Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Confronto tra M.Montesori e le sorelle Agazzi

No description
by

maria barbatano

on 16 October 2014

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Confronto tra M.Montesori e le sorelle Agazzi

Confronto tra M.Montessori e le sorelle Agazzi
Le sorelle Agazzi sono l'altra faccia della medaglia: mentre la Montessori è la parte rivoluzionaria e innovativa, loro fanno in modo che la cura del bambino venga attuata attraverso criteri tradizionali.

Il metodo
M. Montessori fa parte dell'
attivismo scientifico
, dà molta importanza al ruolo che gioca l'esperienza tramite la quale, si arriva alla teoria:
l
a curiosità del bambino è il vero motore dell’apprendimento.

Questo metodo (proveniente dalla Francia) ha come scopo
la creazione di una scuola non convenzionale ma costruita secondo la psicologia dell'alunno e non del maestro.

La Montessori utilizza il cosiddetto
"bagaglio montessoriano"
, un insieme di strumenti di lavoro specifici che viene tutt'ora addottato nelle scuole d'infanzia.
Maria Montessori
Nasce a Chiaravalle, nel 1870. Si laurea in Medicina e Chirurgia all'università di Roma.
Diventa la prima donna medico in Italia, un tipo di carriera che a quel tempo era decisamente preclusa alle donne. Diventa un'icona del filantropismo seguendo i bambini disabili e dedicando ad essi tutti i propri sforzi professionali.


Spazio educativo, "la casa dei bambini"
Per spazio educativo si intende lo spazio in cui cresce il bambino. La Montessori propone un ambiente educativo fatto
"a misura del bambino"
:
deve essere scientificamente organizzato e preparato ad accogliere i bambini, sulla scelta e utilizzazione del materiale di sviluppo, sulla ridefinizione del ruolo dell’educatore.
L'ambiente deve dare i mezzi per sviluppare la crescita del bambino.
Bisogna comprendere le caratteristiche dell'individuo.
Barriere archittetoniche
Tutti gli impedimenti legati all'ambiente che ostacolano la normale deambulazione dell'individuo disabile, come ad esempio un marciapiede senza scivolo, un telefono pubblico posto troppo in alto o un ascensore troppo piccolo per una sedia a rotelle.
Cosa vuol dire "essere medico?"
"Prendersi cura degli altri"
è il principio di tutti i medici, ma quello di M. Montessori è un ambiente nel quale viene esaltato il "più forte", cosa che va contro la pedagogia della solidarietà secondo la quale vale il principio dell'uguaglianza, ovvero, nessun individuo è più forte o più debole rispetto ad un altro.
Le sorelle Agazzi
il ruolo della donna: tradizionalmente confinato a casa. Le Agazzi parlano di
maternage
, ovvero, l'arte di prendersi cura del proprio bambino, attraverso un'educazione basata sull'amore, sulla comunicazione, sul contatto.
libertà e ordine: il bambino deve essere libero nel gioco ma da questo si deve passare all'ordine,
l'ordine è quindi il fine del gioco
.
Materiale: non è costituito in funzione di sviluppare un disegno scientifico-pedagogico ma consiste in
oggetti tradizionali
, questo perchè si era osservato che il bambino ama raccogliere nelle sue tasche oggetti insignificanti, come bottoni,piccoli sassi, etc...
Il metodo "fare da sé"
Gli esercizi di vita pratica erano alla base del loro metodo, abituavano infatti i bambini alla pulizia e all'ordine.
Cominciarono a fare uso di
contrassegni
personali (figurine, oggetti geometrici che riproducevano oggetti reali) perchè ogni bambino riconoscesse le proprie cose e le mettesse a posto.
iniziarono esercizi di
lingua parlata
per sostituire l'italiano alle espressioni dialettali nei bambini.
Perchè "scuola materna"?
il termine sottintende l'aspirazione all'
ambiente familiare
modello: pulito, ordinato, nel quale ci si vuole bene e ci si aiuta a vicenda.

Le sorelle Agazzi si preoccupano di spronare le mamme a far sì che nella famiglia il bambino continuasse a seguire l'indirizzo dell'asilo, ponendo così l'accento sul problema della
collaborazione tra scuola e famiglia
e si preoccuparono anche di sottolineare la necessità di avere a disposizione locali sufficientemente ampi, personale per l'assistenza, buone condizioni igieniche.
Full transcript