Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Radio Lodi meiguei

No description
by

Ros Neg

on 29 April 2011

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Radio Lodi meiguei

NOI Associazione Appartenenza Missione Convergenza Esperienza generare link 21 febbraio 2011 pubblicità ? ON AIR
dal 1975 formazione stile + = di servizio cristiana proposte Le radio comunitarie possono essere viste come una risposta diretta alla scarsa capacità degli operatori radiofonici di incontrare particolari bisogni del pubblico. La radio comunitaria è più partecipativa delle altre radio, grazie alla presenza di volontari che provengono dalla comunità di ascoltatori, piuttosto che professionisti a tempo pieno. La centralità della definizione di radio comunitaria è nel fatto che dovrebbe essere registrata come organizzazione senza scopo lucrativo. Significa che parte del surplus generato deve essere reinvestito nuovamente nel progetto, per essere speso o investito nello sviluppo della stazione. “ll più alto grado di partecipazione della Comunità dovrebbe essere realizzato non soltanto ricevendo delle informazioni, ma fornendo le informazioni che la Comunità richiede".  Le principali funzioni della radio comunitaria sono:
 
a)      informazione
 
b)      educazione
 
c)      sostegno alla democratizzazione
 
d)      espressione culturale Il Santo Padre nel Suo Messaggio per la 45^ Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali (24 gennaio 2011) ci dice: «Le nuove tecnologie non stanno cambiando solo il modo di comunicare, ma la comunicazione in se stessa […]; si è di fronte ad una vasta trasformazione culturale […], sta nascendo un nuovo modo di apprendere e di pensare, con inedite opportunità di stabilire relazioni e di costruire comunione». ll fenomeno di convergenza dei media classici con i new media – specificamente, ma non unicamente, la confluenza fra la radio e internet – va considerata come l’inevitabile trasformazione che darà alla luce un nuovo ruolo specifico del servizio radiofonico, nel contesto di un sistema informativo totalmente trasformato.

Non si tratta di togliere alla radio la propria funzione di raggiungere quanti si servono di questo mezzo, quanto di renderla attraverso i new media capace di rispondere alle attese degli ascoltatori sempre più sensibili all’informazione. Penso che un nuovo concetto di radio stia nascendo e scaturisca da tre considerazioni. La prima è che la radio è un mezzo più flessibile rispetto agli altri e può trovare piattaforme mediali di distribuzione molto facilmente. La seconda è che la radio è un medium pervasivo ma non invasivo, poiché la voce, contrariamente all’immagine, circonda l’ascoltatore e lo immerge in un ambiente sonoro lasciandogli il suo spazio. Il terzo è che la radio è un media di relazione e di intimità, un luogo per l’interiorità, la responsabilità, e non l’esteriorità e l’apparenza, che invece le immagini veicolano. responsabilità CON FORZA, CORAGGIO e GRANDE senso di APPARTENENZA
Full transcript