penetrazione e possono essere fermate da un semplice foglio di carta.
Raggi beta
Sono elettroni e quindi carichi negativamente e vengono scagliati a grande velocita nello spazio circostante. Riescono a penetrare più dei raggi alfa ma basta comunque un sottile foglio di alluminio.
Raggi gamma
I raggi gamma sono i più pericolosi di tutti e quelli in grado di penetrare più in profondità. Sono formati da intense radiazioni elettro-magnetiche con frequenze altissime. Per fermarli occorre uno spesso strato di piombo o cemento.
Con l'emissione di questi raggi il nucleo degli elementi radioattivi cambia la propria struttura. L'elemento in questione può quindi trasformarsi un altro elemento che può essere a sua volta radioattivo e via dicendo, dando origine ad una serie radioattiva, che terminerà con un elemento stabile. La trasformazione di un elemento ad un'altro prende il nome di decadimento radioattivo. Ogni elemento ha un suo periodo di dimezzamento che rappresenta il tempo entro il quale (in media) perde i la metà dei suoi atomi
L'alternativa alla fissione nucleare: la fusione
Oggi si sta cercando un alternativa alla fissione in quanto è pericolosamente instbile e produce pericolose scorie molto dannose per l'ambiente e per noi stessi. Questa alternativa è la fusione nucleare, cioè l'unione di due isotopi dell'idrogeno (deuterio e trizio) per ottenere l'idrogeno, durante questa unione si crea molta energia, ma per far si che la fusione avvenga con successo gli atomi devono avere una velocità e un calore molto elevati e ad oggi non esiste materiale in gardo di contenere tutto questo calore, per cui si usano potenti campi magnetici. Inoltre ad oggi la fusione è in fase di ricerca ed è stata ricreata solo per pochi secondi o nella potente bomba H. Ciò nonostante la fusione nucleare è una valida alternativa in quanto non produce le pericolose scorie radioattive e nemmeno le radiazioni.
Sophie Scholl e i volantini
Sophie Scholl insieme agli altri componenti della Rosa Bianca scrivono dei volantini nei quali cercano di far aprire gli occhi ai tedeschi e convincerli che il nazionalsocialismo è una cosa sbagliata
I tedeschi si sveglino!

sabotaggio!
Nel testo "I tedeschi si sveglino" Sophie Scholl intende affermare che lo sterminio sistematico di una popolazione è sbagliato e si chiede il perchè i tedeschi rimangano inermi di fronte a quel crimine.

Inoltre li colpevolizza anche perchè hanno fatto salire al potere il governo di Hitler. In questo testo si prende come esempio l'occupazione nazista in Polonia parlando sia dello sterminio di 150'000 ebrei sia dell'uccisione di tutti i nobili polacchi e dei loro figli maschi tra i 15 e i 20 anni.
In questo testo invece sophie scholl, chiamato "Sabotaggio", spiega l'importanza della resistenza passiva e del sabotaggio per fermare la Germania nazista in tutti i settori come l'industria bellica, l'arte, la cultura, la ricerca e i giornali.

Chiede ai tedesci di "non nascondersi dietro la prudenza", ma di ritrovare il coraggio di far cadere il regime nazista. Inoltre afferma che lo Stato si serve del popolo per mantenere il potere o finanziare le milizie tedesche, come nell'esempio delle raccolte di materiali e delle collette nelle strade.

Questo serve anche a mantenere in schivitù il popolo distruggendo i valori morali e religiosi.
Scienze:
Il sistema nervoso e le droghe
Le stelle e l'universo
Genetica
Lo sport e le dittature
Durante il periodo delle dittature lo sport era molto importante perchè ricreava l'idea di "uomo perfetto" ed inoltre educava i giovani alla disciplina del regime. Il regime inoltre "trasforma" molti nomi di sport di origine inglese in italiano come per esempio il football diventa calcio, il tennis pallacorda e il volley ball pallavolo.
La pallavolo
La pallavolo è uno sport di squadra. Si gioca con sei giocatori in campo per squadra. Il terreno di gioco misura 18 x 9 metri, perciò è composto da due quadrati di 9 x 9 metri ciascuno, divisi da una rete. Lo scopo del gioco è quello di segnare punti facendo cadere la palla nel campo avversario senza che cada nel proprio. Per far ciò si ha a disposizione un massimo di tre passaggi al termine dei quali la palla deve essere nel campo avversario. I giocatori non possono fermare la palla o colpirla due volte di seguito. La partita si svolge in cinque set. La prima squadra che vince tre set si aggiudica la vittoria. Ogni set è formato da 25 punti ad eccezione dell'ultimo che ne ha 15. Se la vincente vince 3-0 o 3-1 ottiene tre punti, mentre se il risultato è di 3-2 la vincente ottiene due punti, mentre la perdente uno.
Il campo
Il campo regolamentare di pallavolo è formato da più linee: la linea di battuta o di fondo campo. La linea dei tre e sei metri. A fondo campo ci sono due linee distanti tra loro rispettivamente 9 metri che formano la zona di battuta. In corrispondenza della linea dei tre metri, inoltre ci sono due linee che delimitano la zona all'interno della quale può stare l'allenatore. Il campo inoltre è diviso in sei zone, una per giocatore, numerate in senso antiorario partendo dalla zona di battuta. Il giro invece si fa quando la propria squadra fa punto dopo quella avversaria e si fa in senso orario.
I fondamentali individuali
I fondamentali individuali sono quelle "tecniche" che ogni giocatore di una squadra deve conoscere.
Essi sono: la battuta, dal basso o dall'alto.
il palleggio
il bager
il muro
la sciacciata
I ruoli invece sono: alzatore
sciacciatore opposto o centrale
libero, un giocatore senza una
zona precisa e che può solo
difendere, perciò non si può
trovare nelle zone 2, 3, 4.
I fondamentali di squadra
I fondamentali di squadra sono delle tecniche che tutta la sqadra deve usare per aggiudicarsi la vittoria. I fondamentali di squadra sono: la difesa
la ricezione
l'attacco
Le attrezzature che si usano nella pallavolo
Le attrezzature necessarie nella pallavolo sono:
la rete, i pali, il pallone, le astine,
il campo.
Federico Garcìa Lorca
Lorca nasce en el 1893 y muere en el 1936. Lorca es un poeta y dramatuologo español. en su enfancia Lorca viviò en un pequeño pueplo rural en Granada, despues el va a estudiar en un colegio de Almerìa. Continuò sus estudios superiores en la universidad de granada. Aquì estudiò letras, filosofia y se licenciò en derecho. Despues se instalò en la residencia de estudiantes de Madrid. En este ambiente Lorca se dedicò a la musica, al teatro.
Las primeras obras de Lorca
El exito literario he luego con la publicaciòn en el 1927 de canciones y una obra basada en el folclore andaluz del conte Jondò. Despues escribiò una obra sobre sol gitanos describiendo esta gente perseguida. Sucesivamente Lorca viajo en Nueva York porque tenìa una beca. Aquì escribiò poeta en Nueva York un canto de denuncia contra la civilizaciòn urbana.
Las ultimas obras de Lorca
De nuevo en españa Lorca fue nombrado director de un otra compania de teatro universitario. Las ultima sobras de Lorca son: Yerma en el 1934, Bodas de Sangres, en el 1933 y la Casa de Bernarda Alba en el 1936. La Casa de Bernarda Alba fue rapresentada en Buenos Aires, porquè no se podìa hacer en españa por al guerra civil. Esta obra està dividida en tres actos y cada actos està divido en escenas. La casa de Bernarda Alba tienes ecos de denucia cotra el franchismo, pero Lorca muriò antes de el franchismo y muchos lterarios estan divididos sobre esta opiniòn.
La Casa de Bernarda Alba.
Los personajes de La Casa de Bernarda Alba son: Maria Josefa, tiene 80 años y es la madre de Bernarda. Bernarda Alba, tiene 60 años y es la madre de cinco hijas. Adela, 20 años, es la mas joven de las hijas de Bernarda. Es la mas hermosa y es ella que se revela contrare a la tirania de su madre. Adela se inamora de Pepe el Romano y este es el motivo de la tragedia de toda la obra, pero su reberdia està bien contra la morale y la gente de su pueblo. Pepe el romano tiene 25 años y es el personajes que no apetece nunca a la España y no aparece en la obra. La Poncia tiene 60 años como Bernarda, es la criada de Bernarda. Ella sbe del amor entre Adela y Pepe. Angustias tiene 39 años y es la hija mayor de Bernarda, teneba que casarse con Pepe el Romano. Martirio, tiene 24 años y es pesimista. Magdalena tiene 30 años. Amelia tiene 27 años.
Los simbolos de
La Casa de Bernarda Alba
la casa el cierro
bastòn poder
la cura de la abuela liberdad
vestido verde de Adela esperanza
rio señal de vida
pozo muerte y putrefaciòn del agua
significado de los nombres
de los personaes
Bernarda Alba albo, blanco, limpio
Adela la que se adelanta
Martirio vida repremida como un martir
Angustias angustiada porquè es vieja
Magdalena abuncacia de llanto
Amelia sin miel resignada tìmida
Ponzia como Ponzio Pilato se lava las manos
Pepe el Romano sìmbulo de perfection fisica masculina
Maria Josefa como Maria y Josè en la navidad
Missili della Corea del Nord
Musica
Arno Brecker
Inno tedesco
Inno italiano (inno di Mameli)
Inno alla gioia
Grazie per l'attenzione, buona giornata!
Inglese
School trip
London
Full transcript