Loading presentation...
Prezi is an interactive zooming presentation

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

I linguaggi della pubblicità sociale

I contenuti della presentazione sono stati presi da: Bernocchi Roberto, Gadotti Giovanni, La pubblicità sociale, maneggiare con cura, Carocci Editore, Roma, 2010
by

Yilmas Mohammed Ali

on 19 July 2016

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of I linguaggi della pubblicità sociale

Aggressivo/Accusatorio/Di denuncia
Sentimentale/Commovente/Patetico
Tratta situazioni drammatiche, di difficoltà e disagio, le persone appaiono deboli e indifese.
Spesso i protagonisti sono i bambini.
La comunicazione agisce sul senso di pietà, suscita i buoni sentimenti e la solidarietà verso il prossimo. Il tono è triste, cupo e drammatico. E' uno stile molto utilizzato.

Pro:
stimola ad agire attraverso l'uso delle emozioni forti.

Contro:
rischia il rifiuto per la troppa emozionalità e scarsa riconoscibilità tra i comunicatori.
I linguaggi della pubblicità sociale sono 8:
Rassicurante/Gratificante/Positivo
Si rivolge al destinatario in modo più lieve, descrivendo il problema in modo rassicurante evidenziando soluzioni e risultati ottenibili ed ottenuti.
I messaggi sono carichi di speranza e ottengono un avvicinamento sereno e fiducioso. Le emozioni stimolate sono gioia e serenità.
L'esito positivo è spesso legato all'azione-collaborazione e al legame diretto tra problema e responsabilità del target.
Pro:
infonde fiducia, serenità e può stimolare ad agire per risolvere il problema.

Contro:
minimizzazione del problema, poco impatto e visibilità, non ottiene riflessioni.
Divertente/Umoristico/Ironico
Questo tipo di comunicazione vuole spingere il destinatario a sorridere, favorendo l'empatia.
Il lato negativo di quanto trattato è posto in secondo piano.
Quando alcuni temi sono troppo pesanti per essere affrontati con un linguaggio forte, l'approccio "leggero" può favorire l'efficacia della comunicazione.

Pro:
crea curiosità, facile memorizzazione, soggetto al passaparola, non si impone sui giovani.

Contro:
rischio di offendere, rischio di non far ridere e non riuscire a sviluppare empatia.
Provocatorio/Irriverente/Trasgressivo
Oggi c'è sempre più bisogno di colpire un destinatario "distratto" nel minor tempo possibile. Tra i linguaggi più adatti per fare questo vi è quello provocatorio.
Con l'uso di metafore ed immagini forti stimola la curiosità e resta impresso nella mente del ricevente. Lavora attraverso vere e proprie "aggressioni emotive".
Pro:
smuove emotivamente, grande impatto, visibilità e memorizzazione.

Contro:
rischio di rifiuto se troppo forte o di non essere subito compreso.
I linguaggi della pubblicità sociale
Responsabilizzante/Paternalistico/Prescrittivo
Questo linguaggio fa leva sulla coscienza e sul senso di colpa del destinatario.
Fa appello ad un sistema di valori condiviso che stimolino il senso del dovere del ricevente.
Il tono non è mai violento, i temi sono trattati lasciando più spazio alla ragione che ai sentimenti. Spesso in questi casi si fa uso di testimonial.

Pro:
funziona in società coese dove c'è un'unica visione condivisa e fiducia nelle istituzioni.

Contro:
ottiene effetto contrario sui giovani, non porta modifiche nei comportamenti radicati.
Informativo/Descrittivo/Documentaristico
Propone al target argomentazioni razionali con l'intento di rendere consapevole il destinatario su tutto ciò che è legato ad un determinato comportamento.
Non si chiede al pubblico uno sforzo emotivo ma di riflessione, non si tenta di convincere ma di informare facendo leva sull'universo valoriale del target.

Pro:
non disturba e fa appello alla ragione, più adatto a target già coinvolto emotivamente.

Contro:
scarso impatto e poca visibilità, non tocca emotivamente, non attira attenzione.
Drammatico/Violento/Scioccante
Mette in risalto le situazioni e i problemi di ordine sociale in modo diretto, crudo e spesso anche violento.
Lo scopo del comunicatore è creare una sorta di "colpo al cuore" al destinatario. Il tono è generalmente negativo. Tale approccio è chiamato "fear arousing appeal", appello alla paura.
Questo stile è usato maggiormente nei paesi anglosassoni.

Pro:
alta visibilità e memorizzazione, se ben utilizzato può ottenere ottimi risultati.

Contro:
rischio di esagerare ed ottenere effetto rifiuto, il pericolo a volte attrae.
Sentimentale/Commovente/Patetico
Drammatico/Violento/Scioccante
Aggressivo/Accusatorio/Di denuncia
Rassicurante/Gratificante/Positivo
Divertente/Umoristico/Ironico
Responsabilizzante/Paternalistico/Prescrittivo
Provocatorio/Irriverente/Trasgressivo
Informativo/Descrittivo/Documentaristico
Si tratta di un approccio molto aggressivo che vuole scuotere il target e stimolarne il senso di colpa. Reca imbarazzo e in alcuni casi rabbia.
Questo linguaggio è infatti diretto al responsabile di una azione negativa o a chi sceglie la via del silenzio e non la denuncia. Spesso le parole utilizzate sono infatti di grande accusa.
Non sostenere un' organizzazione non-profit è grave, ma si può "espiare" con una donazione.
Pro:
ottiene reazioni emotive, facile da ricordare, rafforza il pensiero "negativo" del pubblico.

Contro:
rischio di sembrare arroganti e irrispettosi, rifiuto di scene troppo forti, richiede grande autorevolezza, altrimenti meglio evitare.
Autore: Yilmas Mohammed Ali
Grazie per la Vostra attenzione
CONTATTI

Email: yilmas.ma@gmail.com

LinkedIn: http://lnkd.in/dedUjUz

Google Plus:
http://plus.google.com/u/0/+YilmasMA/
I contenuti della presentazione sono stati presi da: "Bernocchi Roberto, Gadotti Giovanni, La pubblicità sociale, maneggiare con cura, Carocci Editore, Roma, 2010"
Full transcript